La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LESSERE & LAGIRE … una questione di competenze Fabrizio M. Pellegrini © 05.2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LESSERE & LAGIRE … una questione di competenze Fabrizio M. Pellegrini © 05.2011."— Transcript della presentazione:

1 LESSERE & LAGIRE … una questione di competenze Fabrizio M. Pellegrini ©

2 No institutional representation without competencies Noam Chomsky (in Understanding the power) La rivoluzione culturale nel secondo decennio del secolo consiste nellimpegno per combattere e sconfiggere labitudine a procedere in tutti i campi con colpevole approssimazione. Edgar Morin (in A scuola di bugie)

3 A PROPOSITO DI COMPETENZE Breve percorso tra definizioni e spunti di riflessione PARLEREMO DI: Lingua latina Definizioni dautore Dal mondo dellimpresa Competenze quali servono Competenze come sono Competenze & azione Dimensioni delle competenze Competenze & saperi Competenze specifiche di chi fa cosa Conclusioni … e pensierino finale

4 PER COMINCIARE come si conviene ad un vecchio maestro …un poco di latino… Competente – dallaggettivo latino competens-competentis – che ha cultura, abilità, autorevolezza nel fare qualcosa (Voc. Gheorghes - Calonghi) …da cui… in italiano … Competenza – attitudine di una persona a fare, decidere, scegliere – conoscenza approfondita. (Vocabolario Enciclopedico Rizzoli Larousse)

5 QUALCHE DEFINIZIONE DAUTORE Una competenza non si evidenzia in un solo compito, ma in una serie di compiti, come fosse una capacità per la vita, trasferibile, generalizzabile in situazioni e contesti diversi da quelli di apprendimento ( L.Calonghi – 1992 ) Il termine competenza indica la capacità di svolgere un dato compito in modo soddisfacente. Generalmente non è comparativa. Si è competenti o meno rispetto alla prestazione da effettuare e non rispetto allaltrui prestazione. (V. De Landsheere – 1993) La competenza è unattività complessa che necessita dellintegrazione e non della giustapposizione dei saperi, del saper fare e del saper essere, appresi in precedenza e che porta ad un prodotto valutabile. (M. Aubert – 1997 )

6 DEFINIZIONI DAL MONDO DELLIMPRESA (Master 24 Gestione e strategie dimpresa ) Le competenze possono essere definite come linsieme delle conoscenze, delle abilità, degli atteggiamenti che consentono allindividuo di ottenere risultati utili ed efficaci in relazione ai problemi che ambienti e situazioni gli prospettano. Le competenze, intese come risorse personali che lindividuo può acquisire, si distinguono in: Competenze di base o key competences Competenze specialistiche o core competences Competenze di ruolo o task competences Competenze trasversali o human competences

7 LE COMPETENZE … quali servono … Secondo un approccio orientato ai processi… Secondo un approccio orientato allorganizzazione… Secondo un approccio orientato al profilo… Secondo un approccio orientato alla persona… Per la loro individuazione le competenze vanno coniugate a seconda dellorientamento e declinate a livello individuale (AA.VV. Performance Improvement- Oggioni & Rolandi – Milano- 1998)

8 LE COMPETENZE …come sono… OSSERVABILI perché sono osservabili i comportamenti di chi le possiede o meno VALUTABILI perché è possibile esprimere una valutazione sulla loro presenza o meno RINNOVABILI perché i comportamenti derivati dal possesso o meno di competenze possono essere migliorati attraverso appropriati processi di apprendimento di nuove o diverse competenze

9 COMPETENZE & AZIONE Essere competente, consente di AGIRE IN MANIERA ESPERTA, AUTOREVOLE ED EFFICACE Le competenze si realizzano nellazione Una competenza per essere tale deve essere agita Questo potrebbe essere un primo approccio interessante che richiama subito tre dimensioni: una dordine relazionale una dordine oggettivo una dordine soggettivo

10 LE TRE DIMENSIONI DELLE COMPETENZE LE TRE DIMENSIONI DELLE COMPETENZE RELAZIONALE in quanto lessere e lagire implicano cooperazione, solidarietà, condivisione, collaborazione, interazione, comunicazione. OGGETTIVA in quanto lessere e lagire non ammettono semplificazioni o generalizzazioni perché afferiscono ad un ben determinato compito e contesto SOGGETTIVA in quanto è personalizzata nel senso che coinvolge nellessere e nellagire di chi è competente tutta la persona, emotivamente, cognitivamente, socialmente, eticamente in forma unica ed irripetibile.

