La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione – Università di Bologna e Referente DSA - Ufficio Scolastico Regionale E-R.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione – Università di Bologna e Referente DSA - Ufficio Scolastico Regionale E-R."— Transcript della presentazione:

1 Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione – Università di Bologna e Referente DSA - Ufficio Scolastico Regionale E-R

2 I riflessione punti di vista

3 PENNACEINSTEINSHULZ INDOVINA CHI?

4 Era molto intelligente Imparò a leggere tardi ma pubblicò dei libri da adulto E stato bocciato alle elementari Fece ampio uso di immagini Aveva un dono nel disegno Da grande nel suo studio aveva una lavagna con su scritte le tabelline che non riusciva a memorizzare

5 …dietro ogni problema cè un opportunità! Galileo Galilei …il genio è 1% ispirazione e 99% sudore Edison Questi esempi devono soltanto passare il messaggio che:

6 Dovevo allenarmi tanto per rimanere concentrato. Imparavo i copioni ascoltandoli su cassetta. Tom Cruise: Attore (Mission Impossible) A scuola ero chiamata stupida da tanti ragazzi e questo mi ha reso molto determinata a imparare a leggere e capire come superare gli ostacoli senza girarci troppo attorno. Keira Knightley: Attrice (Pirati dei Caraibi)

7 Gli insegnanti che mi hanno salvato e che hanno fatto di me un insegnante, non erano formati per questo. Hanno capito che occorreva agire tempestivamente, si sono buttati, non ce lhanno fatta. Si sono buttati di nuovo, giorno dopo giorno, alla fine mi hanno tirato fuori. E molti altri con me. Ci hanno letteralmente ripescati. Dobbiamo loro la vita. Daniel Pennac Diario di scuola

8

9 Possiamo riconoscere due periodi della storia nei quali i dislessici hanno vissuto meglio:

10 LEGGE 170/2010 Articoli sugli strumenti compensativi Lart. 5 della Legge 170 prevede lintroduzione di strumenti compensativi nelle scuole. Lart. 4 del Decreto sottolinea la necessità, da parte della scuola, di: curare lacquisizione da parte dello studente con DSA delle competenze per un efficiente utilizzo degli stessi.

11 Ricorda, solo una volta che sei in cima alla montagna inizi a prendere velocita Charles M. SchulzRicorda, solo una volta che sei in cima alla montagna inizi a prendere velocita Charles M. Schulz

12 La didattica tradizionale potrebbe andar bene per tutti, ma non per i DSA, mentre una didattica pensata per i DSA potrebbe andare bene per tutti

13 DISPENSARE? COMPENSARE? ESONERARE?

14

15 SFT FREE 1.SINTESI VOCALE: 2. SOFTWARE GESTORE DI SINTESI VOCALE : LEGGIXME - FACILITOFFICE

16 SISTEMA OPERATIVO MICROSOFT FREE SPEECH PLATFORM NUANCE LOQUENDO

17 Sintesi vocale:

18 Modello Bottom-up

19

20 Gestore di sintesi vocale Leggixme_SP

21 LeggixmeJR_SP

22 Altro gestore di sintesi vocale FacilitOffice_SV

23 3. LIBRI SCOLASTICI IN PDF: 4. LETTORE E GESTORE DI FILE IN PDF: PDF-XCHANGE VIEWER

24 NOVITA 2012/13 DOWNLOAD DIRETTO DAL SITO DEI LIBRI SCOLASTICI IN PDF

25 Pdf-XChange Viewer INTEGRATO CON LeggiXme_SP

26 Bisogna evitare di trasformare il libro in uno strumento di tortura! (da G.Rodari, Il giornale dei genitori, 1964) da LA DISLESSIA di E. Benso

27 Per esercitarsi nelluso, veloce, della tastiera del computer. Primo passo per lautonomia e la competenza nelluso del netbook per la scuola. Tutore dattilo

28

29

30

31 Font Biancoenero: alta leggibilità

32 VUE

33

34 NOOO!! FACILE??? NOOO

35 …nessuno utilizza il computer in classe …mi vergogno …non sono capace Utilizzo pcMedieSuperiori A CASA80,465,4 A SCUOLA33,021,0 Indagine UST BOLOGNA (maggio 2012) questionari

36 Libri per parlare di D.S.A. Libri per i D.S.A. Le parole scappate Volano sempre via (ne hanno tratto uno spettacolo teatrale) Storie di normale dislessia Il demone bianco (testimonianza) Nat e il segreto di Eleonora (disponibile anche cartone /dvd) Il mago delle formiche giganti (con cd audio) Il vicario cari voi Leclissi Un bacio per Bicio Devo Solo Attrezzarmi Dove? Sala Borsa Ragazzi oppure su sol.cib.unibo.it

37 Giornate di formazione, in piccolo gruppo, rivolte direttamente a studenti con DSA https://sites.google.com/site/gsimoni3gbylukino98/home

38 Blog

39

40 Alcuni criteri di leggibilità Font: Verdana, Trebuchet, Arial, biancoenero… Carattere : 14 – 16… a discrezione; (eventualmente usare solo lo stampato maiuscolo) Spaziatura: Espansa di 3 – 4… pt a discrezione; Interlinea: 1,5 – 2… a discrezione; Testo: frasi brevi per riga e andare a capo spesso evitando di dividere la parola – Dare una tabulazione allinizio di ogni paragrafo: preferibilmente corto ed eventualmente ben separato dagli altri paragrafi. Evidenziare parole chiave e dare rifermenti grafici per orientarsi nel testo (immagini fortemente collegate ai contenuti e al testo, tabelle, grafici, concetti parole chiave riconoscibili per colore). Evitare le ridondanze.

