La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRATICHE FILOSOFICHE NEI LUOGHI DI CURA LEsperienza reale del Dolore. La Filosofia come Medicamento spirituale Seminario nazionale - Torino 26-27 Novembre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRATICHE FILOSOFICHE NEI LUOGHI DI CURA LEsperienza reale del Dolore. La Filosofia come Medicamento spirituale Seminario nazionale - Torino 26-27 Novembre."— Transcript della presentazione:

1 PRATICHE FILOSOFICHE NEI LUOGHI DI CURA LEsperienza reale del Dolore. La Filosofia come Medicamento spirituale Seminario nazionale - Torino Novembre 2011

2 … perché Il tempo in cui viviamo è quello della Krisis [termine da intendere intrinsecamente polisemico, come difficoltà … giudizio … ], che è: - Cognitiva [del pensiero discorsivo] - Etica [di fiducia nella possibilità di condividere un fine e valori fondanti] - Finanziaria [speculazioni finanziarie e debiti sovrani] - Economica [nuova divisione del lavoro nel mondo] - Politica [della Rappresentanza e della Democrazia] … ma, la più importante è forse quella - della Qualità relazionale, sostituita dalla Comunicazione pervasiva e generica, fuorviante e onnivora …

3 La Filosofia per Rigorizzare, Rischiarare, Orientare … la Filosofia, per come la intendiamo noi, è la via maestra della rigorizzazione terminologica e logica, del rischiaramento concettuale e del processo intellettuale che può produrreorientamento [da orior, oreris, sorgere vs. m-orior, m-oreris …!] Se così è …

4 Ungaretti e san Sebastiano SONO UNA CREATURA Valloncello di Cima Quattro il 5 agosto 1916 Come questa pietra del S. Michele così fredda così dura così prosciugata così refrattaria così totalmente disanimata Come questa pietra è il mio pianto che non si vede La morte si sconta vivendo Soldati Bosco di Courton luglio 1918 Si sta/ come d'autunno/ sugli alberi/ le foglie. … e liconografia di san Sebastiano in Antonello da Messina a Venezia e Mantegna a Parigi

5 Il Dolore e la Morte Se così è, anche il tema del dolore e della morte merita innanzitutto una chiarificazione e rigorizzazione terminologico-concettuale, a partire dalle sue etimologie fondamentali: a) sofferenza e b) patire/patimento

6 Il Dolore come Male Trattandosi di un tema che ha-a-che-fare- con-lessere delluomo, e quindi può dirsi ontologico, va trattato anche da questo punto di vista: il dolore come male, cioè a) defectio boni e/o b) come realtà reale?

7 Il Dolore come Presenza e come Assenza Il dolore come presenza di un qualcosa-che-si-sente, che ingombra, ma anche come assenza [di salute, di affetti, di lavoro, di libertà, etc.]. Il dolor corporis, il dolor animi … e il dolor ex civibus amissis.

8 Il Dolore come Sintomo Il dolore è sintomo di uno squilibrio, di una irritazione, di disturbi funzionali e di meccanismi psicosomatici e riflessivi vegetativi, di una lesione, o ferita, ed è generalmente un segnale di attenzione per un pericolo, per una patologia. È positivo, e perfino buono come segnalazione di un qualcosa che non va.

9 Soffrire … Patire Il verbo greco πάσκω, pàsco, significaciò che si prova nel fisico e nel morale, e poi provare unimpressione, una sensazione, un sentimento, e dunquesoffro, sopporto, subisco, e anche supporto, così come nella traduzione latina patior, e italiana patire: dolore, miseria, danno, sciagura, disgrazia, calamità, sconfitta, etc..

10 La Pazienza come virtù costitutiva del Coraggio La nozione greco-latina del patire è quindi origine delletimo della stessa virtù di pazienza [patientia], la quale ha come parte integrante fondamentale la fortezza, e dunque il coraggio. Il paziente è forte, e dunque è virtuoso, perché la fortezza [α̉ρητή] è la virtù per eccellenza [Platone, Aristotele, Gregorio Magno].

