La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LALIMENTAZIONE NATURALE NEL BAMBINO Lallattamento e lo svezzamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LALIMENTAZIONE NATURALE NEL BAMBINO Lallattamento e lo svezzamento."— Transcript della presentazione:

1 LALIMENTAZIONE NATURALE NEL BAMBINO Lallattamento e lo svezzamento

2 Allattamento al seno IL MIGLIOR ALIMENTO PER IL NEONATO Funzione Protettiva Funzione immunomodulante (tolleranza) Funzione trofica Favorisce un ottimale sviluppo cerebrale del bambino. Permette lo sviluppo del Bacillus Bifidus nellintestino Aumenta i legami emozionali fra madre e figlio

3 Il latte materno:

4 Allattamento misto Somministrare prima il latte materno. Iniziare sempre il primo pasto del mattino con la poppata al seno. In funzione dellallattamento materno, variare il numero delle poppate con alimento sostitutivo. Con queste precauzioni, è possibile mantenere lallattamento materno per 6-9 settimane in più. latte materno E un tipo di alimentazione particolare che consiste nellimpiego di latte materno con aggiunta di altro tipo di latte

5 Allattamento artificiale : La scelta della tettarella del biberon: essa deve assomigliare il più possibile a un capezzolo i fori dovranno essere piccolissimi il bambino che succhia dal seno deve aspirare molto forte perché esca il latte questo esercizio fisico che favorisce lo sviluppo delle labbra, mascella e apparato fonatorio.

6 Il biberon Dopo ogni poppata lo si laverà con uno spazzolino per bottiglie (usato solo per il biberon), sale grosso e sapone; evitare i detersivi. Fino al sesto mese deve essere sterilizzato. E meglio scegliere il metodo della bollitura (circa 20 minuti)

7 Enzimi del neonato: Nel neonato gli enzimi sono presenti in quantità limitata e non possono assolvere i loro compiti Lamilasi prodotta dal pancreas è molto debole; le farine ricche di amido verranno date solo a partire dal quinto mese. Nello stomaco, lacido cloridrico e la pepsina assumono caratteristiche simili a quelli delladulto verso il ventesimo mese di vita. Gli enzimi presenti in quantità uguale sono: la lattasi intestinale, la saccarasi e la maltasi.

8 Latte in polvere Latte maternizzato: è il tipo di latte più utilizzato. Subisce trattamenti che cercano di rendere la sua composizione il più possibile simile a quella del latte materno. Ovviamente sarà molto difficile che questo latte assomigli, seppur lontanamente, al latte umano.

9 Latte vegetale (1) Latte di cereali: è un latte molto simile, dal punto di vista chimico, al latte materno. Presenta è la carenza di grassi, che può essere superata introducendo del latte di mandorle.

10 Latte vegetali (2) I cereali più indicati sono: il riso: ha unazione astringente lorzo: ha unazione leggermente lassativa. Durante i mesi estivi, per prevenire i disturbi gastrointestinali è consigliabile una maggior quantità di riso.

11 Come preparare il latte di cereali (1) utilizzare chicchi di cereali integrali biologici e macinare una volta la settimana la quantità necessaria in modo che la farina sia sempre fresca; passare al setaccio la farina integrale per togliere i residui più grossi; un cucchiaio di farina per 100 grammi di acqua, aumentando di un cucchiaino ogni 100 grammi di acqua per ogni mese di età;

12 Come preparare il latte di cereali (2) bollire il liquido unora, mezzora dopo il primo mese e 20 minuti dopo il terzo mese, sostituendo man mano lacqua evaporata; filtrare il liquido, almeno fino allinizio dello svezzamento; preparare la quantità giornaliera in una volta e conservarla in un contenitore sterile, al freddo.

13 Preparazione del latte: la scelta dellacqua Le acque da utilizzare dovrebbero possedere un residuo a 180° inferiore ai 30 mg/l. (difficile eliminazione) Il pH dovrebbe essere maggiore di 6,4. Il contenuto di nitrati deve essere inferiore a 5 mg/l. (se trasformati in nitriti: metaemoglobina)

14 Latte di mandorle Conosciuto già dai tempi antichi e particolarmente adatto allalimentazione dei bambini. E un latte molto simile al latte materno, per quantità e composizione di calcio, proteine e zuccheri. E tuttavia troppo ricco di proteine e di grassi. Non è adatto per lalimentazione esclusiva, ma è un ottimo integratore.

15 Preparazione del latte di mandorle Lasciare le mandorle a mollo in acqua calda per minuti, per rendere più facile la separazione della buccia Versare 1 litro di acqua bollita calda su 100 grammi di mandorle dolci spellate e tritate o frullate Dopo qualche ora passare il tutto attraverso un panno di cotone e il latte così ottenuto viene usato, diluito con il 50% di acqua.

16 Il latte vaccino Il latte di mucca, poco si adatta allalimentazione del bambino. E un latte ricco di proteine e di alcuni acidi grassi, generalmente saturi.E di difficile digestione e può causare fermentazione e putrefazione intestinale.

