La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Reparto Ambiente e Traumi Marco Giustini COMPOSTAMENTI A RISCHIO:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Reparto Ambiente e Traumi Marco Giustini COMPOSTAMENTI A RISCHIO:"— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Reparto Ambiente e Traumi Marco Giustini COMPOSTAMENTI A RISCHIO: USO DI ALCOL E SOSTANZE E CODICE DELLA STRADA Sala convegni ANCI Puglia 3 settembre 2012

2 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada o I feriti sono fino a 50 milioni o I trend globali sono in peggioramento o Gli incidenti sono la principale causa di morte per le persone tra 5 e 44 anni o Il 90% degli incidenti stradali fatali avviene in paesi a basso e medio reddito. o Quasi la metà dei decessi si osserva tra pedoni, ciclisti e motociclisti. 1.3 milioni di persone muoiono ogni anno sulle strade del mondo NEL MONDO Fonte: World Health Organization

3 Senza interventi efficaci, nel 2030 i decessi saliranno a 1.9 milioni e diventeranno la 5° causa di morte* NEL MONDO Fonte: World Health Organization * Per effetto, principalmente dei maggiori Paesi emergenti in via di motorizzazione su larga scala (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa, etc…) Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

4 NEL MONDO o Gli incidenti stradali costano ai Paesi fino al 3% del PIL. o Solo il 47% dei Paesi ha in vigore leggi per contrastare i 5 principali fattori di rischio: o velocità o Alcol e sostanze dabuso o mancato uso del casco o mancato uso delle cinture di sicurezza o mancato uso dei seggiolini per bambini o Solo un terzo dei Paesi ha adottato una strategia di sicurezza stradale Fonte: World Health Organization Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

5 Il tasso di mortalità medio per incidenti stradali è di 13.4 per abitanti nella regione, ma varia da 3 a 31, con tassi più elevati nei paesi orientali. In Italia e nei principali Paesi UE è < 10 morti per abitanti/anno Fonte: European status report on road safety Decessi per ab/anno 5 6–9 10–14 15–19 20 LA REGIONE EUROPEA OMS RIPORTA OGNI ANNO MORTI e 2,4 MILIONI DI FERITI I Paesi della Regione Europea che hanno un reddito pro capite basso o medio hanno il 26% dei veicoli ma contano il 70% delle vittime per incidenti stradali. Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

6 610 automobili ogni 1000 abitanti; -42% di morti nel 2010 rispetto al 2000*;-42% di morti nel 2010 rispetto al 2000*; 46% dei decessi tra pedoni, ciclisti e motociclisti contro il 41% in Europa;46% dei decessi tra pedoni, ciclisti e motociclisti contro il 41% in Europa; Colpiti soprattutto I più giovaniColpiti soprattutto I più giovani 610 automobili ogni 1000 abitanti; -42% di morti nel 2010 rispetto al 2000*;-42% di morti nel 2010 rispetto al 2000*; 46% dei decessi tra pedoni, ciclisti e motociclisti contro il 41% in Europa;46% dei decessi tra pedoni, ciclisti e motociclisti contro il 41% in Europa; Colpiti soprattutto I più giovaniColpiti soprattutto I più giovani Fonte: Health for All Database *Fonte: ISTAT, Statistiche degli incidenti Stradali IN ITALIA GLI INCIDENTI STRADALI SONO IN DIMINUZIONE NELLULTIMO DECENNIO Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

7 Ci sono misure altamente efficaci…. Fonte: Toroyan T, Peden M (2007); Sethi D et al (2007), WHO Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

8 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada LOrganizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ha stimato che nel mondo ci sono circa 2 miliardi di persone che consumano bevande alcoliche, circa 2,3 milioni muoiono per una causa alcol-correlata e 76,3 milioni hanno disordini dovuti allalcol. Il Italia si stima che il 4,4% dei decessi tra gli uomini e il 2,5% tra le donne sia correlato con il consumo di alcol, per un totale di oltre decessi parzialmente o totalmente potenzialmente evitabili a fronte di un corretta interpretazione del bere.

