La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informazione, censura, controinformazione Progetto della classe IV D Liceo Giacomo Ulivi Parma Prof.ssa Sandra Borsi Anno scolastico 2010-2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informazione, censura, controinformazione Progetto della classe IV D Liceo Giacomo Ulivi Parma Prof.ssa Sandra Borsi Anno scolastico 2010-2011."— Transcript della presentazione:

1 Informazione, censura, controinformazione Progetto della classe IV D Liceo Giacomo Ulivi Parma Prof.ssa Sandra Borsi Anno scolastico

2 Attività preliminari Classificazione progetto per numero: un solo progetto per tutta la classe Classificazione progetto per numero di discipline: pluridisciplinare (italiano, storia, inglese) e extracurricolare Scelta del tema effettuata da: docente (proposta di più temi) e studenti (scelta del tema e dei sottoargomenti) Formazione dei gruppi: coppie scelte dagli studenti (in base a interesse e facilità di contatti extrascolastici) Determinazione dei sottoargomenti: scelti dagli studenti e definiti gradualmente in fase di ideazione.

3 Scelta del tema Ho proposto alla classe alcuni argomenti su cui realizzare un progetto. Ogni ragazzo ha indicato le sue preferenze. I due argomenti più scelti sono stati: 1. Informazione, censura, controinformazione 2. Analisi di testi multimediali (film, videoclip, videogiochi) Si è optato per il primo, ma si è lasciata la possibilità di far rientrare nel progetto anche analisi di testi multimediali, se pure legati allargomento scelto.

4 Determinazione dei sottoargomenti Per aiutare i ragazzi a definire i sottoargomenti abbiamo visto e discusso insieme il film di Costa Gavras Mad City, assalto alla notizia. Ho esposto alcuni power point realizzati da altre classi sullanalisi di videogiochi e videoclip (fanno parte del progetto Amélie e i media vecchi e nuovi) Ho realizzato ed esposto alla classe due power point: uno sul telegiornale nellera dellinfotainment e un altro dal titolo Cè falso e falso (vedi ppt) su alcuni casi eclatanti di manipolazione dellinformazione. I ppt esposti serviranno anche da modeling per il lavoro da svolgere. Cè falso e falso

5 Ideazione. I parte AttivitàProdotti attesiStrumenti Primi passi: i componenti di ogni coppia si sono confrontati sullidea del loro specifico progetto Descrizione del brainstorming nel documento di narrazione. [le coppie hanno registrato le fasi dellelaborazione dellidea, che a volte ha portato anche a cambiare sottoargomento]. Scrittura Microsoft Word Definizione dellidea di progetto by: individuazione dellutenza, dei bisogni e degli obiettivi Descrizione verbale [lutenza viene individuata negli studenti del triennio del nostro istituto; inoltre il progetto entrerà nellarchivio digitale della scuola. Bisogni e obiettivi: lavorare in gruppo; orientarsi nel mondo complesso della informazione; imparare a decodificare messaggi e a confrontare punti di vista] Scrittura Microsoft Word

6 Ideazione. II parte AttivitàProdotti attesiStrumenti Valutazione di fattibilità by: individuazione attività per raggiungimento obiettivi; valutazione risorse necessarie per svolgimento attività. Formulazione proposta. Studio di fattibilità (documento word) [ i ragazzi hanno individuato cosa prevedono di aver bisogno di sapere- saper fare a chi chiedere o come apprendere queste conoscenze-abilità, le risorse da utilizzare (libri, web, ppt di altre classi, DVD, giornali, telegiornali, trasmissioni televisive). Sono stati fissati i tempi approssimativi: tre fasi, novembre, gennaio, aprile] Scrittura Microsoft Word

7 Ideazione. III parte AttivitàProdotti attesiStrumenti Presentazione Presentazione della proposta per ottenere lassenso Presentazione [Le coppie - nel corso di due settimane di novembre 2010, a tre a tre - hanno esposto allinsegnante la loro proposta con un breve power point o con una scaletta di lavoro] Power point