17 Yoghurt I batteri che trasformano il latte in yogurt, provocano una scissione delle proteine rendendole più semplici da digerire. Il latte acido e lo yogurt, essendo alimenti predigeriti, possono essere dati al neonato diluiti con acqua, già dai primi giorni.

18 Il latte di capra E il latte che con la sua composizione si avvicina di più al latte umano. E ricco di caseina, di lipidi e sali minerali. E privo di betalattoglobulina, quindi non allergizzante.

19 Lo svezzamento Lo svezzamento è quel periodo transitorio, durante il quale lapparato digerente del bambino viene preparato allassunzione dellalimento solido.

20 Quando e come iniziare lo svezzamento Il momento dello svezzamento è assolutamente individuale. Con lallattamento materno, lesclusiva alimentazione lattea, potrà essere protratta fino agli 8-9 mesi Con lallattamento artificiale, non è necessario introdurre alimenti diversi fino a 5 mesi, anche perché fino al sesto mese gli enzimi non sono ancora in grado di svolgere le loro funzioni.

21 E ora dello svezzamento.. con la dentizione con la capacità di stare seduto manifestando interesse per i cibi degli adulti: con la conquista di autonomia: capacità di giocare da solo per qualche minuto o di attendere pazientemente la preparazione del pasto.

22 Assaggini… No fino al 5° mese Ogni tanto potrà gustare qualche cucchiaino di brodo vegetale, succo di mela, succo di carote per abituare le papille gustative a sapori diversi. Il vantaggio stà nel preparare la nuova flora batterica del canale digestivo.

23 La scelta di alimenti biologici Lalimentazione biologica è un modo di nutrirsi in sintonia con lambiente e le stagioni, nel pieno rispetto di tutto il sistema che permette la produzione, la trasformazione e la commercializzazione del cibo. Frutta, verdura, cereali e legumi prodotti con metodi biologici hanno un elevato valore nutritivo; sono facilmente digeribili, contengono vitamine, sali minerali e acqua in giusta quantità.

24

25 A 8-9 mesi: inizio dello svezzamento con introduzione di succhi di frutta (mela) o di verdura (carota) preparati in casa. Si inizierà con un cucchiaino a giorni alterni, aumentando gradualmente in base alla tolleranza. Si serviranno con il cucchiaino per abituare il bambino al nuovo strumento e lo si potrà rendere più familiare lasciandolo giocare con un cucchiaino di legno. Il bambino avrà già una sua frequenza nei pasti, in genere 4 o 5; i nuovi alimenti diventeranno uno spuntino.

26 A 9-10 mesi: mela e carota grattugiata, latte vegetale (mandorle, cereali), brodo di verdura, acqua. Si aumenterà la quantità in maniera graduale, tenendo conto delle esigenze individuali, ma anche del fatto che a questa età il dispendio energetico è elevatissimo in quanto i ritmi respiratori e cardiaci sono più rapidi di quelli delladulto. I pasti avranno una frequenza di 3 lattei e uno che inizierà a strutturarsi come quello delladulto. A metà mattino e a metà pomeriggio si potrà dare uno spuntino.

27 A mesi: passato di verdura, olio extravergine di oliva, farina di riso, farina dorzo, gallette di riso soffiato. Lolio extravergine verrà introdotto nella dose di mezzo cucchiaino al giorno per passare poi a un cucchiaino al giorno. Si userà sempre a crudo come condimento sulla minestra o sulle verdure; le farine si aggiungeranno alle minestre affinché si abitui al gusto e alla consistenza. I pasti saranno due lattei e due diversificati.

28 A mesi: verdure singole lessate; frutta essiccata; ricotta, yogurt o formaggi non troppo ricchi di caseina o nei quali questa sia predigerita. La frutta essiccata essendo molto ricca di zuccheri, verrà data una volta a settimana. Le verdure date singole, permettono la formazione del senso del gusto. I pasti saranno due lattei e due diversificati. Il bambino inizia ad amare una maggior consistenza, quindi zuppe e minestre si presenteranno sempre meno diluite.

29 A mesi Possono comparire tutti i cereali e pochi legumi secchi (lenticchie, piselli, fagioli). I legumi si introdurranno nella dose di un cucchiaio da minestra cotti, una volta la settimana. I pasti saranno uno latteo e tre diversificati, eventualmente uno spuntino.

30 A 18 mesi tutti i cereali, tutta la frutta fresca e secca, alcune spezie. Le farine di segale, avena e grano saraceno sono molto energetiche, quindi vanno consumate nei mesi invernali e in piccole quantità. I pasti saranno quattro più eventuali spuntini.

31 Prima di tutto: La coerenza… Proporre la bambino una sana alimentazione comporta necessariamente il miglioramento delle abitudini alimentari di tutta la famiglia. Una sana alimentazione si acquisisce già da questa età.

32 …non è mai necessaria o indispensabile e comunque non è un cibo adatto allorganismo del bambino almeno nei primi 3 anni di vita in quanto le sue capacità di masticazione e digestione sono sicuramente inadatte alle caratteristiche della carne. La carne…


Scaricare ppt "LALIMENTAZIONE NATURALE NEL BAMBINO Lallattamento e lo svezzamento."

Presentazioni simili


Annunci Google