La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© Copyright 2008-2010 Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Convegno "La sicurezza in dogana Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© Copyright 2008-2010 Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Convegno "La sicurezza in dogana Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario."— Transcript della presentazione:

1 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Convegno "La sicurezza in dogana Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Dr. Marco Marsili Roma, 19 luglio 2011 Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Le novità dal 1° luglio 2011 e oltre …

2 Modifiche al Codice/DAC - Normativa di riferimento 2 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione 1.Reg. CE 648/2005 – Modifiche al codice doganale 2.Reg. CE 1875/2006–Modifiche alle DAC 3.Reg. CE 273/2009 –Modifiche alle DAC 4.Reg. CE 312/2009 –Modifiche alle DAC 5.Reg. CE 414/2009 –Modifiche alle DAC 6.Reg. UE 430/2010 –Modifiche alle DAC 7.Linee Guida sullesportazione e uscita (Reg. CE 648/05) 8.Linee Guida sullentrata e dichiarazione sommaria (Reg. CE 648/05)

3 Linee guida comunitarie e norme nazionali 3 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Il Comitato del Codice doganale – Sezione formalità allimportazione e allesportazione ha predisposto le linee guida per ICS ed ECS (guide operative per lapplicazione dei regolamenti inerenti la sicurezza). Sono inoltre disponibili gli scenari operativi e le FAQ, allegate alle linee guida. A livello nazionale: Nota n° del 27 dicembre 2010 della Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Circolare 18/D del 29 dicembre 2010 (DCGT) Circolare 19/D del 30 dicembre 2010 (DCGT) Circolare 20/D del 30 giugno2011 (DCTI)

4 Progetto ICS: nuovi adempimenti 4 Sulla ENS viene effettuata lanalisi comune del rischio ai fini Safety & Security (medesimi profili per 27 i Paesi Membri). In relazione al grado di rischio: 1.do not load (non previsto per trasporto aereo) 2.controllo al primo porto comunitario 3.controllo al porto di effettivo sbarco della merce 4.nessun controllo © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Loperatore economico trasmette la ENS, in base alla tempistica prevista, e riceve il relativo MRN. La dichiarazione deve contenere i dati identificativi del mezzo di trasporto (codice IMO/ENI o identificativo IATA del volo).

5 Il codice EORI inserito nel record di testa del file telematico ENS deve coincidere con il codice EORI inserito nel campo Rappresentante del trader o Soggetto che trasmette la ENS/EXS – Dichiarante/Rappresentante. Gli utenti già accreditati al servizio telematico doganale (STD) con altri codici, diversi dallEORI, potranno continuare ad utilizzarli, purché associati al codice EORI indicato nei campi suddetti. Lentrata delle merci – La ENS 5 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

6 La ENS può contenere fino a 999 item (articoli/singoli) ognuno dei quali è riferito ad una merce con elementi omogenei (origine, destinatario, ecc.). Ogni singolo item può contenere fino a 99 container (ad esempio un carico di tonnellate di piastrelle ripartito su più container ma con stesso mittente, destinatario e origine). Ogni mezzo di trasporto può contenere da 1 a n ENS: alcuni operatori potrebbero predisporre una Ens per ogni singola spedizione o container! Lentrata delle merci – La ENS 6 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

7 In risposta il Servizio Telematico Doganale invia al dichiarante un messaggio ICNTRL di avvenuta ricezione della dichiarazione, contenente data, ora di elaborazione e il numero di messaggi elaborati. Dopo lelaborazione della dichiarazione il sistema invia un messaggio di risposta IRISP (IE328), contenente il relativo MRN (Movement Reference Number).Servizio Telematico Doganale Tale messaggio sarà disponibile tramite laccesso al Servizio Telematico Doganale (STD) anche per il vettore (o suo rappresentante), se questultimo: 1) è dichiarato nella ENS ed è ha un codice EORI valido; 2) è un soggetto diverso rispetto a quello che ha inviato lENS 3) è autorizzato al STD. Si informerà il soggetto che presenta l'ENS e il vettore (o al suo rappresentante) nel caso in cui le merci non devono essere caricate sulla nave (invio messaggio DO NOT LOAD (IE351)). Un nuovo Irisp sarà inviato (in sostituzione del precedente) entro le 24 ore dalla registrazione della ENS. Lentrata delle merci – La risposta alla ENS 7 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

8 Import: i flussi informativi 8 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

9 Quando è comunicato il MRN - Novità 9 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Se la ENS inviata per via telematica è corretta, il MRN (Movement Reference Number) è comunicato immediatamente alloperatore senza distinzione per tipo di trasporto o provenienza. Quando una ENS inviata telematicamente è corretta e si riferisce ad un trasporto via mare containerizzato a lungo raggio, alloperatore economico, entro un massimo di 24 ore, potrebbe essere notificato il messaggio do not load. In presenza di rettifiche, il limite di 24 ore si riferisce alla prima ENS trasmessa.