9 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada Da esperienze cliniche ed epidemiologiche, le sostanze psicoattive influenzano: Attenzione Concentrazione Tempi di reazione Il diffondersi della poliassunzione produce effetti rilevanti a modeste concentrazioni ematiche: rischio di condotte di guida inadeguate coinvolgimento delle sostanze nel determinismo degli incidenti difficoltà rilevazione analitica Laumentato di consumo di sostanze fa prevedere una crescente prevalenza di guida in stato di intossicazione: necessità di accertamenti e controlli specifiche indicazioni normative adozione di procedure praticabili educazione e formazione Presupposti e difficoltà

10 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada Le principali difficoltà sono nel fatto che si è in presenza di modeste concentrazioni ematiche, di alcune difficoltà di rilevazione degli analiti e complicazioni a livello normativo. Presupposti e difficoltà

11 Possibili flashback Colori e suoni troppo intensi Psichedelici Difficoltà visive Deficit di attenzione Distorsioni percettive Difficoltà nel coordinare movimenti Perdita di vigilanza Incremento rate Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada CANNABIS E SICUREZZA STRADALE - EFFETTI

12 Ipersensibilità visiva Ridotta percezione degli ostacoli Mancata percezione del rischio Comportamenti di guida aggressivi Effetti up-downColpi di sonno Incremento di rischio con alcol e cannabis Compostamenti violenti (con anabilizzanti o come crack) Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada COCAINA E SICUREZZA STRADALE - EFFETTI

13 Effetti psichedelici Possibili flashback anche dopo settimane Effetti down Mancata percezione del rischio Reazioni non commisurate agli stimoli Irritabilità eccessiva, aggressività Effetti imprevedibili nellassociazione con altre sostanze Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada ECSTASY E SICUREZZA STRADALE - EFFETTI

14 Consumo di sostanze nella popolazione anni Circa il 95% di coloro che hanno utilizzato eroina, cocaina e cannabis negli ultimi 12 mesi fa uso anche di alcol Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

15 guida sotto leffetto dellalcol Allo stato attuale delle conoscenze, possiamo dire che la guida sotto leffetto dellalcol rappresenta il fattore di rischio più potente nella genesi dellincidente stradale grave o mortale. Ciò riveste particolare importanza, data lalta prevalenza del consumo di bevande alcoliche in Italia (si stima che vi siano nel nostro Paese di bevitori eccessivi, di cui circa di alcol-dipendenti) ALCOL E GUIDA Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

16 Alterati processi di attenzione ed acquisizione di segnali esterni Ridotta capacità di impatto con nuovi problemi ed emergenze Difficoltà di coordinare i movimenti Causa di errori di valutazione indipendentem ente dallesperienza (es. Sorpassi) Disturbi visivi Inadeguata visione laterale Stato di vigilanza compromesso Potenziamento effetti altre sostanze Elevata frequenza colpi di sonno Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada ALCOL E SICUREZZA STRADALE - EFFETTI

17 Consumo di alcol nella popolazione generale Popolazione italiana anni nel 2007: Consumo nella vita: 89,3% Si sono ubriacati 1 o più volte nellultimo mese: 6,3% ( ) 1 o più volte negli ultimi 12 mesi: 21,2% ( ) Consumo quotidiano % abs 10, Consumo nel mese % abs 59, Consumo nellanno % abs 15, Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

18 IL PICCO ALCOLEMICO È RAGGIUNTO min. DOPO LASSUNZIONE ED I LIVELLI EMATICI SI RIDUCONO PROGRESSIVAMENTE A ZERO IN 8-10 ore. ALCOLEMIA Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

19 Tre sono le evidenze scientifiche comuni a tutti gli studi epidemiologici svolti al proposito nel mondo… Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

20 Il RISCHIO AUMENTA in modo esponenziale con laumentare dellALCOLEMIA, a partire da 50 mg di alcol ogni 100ml di sangue Alcol Etilico - Curve di rischio (1) Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