8 Tema: Informazione, censura, contro- informazione 1. La propaganda fascista (Amadei, Pellegri D.) 2. Monopolio dei media negli USA e loro influenza sullinformazione (Bargiacchi, Orè) 3. Le immagini dell11 settembre 2011 nei media (Calzetti, Pinazzi) 4. Linformazione manipolata. Cinema e giornalismo (Gencten, Mezzadri) 5. Linformazione giornalistica sul caso dei rifiuti di Napoli (ottobre- dicembre 2010) (Guarnieri, Zambini) 6. Reazioni e commenti al programma Vieni via con me (Cavazzini, Ghillani) 7. La satira politica teatrale e televisiva (Tirindelli, Travenzoli) 8. Il mondo offeso: artisti di strada e libertà despressione (Biekmann, Pellegri S.) 9. Temi dattualità nei videoclip (Ravarani, Zanoletti) 10. Videogioco come medium: la violenza virtuale influenza quella reale? (Pedrelli, Piceni)

9 Pianificazione I: definizione del prodotto finale Dopo aver ascoltato tutti i gruppi, si è meglio precisato con la classe il prodotto finale: due power point per ogni coppia 1. il primo su aspetti teorici della questione scelta 2. il secondo sullanalisi di uno o più testi (quasi per tutti i gruppi si tratta di testi multimediali). Si decide di adottare una grafica comune (carattere Arial, corpo e sfondo chiaro, ma a scelta dei gruppi), riservandosi di perfezionarla in seguito. Analisi del videogioco Americas Army Il Mondo Offeso

10 Pianificazione II: rubric di valutazione e tempi Prima delle vacanze di Natale abbiamo fissato le date delle presentazioni intermedie, la loro durata (20 minuti ciascuna) e ci siamo confrontati sulle rubric di valutazione. Dopo Natale abbiamo condiviso le osservazioni dei gruppi e abbiamo adattato la scaletta di valutazione per esposizioni multimediali di coppia proposta da Enzo Zecchi (Lepida Scuola), per la presentazione intermedia (tempo di esposizione: 20 minuti) Le esposizioni finali dei gruppi sono previste per aprile. La scaletta di valutazione è stata modificata (tempo di esposizione: 50 minuti). Enzo Zecchi

11 Parametri di valutazione dellesposizione multimediale di coppia: Contenuto Qualità e originalità della presentazione Requisiti tecnici della presentazione Esposizione orale: chiarezza espositiva e proprietà di linguaggio Esposizione orale: tono e volume della voce, mimica, gestualità Conoscenza dei contenuti Punteggi: da 6 (min.) a 30 (max) Gruppo valutatori: 4 studenti tratti a sorte + linsegnante La rubric di valutazione definitiva

12 Pianificazione III: attività e sottoattività. In ogni coppia sono stati suddivisi i compiti (es. reperimento informazioni, scannerizzazione di quotidiani, selezione spezzoni dai filmati da analizzare) anche in base alle competenze multimediali dei singoli. Da condurre in coppia invece le analisi dei testi, così come la selezione della grafica e la realizzazione dei power point.

13 Esecuzione I: esposizioni in power point Fra la fine di marzo e la fine di aprile tutte le coppie hanno esposto i loro lavori. La valutazione è stata comunicata a ciascun gruppo, con lo scopo fra laltro: 1) di apportare ulteriori perfezionamenti ad alcuni lavori, in vista dellesposizione del 30 maggio 2011; 2) di inserire nei ppt commenti esposti solo nella presentazione orale, ma che non sarebbero più recuperabili in assenza degli studenti (i lavori sono destinati infatti anche allarchivio digitale della scuola)

14 Esecuzione II: stato di avanzamento dei lavori Gli studenti consegnano allinsegnante, insieme alle presentazioni in ppt da controllare - dopo lesposizione alla classe - il documento di narrazione e lo stato di avanzamento dei lavori (SAL). Ci rendiamo conto che spesso il diario di bordo è assai avaro di riflessioni sullo svolgimento del progetto e coincide col SAL. Chiediamo allora ai ragazzi di rispondere ad alcune domande in merito e di sintetizzare in un breve testo la valutazione dellesperienza.

15 Documento di chiusura lavori Nella cartella di chiusura abbiamo inserito: il prodotto definitivo, cioè tutti i power point divisi in cartelle per argomenti la documentazione a corredo, cioè i filmati collegati ad ogni lavoro e i testi utilizzati per le analisi (per permetterne lutilizzo e lapprofondimento anche ad altri utenti) la relazione finale con report di valutazione la presentazione finale complessiva di tutti i dieci percorsi realizzati

16 INFORMAZIONE IN ITALIA Rifiuti Napoli Vieni via con me CONTRO- INFORMAZIONE Videoclip Artisti di strada Cinema di denuncia: Mad city Wag the dog Satira politica in teatro e TV MANIPOLAZIONE CENSURA La teoria del complotto 11/09/2001 Un caso storico: la propaganda fascista Monopolio dei media: censura e/o uso ideologico dei media INFORMAZIONE Videogiochi: Call od Duty Americas army

17 di Roberto Amadei e Daniele Pellegri

18 Le imprese L.U.C.E Il Duce trebbia il grano: sottolinea labbondanza italiana, il mito di Mussolini e lidea di autarchia Grano fra due battaglie: mostra lesercito italiano come una macchina bellica infallibile e incontrastabile Sabaudia: le promesse del duce sono realizzate tutte nei tempi promessi, Mussolini - persona di parola - guadagna sempre più il consenso del popolo.

