La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fonti primarie, esauribili: PetrolioPetrolio Gas naturaleGas naturale CarboneCarbone Uranio (Energia nucleare)Uranio (Energia nucleare)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fonti primarie, esauribili: PetrolioPetrolio Gas naturaleGas naturale CarboneCarbone Uranio (Energia nucleare)Uranio (Energia nucleare)"— Transcript della presentazione:

1

2 Fonti primarie, esauribili: PetrolioPetrolio Gas naturaleGas naturale CarboneCarbone Uranio (Energia nucleare)Uranio (Energia nucleare)

3 Fonti primarie rinnovabili: SolareSolare EolicaEolica IdricaIdrica BiomasseBiomasse GeotermicaGeotermica

4 Fonti secondarie: Benzina (da trattamento del petrolio)Benzina (da trattamento del petrolio) Gas di città (da gas naturali)Gas di città (da gas naturali) Idrogeno (da metano, da petrolio e per elettrolisi dellacqua)Idrogeno (da metano, da petrolio e per elettrolisi dellacqua) Energia elettrica (trasformazione di energia meccanica o chimica)Energia elettrica (trasformazione di energia meccanica o chimica)

5 Consumo energetico mondiale Annualmente vengono consumati nel mondo circa 10 miliardi di TEP (tonnellata equiv.petrolio = kWh). Percento delle diverse fonti Riserve (anni) Petrolio 36% 40 Carbone 26% 250 Gas naturale 24% 50 Idroelettrico 6% Idroelettrico 6% Nucleare 6% 400 Rinnovabili 2% Rinnovabili 2%

6 S'intende per biomassa ogni sostanza organica derivante direttamente o indirettamente dalla fotosintesi clorofilliana. Mediante questo processo, le piante assorbono dall'ambiente circostante anidride carbonica (CO 2 ) e acqua, che vengono trasformate, con l'apporto dell'energia solare e di sostanze nutrienti presenti nel terreno, in materiale organico utile alla crescita della pianta. In questo modo vengono fissate complessivamente circa 2×10 11 tonnellate di carbonio all'anno, con un contenuto energetico equivalente a 70 miliardi di tonnellate di petrolio, circa 10 volte l'attuale fabbisogno energetico mondiale.

7

8 DISPONIBILITA DI BIOMASE RESIDUALI IN ITALIA RESIDUI AGRICOLI LEGNAME RESIDUI AGROINDUSTRIALI TOTALE kton/anno%kton/anno%kton/anno%kton/anno

9 ENERGIA PRODOTTA DALLE BIOMASSE IN ITALIA Mton* ENERGIA ELETTRICA ENERGIA TERMICA 1.4 *milioni di ton. equivalenti di petrolio

10 Le biomasse comprendono vari materiali di origine biologica, scarti delle attività agricole riutilizzati in apposite centrali termiche per produrre energia elettrica. Si tratta generalmente di scarti dell'agricoltura, dell'allevamento e dell'industria: legname da ardere legname da ardere residui agricoli e forestali residui agricoli e forestali scarti dell'industria agroalimentare scarti dell'industria agroalimentare reflui degli allevamenti reflui degli allevamenti rifiuti urbani rifiuti urbani specie vegetali coltivate per lo scopo specie vegetali coltivate per lo scopo

11 LE COLTURE DA BIOMASSA COMBUSTIBILE ERBACEE ANNUALI ERBACEE ANNUALI Sorgo da fibra Mais da fibra ERBACEE POLIENNALI ERBACEE POLIENNALIMiscanto Canna comune SELVICOLTURA A CICLO BREVE SELVICOLTURA A CICLO BREVEPioppoSaliceRobinia

12 PERCENTUALE IN MASSA DEI COMPONENTI DELLA PIANTA DEL MAIS

13 COLTURA PRODUTTIVITA (t/ha ss) POTERE CALORIFICO (MJ/kg) ENERGIA LORDA (tep/ha) CENERI (%) Sorgo – mais Canna Miscanto Pioppo Salice Robinia Carbone PRODUTTIVITA E POTERE CALORIFICO DELLE COLTURE

14 La biomassa può essere utilizzata in vari modi: bruciata per produrre energia termica (in particolare il legno); bruciata per produrre energia termica (in particolare il legno); fermentata in appositi digestori dove alcuni batteri la trasformano in GAS (BIOGAS); fermentata in appositi digestori dove alcuni batteri la trasformano in GAS (BIOGAS); alimentazione di elettrodomestici e apparati vari; alimentazione di elettrodomestici e apparati vari; produzione di biocarburante (biodiesel da olio di colza, etanolo o alcool etilico da cereali e ortaggi ricchi di zucchero) che può essere impiegato come combustibile per motori a scoppio; produzione di biocarburante (biodiesel da olio di colza, etanolo o alcool etilico da cereali e ortaggi ricchi di zucchero) che può essere impiegato come combustibile per motori a scoppio;

15 CICLO DELLUSO DELLA BIOMASSA

16 Impianto finlandese destinato al riscaldamento di una casa di riposo e deposito del cippato

17 Impianto a biomasse, USA

18

19 TRARRE ENERGIA DALLE BIOMASSE CONSENTE DI ELIMINARE RIFIUTI PRODOTTI DALLE ATTIVITÀ UMANE, PRODURRE ENERGIA ELETTRICA E RIDURRE LA DIPENDENZA DALLE FONTI DI NATURA FOSSILE COME IL PETROLIO

