La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Solidea Corso di formazione 15 Gennaio 2010 VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO: il lavoro di rete e lintervento nei diversi ambiti professionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Solidea Corso di formazione 15 Gennaio 2010 VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO: il lavoro di rete e lintervento nei diversi ambiti professionali."— Transcript della presentazione:

1 Solidea Corso di formazione 15 Gennaio 2010 VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO: il lavoro di rete e lintervento nei diversi ambiti professionali LA RILEVAZIONE D.ssa Alessandra Kustermann Responsabile Soccorso Violenza Sessuale e Soccorso Violenza Domestica Fondazione IRCCS OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO, MANGIAGALLI E REGINA ELENA di MILANO

2 Violenza e campagne di stampa La violenza contro le donne diventa allarme sociale in occasione di eventi eclatanti la violenza sessuale da parte di sconosciuti, soprattutto se extracomunitari singoli o in gruppo, la violenza domestica quando esita nella morte della vittima, la violenza contro i bambini nei casi di indagini su gruppi di pedofili o di infanticidio,

3 Le campagne di stampa allora svegliano le coscienze, aggiungendo sempre nuovi episodi, creando un clima di straordinarietà rispetto al fenomeno Dopo di che si assiste a un progressivo spegnersi dellattenzione e apparentemente ritorna la quiete, la rassicurante ignoranza La violenza, che tutti condannano come un crimine odioso, torna tendenzialmente invisibile, specie quella quotidiana che avviene nellambito della sfera privata contro donne e minori

4 Nella QUASI TOTALITA dei casi le VIOLENZE NON SONO DENUNCIATE DENUNCE circa il 7% se da partner e il 4% da un non partner per le violenze subite nel corso della vita CONSIDERANDO SOLO LE DONNE CHE HANNO SUBITO VIOLENZA NEGLI ULTIMI 12 MESI IL SOMMERSO AUMENTA: 96,3% da partner e 96,7% da non partner ISTAT 2006

5 I partner attuali ed ex sono responsabili della quota più elevata di tutte le forme di violenza fisica e di alcuni tipi di violenza sessuali: lo stupro ed i rapporti sessuali non desiderati ma subiti per paura delle conseguenze Il 69,7% degli stupri è opera di partner (55,5% di ex partner, 14,3% del partner attuale), il 17,4% di un conoscente, il 6,2% è opera di estranei

6 MA * 1 DONNA SU 3 NON PARLA CON NESSUNO DELLA VIOLENZA SUBITA SE LAUTORE E IL PARTNER O EX -PARTNER * 1 SU 5 SE LHA SUBITA DA UN NON PARTNER

7 QUINDI IN ITALIA LIMPUNITA E PRATICAMENTE GARANTITA DAL SILENZIO DELLE VITTIME Anche nel resto del mondo le indagini sociologiche e le casistiche giudiziarie dimostrano che vengono denunciate solo tra il 10% e il 50% delle violenze

8 Il sommerso resterà sommerso ? emergerà quando almeno i medici e gli operatori psico-sociali impareranno a cogliere le richieste daiuto non esplicite

9 lidea stereotipa di violenza, comune tra gli operatori socio-sanitari, è che sia un grave reato, ma relativamente raro PEROPERO

10 Index of the operators sensitivity towards the interpretation of violence: High 8.3%, Intermediate 36.6%, Low 47%, None 8.1% Most sensitive jobs: Teacher 31.6%, Psychologist 20.3%, Pediatrician 20%, Volunteer 15.8%, Gynaecologist 11.1% Most sensitive services: Social services 16.5%, Family consulting services 14.6%, SERT(drug addiction) 10.2%, Police station (police forces) 7.1%, Menthal Health Centres 5.8%, First Aid 1.3% URBAN – Italia Survey

11 Il sistema sanitario E in posizione ottimale per identificare le donne che hanno subito violenzeper identificare le donne che hanno subito violenze per indirizzarle verso altri serviziper indirizzarle verso altri servizi la maggioranza delle donne fa visita ad una struttura di assistenza sanitaria in un qualche momento della sua vita: durante una gravidanza, oppure per far curare se stesse o i figli. UNICEF. 2000

12 PRIMA NECESSITA: MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA PRIMA NECESSITA: FARE DIAGNOSI

13 UNA QUESTIONE DI ACCOGLIENZA LA VISITA UNA QUESTIONE DI ACCOGLIENZA garantire un atteggiamento rassicurante, disponibile allascolto e mai frettoloso; assicurare un ambiente adatto (quiete e riservatezza); limitare il numero degli operatori, delle procedure e degli spostamenti a quelli strettamente necessari.