19 Il monopolio dei media Di chi sono i media mondiali? Rupert Murdoch La posizione politica La linea editoriale Limpero Murdoch La situazione americana The Corporation OutfoxedI SimpsonLInghilterra Gli effetti del monopolio mediatico La posizione di Lazarsfeld Il potere dei media Il monopolio dei media di Stefano Bargiacchi e Richard Orè

20 The Simpson Sicuramente la serie Fox di maggior successo ha contribuito non poco alla affermazione del network negli anni 90. I Simpson, anche se formalmente non sostengono nessuno schieramento politico, in svariate occasioni hanno accusato gli avversari di Murdoch. Emblematico lesempio di Bill Clinton, che viene più volte preso di mira soprattutto dopo lo scandalo Lewinsky. Il monopolio dei media

21 Nel primo video viene criticato Bill Clinton riprendendo lo stereotipo di un partito democratico sempre pronto, al contrario dei repubblicani, ad alzare le tasse. Nel secondo spezzone viene posto il problema del monopolio mediatico. Nonostante alla fine Lisa vinca lo scontro con Burns, rimane aperta la provocatoria domanda di Homer, sul fatto che forse sarebbe meglio uninformazione monopolizzata da pochi esperti. Bisogna notare che lironia di entrambi gli episodi spesso sfugge a un pubblico poco attento o disinformato, che spesso finisce per osservare il cartone senza coglierla. Il monopolio dei media

22 11 SETTEMBRE 2001 di Alessandro Calzetti e Antonio Pinazzi

23 I telegiornali Limmagine La storia per immagini Le torri gemelle Film: United 93 Inganno Globale 11SETTEMBRE2001 La disinformazione

24 Molte persone ripongono una cieca fiducia nei tele-giornalisti credendo di essere ripagate con la coerenza e la completezza di informazione. In realtà risulta innegabile che oggi le informazioni siano manipolate e che notizie fondamentali siano alterate o omesse a favore di altre meno importanti. Fine ultimo è che l'opinione pubblica venga piegata a ciò che è funzionale al Potere. 11 settembre 2001

25 La ricostruzione degli eventi e la teoria del complotto A seguito degli attacchi dell11 settembre 2011, negli Stati Uniti e nel mondo sono stati sollevati diversi dubbi circa il reale svolgimento dei fatti e sono state formulate numerose teorie difformi da quelle comunemente accettate, generalmente configurabili come vere e proprie teorie del complotto. 11 settembre 2001

26 La storia per immagini 11 settembre 2001

27

28 Film a confronto United Settembre 2001 Inganno Globale 11 settembre 2001

29 United 93: la ricerca del vero di Paul Greengrass Il volo United 93 l'11 settembre 2001 non penetrò nelle Twin Towers, non distrusse un'ala del Pentagono, ma precipitò vicino a Shanksville in Pennsylavania. Il film parla cioè del volo che non provocò danni 'se non' ai passeggeri e al personale di bordo. Il regista Paul Greengrass provvede a riportare laccaduto, da molti dimenticato, alla superficie della nostra memoria, realizzando le scene con la collaborazione di molti parenti delle vittime. Per due terzi del tempo assistiamo alle operazioni di imbarco e al volo di crociera dell'aereo mentre a terra la tensione progredisce verso il suo apice. Le due Torri stanno già fumando e si ritiene che altri velivoli siano in pericolo. Quando i terroristi mettono in atto il loro piano resta poco tempo. Questa scelta permette di evitare la retorica e di lasciar parlare non la verità (perché è impossibile ricostruirla) ma una plausibile versione dei fatti. 11 settembre 2001

