La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SAL nelle SMC (modello 3i) Corso IUFFP per formatori dei laboratori di pratica Graziella De Nando Claudia Sassi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SAL nelle SMC (modello 3i) Corso IUFFP per formatori dei laboratori di pratica Graziella De Nando Claudia Sassi."— Transcript della presentazione:

1 SAL nelle SMC (modello 3i) Corso IUFFP per formatori dei laboratori di pratica Graziella De Nando Claudia Sassi

2 Obiettivi del corso Conoscere gli strumenti per svolgere una SAL nei laboratori (modello 3i) Esercitazione pratica: utilizzare gli strumenti nella pianificazione di una o di più SAL Costruzione e messa in comune di un catalogo di SAL

3 Contenuti Dalla valutazione del personale alle SAL Apprendistato duale: le SAL in azienda Formazione organizzata dalla scuola: le SAL in laboratorio Esercitazioni pratiche Presentazioni Discussioni Allestimento di un catalogo SAL

4 DALLA VALUTAZIONE DEL PERSONALE ALLA VALUTAZIONE DELLA SAL Parte 1

5 La valutazione delle prestazioni IN AZIENDA E uno strumento utilizzato per misurare lo scarto tra obiettivi e prestazioni Permette di fare il punto della situazione Misura obiettivi raggiunti / non raggiunti / possibilità di miglioramento / formazioni possibili / attese reciproche / prospettive in azienda

6 La valutazione delle prestazioni DURANTE LA FORMAZIONE E basata sul profilo delle competenze e sui suoi criteri di valutazione E una valutazione formativa Gli obiettivi/le consegne devono essere chiariti prima (comprensibili!) Autovalutazione Colloquio

7 Basi legali – 3 livelli Legge federale sulla formazione professionale Regolamento di tirocinio 2003 Direttive BBT Piano di formazione standard Disposizioni esecutive Commissione nazionale desame Dal 2012 (2015) Ordinanza di formazione Disposizioni esecutive Commissione svizzera per lo sviluppo professionale e la qualità per impiegati di commercio AFC

8 Legge federale sulla formazione professionale Art. 20 Operatori della formazione professionale pratica 1 Gli operatori della formazione professionale pratica si adoperano affinché le persone in formazione ottengano i massimi risultati dapprendimento possibili e lo verificano periodicamente.

9 Ordinanza di formazione 2012 Articolo 16 3 Una volta al semestre, il formatore rileva in un rapporto relativo alle situazioni di apprendimento e di lavoro il livello raggiunto dalla persona in formazione. Il rapporto sulle situazioni di apprendimento e di lavoro costituisce il rapporto di formazione. Esso viene discusso con la persona in formazione e deve essere sottoposto, debitamente firmato, allattenzione del rappresentante legale. Il feedback individuale è finalizzato a informare la persona in formazione sulle prestazioni fornite, sul suo potenziale di sviluppo e sui campi in cui sono necessari ulteriori sforzi di apprendimento. 4 Nelle situazioni di apprendimento e di lavoro, il formatore valuta la prestazione e il comportamento delle persone in formazione sulla base di criteri predefiniti e per un arco di tempo prestabilito. Le situazioni di apprendimento e di lavoro vengono valutate mediante una nota, la quale confluisce nel calcolo della nota dei luoghi di formazione per la parte aziendale secondo larticolo 22 capoverso 3.

10 Specificità della valutazione nella SAL Processo/Lavoro/Compito Valutazione formativa (accompagnamento) Valutazione pronostica (le capacità corrispondono alle esigenze?) Valutazione sommativa (lobiettivo è stato raggiunto?) Adattamento del processo di apprendimento o dellincarico Di che cosa devo tenere conto affinché un incarico venga svolto secondo le aspettative? Bilancio finale dellapprendi- mento (esami finali)

11 APPRENDISTATO DUALE: LA SAL IN AZIENDA Parte 2

12 Parte pratica nellazienda formatrice tneepe Scheda 2 Segretariato generale Campo dattività ed obiettivi generali Attività concrete e conoscenze Attività Posta Telefono Ricezione

13 Attività pratica nellazienda formatrice Attività Programma di formazione Obiettivi Guida Metodica modello Documentazione dellapprendimento delle prestazioni Impiegati di commercio AFC (3 anni) Assistenti dufficio CFP (2 anni)

14 3 superato (perfetto) 2 raggiunto 1 parzialmente raggiunto 0 non raggiunto La SAL nellazienda formatrice Obiettivo particolare (numero) Criteri parziali (parole chiave) Punti per ogni criterio parziale Massimo dei punti per ogni obiettivo particolare Punti ottenuti per ogni obiettivo particolare Argomentazione ed eventuali proposte di miglioramento Interpretare organigram- mi illustra liter delle informazioni ed indica chi è responsabile di chi evidenzia i settori aziendali e ne indica la funzione evidenzia i fattori determinanti e ne indica la funzione 9 Per il settore formazione: spiega il passaggio di informazioni e le vie di servizio Identifica i settori aziendali e per il settore formazione i reparti e le attività svolte Reparti e staff: la loro funzione e come interagiscono fra di loro SAL: la posta in entrata Lobiettivo non è considerato raggiunto solo perché si ottengono 3 punti!

