La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Chiesa di Trieste tra storia e profezia Presentazione del lavoro di sintesi sul questionario riguardante il primo ambito del Convegno: Chiesa di Trieste.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Chiesa di Trieste tra storia e profezia Presentazione del lavoro di sintesi sul questionario riguardante il primo ambito del Convegno: Chiesa di Trieste."— Transcript della presentazione:

1 La Chiesa di Trieste tra storia e profezia Presentazione del lavoro di sintesi sul questionario riguardante il primo ambito del Convegno: Chiesa di Trieste cosa dici di te stessa? Trieste, 18 Ottobre 2002

2 Agenda Perché un questionario? Come è stato ideato? Come sono stati raccolti i dati? Come sono stati elaborati? Quali i risultati? Dove possiamo trovare altre informazioni?

3 Perché un questionario? viva la fede e la nutra e rinvigorisca con l'assidua meditazione della Parola di Diosu come cresca nella santità attraverso i sacramentisu come celebri nell'Eucaristia la gioia della comunione fra vescovo, presbiteri e laicisu come essa assuma la responsabilità dell'evangelizzazionedella missione Ascolteremo ciò che lo Spirito dirà alla nostra Chiesa su come essa viva la fede e la nutra e rinvigorisca con l'assidua meditazione della Parola di Dio, su come cresca nella santità attraverso i sacramenti, su come celebri nell'Eucaristia la gioia della comunione fra vescovo, presbiteri e laici, su come essa assuma la responsabilità dell'evangelizzazione e della missione. Dalla Lettera del Vescovo del 17 febbraio 2002: Chiesa di Trieste cosa dici di te stessa?

4 Come è stato ideato? I sei temi del questionario sono stati preparati separatamente in 6 parrocchie I risultati sono stati “armonizzati”, ma non in modo radicale pro: nei questionari c’è maggiore ricchezza di idee contro: gli elaborati non sono sempre coerenti e armoniosi

5 Come sono stati raccolti i dati? gli intervistati sono in linea di massima "gente di Chiesa" disposta ad investire circa un'ora di tempo libero per riempire il questionario che abbia livello di scolarità sufficiente per la compilazione intervistato=uomo della strada?

6 Come sono stati raccolti i dati? risposte trattate come numeriche e tutte assieme per vedere l’effetto della reciproca influenza

7 Come sono stati elaborati i dati? Obiettivo: trattare i dati con obiettività eliminando, per quanto possibile, le interpretazioni personali Realizzazione: per i dati più “discrezionali” utilizzare opportune tecniche statistiche

8 Come sono stati elaborati i dati? …tecniche statistiche Evidenziare le differenze sistematiche tra gruppi (ANOVA): parrocchia, sesso, stato civile ed esistenza di figli Evidenziare la correlazione tra le diverse risposte si no nientepocomolto si no nientepocomolto

9 Quali i risultati? dati generali -- I comm. II comm. III comm. IV comm. V comm VI comm.

10 Quali i risultati? (dati generali) Media =58.97 maschi=56.17 femm. =60.32 età

11 Quali i risultati? (dati generali)

12 coniugati=68% celibi = 16.7% altro = 15.1%

13 Quali i risultati? (dati generali)

14 Quali i risultati per le sei commissioni? Qualche esempio ….

15 comunità in grado di annunciare la conversione e il perdono dei peccati? 1.4 È poco in grado secondo il 38% (in media) esistono differenze per età da 20 a 60 anni la % è superiore al 50%, oltre i 60 cade fino a 13% correlazione spirito partecipato nelle liturgie (1.6) catech. e liturgia rivolte a tutti (4.1 e) disponib. Ascolto e dialogo (4.1 g)

16 2.3 Per rafforzare la tua vita di fede senti la necessità di far parte di una comunità cristiana? 58% risponde "molto", 28% "poco", "no" l'11%. I maschi si rivelano più sensibili alla dimensione comunitaria "molto"=67%) rispetto alle femmine ("molto"=58%). correlazione tra dimensione comunitaria e formazione/sacramenti e catechesi (2.2 e 2.4)

17 In quale ambito serve alla tua vita quello che hai imparato e che ti ricordi dalla catechesi? preghiera (53%) e vita matrimoniale ed affettiva (52%) e l'educazione dei figli (44%) Chi ha risposto "la preghiera" ha tendenzialmente barrato preghiera anche nella 4.3 come presupposto principale per vivere la spiritualità. 15% lavoro/economia (Cologna 31%) 1% politica (Cologna 11%)

18 4.1 a Com’è la conoscenza reciproca tra i fedeli? Buona:19.81% sufficiente:26.21% scarsa: 33.07% nulla: 2.65% non risponde: 18.25% correlazione: se c’è conoscenza tra fedeli, tende ad esserci: conoscenza anche tra fedeli e sacerdoti, solidarietà verso situazioni di bisogno, condivisione di carismi e testimonianza viene attribuito maggior valore alla partecipazione alla vita comunitaria ed è ovviamente più intenso il senso di partecipazione.

19 5.1 Cosa impedisce o impedirebbe la tua partecipazione (o quella di altre persone) alla vita della parrocchia? (a) Il comportamento della comunità 28,55% (b) Un approccio schematico o rigido 18,56% (c) Celebrazioni poco vive 15,60% (d) I programmi per la Chiesa di Trieste 2,96% (e) La mancanza di innovazioni 11,39% (f) La carenza di occasioni di aggregazione 14,66% (g) Problemi di comunicazione 22,31% (h) Poca accoglienza verso chi non frequenta 26,05% (i) Le situazioni personali 32,55%

20 6.4 L'annuncio del Vangelo ha implicazioni in tutti gli aspetti della tua vita? 83% ha risposto affermativamente 8% ha risposto negativamente 9% non risponde la percentuale di risposte affermative è crescente con l'aumentare dell'età

21 Dove possiamo trovare altre informazioni?

22


Scaricare ppt "La Chiesa di Trieste tra storia e profezia Presentazione del lavoro di sintesi sul questionario riguardante il primo ambito del Convegno: Chiesa di Trieste."

Presentazioni simili


Annunci Google