30 Inganno globale regia di Massimo Mazzucco Nel film Inganno Globale (diffuso via internet nel 2006) il regista sostiene, più o meno apertamente, che gli attentati terroristici dell'11 settembre 2001 siano stati organizzati e compiuti dallo stesso governo americano, per ragioni che non vengono meglio precisate. Il film è espressione del movimento "cospirazionista" italiano sull'11/9 ed è una buona base di lavoro per evidenziare le tecniche ingannevoli ed i meccanismi tendenziosi utilizzati dai "cospirazionisti" per propagandare, diffondere e sostenere le proprie teorie. Nellanalisi sostenuta da esperti dell11/09 e delle tecniche di disinformazione (Crono 911), sono stati evidenziati 88 punti in cui Inganno Globale ha fornito informazioni false o ingannevoli o fuori contesto o fuorvianti o che si contraddicono tra loro. 11 settembre 2001

31 Linformazione manipolata. Cinema e giornalismo di Elisa Gencten e Silvia Mezzadri

32 Cinema e giornalismo Introduzione Wag the dog di Barry Levinson Mad City di Constantin Costa Gavras Analisi: - Scena iniziale - Scena costruzione della notizia Riferimenti alla realtà: - Spin doctor - Hill&Knowlton - Rendon Group Analisi: - Intreccio del film - Presa di coscienza Riferimenti alla realtà: - Corruzione nel giornalismo - Il trattato di Ristow

33 Wag the Dog (Sesso e potere) Perché un cane agita la coda? Perché il cane è più furbo della coda, se la coda fosse più furba agiterebbe il cane. Nei primi fotogrammi di Wag the Dog viene spiegato il significato del titolo: - il cane è lopinione pubblica - la coda invece rappresenta coloro che controllano i mass media (nel film, lo spin doctor De Niro e il produttore Hoffman) Questi ultimi devono agire dastuzia e dare in pasto al popolo ciò che vogliono, poco importa se vero o falso, per controllarlo. Cinema e giornalismo Nel film per deviare lattenzione dellopinione pubblica da uno scandalo sessuale in cui è coinvolto il presidente degli USA, uno spin doctor e un produttore di Hollywood inventano una fantomatica guerra contro lAlbania. La fandonia mediatica ha un duplice scopo: dirottare il pubblico sulle immagini di morte e distruzione (create "ad hoc") e dare ai giornalisti un argomento che faccia dimenticare lo scandalo presidenziale.

34 Lo spin doctor (interpretato da De Niro in Wag the dog) è una figura realmente presente nella politica e nelleconomia statunitense. Gli spin doctor al servizio dei politici in tempo di guerra hanno come compito principale quello di rendere la guerra accettabile agli occhi della popolazione. Le più famose agenzie di pubbliche relazioni, che lavorano per il governo statunitense, sono la Hill & Knowlton - responsabile della diffusione di false notizie e filmati durante la 1° Guerra del Golfo - e la Rendon Group, che ha creato alcune delle più famose verità costruite dellultimo ventennio: ad es. labbattimento della statua di Saddam e la liberazione del soldato Jessica Lynch. Cinema e giornalismo

35 Abbiamo confrontato vari articoli per analizzare come vengono riportate le notizie dai quotidiani italiani. Questo è linizio di una delle analisi che abbiamo svolto. Analisi di articoli C aso rifiuti Napoli di Elena Guarnieri e Alessandra Zambini Linformazione in Italia: il caso rifiuti a Napoli

36 La Stampa La Repubblica Abbiamo selezionato un articolo del quotidiano La Repubblica e uno de La Stampa entrambi del 20 novembre Il caso rifiuti a Napoli

37 IMMAGINI La Stampa La Repubblica Il caso rifiuti a Napoli

38 INFORMAZIONE Censura Manipolazione delle informazioni Giornalismo MilitanteDinformazione Televisione (talk show, TG) (talk show, TG) Linformazione in Italia: il caso di Vieni via con me di Greta Cavazzini e Elisa Ghillani

39 Resistenze alla messa in onda del programma Schieramento dei giornali (La Repubblica vs Il Giornale) Il caso di Vieni via con me

40 Terza puntata: Elenco di Maroni Elenco di Maroni Rifiuti a Napoli Rifiuti a Napoli Record di ascolti Record di ascolti Quarta puntata: Terremoto dellAquila Terremoto dellAquila Intervento di Dario Fo Intervento di Dario Fo Costituzione Costituzione Record di ascolti Record di ascolti Boom per Benigni, record a Rai3 VS Il genio Benigni?Il genio Benigni? Ha copiato le battute Ha copiato le battute da un sito da un sito Un telespettatore su tre per Fazio, caso ndrangheta, ascolti record VS Che noia il comizio di Che noia il comizio di Gianfranco in diretta tv Fazio-Saviano, nuovo record per Rai3 VS La lezione di Maroni al salotto chic: ecco come si combattono le mafie Terremoto e banditi del cemento Saviano accusa lItalia che specula VS Fazio- Saviano: addio arrogante addio arrogante Il caso di Vieni via con me