10 Indicazione codice e descrizione merce 10 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Si raccomanda di indicare preferibilmente sia il codice merce di almeno a 4 cifre sia la descrizione delle merci nel campo "Goods description, in quanto ciò permetterà di effettuare con maggiore precisione lanalisi ai fini sicurezza, evitando possibili controlli ingiustificati provocati dalla genericità di uno solo dei suddetti campi. A livello comunitario sarà prossimamente prevista lobbligatorietà dellindicazione del codice delle merci a 6 cifre. Per la descrizione della merce (campo n° 8 del messaggio ENS1-Continuazione del messaggio ENS) sarà valida anche la lingua inglese.

11 Si verifica una diversione quando il mezzo di trasporto arriva in uno stato membro diverso da quello dove si trovano lufficio di primo ingresso o quelli seguenti dichiarati nella ENS. Non appena la decisione di deviare è confermata, il vettore (o il rappresentante) invia all'ufficio di entrata dichiarato la richiesta di diversione DIV. Per poter realizzare tale invio il soggetto deve avere un codice EORI valido, da dichiarare nella richiesta, e deve essere collegato al sistema AIS dello stato membro dove si trova lufficio di primo ingresso dichiarato. Dopo la diversione non è possibile rettificare la ENS. La richiesta di diversione deve contenere: - nuovo ufficio di primo ingresso - ufficio di primo ingresso dichiarato; - gli elementi che consentono una identificazione univoca del mezzo di trasporto (Entry Key) per consentire ad AIDA di identificare le ENS relative. Lentrata delle merci – La diversione 11 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

12 Ai sensi del Reg. (CE) n. 312/2009 (art. 184 octies) il gestore del mezzo di trasporto attivo in entrata nel territorio doganale della Comunità o il suo rappresentante notifica alle autorità doganali del primo ufficio doganale di entrata larrivo del mezzo di trasporto. Progetto ICS: la notifica di arrivo 12 IN ITALIA: dal 1 gennaio 2011 il MMA, completato con i riferimenti delle dichiarazioni sommarie di entrata (MRN – ITEM NUMBER), costituisce la notifica di arrivo, la presentazione delle merci e la dichiarazione di introduzione in temporanea custodia..... senza ulteriori adempimenti per gli operatori economici. © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Nei dati generali del MMA è obbligatorio indicare il codice identificativo del mezzo di trasporto (IMO/ENI o lID volo) e la data di arrivo prevista, al fine di identificare le ENS ad esso associate.

13 Modifiche a livello nazionale – MMA ver © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione A seguito di quanto definito a livello comunitario sono state modificate le descrizioni di alcuni campi del tracciato del manifesto merci in arrivo e le regole e condizioni relative. La struttura del tracciato non è stata modificata per evitare impatti sui sistemi degli operatori. Lentry Key è costituita da: 1.tipologia del mezzo di trasporto 2.codice IMO o Codice identificativo volo (IATA) 3.data di arrivo prevista al primo porto/aeroporto dichiarato di ingresso nel territorio doganale della Comunità Una volta definite tali informazioni devono essere comunicate a tutti gli attori del processo (responsabile del MMA oltre che al carrier).

14 Gestione dellEntry Key 14 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione LEntry Key deve, inoltre, essere comunicata a coloro i quali devono presentare ulteriori ENS, nel caso in cui sul mezzo di trasporto venga imbarcata nuova merce presso scali extracomunitari, effettuati dopo la partenza e prima dellingresso nel territorio della comunità. In tale circostanza, se il mezzo di trasporto non possa rispettare la data di arrivo prevista presso lufficio doganale di primo ingresso nella comunità europea (indicata nelle ENS trasmesse allinizio del viaggio), è possibile: 1.trasmettere le nuove ENS indicando la data di arrivo prevista, già indicata nelle ENS iniziali, anche se precedente rispetto alla registrazione della stessa dichiarazione. Nel manifesto devono essere indicate la data prevista della entry key della ENS e la data di arrivo prevista al porto italiano di presentazione del MMA nei rispettivi campi del tracciato del manifesto. 2.trasmettere le ENS aggiuntive e rettificare le ENS iniziali, indicando la nuova data di arrivo;

15 Al fine di garantire la coerenza della Entry Key, è stata rilasciata una modifica dellapplicazione A.I.S. – I.C.S. per consentire agli operatori di inviare una dichiarazione sommaria dentrata (ENS), o una richiesta di rettifica (RENS) o una richiesta di diversione (DIV), in cui sia indicata lEDA (data di arrivo prevista – parte della Entry Key), anche precedente rispetto alla registrazione della stessa dichiarazione. Gestione dellEntry Key 15 Rimozione dei controlli formali sulla data di arrivo prevista © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

16 Gestione dellEntry Key 16 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione In caso di mancata o di errata comunicazione della Entry key, il MMA non è accettato. Se per un mezzo di trasporto fossero, per errore, presentate ENS recanti Entry Key diverse, possono essere presentati più manifesti (uno per ogni Entry Key) che devono essere presentati contemporaneamente alla dogana e considerati come parti di un unico manifesto.