14 SVS nasce il 15 maggio 1996 in collaborazione tra Clinica Mangiagalli Istituto di Medicina legale dellUniversità di Milano ASL di Milano

15 Orario di apertura: 9.00 – Presenti infermiera, assistente sociale e psicologa 1 segretaria Ambulatori follow-up: infermiera e/o ginecologhe Consulenze psicologiche su appuntamento Reperibilità ginecologhe, infermiere/ostetriche e medici legali 24 h/die 365 giorni/anno ORGANIZZAZIONE SVS

16 15 GINECOLOGHE 16 MEDICI LEGALI 5 ASSISTENTI SOCIALI (in comune con SVD) 5 PSICOLOGA (in comune con SVD) 1 PSICHIATRA (+ 2 consulenti della psichiatria) 1 INFERMIERA coordinatrice (anche per SVD) 14 INFERMIERE/OSTETRICHE (reperibilità notturna e festiva) 1 SEGRETARIA EQUIPE

17 PEDIATRI di guardia CHIRURGO PEDIATRA di guardia PSICHIATRI GUARDIA II di guardia PSICOLOGA DIAGNOSI PRENATALE ODONTOIATRI di guardia CHIRURGHI MAXILLO-FACCIALI di guardia CHIRURGHI di guardia MEDICI INTERNISTI di guardia CONSULENTI

18 CONSULENTI (TERRITORIO) Servizi di neuropsichiatria infantile ospedalieri e territoriali Unità tutela minori - UTM Centri di Psicologia per il Bambino e lAdolescente - CPBA Servizi sociali dei minori e famiglie Consultori familiari (area psicologica – sociale – sanitaria) Centri Psicosociali (area psichiatrica) SERT – NOA (area dipendenze)

19 ALTRE STRUTTURE DI APPOGGIO Associazione SVS Donna Aiuta Donna (assistenza legale ed eventuale aiuto economico) Comunità di accoglienza Servizi del privato sociale (Caritas, CEAS,..) Centri Antiviolenza, (CADM, coop. Cerchi dAcqua, …) Mediatrici culturali Cooperativa Euro Street (interpreti e psicologhe in lingua)

20 SVD – SOCCORSO VIOLENZA DOMESTICA Aperto nel dicembre 2007 Convenzione tra l Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Milano e la Fondazione IRCCS Ospedale Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, in collaborazione con Caritas, Casa Delle Donne Maltrattate, Cerchi DAcqua, Telefono Donna e SVS DonnAiutadonna per la realizzazione del progetto di rete Prevenire e contrastare la violenza e il maltrattamento alle donne

21 FORMAZIONE OPERATORI > SVS con la collaborazione di Cerchi DAcqua, Case delle Donne Maltrattate, Caritas, Telefono Donna, SVS DonnAiutaDonna ha organizzato un corso di formazione per medici e infermieri del Pronto Soccorso sulle problematiche della violenza e del maltrattamento intrafamigliare. > I magistrati del pool fasce deboli della procura di Milano, le forze dellordine, gli avvocati dellassociazione SVS-DonnAiutaDonna hanno partecipato alla formazione degli operatori sanitari

22 LACCOGLIENZA in SVS e SVD prevede: INTERVENTO SANITARIO TECNICO con TEMPI VARIABILI a seconda dello stato e delle necessità della vittima AIUTO PSICOLOGICO PROGETTO CON ASSISTENTI SOCIALI COLLOCAMENTO in comunità protette nei casi più gravi di violenza domestica CONSULENZA LEGALE per la violenza domestica e ASSISTENZA LEGALE per la violenza sessuale a spese dellassociazione SVS-DonnAiutaDonna onlus con il contributo del Comune di Milano