21 Alcol Etilico: Curve di rischio (2) A parità di alcolemia, il RISCHIO AUMENTA molto rapidamente quanto è minore lETA del conducente. Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

22 Alcol Etilico: Curve di rischio (3) A parità di ALCOLEMIA, il rischio aumenta molto rapidamente quanto minore è la FREQUENZA con cui si consumano usualmente bevande alcoliche. Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

23 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada In base alle conoscenze attuali non è possibile identificare delle quantità di consumo alcolico raccomandabili o sicure per la salute. Ai fini della tutela della salute è più adeguato parlare di quantità a basso rischio, evidenziando che il rischio esiste a qualunque livello di consumo ed aumenta progressivamente con lincremento delle quantità di bevande alcoliche consumate. È da considerare a basso rischio una quantità di alcol giornaliera da assumersi durante i pasti principali (non fuori pasto) che non deve superare i grammi per gli uomini e i grammi per le donne.

24 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada Un bicchiere di vino (da 125 ml), una birra (da 330 ml), un aperitivo (da 80 ml) oppure un bicchiere di superalcolico (da 40 ml) contiene la stessa quantità di alcol pari a circa 12 gr.

25 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada In virtù delle differenze fisiologiche tra sesso maschile e femminile le donne sono più vulnerabili allalcol e raggiungono gli stessi livelli di alcolemia con quantità inferiori di alcol consumato e con una maggiore rapidità. Indicativamente due bicchieri tipo (24 grammi alcol) sono sufficienti per il sesso femminile a raggiungere il limite legale per la guida; per un uomo il limite si raggiunge con circa 3 bicchieri tipo (36 grammi alcol).

26 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada Polizia Stradale e Arma dei Carabinieri hanno potenziato i controlli contro la guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti: nel 2011 sono stati i conducenti controllati con etilometri e precursori - il 9,7% in più rispetto al con (2,2%) conducenti sanzionati per guida sotto l'effetto di alcool e (0,2%) per guida sotto l'effetto di droga sono stati i veicoli confiscati per guida in stato di ebbrezza alcolica a conducenti con un tasso superiore a 1,5g/l e 449 per guida sotto l'effetto di droga.

27 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada In Inghilterra nel 2008 sono stati fatti circa 711mila controlli, nel 12,9% dei casi con esito positivo al test. In Francia nel 2009 sono stati fatti controlli, nel 3,3% dei casi con esito positivo al test.

28 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada Per quanto riguarda il tasso alcolemico, si può notare che in quasi tutta lEuropa il valore ammesso è di 0,5 g/l ad esclusione di Lituania (0,4 g/l), Serbia (0,3 g/l) Svezia, Norvegia, Polonia ed Estonia (0,2 g/l), Albania (0,1 g/l), mentre Russia, Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Romania hanno fissato il loro limite a 0 g/l. In controtendenza Inghilterra e Irlanda con lo 0,8.

29 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

30 Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

31 STIME PER IL CALCOLO DEGLI INCIDENTI STRADALI CONSEGUENTI AD USO DI ALCOL percentuale alcol attribuibile (M/F) STIME PER IL CALCOLO DEGLI INCIDENTI STRADALI CONSEGUENTI AD USO DI ALCOL percentuale alcol attribuibile (M/F)MF 0-14 anni 15 % 16 % anni 27 % 19 % anni 47 % 34 % anni 49 % 35 % anni 49 % 35 % anni 41 % 25 % anni 29 % 16 % + 65 anni 13 % 7 % Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