17 Novità a livello nazionale – codici Paesi 17 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione A seguito di un allineamento con le tabelle Comunitarie, nei messaggi ENS, RENS e DIV non potranno più essere utilizzati i seguenti codici Paese, in quanto non più validi: AX – Isole Aland; EH – Sahara Occidentale; GF – Guyana Francese; GP – Guadalupa; MC – Montecarlo; MQ – Martinica; PR – Portorico; RE – La Reunione; RS – Serbia; SJ – Isole Svalbard.

18 Novità a livello nazionale – numero di pratica 18 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Al fine di migliorare la gestione della convalida dei Manifesti Merci in Arrivo e in Partenza, presentati progressivamente nei giorni precedenti alla loro chiusura/convalida, è stata rilasciata una modifica dellapplicazione CARGO. Il numero pratica dei MMA e dei MMP assegnato dal dichiarante ed inserito nella parte fissa del tracciato dei manifesti (Idoc), non viene più azzerato allinizio di ogni anno, ma è gestito con un progressivo unico per ogni firmatario. Pertanto, allatto della presentazione dei manifesti, non può essere indicato un Numero pratica già utilizzato nel corso degli anni precedenti. A tal fine, oltre ad utilizzare un numero progressivo unico, potrebbe ad esempio essere anteposto al Numero pratica lanno di riferimento (Numero pratica = ), tenendo conto che il campo in questione ha unestensione di 32 caratteri.

19 Novità a partire dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Nei casi di deroga alla presentazione della ENS, previsti allart. 181 quater delle Disposizioni di Attuazione del Codice, e per le merci trasportate nellambito di viaggi nave o voli comunitari, il responsabile del manifesto deve indicare nel campo Deroga alla presentazione della ENS del record B, del tracciato dei MMA, il valore S. A partire dal 1° luglio 2011, il valore G (grace period), è utilizzabile solo per le merci imbarcate entro il 30 giugno 2011 a prescindere dalla data di effettivo arrivo.

20 Obblighi dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione A partire dal 1° luglio 2011, termine del periodo transitorio previsto per gli operatori economici per la deroga alla presentazione dei dati sicurezza nelle ENS, le partite di merce in sbarco non corredate dai riferimenti delle relative ENS (MRN e item), e non oggetto delle deroghe previste (per le quali deve essere utilizzato il flag deroga = S), non sono autorizzate allo sbarco e pertanto non sono dichiarabili nel MMA elettronico. Sarà cura degli operatori economici che gestiscono il trasporto sincerarsi dellavvenuta presentazione delle ENS per le merci trasportate o procurarsi le informazioni necessarie per la compilazione della ENS.

21 Periodo transitorio dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Comunque al fine di evitare agli operatori economici, nelle fase iniziali di avvio dellICS, un ritardo nelleffettuazione delle operazioni di sbarco, per un periodo transitorio di 3 mesi da tale termine, le partite di cui sopra dovranno essere inserite in una lista da allegare al frontespizio del MMA presentato dopo la chiusura del manifesto, come indicato al punto 1.4 di cui sopra. Tale lista costituisce la richiesta transitoria di autorizzazione allo sbarco, anche in assenza di informazioni sicurezza, fermo restando che tali partite dovranno essere regolarizzate immediatamente così come indicato dallart 184 quater delle DAC che prevedono che il soggetto che ha assunto la responsabilità del loro trasporto nel territorio doganale della Comunità è tenuta a presentare immediatamente una dichiarazione sommaria di entrata.

22 Periodo transitorio dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Successivamente il responsabile del MMA deve integrare il manifesto elettronico con le partite regolarizzate fornendone il MRN e litem della ENS negli appositi campi del tracciato del MMA. La convalida di tale integrazioni deve essere effettuata in dogana e in tale momento verrà esplicitato il risultato dellanalisi ai fini sicurezza condotta dal competente ufficio per ognuna delle partite registrate. Resta inteso che dal 1° ottobre 2011 le partite non corredate da ENS non sono autorizzate allo sbarco se non dopo la regolarizzazione delle stesse (presentazione della ENS ed integrazione del MMA, entrambe in formato elettronico)

23 Periodo transitorio dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Al fine di evitare tali situazioni che rallenterebbero lintero processo, si evince che si rende necessario una maggiore interazione e scambio di informazioni tra i diversi attori coinvolti nella catena commerciale per ottemperare ai nuovi obblighi comunitario ed evitare rallentamenti dei traffici dovuti ad una carente informazione trasmessa a valle del processo dove è invece necessaria una rapida movimentazione della merce nella aree portuali ed aeroportuali a seguito dello sbarco della merce con leventuale svincolo per lassoggettamento al successivo regime o posizione doganale.

