La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

02/11/2013 DISABILITA:INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE Civitanova Marche 6 giugno 2012 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "02/11/2013 DISABILITA:INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE Civitanova Marche 6 giugno 2012 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE."— Transcript della presentazione:

1 02/11/2013 DISABILITA:INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE Civitanova Marche 6 giugno 2012 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

2 02/11/2013 TABELLA DI RIPARTIZIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA DI SOSTEGNOORGANICA DI SOSTEGNO A.S. 2011/12 DIREZIONE GENERALE MARCHE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

3 Accordo quadro tra Regione Marche, USR, UPI e ANCI firmato il 13 gennaio 2011 Accordo quadro Modello unico di individuazione disabilità Diagnosi funzionale secondo i codici ICF Linee guida provinciali Protocollo accoglienza UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

4 Corso di formazione sull I. C. FI. C. F Corso di formazione sull I. C. FI. C. F Dai tavoli tecnici regionali emerge la necessità di uniformare la modulistica utilizzata dai servizi per lindividuazione della disabilità, la stesura della Diagnosi Funzionale e del Progetto Educativo Individualizzato, con iI Sistema I.C.F. quale nuovo modello di riferimento per la classificazione della salute e degli stati ad essa correlati assunto dallO.M.S.

5 02/11/2013 necessità quindi: definire un progetto formativo sull'utilizzo dell'I.C.F. per gli Operatori delle U.M.E.E. distrettuali e dei Centri privati accreditati che ne svolgono le funzioni, delle Scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione e degli Ambiti Territoriali Sociali da realizzare per il tramite della Scuola di formazione del personale regionale. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

6 02/11/2013 Obiettivo da perseguire Utilizzare il modello per la diagnosi funzionale, secondo l'I. C. F per tutti i nuovi utenti e per gli utenti già in carico, nel corso del passaggio da un grado all'altro della scuola. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

7 02/11/2013 OBIETTIVI GENERALI /FINALITÀ DELLINTERVENTO: Assicurare a livello regionale una formazione comune a tutti gli operatori, volta alla condivisione delle logiche, delle metodologie e degli strumenti relativi alla integrazione scolastica degli alunni con disabilità, secondo i nuovi criteri dell ICF ; Uniformare e promuovere a livello regionale, lutilizzo da parte degli Operatori delle UMEE della modulistica per la stesura della Diagnosi Funzionale, redatta, come previsto dallIntesa Stato – Regioni del 20 marzo 2008, secondo i criteri dellICF. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCITIVI Condivisione Quadro Generale ICF/OMS Conoscenza della Logica, della Metodologia, degli Strumenti I.C.F. Condivisione delle Linee Guida ICF regionali OBIETTIVI OPERATIVI SPECIFICI Pratica e padronanza degli strumenti ( utilizzo, applicazione e loro uso) UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

8 02/11/2013 RISULTATI ATTESI conoscenza e condivisione del progetto ICF (Internazionale, Nazionale e Regionale) conoscenza e condivisione delle metodologie e dei relativi strumenti capacità operativa di applicazione e uso degli strumenti/schede ICF UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

9 02/11/2013 METODOLOGIA Dal punto di vista didattico lattività verrà realizzata: in modalità daula, dove verranno affrontati i vari temi seguiti da discussione con docenti esperti nelle varie materie e prassi con restituzione finale casi/casistica. In modalità a distanza, per sostenere lutilizzo e la verifica dellapplicazione degli strumenti. Lavori di gruppo con tutor e/o docente con esercitazioni volte alla produzione finale delle schede ICG debitamente interpretate e compilate nelle diverse tipologie di casi. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

10 02/11/2013 La struttura del corso di formazione per i docenti e gli operatori sociali: Modulo A – una giornata formativa comune rivolta a tutti gli operatori ( docenti e personale U.M.E.E./A) sul significato innovativo dell'I.C.F.; la Vision, la struttura e gli strumenti dellI.C.F.; la condivisione tra tutti gli operatori delle metodologie e degli strumenti (Diagnosi Funzionale e P.E.I.) per la integrazione scolastica degli alunni con disabilità; Modulo B – due giornate formative organizzate in piccoli gruppi per la conoscenza, la pratica e l'utilizzo dei nuovi strumenti e la risoluzione di casi clinici in comune, da tenersi nei territori provinciali; proposto in successione in 19 edizioni sviluppate in tutte e cinque le province della regione a partire dal mese di Aprile sino alla metà di giugno UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

11 02/11/2013 Il percorso prosegue ancora per i solo Operatori delle UMEE/A: Modulo C - esercitazioni su tre topologie di casi con tutoraggio a distanza, avviato in successione, di volta in volta, alla conclusione delle diverse edizioni del Modulo B. Anchesso sarà sviluppato nel periodo aprile, maggio e giugno Modulo D – unintera giornata di Restituzione su tre casi clinici e approfondimento dei casi in sottogruppi. Sarà sviluppato in successione in 10 edizioni sviluppate in tutte e cinque le province della regione nel mese di settembre UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