23 LACCERTAMENTO CLINICO RICORDARE IL VERSANTE GIUDIZIARIO 1) Garantire: accuratezza nellesame clinico adeguatezza della documentazione iconografica indagini di laboratorio sicurezza nella conservazione dei reperti acquisiti 2) Ponderare le esigenze di denuncia

24 IL PROTOCOLLO SVS PREVEDE: Compilazione della scheda anamnestica (descrizione succinta della violenza sessuale come raccontata dalla vittima) Descrizione dellesame obiettivo fisico e psichico Raccolta di documentazione fotografica Esecuzione di Prelievi per esami batteriologici, ematochimici, tossicologici, infettivologici e per la ricerca dello sperma ( in base alla descrizione degli eventi) I test tossicologici o la tipizzazione genica saranno effettuati eventualmente in un secondo tempo su richiesta della magistratura

25 Ecchimosi Escoriazioni Ferite lacero-contuse Fratture, avulsioni dentali Ustioni Cicatrici SEGNI FISICI EXTRAGENITALI

26 TOSSICOLOGIA Art. 609 bis c.p. II comma Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto. La condizione di inferiorità può essere rappresentata da una condizione di ebbrezza o di alterazione della coscienza ad opera di composti vari (alcool, farmaci, stupefacenti veri e propri), magari indotta dallagente medesimo.

27 SOSTANZE DI ABUSO NELLA VIOLENZA SESSUALE Drug-facilitated sexual assault o date- rape Le sostanze di abuso impiegate a questo scopo devono essere facilmente somministrabili, indurre un deficit di coscienza e possibilmente anche unamnesia anterograda ( etanolo, benzodiazepine, acido gammaidrossibutirrico, cannabinoidi, oppiacei)

28 TOSSICOLOGIA Esame urine Alcolemia Esami ematici (da stoccare per esami più approfonditi)

29 SCREENING MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE opportuno effettuare tamponi vaginali e/o cervicali per la ricerca di neisseria gonhorrea, trichomonas vaginale clamydia trachomatis batteriosi vaginale prelievi ematici da ripetere a 3 e 6 mesi per VDRL-TPHA, HIV markers per lepatite

30 PROFILASSI ANTIBIOTICA che copra le diverse possibilità di trasmissione di malattie sessualmente trasmesse : AZITROMICINA 1gr per os o TETRACICLINA 100 mgx 2 die x 7gg + CEFTRIAXONE 250mg I.M. + METRONIDAZOLO 2gr per os Profilassi antitetanica e vaccinazione anti epatite se opportune Profilassi anti HIV in base al racconto e allarea geografica di provenienza degli aggressori. INTERCEZIONE POST-COITALE : LEVONELLE o NORLEVO oppure EVANOR D o NOVOGYN 21 > 2cps + 2cps dopo 12h

31 Un servizio di emergenza per la violenza domestica allinterno di un ambiente ospedaliero. Quali presupposti? Leziologia della violenza domestica è multifattorale e dipende da fattori sociali, culturali, sanitari, religiosi, normativi e intrapersonali. La violenza domestica (violenza nelle relazioni intime. Baldry A. Dai maltrattamenti allomicidio), è un fenomeno complesso che necessita di interventi trasversali e di una presa in carico multidisciplinare. I casi di violenza domestica presentano un alto grado di complessità e richiedono sempre lintervento integrato di operatori sanitari e psico-sociali.

32 Lapertura di un soccorso per la violenza domestica è la risposta ad una richiesta specifica degli operatori sociali e sanitari, delle associazioni e delle istituzioni governative. La violenza domestica è una priorità della saluta pubblica. Sulla sanità ricadono i costi e le conseguenze della violenza. La violenza domestica ad oggi è un fenomeno sommerso che necessita di interventi strategici il cui obiettivo è una maggior rilevazione delle violenze nascoste e unazione di prevenzione per ridurre i rischi di episodi futuri di violenza. Un servizio di emergenza per la violenza domestica allinterno di un ambiente ospedaliero. Quali presupposti?