41 Contrasto figura-sfondo

42 Landriscina Carico Cognitivo pag.36

43 Formulazione e soluzione del problema in versione testuale, grafica e audio. [1] [1] [1] Figura tratta da A. Calvani, Teorie dell istruzione e carico cognitivo, Trento, Edizioni Erickson, 2009, p. 61

44 Cartine tematiche, storiche e Google Earth o Maps Google earth 3D

45 Dopo due settimana tenderemo a ricordare circa… 10% di quello che leggiamo 20% di quello che ascoltiamo 30% di quello che vediamo 50% di quello che vediamo e ascoltiamo assieme 70% di quello che diciamo se coinvolti 90% di quello che diciamo e facciamo se coinvolti

46 Esempio di unità didattica inclusiva

47 Semplificare o adattare? Formato: predisposizione di idonei materiali di testo; Decodifica: verificare che lo studente sia in grado di decodificare correttamente il testo Lessico: verificare che lo studente conosca il significato dei termini presentati nel testo Sintassi: verificare che la sintassi delle frasi sia comprensibile e non ambigua Carico Cognitivo: verificare il carico estraneo, intrinseco e pertinente.

48 Didattica anticipatoria: Visione del cortometraggio EMILIA ROMAGNA dellUfficio Turismo E.R.

49 TESTO ORIGINALE Emilia Romagna Settore Primario Nel settore primario, il più importante d'Italia per esportazioni, la regione può contare su un forte sviluppo su tutta la Pianura Padana e in Romagna. Sono molti i prodotti DOP e IGP coltivati in regione, ed è diffuso l'allevamento di bovini e suini. L'Emilia-Romagna, condividendo il territorio della Pianura Padana, è una regione fertilissima (il rapporto tra raccolto e seminato è tra i più alti d'Italia); questo è il frutto di lavori di bonifica cominciati in epoche anche remote; la rete d'irrigazione e canalizzazione è efficiente e non per caso alcune delle più grandi aziende di macchinari agricoli, come la Goldoni, hanno sede qui. Le colture tipiche sono cerealicole (grano e mais soprattutto), fruttifere (la prima produttrice italiana di pesche e pere e anche con mele, albicocche, susine e ciliegie), ortofrutticole (ai primi posti in Italia ed Europa per produzione di insalate, finocchio, pomodori, lattuga, rapa, ravanello, carote,patate, zucchine, zucche, peperoni, cetrioli e molti altri) e vinicole anche fino a 800 metri in collina; da ricordare il primato nazionale nella produzione di barbabietola da zucchero. Le maggiori aziende alimentari hanno sede in Emilia. Anche il settore dell'allevamento è molto sviluppato in specie quello suino e bovino. TRATTO DA:

50 Nel settore primario, il più importante d'Italia per esportazioni, la regione può contare su un forte sviluppo su tutta la Pianura Padana e in Romagna. Sono molti i prodotti DOP e IGP coltivati in regione, ed è diffuso l'allevamento di bovini e suini. L'Emilia-Romagna, condividendo il territorio della Pianura Padana, è una regione fertilissima (il rapporto tra raccolto e seminato è tra i più alti d'Italia);

51 Il SETTORE PRIMARIO in Emilia Romagna e il più importante d'Italia. E diffuso L ALLEVAMENTO di bovini e suini. Nella Pianura padana * è molto sviluppata lAGRICOLTURA: mais e grano, frutta e verdura. Viene prodotto vino

52 Google maps o earth (in gruppi) (visualizzare e navigare sulla pianura padana dallalto: possibilità di zoomare e registrare il percorso di navigazione) - Fine -

53 (VUE)

54 Una mappa mentale è uno strumento di pensiero graficamente e visivamente interlacciato per immagazzinare, organizzare, ordinare e diffondere informazioni. E il coltellino svizzero del cervello. Tony Buzan 2 2 T.Buzan "Usiamo la testa "

55 NON MODIFICABILI

56 Vantaggi e Criticità -Risparmio di tempo; -Informazioni di sopravvivenza scolastica; -Esempi dai quali partire; -Possibilità di trovare mappe aderenti ai propri stili di apprendimento. -Non modificabili; -Non aderenti al proprio libro di testo scolastico; -Richiedono un adattamento a stili di apprendimento e di organizzazione del sapere altrui; -Non sono validate; -Immagini scelte da altri; -Rischio di studiare solo quelle e non il testo.

57 I CLOZE (TESTI O MAPPE BUCATE) DOMANDE CHIUSE E MIRATE (AD ES. CON 2 OPZIONI DI RISPOSTA TRA CUI QUELLA GIUSTA) RISPOSTE ANCHE PER IMMAGINI DIVIDERE LE RICHIESTE PER ARGOMENTO EVIDENZIANDO SUBITO LA PAROLA CHIAVE. ES. RIVOLUZIONE FRANCESE - QUALI SONO LE CAUSE? COMUNICARE QUALCHE GIORNO PRIMA LE POSSIBILI DOMANDE FONDAMENTALI. RISPOSTE GUIDATE DA COMPLETARE SINTESI VOCALE E FILE IN DIGITALE RISPETTARE I CRITERI DI LEGGIBILITà E ACCESSIBILITà AL TESTO LE VERIFICE H


Scaricare ppt "Enrico Angelo Emili Scienze della Formazione – Università di Bologna e Referente DSA - Ufficio Scolastico Regionale E-R."

Presentazioni simili


Annunci Google