24 Procedure di soccorso dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Se lapplicazione informatica delloperatore economico non è funzionante, la procedura prevede o la presentazione della dichiarazione cartacea o la presentazione della dichiarazione su supporto informatico. In tal caso i dati della dichiarazione devono essere registrati su supporto informatico secondo i tracciati dei messaggi ENS (cfr. Appendice del manuale utente del servizio telematico: Tracciati record Dichiarazioni Doganali - tracciati unificati) e preceduti dai campi previsti per la presentazione su floppy disk (cfr. Assistenza online per i servizi dellAgenzia delle Dogane), con lavvertenza che il campo codice operatore solo per le predette dichiarazioni è stato ampliato a 17 caratteri. Il funzionario doganale con lausilio delle funzionalità presenti (per la ENS linea di lavoro: Dogane / Dichiarazioni Sommarie / Entrata / Acquisizione da supporto esterno) provvederà a registrare la dichiarazione in A.I.D.A.

25 Procedure di soccorso dal 1° luglio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Se lapplicazione informatica delloperatore economico non è funzionante al momento dellarrivo della nave e non è possibile inviare il MMA per via elettronica o presentarlo tramite supporto esterno, loperatore economico presenterà in dogana il manifesto in forma cartacea riportando esattamente i dati dellEntry Key così come dichiarati nelle ENS corrispondenti. Con tali informazioni lufficio doganale, previa verifica a sistema, informa loperatore economico degli eventuali controlli necessari ai fini sicurezza.

26 Nuovi sviluppi progetto CARGO © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Per il colloquio con i gestori dei magazzini di A3/zone franche/terminal container è stata rimossa, dal 22 giugno 2011, la firma digitale per facilitare la comunicazione velocizzando gli adempimenti necessari allinvio delle richieste al sistema. Dal 11 luglio 2011 è disponibile anche per i gestori dei depositi franchi il messaggio relativo al risultato dello sbarco/imbarco (eccedenze/mancanze/partite franche non sbarcate/imbarcate), previsto dal colloquio T.C. e si può utilizzare il messaggio telematico AP anche per la generazione delle partite franche PF. Al fine di migliorare la gestione del Manifesti Merci in Partenza, è prevista entro fine anno la modifica dellapplicazione CARGO che prevede la possibilità di indicare tutti i tipi di documenti cartacei per merce da imbarcare (ATA, CIM, ecc.) nel record N. Sarà predisposto un tracciato dedicato alle EXS (record S), mentre i record D e F sono, come noto, dedicati agli MRN delle operazioni in ambito ECS e NCTS.

27 Nuovi sviluppi AIDA © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Al fine di migliorare la velocità di trasmissione delle dichiarazioni al servizio telematico doganale (STD) è in fase di sperimentazione la connessione via web service che pertanto si basa su connessione a banda larga. Alcuni operatori economici stanno effettuando i test necessari per poter rilasciare lapplicazione in ambiente reale.

28 28 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione La convalida del manifesto sarà effettuata con linvio del record Z di chiusura del MMA: nelle more dellintroduzione della firma digitale per il MMA occorre presentare in dogana una copia sottoscritta del frontespizio del manifesto. Al momento della convalida del MMA la partita A3 si troverà in uno dei seguenti stati: Svincolabile: la partita è associata allITEM di una ENS che non richiede controllo sicurezza. In attesa di esito: la partita è in attesa di verifica Safety & Security, perché lattività di valutazione del rischio della ENS associata alla partita ancora non è terminata (MRN – Item ancora sul pannello di Monitoraggio delle dichiarazioni sommarie). Il MMA dal 1° gennaio 2011

29 29 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Dichiarabile ma non svincolabile: la partita è soggetta a un controllo sicurezza ma è dichiarabile al fine di permettere, ove ricorra il caso, di unificare in un solo momento i controlli sicurezza con gli eventuali controlli doganali. Dopo linserimento dellesito del controllo sul pannello di monitoraggio da parte dellufficio, la partita diventerà svincolabile o, in caso di esito positivo, saranno poste in essere le azioni del caso. Non Dichiarabile: la partita è soggetta a un controllo sicurezza immediato (rischio molto alto). Dopo linserimento dellesito del controllo sul pannello di monitoraggio da parte dellufficio, la partita diventerà svincolabile o, in caso di esito negativo, saranno poste in essere le azioni del caso. Il MMA dal 1° gennaio 2011