11 LE COMPETENZE GENERALI Sono definite COMPETENZE GENERALI quelle ritenute irrinunciabili e che afferiscono a CAMPI DI CONOSCENZE e a CAMPI DI ESPERIENZE sulla base di SAPERI GENERALI (*). (*) I saperi sono qualcosa di più e di diverso delle discipline o delle materie; costituiscono una sorta di sistema di nuclei fondanti irrinunciabili. knowledge fields experience fields). (Noam Chomski fa riferiemento a knowledge fields ed experience fields).

12 I SAPERI GENERALI COME COMPETENZE IRRINUNCIABILI SAPERE (conoscenze) SAPER ESSERE (relazione) SAPER FARE (abilità) SAPER FAR FARE (agire nella didattica)

13 RIFERITO A CHI FA COSA …COME AD ESEMPIO INSEGNARE QUALCOSA A QUALCUNO… … MAGARI INSEGNARE GIOCOSPORT … … FORNIRE CONSULENZA A QUALCUNO … Suggerirei di soffermarsi, in aggiunta alle competenze generali (sapere, saper essere, saper fare e far fare ), su quelle che vengono definite nel nostro ambito COMPETENZE SPECIFICHE, come ad esempio: SAPER PROGRAMMARE SAPER INSEGNARE SAPERSI RELAZIONARE N.B. anche questi saperi specifici afferiscono a campi di conoscenze ed a campi di esperienze e diventano competenze se si sanno agire.

14 SAPER PROGRAMMARE La competenza connessa al SAPER PROGRAMARE, secondo un modello di programmazione valida sia per un approccio di tipo cognitivista che per uno di tipo funzionalista, presuppone ad esempio competenze relative a: Saper definire i contesti; Saper indicare gli obiettivi; Saper indicare gli obiettivi; Saper definire le attività; Saper definire le attività; Saper definire i contenuti; Saper definire i contenuti; Saper scegliere i metodi; Saper scegliere i metodi; Saper scegliere gli strumenti; Saper scegliere gli strumenti; Saper osservare e valutare. Saper osservare e valutare.

15 SAPER INSEGNARE Se si prende in considerazione il SAPER INSEGNARE lagire in tal senso presuppone competenze in ordine a come: Sapere a chi insegnare Saper comunicare Sapere cosa insegnare (contenuti) Sapere come insegnare (stili & metodi) Sapere personalizzare linsegnamento

16 SAPERSI RELAZIONARE Il SAPERSI RELAZIONARE presuppone il possesso di competenze socio-relazionali fondate su tre elementi: La cognizione Essere aperti alle contaminazioni culturali Essere capaci dassumere altri punti di vista Lemozione Empatia Relazione daiuto Accoglienza La relazione Saper ascoltare Saper apprezzare Saper fronteggiare Saper attendere

17 CONCLUSIONI …SE PROVIAMO A CONFRONTARCI IN TERMINI DI COMPETENZE GENERALI E SPECIFICHE… …Vengono in mente due riflessioni: La prima La prima è che tali competenze maturate nellambito dei processi formativi efficaci e rigorosi, rappresentano un patrimonio che dovrebbe essere apprezzato e riconosciuto anche dal mondo della scuola, dalle famiglie, dalle istituzioni e dalle diverse componenti della società italiana. La seconda è che nelle competenze enunciate prevale l'idea dell'estensione, della continuità, del ricorrere nel tempo dei processi di formazione e di aggiornamento e della loro certificazione.

18 … grazie e alla prossima ! Fabrizio M.Pellegrini PER FINIRE Oggi tanti presumono dessere competenti o perché qualcuno ce li fa credere o perché in fondo tutto ormai procede per approssimazione. Costoro messi veramente alla prova solitamente … la fanno fuori dal vaso … ! Fonte LEspresso 2010 ©


Scaricare ppt "LESSERE & LAGIRE … una questione di competenze Fabrizio M. Pellegrini © 05.2011."

Presentazioni simili


Annunci Google