La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di: Andrea Mainardi Massimo Mazzuca VALUTAZIONE DELLE AZIENDE IN DISEQUILIBRIO ECONOMICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di: Andrea Mainardi Massimo Mazzuca VALUTAZIONE DELLE AZIENDE IN DISEQUILIBRIO ECONOMICO."— Transcript della presentazione:

1 A cura di: Andrea Mainardi Massimo Mazzuca VALUTAZIONE DELLE AZIENDE IN DISEQUILIBRIO ECONOMICO

2 COSA SI INTENDE PER DISEQUILIBRIO ECONOMICO? REMUNERAZIONE NON CONGRUA DEL CAPITALE INVESTITO PERDITA

3 QUANDE CHE UNAZIENDA E IN PERDITA? Quando presenta conti economici in cui, dopo aver operato le opportune rettifiche, C > R quindi non è in grado di presentare conti economici con margini positivi RETTIFICHE: derivano da inflazione e riguardano congruità fondo TFR, congruità fondo svalutazione crediti ecc…

4 INFLAZIONE Potrebbe nascondere le reali dimensioni della ricchezza prodotta/distrutta REDDITO REALISTICO -Verificare gli ammortamenti (devono consentire la ricostruzione delle immobilizzazioni) - Imputare utili/perdite derivanti da inflazione a passività e disponibilità liquide -Valorizzare le Rim.Fin. secondo il metodo LIFO

5 … una volta apportate le modifiche… Lazienda è in perdita (IRREVERSIBILE) o temporanea difficoltà (REVERSIBILE)? Il disequilibrio economico è dovuto a cause aziendali, settoriali o macroeconomiche? Con quale frequenza si ripeterà la perdita? Lazienda è conveniente risanarla?

6 PERDITE IRREVERSIBILI Non si valuta lazienda in modo compatto, ma come insieme di beni suscettibili di vendita separata per realizzare il miglior prezzo di ciascuno VALORE DI LIQUIDAZIONE

7 AZIENDA RISANABILE La valutazione è più complessa. La dottrina indica 4 modalità di valutazione -metodo reddituale puro W=R/i W= R a n i + Pk Vk -metodo patrimoniale semplice W=K -metodo misto -metodo patrimoniale complesso fondato sul going concern value

8 TEORIA DEL GOING CONCERN VALUE Non solo BADWILL, ma anche: - VALORE INCREMENTALE -VALORE DELLA CORREZIONE REDDITUALE - VALORE DEI BENI ACCESSORI

9 VALORE INCREMENTALE : Valori Immateriali Positivi N.B Goodwill COSTO-OPPORTUNITA VALORE DEI BENI ACCESSORI: mantengono il loro valore VALORE DELLA CORREZIONE REDDITUALE: Periodo di tempo per raggiungere lequilibrio in cui si manifestano perdite (2-3 anni) W=K + Val. Increment. + V.B.A. + V.C.R.

10 Quella situazione in cui unazienda, pur non trovandosi in perdita, non riesce a remunerare in maniera congrua il capitale proprio investito tasso di remunerazione < saggio ritenuto congruo DISEQUILIBRIO ECONOMICO

11 VALUTAZIONE DELLE AZIENDA IN DISEQUILIBRIO ECONOMICO W = K + (R - Ki) * a n i K = PATRIMONIO NETTO RETTIFICATO K = PATRIMONIO NETTO RETTIFICATO; stimato con il metodo patrimoniale semplice R = REDDITO MEDIO NORMALE ATTESO; R = REDDITO MEDIO NORMALE ATTESO; Ki = REMUNERAZIONE NORMALE DEL CAPITALE PROPRIO INVESTITO; Ki = REMUNERAZIONE NORMALE DEL CAPITALE PROPRIO INVESTITO; n = PERIODO DI ATTUALIZZAZIONE DEL SOVRAREDDITO; n = PERIODO DI ATTUALIZZAZIONE DEL SOVRAREDDITO; i = TASSO DI ATTUALIZZAZIONE DEL SOVRAREDDITO(TASSO DI CONGRUA REMUNERAZIONE) i = TASSO DI ATTUALIZZAZIONE DEL SOVRAREDDITO(TASSO DI CONGRUA REMUNERAZIONE) N.B. W<= PN(Il Cap. economico NON PUO MAI SUPERARE il Cap. di funzionamento)

12 3 METODOLOGIE 1) Rivalutazione totale dei cespiti ammortizzabili e conseguentemente del PN, successivamente si calcola un valore di badwill (ammortamento) che decurta il PN precedentemente aumentato 2) Rivalutazione controllata dei cespiti ammortizzabili entro i limiti della capacità di reddito.(capacità adeguata a coprire gli amm. e garantire la remunerazione del c.p.) 3) Procedere in assenza di rivalutazione dei cespiti: si prende in considerazione solo il capitale di funzionamento.