30 30 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Il responsabile del manifesto dovrà monitorare gli aggiornamenti dei record di risposta del servizio telematico doganale per verificare le variazioni dello stato delle A3. Le A3 cambiano stato : a seguito dellesito del controllo (il funzionario doganale inserisce a sistema il risultato) a seguito della valutazione del rischio e dellesito del controllo Il MMA dal 1° gennaio 2011

31 31 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Le operazioni di rettifica ed integrazione del Manifesto delle Merci in Arrivo sono disponibili alloperatore economico tramite messaggi telematici. Prima dellinvio del record Z di chiusura, che convalida il MMA, le suddette operazioni sono effettuate automaticamente (senza alcun intervento della dogana). Dopo linvio del record Z di chiusura le operazioni di rettifica ed integrazione saranno possibili secondo le modalità previste e comportano lapprovazione dellUfficio Manifesti. Lufficio doganale potrà richiedere la documentazione relativa anche per via elettronica.

32 Il MMA dal 1° gennaio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Lintegrazione (aggiunta) di nuove righe nel MMA, dopo la convalida/chiusura, richiede lintervento della dogana, che dovrà procedere allapprovazione delle integrazioni secondo le nuove modalità (esecuzione dei controlli Safety & Security). Nellintegrazione il riferimento alla coppia MRN-ITEM NUMBER è obbligatoria a meno dei casi di deroga, pena il suo respingimento. NB: Lannullamento di righe del MMA deve essere sempre richiesto in dogana.

33 ICS in Italia 33 Soggetto obbligato (art. 36 ter, par. 3 e 4 del Reg. (CE) 648/2005: chi introduce le merci / chi assume la responsabilità del trasporto / chi presenta le merci alla dogana / rappresentante dei soggetti di cui sopra) Presenta la Dichiarazione Sommaria di Entrata (ENS) Soggetto obbligato (art. 36 ter, par. 3 e 4 del Reg. (CE) 648/2005: chi introduce le merci / chi assume la responsabilità del trasporto / chi presenta le merci alla dogana / rappresentante dei soggetti di cui sopra) Presenta la Dichiarazione Sommaria di Entrata (ENS) Responsabile MMA Invia lMMA facendo riferimento ad ogni riga allMRN – ITEM della ENS Responsabile MMA Invia lMMA facendo riferimento ad ogni riga allMRN – ITEM della ENS AIDA Genera MRN AIDA Genera MRN MRN MRN - ITEM Le partite A3 convalidate assumeranno uno dei seguenti stati: Responsabile MMA Convalida lMMA. Responsabile MMA Convalida lMMA. © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione A3 Svincolabile A3 In attesa di esito Il responsabile del manifesto dovrà monitorare gli aggiornamenti dei record di risposta del servizio telematico doganale per verificare le variazioni dello stato delle A3 A3 Non dichiarabile A3 Dichiarabile ma non svincolabile

34 June 2011

35

36 From to

37 37 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione ICS fase 1 - ENS REGISTRATE NEGLI AEROPORTI ITALIANI fino al 1° luglio 2011

38 38 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione ICS - MEDIA GIORNALIERA ENS REGISTRATE NEGLI AEROPORTI CONFRONTO PRIMA E DOPO IL GRACE PERIOD

39 Direzioni Regionali Interregionali MMP Percentuale manifesti telematici 2010 (IV° Trimestre) Percentuale manifesti telematici 2011 (I° Trimestre) Variazione % SICILIA 42,29% 98,90%+56,62% TOSCANA SARDEGNA UMBRIA 25,43% 99,45%+74,02% EMILIA ROMAGNA MARCHE 9,03% 97,24%+88,20% VENETO-FRIULI31,23% 86,17%+54,94% LAZIO ABRUZZO 39,32% 66,85%+27,54% CAMPANIA- CALABRIA 67,79% 99,93%+32,13% PUGLIA- BASILICATA 9,81% 87,43%+77,61% LIGURIA49,13% 96,62%+47,49% TOTALE 32,09% 93,61%+61,52% CARGO – PORTI VARIAZIONE MMP TELEMATICI TRA IL IV° TRIMESTRE 2010 E IL I° TRIMESTRE 2011

