La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Dal greco morphé = elemento di base, elemento primo costituente da cui.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Dal greco morphé = elemento di base, elemento primo costituente da cui."— Transcript della presentazione:

1 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Dal greco morphé = elemento di base, elemento primo costituente da cui derivano gli elementi composti. CAMPO MORFOGENETICO La morfologia, come studio della forma, ha numerosi campi applicativi biologia geologia botanica linguistica…

2 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Termine nato nel contesto dellEMBRIOLOGIA Morfogenesi Il CAMPO MORFOGENETICO è un processo tramite cui si moltiplicano e crescono le organizzazioni strutturali. Implica la dimensione temporale

3 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Il CAMPO MORFOGENETICO è un campo non dato ma che presente embrionalmente sin dallinizio, si sviluppa e cresce come un contenuto inerente al processo che attuiamo. Attilio Marcolli, Toria del campo 2, Sansoni, Firenze, 1978

4 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Il CAMPO MORFOGENETICO nella progettazione e nel design (e in particolare della comunicazione visiva) Franco Grignani, Arte e società Il punto, questo segno inerte e chiuso, acquista rapporto dal suo valore dimensionale, dalla sua dislocazione, dal suo organizzarsi nel ritmo ripetitivo ly/levTremaFieldWhite.html

5 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Franco Grignani, Arte e società …e così [è] la riga, saettante o filtrata o sommata allintersezione,…, posta in traccia diagonale, [cui] la tensione disequilibrante e contemporaneamente equilibrante, fa superare virtualmente il campo che la contiene /2000/edge/movie.html

6 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Elementi costitutivi del campo 3 poligoni regolari triangolo equilateroquadrato esagono regolare

7 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Elementi costitutivi del campo danno luogo a 3 rispettive texture piane maglia triangolaremaglia quadrata maglia esagonale è assimilabile alla maglia triangolare

8 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Morfogenesi del campo Simmetria rotatoria diedrica del triangolo La relazione tra triangolo ed esagono dal punto di vista cinetico Il triangolo, incernierato nel vertice in alto,deve fare 6 movimenti per descrivere langolo di 360°

9 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Morfogenesi del campo Simmetria rotatoria diedrica del triangolo Lelemento ruotante dà luogo a una simmetria rotatoria diedrica, ossia dotata di simmetria speculare, di ordine 6 (perché deve cambiare posizione 6 volte) D6D6

10 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Morfogenesi del campo Simmetria rotatoria diedrica del rombo I triangoli possono accoppiarsi e formare dei rombi Il rombo, incernierato nel vertice destro,deve fare 3 movimenti per descrivere langolo di 360°

11 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Morfogenesi del campo Simmetria rotatoria diedrica del rombo Lelemento ruotante dà luogo a una simmetria rotatoria diedrica, ossia dotata di simmetria speculare, di ordine 3 (perché deve cambiare posizione 3 volte) D3D3

12 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Morfogenesi del campo Simmetria rotatoria diedrica del trapezio Una terna di triangoli adiacenti forma un trapezio Il trapezio, incernierato nel punto medio della base, deve fare 2 movimenti per descrivere langolo di 360°

13 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Morfogenesi del campo Simmetria rotatoria diedrica del trapezio Lelemento ruotante dà luogo a una simmetria rotatoria diedrica, ossia dotata di simmetria speculare, di ordine 2 (perché deve cambiare posizione 2 volte) D2D2

14 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Struttura Le strutture di base quadrata triangolare 2D3D cubica tetraedica Quella rotonda non esiste Il massimo pieno di dischi su di una superficie ha una struttura a triangolo equilatero

15 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Struttura Le strutture di base 3D La struttura tetraedica ha una vasta applicazione cupola geodesica vedi opera di Buckminster Fuller tetrapak pallone da calcio…

16 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Il passaggio dalle texture alla struttura come questione di astrazione. Abbandonare il riferimento allocchio umano come strumento di percezione di una texture fisica. Struttura Dalla texture alla struttura Concentrare lattenzione sugli elementi primi costituenti e sulle relazioni tra essi. La texture sotto il profilo del campo morfogenetico che lha prodotta.

17 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Struttura Le strutture di base Ci occuperemo solo delle strutture 2D Problematiche strutture complesse formate da elementi di base moduli sottomoduli attacchi tra i moduli, giunti e nodi forme interne ai moduli

18 AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Struttura Le strutture di base Le esercitazioni ci porteranno alle seguenti questioni: a partire dalle strutture base, come possiamo ottenere tutte le altre con operazioni di trasformazione delle dimensioni e degli angoli? come si occupa il piano e lo spazio con moduli e sottomoduli? cosa sono le forme e i corpi coerenti secondo un principio dato? come si controlla una struttura secondo un modello?


Scaricare ppt "AA 2003/04Prof. Paola Trapani - Comunicazioni Visive Strutture Teoria del campo Dal greco morphé = elemento di base, elemento primo costituente da cui."

Presentazioni simili


Annunci Google