La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Bruno Marangoni Dipartimento Colture Arboree – Università di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Bruno Marangoni Dipartimento Colture Arboree – Università di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Bruno Marangoni Dipartimento Colture Arboree – Università di Bologna

2 Più del 50 % dei suoli della Pianura Padana hanno un basso contenuto di sostanza organica La somministrazione di sostanza organica ha effetti benefici sulla struttura del suolo disponibilità di nutrienti ritenzione idrica attività biologica

3 La radice primaria è considerata la parte attiva del sistema, quella secondaria è definita la parte di conduzione e riserva La zona pilifera corrisponde alla zone di accrescimento primario e ciò rende la fase di crescita contemporanea a quella di assorbimento.

4 TESSUTO TIPO DI RADICE Primaria Conduzione (1 anno) Conduzione (2 anni) Conduzione (3 anni) Assorbente89000 Di conduzione Di riserva Volume percentuale occupato dal tessuto assorbente, di conduzione e di riserva nella radice di piante arboree (vite)

5 La capacità di un vegetale di reperire i nutrienti nel suolo dipende dallespansione del suo apparato radicale. Unelevata densità radicale, unitamente ad un sistema di trasporto ben sviluppato, consentono un adeguato approvvigionamento idrico e minerale alla parte aerea.

6 ASSORBIMENTO E APPARATO RADICALE ASSORBIMENTO TIPO DI SUOLO DISPONIBILITA DI NUTRIENTI E ACQUA EFFICIENZA RADICI ATTIVITA RADICI ED ESCRETI RADICALI STRUTTURA APPARATO RADICALE VOLUME TOTALE SUPERFICIE CONTATTO DISTRIBUZIONE DENSITA DINAMICA DELLA CRESCITA ATTIVITA METABOLICA ETA

7

8

9

10 FATTORI CHE INFLUENZANO LA MORFOLOGIA RADICALE 1 DISPONIBILITÀ DI NUTRIENTI 2 DISTRIBUZIONE DEI NUTRIENTI 3 PROPRIETÀ FISICHE DEL SUOLO 4 ATTIVITÀ MICROBICHE MORFOLOGIA RADICALE LETAME BOVINO CALCE + MELASSO MINERALE 25 % CONTROLLO MINERALE100%

11 MORFOLOGIA RADICALE MINERALE LETAME BOVINO CALCE + MELASSO MINERALE 1/5 CONTROLLO TRATTAMENTI

12 µg TPF *g ss % radici infette IFE VESCICOLE Micorrizzazione ANALISI DELLA RIZOSFERA radice vescicole suolo radice ife MINERALE LETAME BOVINO CALCE + MELASSO MINERALE 1/5 CONTROLLO TRATTAMENTI

13 radici P (% ss) foglie a b bb c foglie N (% ss) b bb b a ANALISI MATERIALE VEGETALE MINERALE LETAME BOVINO CALCE + MELASSO MINERALE 1/5 CONTROLLO TRATTAMENTI STATO NUTRIZIONALE

14 MESSA A DIMORA DEI MINIRIZOTRONI

15 TECNICA DEL MINIRIZOTRONE

16 EVOLUZIONE DELLAPPARATO RADICALE NEL TEMPO

17 RADICI NUOVE (mm cm -2 ) Nov.20 Nov.3 Oct.3 Sept.1 Aug.8 July22 June26 June5 May22 May5 Apr.9 Minerale Letame Compost SVILUPPO DI RADICI NUOVE NEL CORSO DELLA STAGIONE VEGETATIVA

18 04%8%

19 MISURA DEI VOCS

20 AMINOACIDI NELLE MELE totalearginina acido glutammico lisinaacido aspartico asparagina AA (mg 100 g ss -1 ) Controllo Minerale Letame c a b a a b c a b b a b b a a b a a

21 CONCLUSIONI la sostanza organica determina uno sviluppo di radici più sottili Lo sviluppo d radici è condizionato dalla presenza di sostanza organica La presenza di un picco primaverile potrebbe aumentare la possibilità della pianta di assorbire i nutrienti secondo le esigenze legate alla fase fenologica. Resta comunque evidente che gli effetti della sostanza organica sulla radice si trasferiscono poi sulle caratteristiche qualitative dei frutti.


Scaricare ppt "Prof. Bruno Marangoni Dipartimento Colture Arboree – Università di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google