11 Il Dolore e la Sofferenza Se vi è una relazione tra dolore e sofferenza il patire, che è anche un sopportare, è scaturigine della pazienza, e quindi della fortezza o coraggio, passione contrapposta della paura. … e dunque Dolore e Sofferenza non sono sinonimi

12 I Maestri antichi e il Dolore Per Platone il dolore è rottura dellarmonia, come un rientro nel Chaos iniziale, che è stato ordinato dal Demiurgo. Per Platone il problema è ripristinare larmonia. Per Aristotele il dolore è conseguenza di una forzatura di ciò che è naturale. E comunque, ciò che è naturale tende alla corruzione e alla distruzione. Per Epicuro il dolore è provvisorio e la morte non deve preoccupare. Cfr. PLATONE in Filebo 17, 31d, 32a, Timeo 47d; IX, 591d. Cfr. ARISTOTELE in Etica Nicomachea VII, 13, 115. Cfr. EPICURO, Lettera a Meneceo.

13 … da Agostino a Nietzsche Per gli Stoici il dolore è una dimensione naturale da affrontare con determinazione e rassegnazione. Agostino introduce il tema psicologico della volontà umana, che causa dolore quando dà spazio alla cupidigia e alla concupiscenza. Per Nietzsche il dolore è unesperienza che favorisce la conoscenza, ponendo sotto una luce diversa e altrettanto veritativa la realtà di se stessi e del mondo. Cfr. AGOSTINO in D. Antiseri e G. Reale, Il pensiero occidentale dalle origini ad oggi, vol. I, Cfr. NIETZSCHE F., in La nascita della tragedia, 1871, e in altre opere successive. Per Nietzsche il dolore è insito nella condizione tragica della vita umana.

14 La visione giudaico-cristiana del Dolore Per la tradizione giudaico-cristiana il dolore è causato dalla rottura di un patto, per la quale vi deve esserci unespiazione. In particolare per la tradizione cristiana, siccome la rottura del patto ha causato dolore infinito a Dio, solo il dolore di un Dio ha potuto dare valenza soddisfattoria al dolore infinito di Dio stesso. Nel cristianesimo vi è il dogma centrale dellIncarnazione, Morte, Resurrezione di Gesù Cristo come espiazione infinita per il peccato delluomo.

15 Paolo Interessante è anche il passaggio paolino nella Lettera ai Romani: «[…] la creazione stessa infatti soffre e geme per le doglie del parto, […] essa pure attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio». Cfr. s. PAOLO, Lettera ai Romani 8, 19ss, Bibbia di Gerusalemme, Roma 1984, 2433.

16 Il Buddhismo e il Dolore Merita un cenno anche la dottrina del dolore in campo buddhista: per questa filosofia religiosa «[…] il dolore è realtà, suprema certezza ed esperienza umana universale; la causa del dolore è nella passione del desiderio; perciò, ci si può liberare dal dolore [e dal ciclo delle rinascite] solo con lestinzione del desiderio; il desiderio si estingue attraverso la rinuncia [non mediante lappagamento], e con comportamenti morali adeguati [retto discorso, retta condotta, etc., lottuplice sentiero]». Cfr. NERI U., La sapienza buddista e la risposta hindu, in Rivista di teologia dellevangelizzazione, Facoltà Teologica dellEmilia Romagna, Bologna anno XI, n gennaio/giugno 2007, 226.

17 Il Dolore e la Libertà I Si può dire che il dolore è correlato alla libertà. Se si dà nellesistenza limperfezione e la complessità della condizione umana, non si può non dare il sintagma dolore-libertà. Lo stesso principio di indeterminazione heisenberghiano postula lincertezza della libertà nella conoscenza della realtà fisica, lindeterminazione della condizione umana, la sua gettatezza nel mondo, e la possibilità del dolore. Cfr. ZATTI M., Filosofia naturale del dolore, novembre 2011.www.dialeghesthai.it Cfr. HEIDEGGER M., Sein und Zeit, Tübingen 1927, tr. italiana a cura di P. Chiodi, Essere e tempo, Milano 1971.