12 02/11/2013 ADESIONI ANCONAPESAROMACERATAFERMOASCOLI P.TOTALI INSEGNANTI DI SOSTEGNO OPERATORI UMEE PUBBLICI ( ) 379* OPERATORI UMEE PRIVATI OPERATORI SOCIALI Totali UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

13 Lintegrazione:scelta irreversibile della scuola e della società Linee guida del MIUR del 4 agosto 2009 Indicazioni del MIUR rivolte agli Uffici Scolastici regionali Linee guida del MIUR del 4 agosto 2009 Indicazioni del MIUR rivolte agli Uffici Scolastici regionali UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

14 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO(DSA) Legge n. 170 dell'8 ottobre 2010 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimentoLegge n. 170 dell'8 ottobre 2010 Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento(12 luglio2011)Linee guida Piano regionale di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado sui Disturbi Specifici di Apprendimento del 25/10/2011Piano regionale Sottoscritta da USR Marche e Università di Urbino un convenzione per l'attivazione, per il 2011/12, di un master di primo livello e un corso di aggiornamento su "Didattica e psicopedagogia per i DSA"27/10/2011convenzione Sottoscritta da USR Marche e Università di Macerata un convenzione per l'attivazione, per il 2011/12, di un master di primo livello e un corso di aggiornamento su "Didattica e psicopedagogia per i DSAil 23/11/2011 convenzione Attivati dalle Università di Macerata e Urbino i master in "Didattica e psicopedagogia per Disturbi Specifici di Apprendimento" programmati in convenzione con l'Ufficio Scolastico Regionale il 15/02/2012MacerataUrbino UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

15 EDUCAZIONE ALLA SALUTE E LOTTA DIPENDENZE LUfficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione Marche hanno stipulato un protocollo d'intesa il 31 maggio 2011 riguardante l'educazione alla salute e la promozione di stili di vita sani in ambito scolastico. L'obiettivo del protocollo è promuovere percorsi e azioni coerenti con i programmi nazionali e regionali, in un efficace contesto di apprendimento capace di costruire life skills, competenze trasversali e la maturazione armonica delle competenze di cittadinanza attiva dello studente nelle sue componenti cognitive, affettive e relazionali. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

16 EDUCAZIONE ALLA SALUTE E LOTTA DIPENDENZE Un Plugged Paesaggi di prevenzione Okkio alla salute HBSC (Health Behaviour in School-aged Children) ricerca svoltasi nella regione Marche da cui è emerso che comportamenti a rischio come liniziazione al fumo e al consumo di sostanze alcoliche avvengono per lo più a partire dai 13 anni in contesti di gruppo che, a questa età, acquisiscono sempre maggiore importanza. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

17 EDUCAZIONE ALLA SALUTE E LOTTA DIPENDENZE Convenzione finalizzata alla realizzazione del progetto di ricerca: La prevenzione del disagio e delle dipendenze nelladolescenza (14-18 anni)" tra lOmbudsman della regione Marche, autorità per la garanzia dei diritti degli adulti e dei bambini, il Centro Interdipartimentale per la ricerca sullintegrazione socio-sanitaria dellUniversità Politecnica delle Marche (CRISS )e l'Ufficio Scolastico Regionale per le Marche. La Convenzione in argomento prevede: costituzione di un tavolo tecnico scientifico cui partecipano oltre agli esperti dellUfficio dellOmbudsman e ai ricercatori del CRISS, operatori della sanità (Sert, Dipartimento salute mentale, Centro di documentazione) e della scuola (Ufficio scolastico Regionale, Dirigenti scolastici, Insegnanti) con il compito di co-progettare e valutare le fasi di sviluppo della ricerca; raccolta e analisi della letteratura sulle dipendenze in età giovanile; realizzazione di focus Group all'interno delle scuole con i testimoni privilegiati; raccolta presso le scuole della Regione di elaborati originali (breve racconto, poesia o altro) sul tema delle dipendenze; analisi qualitativa dei focus e degli elaborati raccolti; stesura di un report finale di ricerca. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

18 CITTADINANZA e COSTITUZIONE Protocollo d'intesa tra Ufficio Scolastico Regionale e Assemblea Legislativa delle Marche per organizzare iniziative e progetti riservati ai giovani delle scuole marchigiane che consentano di promuovere interventi formativi nellambito del percorso I giovani e le istituzioni sui temi della conoscenza delle istituzioni e della partecipazione democratica firmato il 19/10/2011. Report delliniziativaReport delliniziativa UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE

19 GRAZIE PER LATTENZIONE!


Scaricare ppt "02/11/2013 DISABILITA:INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE Civitanova Marche 6 giugno 2012 UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE."

Presentazioni simili


Annunci Google