La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IPO ed IPER 1 IPOGLICEMIA E IPERGLICEMIA Cosa sono : Una piccola guida rapida Cosa sono : Una piccola guida rapida.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IPO ed IPER 1 IPOGLICEMIA E IPERGLICEMIA Cosa sono : Una piccola guida rapida Cosa sono : Una piccola guida rapida."— Transcript della presentazione:

1 IPO ed IPER 1 IPOGLICEMIA E IPERGLICEMIA Cosa sono : Una piccola guida rapida Cosa sono : Una piccola guida rapida

2 IPO ed IPER2 Prefazione Sia lIPOGLICEMIA che LIPERGLICEMIA sono da collegarsi ad uno scarso coordinamento tra CARBOIDRATI INTRODOTTI, INSULINA INIETTATA ed ATTIVITA FISICA SVOLTA. Sia lIPOGLICEMIA che LIPERGLICEMIA sono da collegarsi ad uno scarso coordinamento tra CARBOIDRATI INTRODOTTI, INSULINA INIETTATA ed ATTIVITA FISICA SVOLTA. La perdita di equilibrio soprattutto tra CHO (carboidrati) introdotti con i pasti e linsulina iniettata è la causa primaria di scompenso glicemico. La perdita di equilibrio soprattutto tra CHO (carboidrati) introdotti con i pasti e linsulina iniettata è la causa primaria di scompenso glicemico. Una buona conoscenza della propria sensibilità insulinica e la conoscenza dei cibi assunti durante la giornata sono basilari per il raggiungimento del buon compenso metabolico. Una buona conoscenza della propria sensibilità insulinica e la conoscenza dei cibi assunti durante la giornata sono basilari per il raggiungimento del buon compenso metabolico.

3 IPO ed IPER3 Il valore glicemico Per valore glicemico si intende (l'aggettivo "glicemico" deriva dalla parola glicemia) la concentrazione, o meglio la presenza che gli zuccheri (glucosio) assumono nel sangue. Per valore glicemico si intende (l'aggettivo "glicemico" deriva dalla parola glicemia) la concentrazione, o meglio la presenza che gli zuccheri (glucosio) assumono nel sangue.Molecola Di glucosio

4 IPO ed IPER4 Indice glicemico L'indice glicemico è, quindi, la velocità con cui aumenta la glicemia. L'indice glicemico è, quindi, la velocità con cui aumenta la glicemia. Ossia la concentrazione di glucosio nel sangue. Ossia la concentrazione di glucosio nel sangue. Questo aumento è rapportato allassunzione degli alimenti con i quali ci nutriamo. Questo aumento è rapportato allassunzione degli alimenti con i quali ci nutriamo.

5 IPO ed IPER5 Indice glicemico Questo valore, nei soggetti insulino- dipendenti, ( tipo 1 ) assume livelli diversi in funzione dellora in cui viene verificato il valore ( con apposito strumento) ed è direttamente influenzato dalla quantità di insulina iniettata e dalla qualità e quantità dei cibi introdotti durante i pasti. Questo valore, nei soggetti insulino- dipendenti, ( tipo 1 ) assume livelli diversi in funzione dellora in cui viene verificato il valore ( con apposito strumento) ed è direttamente influenzato dalla quantità di insulina iniettata e dalla qualità e quantità dei cibi introdotti durante i pasti.

6 IPO ed IPER6 Valori indice glicemico a digiuno Nella fase di digiuno (circa 4 ore dal pasto principale) questo valore dovrebbe essere compreso tra gli 80 ed i 120 mg/dl, ma, viene ritenuto valido anche il valore di 140 mg/dl. Nella fase di digiuno (circa 4 ore dal pasto principale) questo valore dovrebbe essere compreso tra gli 80 ed i 120 mg/dl, ma, viene ritenuto valido anche il valore di 140 mg/dl.

7 IPO ed IPER7 Valori indice glicemico a 2 ore dopo il pasto Il valore glicemico a due (2) ore dal pasto dovrebbe essere compreso tra i 40 mg/dl ed i 60 mg/dl superiore, ossia da sommare al dato di partenza. Il valore glicemico a due (2) ore dal pasto dovrebbe essere compreso tra i 40 mg/dl ed i 60 mg/dl superiore, ossia da sommare al dato di partenza.

8 IPO ed IPER8 Il valore risulta notevolmente discostato – alterazione glicemica Nel caso in cui (indipendentemente dallorario di verifica e dalla prossimità o meno del pasto) questo valore risulta notevolmente discostato da quello prescritto, ci si trova in una condizione di alterazione glicemica. Nel caso in cui (indipendentemente dallorario di verifica e dalla prossimità o meno del pasto) questo valore risulta notevolmente discostato da quello prescritto, ci si trova in una condizione di alterazione glicemica.