40

41 CARGO – AEROPORTI VARIAZIONE MMA TELEMATICI TRA IL IV° TRIMESTRE 2010 E IL I° TRIMESTRE 2011 Direzioni Regionali Interregionali MMA Percentuale manifesti telematici 2010 (IV° Trimestre) Percentuale manifesti telematici 2011 (I° Trimestre) Variazione % PIEMONTE 0,00%98,84%+98,84% SICILIA 9,71%98,35%+88,64% EMILIA ROMAGNA MARCHE 0,08%74,45%+74,37% VENETO-FRIULI88,84%99,62%+10,78% TOSCANA-SARDEGNA UMBRIA 0,00%29,86%+29,86% CAMPANIA-CALABRIA3,37%100,00%+96,63% PUGLIA-BASILICATA0,00%9,84%+9,84% LOMBARDIA10,07%53,90%+43,83% LAZIO-ABRUZZO6,19%75,23%+69,04% LIGURIA30,25%100,00%+69,75% TOTALE 19,73%68,79%+49,05%

42

43 CARGO – AEROPORTI VARIAZIONE MMP TELEMATICI TRA IL IV° TRIMESTRE 2010 E IL I° TRIMESTRE 2011 Direzioni Regionali Interregionali MMP Percentuale manifesti telematici 2010 (IV° Trimestre) Percentuale manifesti telematici 2011 (I° Trimestre) Variazione % PIEMONTE 0,00%80,26%+80,26% SICILIA 0,00%75,00%+75,00% EMILIA ROMAGNA MARCHE 12,59%62,83%+50,24% VENETO-FRIULI15,08%98,31%+83,23% TOSCANA SARDEGNA-UMBRIA 0,00%9,47%+9,47% CAMPANIA- CALABRIA 3,23%98,95%+95,73% PUGLIA-BASILICATA0,00% +0,00% LOMBARDIA75,93% 92,29% +16,36% LAZIO-ABRUZZO94,57%98,49%+3,92% LIGURIA4,86%99,73%+94,87% TOTALE 64,48%92,71%+28,23%

44

45 45 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione MMA – AEROPORTI maggio 2011

46 46 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione MMP – AEROPORTI maggio 2011

47 47 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione MANIFESTI MERCE IN ARRIVO PROVENIENZA EXTRA-UE PERIODO 4-12 LUGLIO Aeroporto Numero MMA con provenienza extra-UE Numero righe B (merce in sbarco) presenti nel MMA Numero righe B (merce in sbarco) presenti nel MMA con flag deroga S Percentuale righe B con deroga 'S' PISA51100% GENOVA1100% VENEZIA % BOLOGNA164624,35% ORIO AL SERIO ,02% MALPENSA ,88% FIUMICINO ,99% TORINO1100% TOTALE ,22%

48 Innovare per semplificare 48 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Come semplificare? Nuovo processo di export Dichiarazione di esportazione o EXS MMP Notifica di arrivo Il Manifesto Merci in Partenza (MMP) svolge anche le nuove funzioni richieste dallemendamento sicurezza. MMP : notifica di arrivo allufficio di uscita, OK allimbarco

49 Per luscita delle merci dal territorio doganale della Comunità è richiesta la comunicazione dei dati sicurezza (dati dellallegato 30 bis del Regg. (CE) n. 1875/2006 e 312/2009) da indicare nella Dichiarazione di esportazione (Msg. ET). Progetto ECS: nuovi adempimenti 49 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Quando merci destinate a uscire dal territorio doganale della Comunità non sono oggetto di una dichiarazione di esportazione deve essere presentata una dichiarazione sommaria di uscita. Linvio telematico della EXS sarà obbligatorio a partire dal 1° gennaio 2012 (termine del periodo di grazia). I vettori (compagnie di navigazione, vettori aerei) possono procedere al carico dopo lautorizzazione della dogana che è tenuta a verificare che ogni spedizione sia corredata da MRN SICUREZZA (MRN collegato ad EXS, ET, ENS in caso di transhipment) ed ad eseguire gli eventuali controlli presso lufficio di uscita....

50 Progetto ECS: nuovi adempimenti 50 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Le specifiche funzionali di ECS fase 2 prevedono che il vettore invii un messaggio elettronico allufficio di uscita per notificare larrivo della merce, che è dunque resa disponibile per un eventuale controllo di sicurezza. La dogana può esigere la notifica di arrivo elettronica ed in tal caso sostituisce la presentazione del DAE cartaceo (art. 796 DAC). In Italia, in coerenza con le linee guida comunitarie ed allo scopo di evitare duplicazioni di adempimenti, si è deciso di utilizzare il manifesto merci in partenza (MMP), inviato per via telematica e in modo progressivo, in luogo del messaggio di notifica di arrivo presso lufficio di uscita. Il tracciato del MMP (versione 4.1) prevede la possibilità di far riferimento nel record D (merce in esportazione) a: MRN della dichiarazione di esportazione (Msg. ET) già contenente le informazioni di sicurezza; oppure nel record E (merce in transhipment) a: MRN – ITEM Number della EXS, in caso di transhipment dopo 14 giorni lavorativi;