15 La SAL nellazienda formatrice Impiegati di commercio AFC SAL UP SAL – Situazione Apprendimento Lavoro Frequenza 2 per anno scolastico Obiettivi 8 professionali 8 comportamentali Valutazione interamente del datore di lavoro La SAL è la valutazione di alcuni obiettivi legati alla prestazione fornita per lesecuzione di unattività in un determinato periodo.

16 FORMAZIONE ORGANIZZATA DALLA SCUOLA: LA SAL IN LABORATORIO Parte 3

17 Regole di base Disposizioni esecutive – 3i 50 prestazione / 50 comportamento (=MSP) Sulla base degli obiettivi Definizione di obiettivi, impostazione dei compiti e valutazione delle prestazioni Concordata preventivamente Valutazione finale individuale E possibile adattare – Moduli – Criteri di valutazione

18 Strumenti Profilo delle competenze ( DAP) Formulario di allestimento Banca dati della formazione commerciale

19 Limportanza della pratica nella formazione 50% Media finale PRATICA 4.0 (max 1 insufficienza, non inferiore al 3.0) Media finale SCUOLA 4.0 ATTESTATO FEDERALE DI CAPACITÀ

20 Il peso della SAL nella valutazione finale DURANTE LA FORMAZIONEAL TERMINE DELLA F. SAL I formatori valutano periodicamente il lavoro e il comportamento UP I formatori valutano come viene descritta una procedura di lavoro data e esercitata (consegna di un dossier) Esame scritto nazionale Esame orale con periti esterni MEDIA FINALE 4 Media SAL Media UP Esame scritto Esame orale

21 Le fasi di una SAL pianificazione presentazione/discussione osservazione restituzione della valutazione Valutare bene le capacità esistenti e quelle da costruire, che devono essere esercitate! Strumenti/parametri (prevederli prima) Termine di una fase formativa: valutazione sommativa (superato/non superato)

22 Quanto conta una SAL? Nota SAL Laboratori SAL nSAL 2SAL 1 Nota SAL Suisfood/Suishome SAL 50% Nota SAL di un anno di formazione

23 Tipi di SAL Piano di formazione standard Procedura di qualificazione Apprendista formazione organizzata dallazienda Apprendista formazione organizzata dalla scuola (SMC) Strumenti di valutazione aziendale Regolamen- to 2003 Ordinanza i3+1 SAL Situazioni di apprendimento e di lavoro 66 2 PPI (a partire dal secondo anno) 2 stage UP Unità procedurali 32 2 PPI (a partire dal secondo anno) 1 stage 1 PPI

24 ESERCITAZIONE Parte 4

25 PRESENTAZIONI E DISCUSSIONI Parte 5

26 ULTIME INFORMAZIONI Parte 6

27 La SAL nel laboratorio di pratica Descrizione del lavoro: Promuovere il catalogo aziendale, inviando un a dei potenziali clienti (aziende presenti sulla piattaforma SuisServices) Competenza professionale G1E in grado di redigere in modo autonomo e corretto , appunti, lettere, rapporti, testi per siti web e verbali Criteri di valutazione (cosa mi aspetto dalla persona in formazione I seguenti documenti sono redatti in modo autonomo e corretto dal punto di vista linguistico e dei contenuti tenendo conto delle direttive aziendali e giuridiche: - ; -appunti; -lettere; -….. Osservazioni: Le osservazioni servono a motivare la nota assegnata a questa competenza Criteri che saranno valutati Nota competenza professionale Direttive aziendali, l deve contenere: oggetto/testo (saluto iniziale, testo di dettaglio)/saluti/firma (nome azienda+nome dipendente). Profilo linguistico: non ci devono essere errori. Il testo dettagliato deve riportare in modo chiaro ed esplicito i motivi per cui contatto il cliente.

28 Alcune attenzioni La scelta/adeguamento dei criteri di valutazione (coerenza con il programma di formazione!) La definizione delle aspettative del formatore Le valutazioni individuali sulla base di osservazioni concrete Il colloquio di valutazione La banca dati nazionale

29 La SAL nel laboratorio di pratica Descrizione del lavoro: Controllare periodicamente lestratto conto bancario (il saldo della contabilità deve sempre corrispondere con il saldo dellestratto conto SuisServices) Competenza professionale F3E in grado di allestire le chiusure trimestrali o annuali e di preparare i principali indici economico-finanziari per lanalisi e la valutazione Criteri di valutazione (cosa mi aspetto dalla persona in formazione I seguenti documenti sono redatti in modo autonomo e corretto dal punto di vista linguistico e dei contenuti tenendo conto delle direttive aziendali e giuridiche: - ; -appunti; -lettere; -….. Osservazioni: Le osservazioni servono a motivare la nota assegnata a questa competenza Criteri che saranno valutati Nota competenza professionale Lestratto conto viene verificato ad ogni seduta di lavoro Eventuali differenze con la contabilità vengono rettificate in maniera autonoma Eventuali errori vengono corretti in maniera autonoma Il saldo contabile è sempre corretto e aggiornato con lestratto SuisServices Il saldo contabile è vistato ad ogni chiusura

30 CONCLUSIONI Parte 7


Scaricare ppt "SAL nelle SMC (modello 3i) Corso IUFFP per formatori dei laboratori di pratica Graziella De Nando Claudia Sassi."

Presentazioni simili


Annunci Google