9 IPO ed IPER9 Valori delle due condizioni – Ipo ed Iper (glicemia) Se il valore è inferiore agli 80 mg/dl ci si trova in una condizione di IPOGLICEMIA. Se il valore è inferiore agli 80 mg/dl ci si trova in una condizione di IPOGLICEMIA. Se superiore ai 180 mg/dl ci si trova in una condizione è di IPERGLICEMIA. Se superiore ai 180 mg/dl ci si trova in una condizione è di IPERGLICEMIA.

10 IPO ed IPER10 IPOGLICEMIA Come detto lIPOGLICEMIA si instaura quando la glicemia raggiunge valori inferiori agli 80 mg/dl. Come detto lIPOGLICEMIA si instaura quando la glicemia raggiunge valori inferiori agli 80 mg/dl. Si parla di ipoglicemie moderate e medie fino ad un valore di concentrazione degli zuccheri nel sangue di 60 mg/dl e di ipoglicemie severe quando si raggiungono valori inferiori. Si parla di ipoglicemie moderate e medie fino ad un valore di concentrazione degli zuccheri nel sangue di 60 mg/dl e di ipoglicemie severe quando si raggiungono valori inferiori.

11 IPO ed IPER11 Come viene avvertita la : IPOGLICEMIA Come detto lIPOGLICEMIA si instaura quando la glicemia raggiunge valori inferiori agli 80 mg/dl. Come detto lIPOGLICEMIA si instaura quando la glicemia raggiunge valori inferiori agli 80 mg/dl. Si parla di ipoglicemie moderate e medie fino ad un valore di concentrazione degli zuccheri nel sangue di 60 mg/dl e di ipoglicemie severe quando si raggiungono valori inferiori. Si parla di ipoglicemie moderate e medie fino ad un valore di concentrazione degli zuccheri nel sangue di 60 mg/dl e di ipoglicemie severe quando si raggiungono valori inferiori.

12 IPO ed IPER12 Quando viene avvertita la : IPOGLICEMIA Viene avvertita dal soggetto diabetico attraverso il senso di fame, sudorazione, tremore alle estremità, tachicardia ed annebbiamento della vista. Se la glicemia si riduce in modo molto progressivo alcuni di questi segnali vengono attenuati di intensità ma sono sempre presenti ma, non è detto che debbano essere necessariamente presenti tutti. Viene avvertita dal soggetto diabetico attraverso il senso di fame, sudorazione, tremore alle estremità, tachicardia ed annebbiamento della vista. Se la glicemia si riduce in modo molto progressivo alcuni di questi segnali vengono attenuati di intensità ma sono sempre presenti ma, non è detto che debbano essere necessariamente presenti tutti. Quando ciò accade è bene accertarsi subito del reale valore glicemico impiegando uno strumento chiamato, reflettometro. Quando ciò accade è bene accertarsi subito del reale valore glicemico impiegando uno strumento chiamato, reflettometro.

13 IPO ed IPER13 Se si ha la conferma della : IPOGLICEMIA ……………… impiegando uno strumento chiamato, reflettometro. ……………… impiegando uno strumento chiamato, reflettometro. (Di diversi modelli e diverse marche ) Nel caso in cui si abbia la conferma di un valore ridotto di zuccheri (glucosio) nel sangue, si deve provvedere allimmediata correzione. Nel caso in cui si abbia la conferma di un valore ridotto di zuccheri (glucosio) nel sangue, si deve provvedere allimmediata correzione.

14 IPO ed IPER14 Ecco alcuni accorgimenti in caso di: IPOGLICEMIA Per valori di IPO moderata (valore minore di 80 ma entro i 60 mg/dl) basterebbe assumere un frutto, o un po di pane, comunque dei carboidrati, aspettare un 15 minuti, per dare il tempo ai correttivi di agire, quindi riverificare il valore. Per valori di IPO moderata (valore minore di 80 ma entro i 60 mg/dl) basterebbe assumere un frutto, o un po di pane, comunque dei carboidrati, aspettare un 15 minuti, per dare il tempo ai correttivi di agire, quindi riverificare il valore.