41 di Maria Tirindelli e Ottavia Travenzoli La satira politica nel teatro e in tv

42 Registro comico Sguardo lucido e disincantato Critica sociale Solidarietà con le vittime del potere La satira politica nasce nel teatro: ha il suo primo importante sviluppo nel teatro greco, in particolare con Aristofane ( circa a.C.) Gli Acarnesi: commedia di Aristofane (425 a.C.) che tratta il tema della pace e critica la mentalità guerrafondaia di alcuni personaggi come Cleonte, servendosi della satira. Diceopoli, personaggio principale della commedia, è un contadino ateniese che, vedendosi privare delle sue terre a causa della guerra, conclude autonomamente una pace con gli spartani. Questa pace è inizialmente vista come mancanza di rispetto verso la città di Atene e i suoi abitanti; visti i privilegi e la serenità comportati dalla pace, però, la sua iniziativa viene presto riconosciuta da coloro che laccusavano e che si rendono conto della devastazione portata dalla guerra. La satira politica

43 La satira politica in tv La satira politica può presentarsi attraverso lutilizzo di un gergo più o meno volgare, può essere diretta e più o meno sottile, può servirsi di diversi strumenti, come limitazione o la rilettura di testi in chiave satirica. Dario Fo rilegge Il Principe di Machiavelli, utilizzandolo come strumento per riferirsi a situazioni politiche dellattualità. La critica in questo caso non è diretta: il pubblico infatti deve interpretare autonomamente le critiche velate del testo. Maurizio Crozza critica gli interventi di Bersani e Fini riguardanti i valori di destra e sinistra, citando le ultime leggi votate da Fini. La critica è diretta e il comico fa uso della tecnica dellimitazione per suscitare il riso. Antonio Albanese, nei panni del suo celebre personaggio Cetto La Qualunque, muove una forte critica nei confronti del governo. La satira non è propriamente diretta, in quanto avviene attraverso la ridicolizzazione, con toni anche volgari, di personaggi non reali; i riferimenti risultano comunque immediati. La satira politica

44 IL MOVIMENTO DEL GRAFFITI WRITER Il Mondo Offeso di Giulia Biekmann e Silvia Pellegri Nel mio mondo ci sono artisti che cercano di mostrare una realtà diversa da quella che fai vedere tu!

45 Origini graffiti writing Inghilterra Italia America Banksy Shepard Fairey Psychoboy54 Il Mondo Offeso

46 Grazie America 1. Furgone di Donaughts scortato come un uomo di Stato. 2. Coppia di obesi allegri turisti occidentali immortalati nellatto di fotografare con il cellulare il magro bambino asiatico che tira il risciò a stento. 3. Bambina vietnamita con la pelle bruciata dal napalm, tenuta per mano da Mickey Mouse e Ronald McDonald. Il Mondo Offeso

47 Rivelazione In questa spazio vuoto il topo sta raccontando un segreto che mai sapremo a questa figura bizzarra che in partenza era un uomo, ma che ora ha fatto uscire la sua vera natura...Mi è comparso in sogno e la mattina l'ho disegnato… Il Mondo Offeso

48 Obey-il Gigante vi guarda! Il volto è quello del wrestler Andrè the Giant, accompagnato dalla scritta Obey. Nessuno sapeva allinizio degli anni 90 chi ci fosse dietro o cosa volesse significare questa immagine, provocando turbamento e curiosità nelle persone. Fairey afferma solo ora che il progetto Obey è stato creato per costringerle a confrontarsi con se stesse. Il Mondo Offeso

49 Attualità nei videoclip Politica American Idiot Green Day The day that never comes Metallica Wake me up-when september ends Green Day Società Vip in Trip Fabri Fibra Rock tha Cashba The Clash Mao Zeitung Perturbazione Eroe Caparezza Ecologia What I have done Linkin Park Luomo di plastica Rezophonic Earth song Michael Jackson Pubblicità Tranne te Fabri Fibra Billionaire Bruno Mars Chrysler Eminem di Maria Vittoria Ravarani e Tommaso Zanoletti

