La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come presentare agli alunni le mappe concettuali Presentazione Ins. R. Bartoletti SC. PR. L. Da Vinci IS.C. Gandhi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come presentare agli alunni le mappe concettuali Presentazione Ins. R. Bartoletti SC. PR. L. Da Vinci IS.C. Gandhi."— Transcript della presentazione:

1 Come presentare agli alunni le mappe concettuali Presentazione Ins. R. Bartoletti SC. PR. L. Da Vinci IS.C. Gandhi

2 Cosa sono? Le mappe concettuali sono: Un valido strumento didattico per chi impara e per chi insegna. Idee chiave su cui concentrarsi Ci aiutano a condividere con altri, processi di pensiero rendendoli più potenti.

3 Come si costruisce una mappa concettuale E' necessario conoscere alcune idee fondamentali della teoria cognitiva di Ausubel: Bisogna innanzitutto organizzarla partendo da un concetto chiave che a volte corrisponde ad un contenuto disciplinare. estrarre concetti più inclusivi e quelli meno inclusivi posizionandoli sui rami della mappa. I concetti vanno racchiusi negli ovali che danno l'idea del processo continuo,e indicano che i concetti non sono mai appresi in modo definitivo,ma continuano a essere appresi e modificati. Tra un concetto e l'altro,poi,è necessario inserire le parole legame che formano la struttura delle proposizioni.

4 All'inizio il compito di strutturare una mappa concettuale è complesso. Per questo motivo è essenziale prevederne una struttura graduale,accompagnando ogni sequenza di lavoro con la discussione per dare la possibilità a ogni bambino di esporre il reticolo concettuale cui è pervenuto. E se questo avviene sin dalle prime classi,il successo è assicurato!

5 Secondo Novak: Le mappe concettuali sono strumenti per l'organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo l' integrazione della conoscenza. Gli studenti che le usano,acquisiscono un apprendimento significativo. Perché le mappe concettuali... e stili cognitivi diversi Ogni mappa riflette lo stile cognitivo di chi la produce.... e capacità diverse Ogni mappa può essere potenziata e migliorata. Per chi ha ritmi diversi Una singola parola-chiave si scrive più rapidamente di un testo Non è affatto necessario scrivere tante parole-chiave subito Una mappa può crescere per volere del suo autore Una mappa può espandersi nel tempo

6 Attività di ricerca collettiva. Esempi di mappe concettuali

7 Il merlo Attività di ricerca collettiva Ognuno di noi ha portato informazioni sul merlo,per rispondere alla domanda dell'esperto: Come nidifica il merlo? Leggiamo le informazioni (Lettura silenziosa) Sottolineiamo quelle che ci servono per completare la Mappa concettuale predisposta (classe divisa a gruppi:un gruppo per argomento) 123

8 MERLO CARATTERISTICHE FISICHE COME SI NUTRE COME SI RIPRODUCE ABITUDINI DI VITA DOVE VIVE

9 – Lungo 25cm – Piumaggio nero lucido – Becco arancione – Zampe rossicce – Pesa 75 gr – 115 gr – Colore della femmina marroncino – Diffidente – Non migra, – Vive libero – Habitat naturale è il bosco – Si è adattato a vivere anche in città e parchi urbani. – E' insettivoro – E' goloso di frutta,bacche,brici ole di pane,vermi e lombrichi – Nidifica su siepi e cespugli sempre verdi – Vi depone da 3 a 5 uova – Cova per 13/14 giorni – Uova di colore celeste screziato di marrone rossiccio – Nido costruito dalla femmina,aiutata dal maschio che porta il materiale. – 3 covate l'anno. MERLO CARATTERISTICHE FISICHE COME SI NUTRE COME SI RIPRODUCE ABITUDINI DI VITA DOVE VIVE Si nasconde se spaventato

10 Il nostro viaggio nel passato si è concluso Cosa abbiamo scoperto? Esempio di mappa utile per riepilogare un intero percorso di studio

11 Possiamo avere notizie del passato con: reperti e fossili, per un passato più remoto, testimonianze,docu menti scritti, L' Evoluzione dell'uomo Il neolitico Il lungo periodo della preistoria Il paleolitico Il mesolitico Abbiamo scoperto La storia della nascita della terra e della vita. Storia dei dinosauri FOSSI LI

12 Come organizziamo il lavoro Ci dividiamo in gruppi Raccolta di libri e schede a carattere scientifico con informazioni sulle api. Scelta degli argomenti da parte di ogni gruppo Divisione del materiale Scelta dei ruoli (chi detta,chi scrive,chi legge) Ricerca delle informazioni utili (le abbiamo evidenziate) sui testi Copia,su un foglio,delle informazioni con delle modifiche (brutta copia) Conclusione 1) Uno o più bambini di ogni gruppo ha copiato la ricerca al computer e ha stampato le copie per altri componenti del gruppo. 2) Sono state aggiunte anche delle immagini. Un membro di ogni gruppo relaziona agli altri gruppi la propria ricerca. 3) gli altri gruppi ascoltano e prendono appunti utili. 4) Viene compilata una mappa di riepilogo delle argomentazioni trasmesse dai vari gruppi. Attività di ricerca in apprendimento cooperativo

13 E' un insetto,il suo ciclo di crescita è uguale a quello dei moscerini. Il suo corpo è formato da: 6 zampe,borsa melaria, addome,torace, ghiandola velenifera, pungiglione, ali, antenne, occhi composti, proboscide Caratteristiche fisiche Come produce il miele Abitudini di vita Vivono nei favi, o nelle arnie. Pungono per difesa. Comunicano tra di loro con le antenne, il luogo c'è del cibo e la quantità. Come produce il miele Come si riproduce Come vive- Organizzazione sociale Vive in gruppo (sciame) ben organizzato: ogni ape del gruppo ha un compito ben preciso. Ape operaia - Ape nutrice - Ape mellifera - Ape ventilatrice- Ape regina - Il fuoco (Il maschio) LE API

14 Lalunno potrà: imparare a farsi delle domande attivare le risposte corrette che stanno al di sotto delle rispettive finestre controllare da solo lesattezza e la completezza delle risposte interiorizzare, a poco a poco, le domande da porsi parlare dellargomento partendo dalla finestra che vuole ripetere (oralmente) stabilendo i collegamenti in modo autonomo aggiungere informazioni a quelle presenti attraverso ricerche mirate Ricadute sugli alunni Tutti gli alunni (con o senza disturbo di apprendimento) utilizzeranno la mappa come appunti per la memoria ai quali agganciare altre conoscenze già possedute. Gli alunni con difficoltà impareranno a eseguire relazioni (orali e scritte) anche se i loro testi non si discosteranno molto dalla mappa predisposta.


Scaricare ppt "Come presentare agli alunni le mappe concettuali Presentazione Ins. R. Bartoletti SC. PR. L. Da Vinci IS.C. Gandhi."

Presentazioni simili


Annunci Google