33 Offrire e garantire servizi di diagnosi e trattamento sanitario attraverso unofferta attiva di assistenza per favorire la lemersione del fenomeno. Offre la possibilità di un percorso di uscita dalla violenza costruito su una specifica e professionale continuità assistenziale della donna vittima di violenza. Un intervento sanitario su un primo livello di emergenza, un intervento psico-sociale dellSVD e legale, in stretta interconnessione con la rete, il territorio e i servizi specifici di riferimento. Un servizio di emergenza per la violenza domestica allinterno di un ambiente ospedaliero. Quali presupposti?

34 Accoglienza delle donne vittime di violenza presso i servizi ospedalieri. Perché lospedale è un luogo privilegiato? La violenza domestica è in Italia è un importante problema di salute pubblica. Tra le donne che si recano ad un pronto soccorso cercando assistenza per un trama, una percentuale che arriva al 35% presenta lesioni causate dalla violenza dal partner. Perché il numero delle vittime che affluiscono presso il pronto soccorso è nettamente superiore a quello delle donne che si recano alla polizia, ai consultori, ai servizi sociali e ai servizi messi a disposizione del volontariato. LSVD allinterno di una struttura ospedaliera costituisce unimportante risorsa per incentivare la diagnosi precoce e supportare gli operatori sanitari che si confrontano con una problematica cos complessa.

35 Accoglienza delle donne vittime di violenza presso i servizi ospedalieri. Perché lospedale è un luogo privilegiato? Perché è un momento privilegiato per stabilire un contatto, chiedere informazioni, offrire accoglienza, ascolto alle donne che vi afferiscono e che presentano caratteristiche direttamente o indirettamente collegabili ad una storia di violenza e maltrattamento. Perché può essere raccolta accuratamente la documentazione delle lesioni. Perché è possibile riscontrare le recidive e prevenire morti inevitabili. Perché offre la possibilità di un confronto sempre attivo tra operatori sanitari e operatrici psico-sociali dellSVD per la rilevazione della violenza, consulenza e accoglienza della donna. Perché Uno dei fattori principali allinterno di servizi di tipo è la Valutazione del Rischio

36 Come arginare la violenza e prevenire la recidiva. Valutazione del rischio e prevenzione di recidiva in un Soccorso di Emergenza per la Violenza domestica. Parlare di valutazione del rischio di recidiva o di escalation della violenza significa prevenire la reiterazione della violenza, perché si tratta di individuare quali sono i fattori di rischio, determinare la presenza e intervenire, riducendo così la possibilità che la condotta violenta si ripresenti. La valutazione dl rischio (risk assessment) comporta a sua volta la gestione del rischio (risk managment) cioè lindividuazione dellintervento più appropriato per quel caso, per prevenire la recidiva, per proteggere le vittime, per interrompere lescalation dei maltrattamenti.

37 Come arginare la violenza e prevenire la recidiva. Valutazione del rischio e prevenzione di recidiva in un Soccorso di Emergenza per la Violenza domestica. Un approccio basato sulla valutazione del rischio in unottica psico- sociale e clinica permette di comprendere quali sono le circostanze e le motivazioni – fattori di rischio- che hanno portato lautore a usare violenza in passato ( i sui atteggiamenti, credenze sui ruoli allinterno della famiglia, labuso di sostanze, disturbo di personalità per citarne solo alcuni), e valutare se la presenza di alcuni di questi fattori hanno influenzato la scelta di agire violenza e se potrebbero anche in futuro la scelta di perpetrazione della stessa. Nel valutare il rischio bisogna tenere conto del tipo di fattori di rischio presenti e contestualizzarli, in quanto essi possono essere statici o dinamici, essere significativi o poco importanti per altre. Valutare il rischio inoltre vuol dire scoprire quali fattori sono presenti e in quale momento possono interagire nellincrementare il rischio di reiterazione della violenza. La valutazione del rischio viene attuata e monitorata dalléquipe psico-sociale dellSVD per qualsiasi accesso della donna al servizio, sia esso per accesso diretto sia per le consulenze attivate dagli operatori sanitari del pronto soccorso.