13 RIVALUTAZIONE TOTALE DEI CESPITI STATO PATRIMONIALE Immobilizzazioni 4000 Capitale netto 1500 Crediti 100 Fondo ammortamento 2000 Totale Attivo 4100 Debiti 600 Totale Passivo 4100 CONTO ECONOMICO Costi desercizio 5500 Ricavi 6000 Ammortamento 400 Utile desercizio 100 Totale 6000

14 STATO PATRIMONIALE RETTIFICATO Immobilizzazioni 8000 Capitale netto 3500 Crediti 100 Fondo ammortamento 4000 Totale Attivo 8100 Debiti 600 Totale Passivo 8100 CONTO ECONOMICO POST-RIVALUTAZIONE Costi desercizio 5500 Ricavi 6000 Ammortamento 800 Perdita netta 300 Totale 6300 Si supponga che il costo di ricostituzione netto delle immobilizzazioni sia pari a 4000 contro un valore contabile di 2000

15 Se i congrua remunerazione =10% R < iK DISEQUILIBRIO ECONOMICO imputabile ai maggiori ammortamenti (-300 < 350) dove: R=reddito medio normale atteso (in questo caso è una perdita) i= tasso di congrua remunerazione K= patrimonio netto rettificato W = K + (R - Ki) * a n i W=3500+ (-300-0,1*3500) a 5 10% = 1030 (1030<3500)

16 Alcuni autori sostengono che invece di rivalutare tutti cespiti, con conseguente rivalutazione del PN, e decurtare il PN rettificato mediante lindividuazione di un maggior Badwill, appare più agevole controllare, e se del caso limitare, la rivalutazione dei beni soggetti ad ammortamento. Nella rivalutazione dei cespiti e i relativi ammortamenti bisogna verificare che la capacità di reddito prospettica dellazienda sia adeguata a: 1)sopportare i maggiori ammortamenti 2) consentire una congrua remunerazione del cap. investito

17 Lobiettivo da perseguire è lequilibrio tra: - dimensione del capitale, - redditività - remunerazione del capitale investito Per valutare il complesso aziendale NON si può fare riferimento al valore di mercato dei cespiti, MA va considerata la redditività futura, cioè il SISTEMA aziendale come fattori che interagiscono tra di loro sinergicamente per raggiungere obiettivi prefissati e NON la somma dei singoli beni rivalutati. La dottrina suggerisce quindi di abbattere il pieno valore di costituzione dei cespiti ammortizzabili e verificare, successivamente, che la capacità di reddito sia adeguata a coprire gli ammortamenti e a garantire la remunerazione congrua del Cap.Proprio investito.

18 RIVALUTAZIONE CONTROLLATA DEI CESPITI STATO PATRIMONIALE Immobilizzazioni 4000 Capitale netto 1500 Crediti 100 Fondo ammortamento 2000 Totale Attivo 4100 Debiti 600 Totale Passivo 4100 CONTO ECONOMICO Costi desercizio 5500 Ricavi 6000 Ammortamento 400 Utile desercizio 100 Totale 6000

19 STATO PATRIMONIALE RETTIFICATO Immobilizzazioni 8000 Capitale netto 3500 Crediti 100 Fondo ammortamento 4000 Totale Attivo 8100 Debiti 600 Totale Passivo 8100 CONTO ECONOMICO POST-RIVALUTAZIONE Costi desercizio 5500 Ricavi 6000 Ammortamento 800 Perdita netta 300 Totale 6300 Si suppone la durata delle immobilizzazioni 5 anni ed inoltre R e C costanti

20 T1T2T3T4T5TOT Rivavi Costi Capacità di reddito CAPACITA DI REDDITO AMMOR.TO IMMOBIL CAPACITA DI REDDITO NEL QUINQUENNIO PERDITA ANNUALE / 5 = REMUNERAZIONE CONGRUA DEL QUINQUENNIO= 1750 (3500x0,10x5)

21 Occorre adottare quindi provvedimenti di risanamento; a tal fine si abbatte il valore del cespite e corrispondentemente quello del capitale netto secondo le risultanze del seguente sistema: CAPACITÀ DI REDDITO = capacità di ammortamento + remunerazione congrua del capitale proprio; VALORE DELLE IMMOBILIZZAZIONI = capitale proprio + (valore contabile valutato integralmente dei cespiti ammortizzabili – capitale netto rivalutato integralmente) Dove ho: CAPACITÀ DI REDDITO = 2500; REMUNERAZIONE CONGRUA = 10 % * t * capitale proprio t = 5 anni Capitale proprio = X Capacità di ammortamento = Valore delle immobilizzazioni = Y

22 SOSTITUENDO 2500 = capacità di ammortamento + 10% * 5 * capitale proprio; Valore delle immobilizzazioni = capitale proprio + (4000– 3500); RISOLVENDO IL SISTEMA 2500 = capitale proprio % * 5 * capitale proprio; 2500 – 500 = capitale proprio + 10% * 5 * capitale proprio; 2000 = capitale proprio (1+ 10% * 5); Capitale proprio = (2000) / (1,5) = 1334; Immobilizzazioni = = 1834

23 STATO PATRIMONIALE Immobilizzazioni 1834 Capitale netto 1334 Crediti 100 Totale Attivo 1934 Debiti 600 Totale Passivo 1934 La nuova situazione patrimoniale post provvedimenti di risanamento può essere cosi sintetizzata PASSO SUCCESSIVO: Verificare se è stato raggiunto il duplice obiettivo: Garantire una congrua remunerazione del capitale proprio investito; Coprire gli ammortamenti.