18 Il Dolore e la Libertà II Luomo condiziona la stessa ricerca di conoscenza delle verità naturali, che esistono, ma non si svelano, se non a poco a poco, come gli antichi misteri. Perché luomo, essendo esistenzialmente libero, se non costretto in schiavitù, può errare, e quindi causare dolore. A sé e agli altri. Altro ancora è il dolore naturale degli innocenti: Auschwitz [il simbolo], la leucemia di un bambino, la violenza di un pedofilo, etc… Intendendo comunque la nozione di libertà come unvolere ciò che si fa, relativo e limitato, e comunque potendo comunque essere sempre solo relativamente libero, non mai assolutamente.

19 Finitezza e Destino Ma, se il dolore è unavvisaglia della finitezza [e della colpa], lo è anche della morte, e quindi del destino terreno delluomo. La suggestiva ipotesi che la stessa parola destino abbia a che fare con la conoscenza tramite letimo di ε̉πιστήμη [scienza], poiché la scienza è conoscenza certa [per quanto possibile] ed evidente [se possibile], collega e correla il problema del dolore con la conoscenza. Cfr. RICOEUR P., Finitude et culpabilité, Paris 1959, Finitudine e colpa. Parte II: La simbolica del male, Il Mulino, Bologna 1970 È l ungarettiano verso La morte si sconta vivendo, cfr. lirica Sono una creatura, in Lallegria, Arnoldo Mondadori Editore, collana Lo Specchio. I poeti del nostro tempo, Milano 1942/1976, 54. Ε̉πιστήμη potrebbe derivare dal verbo ε̉πίσθημι, cioè sto in piedi saldo e attento.

20 Il Dolore naturale Solo il dolore del parto non è sintomo di patologie. Dunque, solamente la femmina -in genere- nel regno animale, e nellumano in particolare, è depositaria di un dolore-possibile non patologico, ma fisiologicamente naturale. Il dolore di cui parliamo, diversamente da quello patologico, non dipende dalla libertà, ma proviene dal regno della necessità naturale, che è tale perché del tutto determinata.

21 Dolore e Conoscenza Ogni crescita e aumento della conoscenza è … sofferenza. Chi più sa più soffre. Si pone quindi una domanda anche circa lutilità del dolore nel parto, che oggi può essere evitato, in parte o del tutto con vari sistemi e metodiche, ma che non esaurisce il discorso sul dolore.

22 LHomo contingens e il Limes Infine, una considerazione di valore su un elemento della cultura attuale: oggi si confonde il benessere [detto spesso wellness] con la qualità della vita. Dobbiamo sottolineare non tanto la polisemanticità del sintagma, ma la sua ambiguità ed equivocità. Molto spesso si tratta di un benessere ad una dimensione, coerente con luomo ad una dimensione, tipico della contemporaneità, lhomo contingens … Laccettazione del limite, come ciò di cui si ammette lesistenza ma non si conosce, è forse la pista cognitiva e morale che può condurci a considerare il dolore [e la morte] come evento ne-cessario, fomite di autoconoscenza e perfino di libertà.

23 Il Dolore come segno del Limite, della pari Dignità e dellUnicità irriducibile di Ciascuno Sicut enim homo est a natura, ita et omnia eius per se accidentia, ut risibile, et mentis... entis in quantum est ens, inter quae sunt necessarium et contingens […] Thomas Aquinatis, Commentarium ad Aristotelis metaphisicam, liber Vi, lectio III, 1236


Scaricare ppt "PRATICHE FILOSOFICHE NEI LUOGHI DI CURA LEsperienza reale del Dolore. La Filosofia come Medicamento spirituale Seminario nazionale - Torino 26-27 Novembre."

Presentazioni simili


Annunci Google