51 Luscita delle merci dal 1° gennaio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione A seguito delliscrizione delle partite di merce su MMP la dogana autorizza tacitamente il rilascio in sicurezza per luscita dal territorio comunitario (autorizzazione allimbarco) oppure comunica espressamente che la partita è: In attesa di esito: attività di valutazione ancora in corso sul pannello di Monitoraggio delle dichiarazioni sommarie; Da controllare: il MRN è inserito nel pannello di monitoraggio Safety & Security. Le risposte inviate dal STD si aggiornano in base alle attività di valutazione e controllo svolte dalla dogana.

52 Luscita delle merci dal 1° gennaio © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione La convalida del manifesto delle merci in partenza avviene inviando il record H di chiusura del manifesto. Il record H dovrà essere inviato separatamente dalle righe di dettaglio che compongono il manifesto stesso, poiché costituirà richiesta di convalida (il record H deve dunque essere inviato a ridosso delleffettiva partenza del mezzo, affinché il MMP rispecchi il carico effettivamente imbarcato). Se al momento della convalida del manifesto sono in corso dei controlli Safety & Security, la dogana comunica le partite che non possono essere imbarcate, che vengono automaticamente annullate dal manifesto.

53 MRN - ITEM MRN ECS in Italia 53 Dichiarante Presenta la Dichiarazione di Esportazione Dichiarante Presenta la Dichiarazione di Esportazione Responsabile MMP Invia lMMP (notifica di arrivo allufficio di uscita) quando la merce raggiunge gli spazi doganali, indicando lMRN della dichiarazione o lMRN – ITEM della EXS Responsabile MMP Invia lMMP (notifica di arrivo allufficio di uscita) quando la merce raggiunge gli spazi doganali, indicando lMRN della dichiarazione o lMRN – ITEM della EXS AIDA Genera MRN AIDA Genera MRN MRN Dogana Comunica se la merce iscritta a manifesto può essere imbarcata (autorizzazione allimbarco) o necessita di un controllo sicurezza Dogana Comunica se la merce iscritta a manifesto può essere imbarcata (autorizzazione allimbarco) o necessita di un controllo sicurezza © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Soggetto obbligato Presenta la Dichiarazione Sommaria di Uscita (EXS) Soggetto obbligato Presenta la Dichiarazione Sommaria di Uscita (EXS) Luscita delle merci dal territorio comunitario è preceduta da una delle seguenti attività: Il responsabile del manifesto dovrà monitorare gli aggiornamenti dei record di risposta del servizio telematico doganale per verificare se la merce soggetta a un controllo sicurezza può essere imbarcata Responsabile MMP Convalida MMP prima della partenza del mezzo di trasporto Responsabile MMP Convalida MMP prima della partenza del mezzo di trasporto

54 Facilitazioni per gli AEO in materia sicurezza 54 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione 1.Specifiche condizioni presenti sui tracciati relativi ai messaggi ICS ed ECS per gli aspetti sicurezza – indicatore di circostanze particolari = E. Far riferimento allAllegato 30 bis delle DAC e alle regole e condizioni comunitarie relative ai messaggi ICS pubblicate sul sito nella sezione e-cutoms.it alla voce ICS-AIS. 2.Priorità nelleffettuazione dellanalisi dei rischi sicurezza (S&S). 3.Priorità, ove possibile, nellesecuzione dei controlli S&S. 4.Possibile abbattimento del rischio che tiene conto dellelemento soggettivo, come già realizzato per i controlli doganali.

55 Pagamento con Bonifico Bancario 55 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Le tappe per lattivazione dei pagamenti elettronici: 1.Le applicazioni in AIDA sono già state realizzate 2.La Determinazione Direttoriale è stata predisposta ed è in attesa del visto della Ragioneria Generale dello Stato e della Banca dItalia. 3.Una volta pubblicata in Gazzetta il sistema sarà operativo entro 60 giorni. 4.Sono in via di predisposizione le linee guida per gli operatori che saranno condivise con le associazioni nazionali di categoria prima della loro pubblicazione.