38 Le modalità di accesso Le donne vittime di violenza domestica possono afferire allSVD attraverso le seguenti modalità: - Accesso attraverso lattivazione di una consulenza da parte di un operatore sanitario del Pronto Soccorso del Policlinico - Accesso diretto attraverso consulenza specifica da parte dei medici del pronto soccorso durante la notte e week end reperibilità 24 su 24 da parte di Assistenti Sociali e Psicologhe.) - Accesso diretto spontaneo da parte della donna vittima di violenza o su invio da altri servizi.

39 I percorsi possibili allinterno di un servizio di emergenza:Accesso diretto dal pronto soccorso Il percorso inizia con laccesso della donna al pronto soccorso. Vede la realizzazione di un iter definito e condiviso: dallaccoglienza, alla realizzazione di procedure sanitarie, sino allattivazione dellSVD finalizzata ad una presa in carico tempestiva e alla pianificazione di un progetto individuale di intervento. 1. In situazione demergenza gli operatori del Pronto Soccorso del Policlinico possono contattare le psicologhe e le assistenti sociali in tutti i casi in cui la donna si è recata presso di loro per una refertazione conseguente ad una violenza domestica. a. in orario diurno : dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle Richiesta di consulenza delloperatore sanitario: Primo colloquio daccoglienza con la donna volto a: - valutare la situazione di rischio; - contenere i vissuti - motivare la donna ad un successivo appuntamento con le operatrici psico-sociali al fine di poter strutturare con lei un progetto di uscita dalla violenza che preveda linvio presso strutture e servizi e del territorio e della rete. Lintervento nellemergenza prevede unaccoglienza con tempi variabili a seconda dello stato e delle necessità della vittima oltre che dei tempi necessari alladempimento degli accertamenti sanitari necessari per quella specifica situazione.

40 I percorsi possibili allinterno di un servizio di emergenza:Accesso attraverso Reperibilità notturna e festiva. 1 In situazioni di emergenza 24 ore su 24 per 365 giorni allanno, è attiva una linea telefonica gestita da assistenti sociali e psicologhe che garantiscono accoglienza e informazioni a medici e infermieri dellOspedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena, in particolare agli operatori sanitari del Pronto Soccorso, della Chirurgia, Medicina e Ginecologia dUrgenza negli orari notturni e festivi i medici del Pronto Soccorso possono mettere in contatto telefonico le donne che si sono rivolte allOspedale per problemi legati alla violenza domestica, alle quali viene offerto un appuntamento in orario diurno, nel più breve tempo possibile.

41 I percorsi possibili allinterno di un servizio di emergenza:Accesso attraverso Reperibilità notturna e festiva. 2 Durante la reperibilità oltre ad offrire una consulenza specifica agli operatori sanitari si chiede di poter parlare con la donna, al fine di: - effettuare una valutazione del rischio per la donna, gestione del caso in situazioni che necessitano di protezione della donne e dei figli se ci sono. - una continuità assistenziale attraverso una presa in carico immediata e tempestiva. Nei casi in cui si rende necessario un ricovero questo può essere effettuato sia nel reparto di Ginecologia, sia in altri reparti del Policlinico se le lesioni riportate dalla vittima richiedono unassistenza specialistica più complessa o se il rischio per la vita della donna è estremamente alto e non si è riusciti a trovare nellimmediato una struttura di accoglienza.

42 I diversi percorsi possibili allinterno di un servizio di emergenza:Accesso diretto allSVD. Su richiesta spontanea da parte della donna, o su invio da parte dei servizi del territorio. Si concorda un primo colloquio da tenersi presso il SVD e dare avvio a quanto sopra descritto. La presa in carico dei casi presso il SVD avviene per un tempo limitato, anche se può variare da caso a caso a seconda del progetto ipotizzato. Solitamente dopo la fase di accoglienza, si programmano: i colloqui con la psicologa e/o assistente sociale Valutazione del rischio e monitoraggio. Consulenza legale (civile e/o penale) con un avvocato dellassociazione SVS Donna Aiuta Donna; Si avviano percorsi di rete, uneventuale comunità e, se necessario, con i servizi esterni. Progetti psico-sociali sia in fase di emergenza che in fase successiva, attivando le risorse sia della rete dei servizi pubblici del Comune e della ASL, sia della rete del privato sociale, in particolare della Caritas, Casa Donne Maltrattate, Cooperativa Cerchi dAcqua, SVS DonnAiutaDonna, Telefono Donna.