24 CAPACITÀ DI REDDITO AMMORTAMENTO DEI CESPITI = REMUNERANZA CONGRUA PER 5 ANNI 666 REDDITO DI CIASCUN PERIODO AMMINISTRATIVO 666 / 5 = Per verificare se lobiettivo di assicurare la remunerazione del 10% è stato raggiunto è sufficiente rapportare: ROE = REDDITO D ESERCIZIO (nel nostro caso 133,2 / 1334 =10% c.a.) [9,985] CAPITALE PROPRIO Così operando abbiamo assicurato una remunerazione congrua al proprio capitale investito!!! (Bisogna considerare che in condizioni di disequilibrio economico lazienda non può avere un capitale economico > capitale di funzionamento; al limite possono coincidere.)

25 ASSENZA DI RIVALUTAZIONE DEI CESPITI STATO PATRIMONIALE Immobilizzazioni 4000 Capitale netto 1500 Crediti 100 Fondo ammortamento 2000 Totale Attivo 4100 Debiti 600 Totale Passivo 4100 CONTO ECONOMICO Costi desercizio 5500 Ricavi 6000 Ammortamento 400 Utile desercizio 100 Totale 6000 Il risultato che si ottiene con questo procedimento è il medesimo che si otterrebbe utilizzando il metodo della rivalutazione parziale dei cespiti

26 T1T2T3T4T5TOT Rivavi Costi Capacità di reddito CAPACITA DI REDDITO AMMOR.TO IMMOBIL CAPACITA DI REDDITO NEL QUINQUENNIO 500 UTILE ANNUALE 500/ 5 = 100 REMUNERAZIONE CONGRUA DEL QUINQUENNIO = 750 (1500x0,10x5) 750>500 QUINDI NON RIESCO A REMUNERARE CONGRUAMENTE IL CAP. PROPRIO!

27 Se alla fine dei 5 anni io voglio ottenere il 10% del capitale investito e quindi 750 (1500x0,10x5), e ho un reddito complessivo di 2500 a fronte di una quota complessiva di ammortamento di 2000 si aprono due strade: Decido di non ottenere una remunerazione del 10 % e cosi facendo prendo complessivamente solo 500 e non più 750 ma coprendo gli ammortamenti Oppure se decido di ottenere una congrua remunerazione del 10% e quindi 750 alla fine dei 5 anni, non coprendo però totalmente i costi di ammortamento per 250 cioè copro solo 1750 su =1750 che sarà la quota che destino per coprire parzialmente gli ammortamenti!!

28 Occorre adottare quindi provvedimenti di risanamento e come detto per il caso precedente, si può far riferimento al seguente sistema: CAPACITÀ DI REDDITO = capacità di ammortamento + remunerazione congrua del capitale proprio; VALORE DELLE IMMOBILIZZAZIONI = capitale proprio + (valore contabile valutato integralmente dei cespiti ammortizzabili – capitale netto rivalutato integralmente) Dove ho: CAPACITÀ DI REDDITO = 2500; REMUNERAZIONE CONGRUA = 10 % * t * capitale proprio t = 5 anni Capitale proprio = X Capacità di ammortamento = Valore delle immobilizzazioni = Y

29 SOSTITUENDO 2500 = capacità di ammortamento + 10% * 5 * capitale proprio; Valore delle immobilizzazioni = capitale proprio + (2000– 1500); RISOLVENDO IL SISTEMA 2500 = capitale proprio % * 5 * capitale proprio; 2500 – 500 = capitale proprio + 10% * 5 * capitale proprio; 2000 = capitale proprio (1+ 10% * 5); Capitale proprio = (2000) / (1,5) = 1334; Immobilizzazioni = = 1834

30 STATO PATRIMONIALE STATO PATRIMONIALE Immobilizzazioni 1834 Capitale netto 1334 Crediti 100 Totale Attivo 1934 Debiti 600 Totale Passivo 1934 La nuova situazione patrimoniale post provvedimenti di risanamento può essere cosi sintetizzata OSSERVIAMO CHE I RISULTATI DEI DUE CASI, CON RIVALUTAZIONE PARZIALE E SENZA RIVALUTAZIONE, SONO ESATTAMENTE UGUALI!!!!

31 Risulta conveniente effettuare la valutazione del capitale economico dellazienda in disequilibrio economico operando sul capitale di funzionamento, evitando le lunghe e costose perizie estimative del valore di ricostruzione dei cespiti ammortizzabili. CONCLUSIONE


Scaricare ppt "A cura di: Andrea Mainardi Massimo Mazzuca VALUTAZIONE DELLE AZIENDE IN DISEQUILIBRIO ECONOMICO."

Presentazioni simili


Annunci Google