32 indice di violazione per guida in stato di ebbrezza (art.186 CdS, BAC>0,5g/l) per sesso ed età casi ogni patenti (anno 2007 ) indice di violazione per guida in stato di ebbrezza (art.186 CdS, BAC>0,5g/l) per sesso ed età casi ogni patenti (anno 2007 ) indice di violazione per guida sotto leffetto di sostanze stupefacenti (art.187 CdS) per sesso ed età casi ogni patenti (anno 2007) indice di violazione per guida sotto leffetto di sostanze stupefacenti (art.187 CdS) per sesso ed età casi ogni patenti (anno 2007) Indice di violazione (numero di infrazioni ogni patenti) per sesso ed età Marco Giustini Comportamenti a rischio: uso di alcol e sostanze e codice della strada

33 Marco Giustini Il sistema Ulisse e luso dei dispositivi di sicurezza in Italia CONCLUSIONI Gli incidenti stradali rappresentano un problema di assoluta priorità per la sanità pubblica per lalto numero di morti e di invalidità (permanenti e temporanee) causa di costi economici che rendono lintervento su alcol e sostanze dabuso alla guida un investimento efficace ed efficiente per le strategie di prevenzione in tutti i Paesi.

34 Marco Giustini Il sistema Ulisse e luso dei dispositivi di sicurezza in Italia CONCLUSIONI La stragrande maggioranza degli incidenti stradali gravi e di quelli mortali è causato da una serie di comportamenti scorretti tra cui, principalmente, eccesso di velocità, guida distratta e pericolosa, mancato rispetto della precedenza o della distanza di sicurezza, dovuti a imperizia o disattenzione.

35 Marco Giustini Il sistema Ulisse e luso dei dispositivi di sicurezza in Italia CONCLUSIONI Per tutti questi comportamenti sono influenti le condizioni o lo stato psico-fisico del conducente che non dovrebbe mai porsi sotto linfluenza di alcol e/o sostanze stupefacenti

36 Marco Giustini Il sistema Ulisse e luso dei dispositivi di sicurezza in Italia CONCLUSIONI Il miglioramento delle norme in termini di rinforzo delle sanzioni e la sensibilizzazione dell'opinione pubblica causata dalle preoccupazioni dei cittadini a partire dagli anni 80, hanno portato a una forte diminuzione degli incidenti alcol correlati nei Paesi industrializzati. La diminuzione è stata del 50% in Gran Bretagna, del 28% in Olanda, del 28% in Canada, del 32% in Australia, del 39% in Francia, del 37% in Germania e del 26% negli Stati Uniti.

37 Marco Giustini Il sistema Ulisse e luso dei dispositivi di sicurezza in Italia CONCLUSIONI Luso di sostanze psicotrope alla guida dovrebbe essere scoraggiato in tutti i modi possibili La disponibilità di idonei strumenti diagnostici non risolve tutti i problemi È necessaria formazione e aggiornamento continuo sulle sostanze, gli effetti, i consumi, le abitudini del territorio E opportuno accompagnare controlli mirati ad una mirata informazione in campo sanitario e di sicurezza stradale. Luso di sostanze psicotrope alla guida dovrebbe essere scoraggiato in tutti i modi possibili La disponibilità di idonei strumenti diagnostici non risolve tutti i problemi È necessaria formazione e aggiornamento continuo sulle sostanze, gli effetti, i consumi, le abitudini del territorio E opportuno accompagnare controlli mirati ad una mirata informazione in campo sanitario e di sicurezza stradale.

38 Marco Giustini Il sistema Ulisse e luso dei dispositivi di sicurezza in Italia CONCLUSIONI Il governo francese ha votato all'inizio dell'anno un decreto che dal 1° luglio 2012 obbliga il conducente di un veicolo a motore ad avere un alcoltest (etilometro) a bordo. Dal 1° luglio 2012 tutti i conducenti che circolano in Francia, oltre al triangolo d'emergenza e al gilet catarifrangente, devono portare con sé un apparecchio per procedere ad un rudimentale test dell'alcolemia. Questo etilometro deve rispettare le direttive delle autorità e non superare la data di scadenza.


Scaricare ppt "ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Reparto Ambiente e Traumi Marco Giustini COMPOSTAMENTI A RISCHIO:"

Presentazioni simili


Annunci Google