43 I BISOGNI DELLE DONNE CHE HANNO SUBITO VIOLENZA BISOGNI INIZIALI USCIRE DALLA CONFUSIONE ESSERE ASCOLTATE RACCONTARE LA PROPRIA STORIA E LE PROPRIE EMOZIONI ESSERE CREDUTE E NON GIUDICATE RICONOSCERE LA VIOLENZA COME TALE VEDERE LEGITTIMATE LE PROPRIE EMOZIONI RACCOGLIERE INFORMAZIONI Cerchi dAcqua - Settore Formazione * Materiale elaborato dalla collaborazione CADM - Cerchi dAcqua

44 I BISOGNI DELLE DONNE CHE HANNO SUBITO VIOLENZA BISOGNI CHE EMERGONO NEL LUNGO TERMINE COMPRENDERE LACCADUTO SUPERARE LA VERGOGNA E SENSO DI COLPA RIDISTRIBUIRE LE REALI RESPONSABILITA RICOSTRUIRE SENSO DI SE (FISICO– PSICHICO) RECUPERARE CONTROLLO SULLA PROPRIA VITA Cerchi dAcqua - Settore Formazione * Materiale elaborato dalla collaborazione CADM - Cerchi dAcqua

45 Di fronte ad una condizione di violenza e/o abuso … avvicinarsi alla donna senza pregiudizio ascoltando condividendo contenendo le sue emozioni credendo al racconto non minimizzando riconoscendo lingiustizia subita informando sui diritti Informando sulle possibilità di aiuto rispettando lautonomia decisionale

46 LE COMPETENZE NELLASCOLTO E importante riconoscere la violenza come tale Attivare un ascolto empatico significa poter sentire le emozioni dellaltro ma anche essere vigili e consapevoli dei propri vissuti Un rischio in cui gli operatori possono incorrere è lidentificazione con la vittima e dunque unincapacità ad assumere la utile distanza che consente fermezza, lucidità e favorisce la relazione con laltro.

47 La donna può sentirsi co-responsabile dellevento traumatico e, per questo, sottovalutarlo Riconoscere la violenza può essere un aspetto che costituisce un nodo importante da superare per proseguire il lavoro di cura ri-raccontare la violenza

48 Dare un senso ai sintomi causati dallesperienza traumatica Cosa significa essere stata vittima di una violenza sessuale A cosa serve rielaborare quanto successo

49 La donna/vittima sente lansia, il rifiuto, le difficoltà dellinterlocutore; sente se siamo increduli, se dentro di noi stiamo minimizzando il racconto che ci sta facendo

50 Che cosa prova la donna massima VULNERABILITA pervasivi sentimenti di COLPA e VERGOGNA paura/minaccia ansia/angoscia solitudine diffidenza disorientamento/confusione disperazione disvalore/incompetenza … rabbia

51 alcuni meccanismi difensivi (della vittima ma anche degli operatori) Negazione Rimozione Distanziamento emotivo Razionalizzazione Scissione Identificazione

52 che cosa provano gli operatori la paura di agire (o non agire) e un aspetto che condiziona spesso il lavoro degli operatori e utile potersi chiedere di cosa e perche si prova paura spesso gli esiti del lavoro causano frustrazione, talvolta senso di impotenza

53 L operatore può assumere un diverso ruolo di fronte alla situazione che ha in carico: vittima – aggressore - testimone salvatore

54 LA FUNZIONE DELLEQUIPE Verifica progetti in corso Consolidamento della metodologia del lavoro Spazio e tempo di pensiero per chi lavora sullurgenza e in emergenza Presentazione e discussione interdisciplinare nuovi casi Valutazione relativa a chi fa che cosa Come effettuare un invio e come lavorare in rete