20 Con l'energia di 1 kg di biomassa: un ferro da stiro (1 000 W) è scaldato per circa 10 minuti un ferro da stiro (1 000 W) è scaldato per circa 10 minuti un televisore (80 W) funziona per circa 1 ora e 45 minuti un televisore (80 W) funziona per circa 1 ora e 45 minuti una lampadina (60 W) resta accesa per circa 2 ore e 20 minuti una lampadina (60 W) resta accesa per circa 2 ore e 20 minuti un'automobile percorre 1 chilometro senza emissioni di CO 2. un'automobile percorre 1 chilometro senza emissioni di CO 2.

21 I biocombustibili sono combustibili solidi, liquidi o gassosi derivati direttamente dalle biomasse (es. legna da ardere) od ottenuti a seguito di un processo di trasformazione strutturale del materiale organico: Biodisel Biodisel Bioetanolo Bioetanolo Cippato Cippato Biogas Biogas Pellets Pellets BIOCOMBUSTIBILI

22 La digestione anaerobica è un processo biologico complesso attraverso il quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica viene trasformata in biogas o gas biologico, costituito principalmente da metano e anidride carbonica. La digestione anaerobica è un processo biologico complesso attraverso il quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica viene trasformata in biogas o gas biologico, costituito principalmente da metano e anidride carbonica. BIOGAS (digestione anaerobica)

23

24 La percentuale di metano nel biogas varia a seconda del tipo di sostanza organica alimentata e dalle condizioni di processo, da un minimo del 50% fino all'80% circa. Poiché la digestione anaerobica può essere considerata anche come un processo di trattamento di inquinanti, le condizioni del processo possono essere scelte per realizzare la massima resa di depurazione o la massima resa di prodotti energetici. La percentuale di metano nel biogas varia a seconda del tipo di sostanza organica alimentata e dalle condizioni di processo, da un minimo del 50% fino all'80% circa. Poiché la digestione anaerobica può essere considerata anche come un processo di trattamento di inquinanti, le condizioni del processo possono essere scelte per realizzare la massima resa di depurazione o la massima resa di prodotti energetici. In genere, le materie prime utilizzabili sono residui zootecnici, dell'industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui, ecc.. In genere, le materie prime utilizzabili sono residui zootecnici, dell'industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui, ecc..

25

26 Residui industriali o municipali di base organica. Residui industriali Residui industriali RSU RSU Reflui di impianti di depurazione Reflui di impianti di depurazione Residui di aziende zootecniche. Bovini Bovini Suini Suini Pollami Pollami Impianti centralizzati produzione di biogas Omogeneizzazione Omogeneizzazione Digestione anaerobica Digestione anaerobica Riduzione degli odori Riduzione degli odori Migliori condizioni igienico-sanitarie Migliori condizioni igienico-sanitarie CONCIMIBIOGAS

27 produzione di energia da fonte rinnovabile; produzione di energia da fonte rinnovabile; miglioramento dell'economia delle aziende zootecniche e/o agricole; miglioramento dell'economia delle aziende zootecniche e/o agricole; minori emissioni di gas-serra; minori emissioni di gas-serra; migliore qualità dei fertilizzanti prodotti; migliore qualità dei fertilizzanti prodotti; riciclaggio economico dei rifiuti, con ricaduta positiva sull'impatto ambientale; riciclaggio economico dei rifiuti, con ricaduta positiva sull'impatto ambientale; minore inquinamento da odori e ridotta presenza di insetti; minore inquinamento da odori e ridotta presenza di insetti; miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie dell'azienda. miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie dell'azienda. VANTAGGI

28 BENEFICI AMBIENTALI DAL RECUPERO DI BIOGAS Sotto il profilo ecologico: Calo delle emissioni di metano e ammoniaca Riduzione in via indiretta dei gas serra Minore emissione di composti organici volatili non metanici Sostituzione delle fonti combustibili fossili Per lallevamento zootecnico: Risparmio energetico o possibilità di cedere energia ad altri Abbattimento degli odori Accelerazione del processo di stabilizzazione del liquami stoccati

29 POSSIBILI IMPIEGHI DEL BIOGAS COMBUSTIONE DEL BIOGAS In caldaia con produzione di energia termica In motori azionanti gruppi elettrogeni per la produzione di energia elettrica In cogeneratori per la produzione combinata di energia elettrica e termica

30

31

32 DIGESTIONE ANAEROBICA IN PRESENZA DEL DEPURATORE AZIENDALE

33 CODIGESTIONE DI LIQUAMI E ALTRE COLTURE ENERGETICHE O SCARTI ORGANICI

34 IMPIANTO PER LIQUAMI BOVINI

35 REATTORE PER BIOMASSE AD ALTO TENORE DI SOSTANZA SECCA

36 Esempi di alimentazione delle biomasse solide nel digestore

37


Scaricare ppt "Fonti primarie, esauribili: PetrolioPetrolio Gas naturaleGas naturale CarboneCarbone Uranio (Energia nucleare)Uranio (Energia nucleare)"

Presentazioni simili


Annunci Google