50 Wake me up when semptember ends - Green Day Il videoclip è una riflessione sul dolore provocato dalle conseguenze della guerra. Le tematiche principali sono tre: la canzone è dedicata al padre del cantante della band, morto di cancro nel 1982 lamore che funge da introduzione al videoclip ultima, ma più importante, la tematica della guerra. Testo, immagine e video si uniscono per portare allinsieme uno sguardo molto efficace sullattualità. Attualità nei videoclip

51 Like my fathers come to pass Seven years has gone so fast Wake me up when September ends. Like my father's come to pass Twenty years has gone so fast Wake me up when September ends M: So che dicono che la vita è breve, che un giorni ti alzi e in quel giorno tutti i tuoi sogni quello che hai sempre desiderato o voluto sarà scomparso, proprio così. Le persone invecchiano, le cose e le situazioni cambiano ma tutto quello che voglio è questo momento, i sentimenti che oggi provo per te, il modo in cui tu mi guardi e quello in cui io guardo te. Voglio che duri per sempre. F: So che non succederà, qualsiasi cosa succeda, niente potrà cambiarlo. Non ti lascerò mai. Ti amo. Testo della canzone, dedicata al padre di Billy Joe, cantante del gruppo. Dialogo introduttivo del videoclip, rappresenta lamore dei due ragazzi. Attualità nei videoclip

52 Concept: immagini di Detroit sono accostate a quella di Eminem mentre guida la Crysler. Colonna sonora: una voce narrante (Eminem) dal tono epico accompagna il video, mentre si ascoltano note della canzone Without me. Lambientazione è severa: appaiono, sullo sfondo, le immagini industriali di Detroit mentre nevica. «Una città che è stata all'inferno ed è tornata che cosa ne sa del lusso?» «Questa è Detroit e questo è ciò che facciamo» Detroit è una città che deve la sua ricchezza al lavoro e alla fatica La sua rinascita deriva dal sacrificio di Crysler e Fiat Chrysler - Eminem Attualità nei videoclip

53 E stato il più lungo video mai trasmesso durante il Super Bowl (2 min) Più costoso, circa 9 milioni di dollari. 3,5 milioni di click su YouTube tweets (il maggior numero di consensi) Le ricerche web su «Chrysler 200» sono aumentate del 328%. Produzione felpe della pubblicità. Attualità nei videoclip

54 Il videogioco come medium: il caso dei videogiochi di guerra Gioco elettronico che riproduce su un display simulazione di situazioni simulazione di situazioni reali o immaginarie, tale da far percepire emozioni, con forte far percepire emozioni, con forte coinvolgimento psichico Eventi e situazioni in tempo reale (creati dal giocatore) Simulazione realistica di spazi in 3D cinestesia: percezioni delle cinestesia: percezioni delle immagini in movimento sullo schermo; aptica: percezione tattile; sinestesia: coinvolti tutti i sensi. Il videogioco non è solo un prodotto tecnologico, ma un tecnologico, ma un mezzo di comunicazione identificazione forte con le azioni dellavatar, che il giocatore controlla che il giocatore controlla col joystick e che vede in soggettiva VIDEOGIOCO di Vanessa Pedrelli e Greta Piceni

55 AMERICASARMY Videogiococommissionatodallesercito Americano come pubblicità per lesercito stesso e per favorire larruolamento Il giocatore vede se stesso come un soldato americano e lavversario come un terrorista Si guadagnano punti uccidendo i nemici, conseguendo gli obiettivi, aiutando i compagni di squadra, completando le missioni Realismo dei Realismo deidettagli Trascurate le Trascurate ledevastanticonseguenze della guerra Controlli pensati Controlli pensati per i genitori. Il videogioco come medium

56

57 EFFETTI DEI VIDEOGIOCHIVIOLENTI Aumentano le manifestazioni di violenza nei giocatori violenza nei giocatori Secondo il libro Violent video games effects on children and adolescents, esiste un nesso tra lesposizione ai videogiochi violenti e il comportamento aggressivo Riducono stress e ostilità E stata avanzata lipotesi di utilizzare videogiochi violenti in alcune terapie comportamentali per aiutare i pazienti a dare sfogo alle loro frustrazioni Il videogioco come medium


Scaricare ppt "Informazione, censura, controinformazione Progetto della classe IV D Liceo Giacomo Ulivi Parma Prof.ssa Sandra Borsi Anno scolastico 2010-2011."

Presentazioni simili


Annunci Google