55 LA FUNZIONE DELLEQUIPE Condivisione di un comune oggetto di lavoro Valorizzazione del lavoro di ognuno come in-put al lavoro delle altre colleghe di diversa professionalità Evitare agiti inutili e dannosi Comprendere e contenere le emozioni suscitate dai casi e le ansie relative alleventuale obbligo di denuncia/segnalazione allAutorità Giudiziaria

56 PUO PERMETTERE LO SVILUPPO DI · Fiducia nelle competenze di ciascuno, percepito come risorsa · Spazi di dibattito e confronto dei punti di vista controversi: Possibilità di aprirsi al dubbio e allincertezza · Piacere di pensare da soli e insieme · Appartenenza a un gruppo di lavoro che funziona anche da contenitore delle ansie

57 IL RUOLO DI OGNI OPERATORE Essere punto di riferimento per i Servizi di territorio e per le Aziende Ospedaliere sulle problematiche sanitarie e psicosociali legate ad abusi e violenze sessuali e sui relativi obblighi di legge

58 LAVORARE IN RETE Richiede il coordinamento degli interventi la condivisione di alcuni obiettivi mandati istituzionali e professionale integrabili

59 richiede una conoscenza e una mappatura aggiornata delle risorse pubbliche e private presenti sul territorio CONOSCERE E UTILIZZARE LA RETE DEI SERVIZI

60 CONOSCERE LA RETE DEI SERVIZI permette di conoscere correttamente gli specifici compiti, le possibilità e i limiti operativi dei servizi aiuta a non confondere e sovrapporre gli ambiti del proprio e dellaltrui intervento facilita la percezione dei servizi come risorsa favorisce aspettative realistiche evita il rischio di interventi inutili e dannosi

61 CONOSCERE LA RETE DEI SERVIZI presuppone un particolare ATTEGGIAMENTO MENTALE bisogna chiedersi con quali criteri è stato individuato un servizio come risorsa con quali obiettivi si è valutato opportuno accompagnarvi o inviarvi la vittima

62 CONOSCERE LA RETE DEI SERVIZI consente alla vittima, informata sulle motivazioni di un accompagnamento o invio ad altro servizio, di essere UN SOGGETTO ATTIVO CONSAPEVOLE

63 ACCOMPAGNAMENTO E INVIO – LAVORO DI RETE Rilevare la necessità della persona e promuoverne un invio richiede: La corretta individuazione del problema portato Lesplicitazione delle valutazioni che suggeriscono un progetto di invio e dei suoi obiettivi Nel caso linvio sia interno e coinvolga altri colleghi: La percezione del proprio servizio, dellequipe e dei colleghi come risorsa Un confronto e una condivisione attiva del progetto, non una delega

64 Nel caso di invio ad altro servizio Una mappatura aggiornata delle risorse esterne sia pubbliche che private e la conoscenza delle loro effettive competenze La costruzione e il mantenimento dei rapporti con le altre agenzie in funzione della difficile arte dellinvio Una prima verifica di fattibilità dellinvio La valutazione di come la persona ha saputo o meno accogliere la proposta di invio

65 Il lavoro per linvio è una fase operativa delicata; ogni passaggio richiede una comunicazione chiara con la persona e il rispetto delle modalità concordate con lei. La modalità con cui viene effettuato un invio, infatti, condiziona sia laspettativa della persona inviata sia la risposta delloperatore o del servizio che la deve accogliere.