56 56 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Pagamento dei diritti doganali tramite bonifico bancario Prenota i pagamenti in scadenza sul conto di debito utilizzando la nuova funzionalità di Gestione on-line del Bonifico sul STD Rilascia Ricevuta di Prenotazione di pagamento (es n° 6/2010) Effettua il bonifico CAUSALE = Nr. conto di debito + Nr. Prenotazione ES. CD= 1234S Invia flusso telemati co dei Bonifici ricevuti Invio dati relativi al bonifico Quietanza Prenota versamento (Denaro + Nota di Credito) quietanza Prenota versamento S E P A (Single Euro Payments Area) S I P A (Sistema Informatizzato dei Pagamenti della PA) S I P A (Sistema Informatizzato dei Pagamenti della PA) RICONCILIAMENTO AUTOMATICO BONIFICI – Quietanzamento automatico degli A93 a sistema e riaccredito somme su conto di debito Versamenti contanti + POS 2011

57 MASP: il piano di attuazione di e-customs 57 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione 57 EORI/AEO ICS Fase 1 NCTS ECS Fase 2 EORI/AEO Integrated Tariff Environment Single Electronic Acces Point Progetti già operativi NCTS: New Computerised Transit System ECIP AIS NCTS-TIR AES ECS Fase 1 SASP Registered Exports System ECS 1: Export Control System Fase 1 ECS Fase 2: Export Control System NCTS-TIR Customs Risk Management Framework ICS Fase 1: Import Control System 1° Gennaio ° Luglio 2009 NCTS Fase 4 NCTS Fase 4 Integrated Tariff Environment AIS: Automated Import System AES: Automated Export System ECustoms Information Portal SASP: Single Authorization for Simplified Procedures © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

58 E-customs e il Codice Doganale Modernizzato 58 A seguito del trattato di Lisbona il codice doganale modernizzato (MCC – Reg. 450/2008) e le redigende DAC (IP) devono essere riviste. Contestualmente sono state proposte dallItalia e da altri Paesi delle modifiche concernenti la temporanea custodia che assimilata alle dichiarazioni doganali e inserita nelle procedure speciali sarebbe stata di complessa gestione. Le DAC saranno predisposte in 2 atti formali nel rispetto del trattato di Lisbona (atti delegati e atti di implementazione). Nelle modifiche al MCC sarà pertanto indicata una nuova data di entrata in vigore. Attualmente era fissata per il 24 giugno La data sarà posticipata per tenere conto degli sviluppi informatici necessari per implementare tutte le novità previste dal MCC. Nel corso del seminario di Bucarest del 16 giugno che aveva per oggetto gli sviluppi IT, nuove soluzione service oriented sono state ipotizzate per condividere le applicazioni e per realizzare servizi comuni a livello di Commissione riducendo costi e tempi di implementazione. © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

59 E-customs e il Codice Doganale Modernizzato 59 Al fine di procedere organicamente alle modifiche da apportare ai processi doganali, da ora allimplementazione del Codice Doganale Modernizzato e oltre, sono stati istituiti dei gruppi a livello comunitario per la definizione dei BPM allimportazione e allesportazione. Nellambito di tale attività è stato fermamente rappresentato alla Commissione che ove possibile le diverse fasi logiche del processo doganale possono essere espletate per il tramite di soluzioni integrate che semplificano il procedimento e riducono gli adempimenti per gli operatori economici. © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Presentazione della merce Dichiarazione doganale Dichiarazione per la TC Notifica di arrivo ENS

60 Processo di entrata delle merci 60 IN ITALIA dal 1° gennaio 2011 il MMA, completato con lENTRY KEY e con i riferimenti delle dichiarazioni sommarie di entrata (MRN – ITEM NUMBER), per le merci in sbarco, assolverà alle seguenti funzioni/fasi del processo di entrata: 1.notifica di arrivo 2.presentazione delle merci 3.dichiarazione di introduzione in temporanea custodia..... senza ulteriori adempimenti per gli operatori economici. © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

61 Per questioni di carattere generale scrivere alla casella specificando Progetto ICS per ENS, DIV e RENS ecc. Progetto ECS per EXS e REXS ecc. Progetto CARGO per MMA e MMP Le richieste di assistenza di carattere tecnico relative allutilizzo (test e risoluzione di errori) delle applicazioni dei progetti I.C.S. e CARGO devono essere trasmesse dagli operatori economici alla casella Contatti 61 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione

62 Il gioco di squadra Interagire con il portale dellAgenzia per condividere la strategia e le proposte da avanzare a livello comunitario. Associazioni di categoria ed operatori © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Per essere informati in tempo reale su ogni aggiornamento pubblicato sul portale dellAgenzia attivare il servizio Feed RSS (Really Simple Syndication), link disponibile nella home page.

63 63 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Grazie per lattenzione

64 © Copyright Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Convegno "La sicurezza in dogana Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Dr. Marco Marsili Roma, 19 luglio 2011 Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Le novità dal 1° luglio 2011 e oltre …


Scaricare ppt "© Copyright 2008-2010 Direzione Centrale Tecnologie per lInnovazione Convegno "La sicurezza in dogana Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario."

Presentazioni simili


Annunci Google