66 CASISTICA GENERALE SVS DAL 15/05/96 AL 31/12/08 Numero totale dei casi nazionalità italiana (58 %) straniera (42%) sesso femminile (95%) maschile 131 (5%)

67 Autori della violenza Noti alla vittima (59%) Sconosciuti 942 (32%) in 273 casi non vi è stato racconto esplicito di violenza sessuale(9%)

68 Età delle vittime range 9 mesi - 76 anni Minorenni 936 (32%) 0-4 anni anni anni anni 393 Maggiorenni (68%) anni anni anni anni e oltre 58

69

70 FALSI RACCONTI DI VIOLENZA DAL 1/1/09 AL 24/5/09 CASI TOTALI /13 ANNI: 1 CASO 14/17 ANNI: 3 CASI 18/24 ANNI: 5 CASI (1 MASCHIO) 25/34 ANNI: 1 CASO 35/44 ANNI: 1 CASO 45/54 ANNI: 1 CASO

71 RACCONTI DI VIOLENZA CHE NASCONDONO STORIA DIVERSA DAL 1/1/09 AL 24/5/09 18/24 ANNI: 2 CASI

72 NON RACCONTO DI VIOLENZA SESSUALE con AMNESIA DAL 1/1/09 AL 24/5/09 14/17 ANNI: 1 CASI 18/24 ANNI: 4 CASI 25/34 ANNI: 4 CASI 45/54 ANNI: 1 CASO

73 Maria Goretti si è difesa fino alla morte, quindi la vittima di violenza o arriva al pronto soccorso massacrata dal suo aggressore o era consenziente NON ESISTE LA VITTIMA TIPICA NON ESISTE LA VITTIMA TIPICA, come non esiste laggressore tipico

74 Alcuni dati relativi a pazienti di età superiore ai 13 anni Trienni /

75 ACCESSO AL Centro SVS TRIENNIO TRIENNIO VIENE DA SOLA 27,5%36,9% INVIO DA PS DI ALTRI OSPEDALI 27,8%27,7% ACCOMPAGNATA DALLE FORZE DELLORDINE 36,3%29,3% INVIATA DA ALTRI SERVIZI SANITARI e PSICO-SOCIALI 8,4%6,1% 5 vittime su 10 si sono rivolte per un aiuto immediato ad una struttura sanitaria di pronto soccorso

76 ORARIO E OPERATORI PRESENTI ALLA PRIMA ACCOGLIENZA Festiva/notturnaSanitaria diurnaSanitaria e sociale insieme TRIENNIO TRIENNIO 03-05

77 Querele donne italiane : (111 donne >13 anni) Querele donne italiane : (168 donne > 13 anni) SVS Milano

78 Querele donne straniere integrate* : (17 donne >13 anni) Querele donne straniere integrate* : (71 donne > 13anni) * IN ITALIA > 2 anni SVS Milano

79 Querele donne straniere non integrate* : (45 donne >13 anni) Querele donne straniere non integrate* : (81 donne >13 anni) SVS Milano

80 QUERELE DI PARTE e DENUNCE DUFFICIO

81 Incremento dellassistenza legale

82 Tipologia vittime Triennio 97-99Triennio 03-05

83 DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE DIAGNOSI PRECOCE > forse la sicurezza dellimpunità per gli autori di violenza diminuirà > forse si potranno prevenire i gravi danni alle donne e ai bambini che assistono alla violenza domestica PREVENZIONE > un mondo migliore è possibile se i genitori e la scuola insegneranno ai bambini il senso del limite, la tolleranza per la frustrazione, il rispetto per la diversità, lamor cortese, ecc. Quindi qualcosa sta cambiando?

84 CASI ARRIVATI SVD DAL 11/12/2007 AL 31/12/2008 = NEL 2007 E 186 NEL 2008 DI CUI 2 UOMINI NAZIONALITÀ Italiana 116 Straniera 87 INVII Dal pronto soccorso 70 altro 133

85 AUTORI DELLA VIOLENZA Marito 84 Ex marito 17 Compagno 12 Ex Compagno 10 Convivente 47 Ex convivente 12 Madre 1 Figlio 4 Padre 4 Fratello 2 Conoscente 10

86 TIPO DI VIOLENZA Psicologica 131 Fisica 207 Sessuale 14 Stalking 10 Economica 25

87 ETA DELLE VITTIME 18 – 24 anni – 34 anni – 44 anni – 54 anni e oltre 16


Scaricare ppt "Solidea Corso di formazione 15 Gennaio 2010 VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO: il lavoro di rete e lintervento nei diversi ambiti professionali."

Presentazioni simili


Annunci Google