15 IPO ed IPER15 Se dovesse risultare fastidiosa la : IPOGLICEMIA E possibile introdurre anche una modestissima quantità di zucchero se lIPO risulta fastidiosa. E possibile introdurre anche una modestissima quantità di zucchero se lIPO risulta fastidiosa. Nel caso in cui la glicemia dovesse risultare inferiore ai 60 mg/dl va applicata la regola del 15. Nel caso in cui la glicemia dovesse risultare inferiore ai 60 mg/dl va applicata la regola del 15.

16 IPO ed IPER16 La regola del 15 : IPOGLICEMIA Consiste nellassumere 15 gr di carboidrati semplici (zucchero, coca cola, succhi e similari) provvedendo ad effettuare un secondo controllo glicemico dopo 15 minuti. Consiste nellassumere 15 gr di carboidrati semplici (zucchero, coca cola, succhi e similari) provvedendo ad effettuare un secondo controllo glicemico dopo 15 minuti. Se dovesse risultare ancora inferiore ai 60 mg/dl si devono riassumere 15 gr di zucchero, sempre possibilmente sciolti in acqua. Se dovesse risultare ancora inferiore ai 60 mg/dl si devono riassumere 15 gr di zucchero, sempre possibilmente sciolti in acqua.

17 IPO ed IPER17 Cosa fare dopo la reg. del 15 : IPOGLICEMIA Se il valore della glicemia risulta essere normalizzato, è consigliabile assumere in questo caso, 15 gr. di carboidrati complessi come: pane, crackers, fette biscottate, ciò per evitare che la glicemia possa nuovamente ridursi in una ulteriore fase. continua Se il valore della glicemia risulta essere normalizzato, è consigliabile assumere in questo caso, 15 gr. di carboidrati complessi come: pane, crackers, fette biscottate, ciò per evitare che la glicemia possa nuovamente ridursi in una ulteriore fase. continua

18 IPO ed IPER18 Il cosi detto RIMBALZO : IPOGLICEMIA In questo modo si evita il ripetersi di una seconda crisi ipoglicemica e non si incappa nel così detto RIMBALZO. In questo modo si evita il ripetersi di una seconda crisi ipoglicemica e non si incappa nel così detto RIMBALZO. Attenzione Attenzione - per eccesso di correzione, in questa fase, a causa della paura dettata dalla sensazione ipoglicemica, si è spesso portati a sbagliare (assumendo troppi zuccheri o troppi carboidrati), ritrovandosi così successivamente con valori esagerati, sballati, questa volta in eccesso.

19 IPO ed IPER19 Inoltre nella correzione di una : IPOGLICEMIA Dobbiamo stare attenti a … Dobbiamo stare attenti a … E bene ricordare che, se la correzione di una IPO viene effettuata in prossimità di un pasto principale, tra la correzione ed il pasto vanno fatti intercorrere almeno 40 minuti, ciò per non incappare in valori glicemici non reali, non veritieri. E bene ricordare che, se la correzione di una IPO viene effettuata in prossimità di un pasto principale, tra la correzione ed il pasto vanno fatti intercorrere almeno 40 minuti, ciò per non incappare in valori glicemici non reali, non veritieri. QUINDI, si deve evitare di iniettare una quantità di insulina non adeguata. (unità) QUINDI, si deve evitare di iniettare una quantità di insulina non adeguata. (unità)

20 IPO ed IPER20 Inoltre nella correzione di una : IPOGLICEMIA Dobbiamo stare attenti a … Dobbiamo stare attenti a … E bene ricordare di non assumere, per correggere le IPO, sostanze grasse come: E bene ricordare di non assumere, per correggere le IPO, sostanze grasse come: La cioccolata, la panna o similari, perché sono cibi a lentissimo assorbimento e sono inutili per un rapido recupero glicemico, questi cibi sono causa di violente IPERGLICEMIE tardive. La cioccolata, la panna o similari, perché sono cibi a lentissimo assorbimento e sono inutili per un rapido recupero glicemico, questi cibi sono causa di violente IPERGLICEMIE tardive.

21 IPO ed IPER21 IPERGLICEMIA LIPERGLICEMIA è leccessiva presenza di zuccheri nel sangue. LIPERGLICEMIA è leccessiva presenza di zuccheri nel sangue. Meno pericolosa dellIPO è comunque una evenienza da evitare. Meno pericolosa dellIPO è comunque una evenienza da evitare. Si manifesta con senso di sete, nervosismo ed eccessiva tendenza ad urinare. Si manifesta con senso di sete, nervosismo ed eccessiva tendenza ad urinare. In alcuni casi i sintomi sono poco evidenti e va ricercata attraverso un adeguato controllo glicemico giornaliero. In alcuni casi i sintomi sono poco evidenti e va ricercata attraverso un adeguato controllo glicemico giornaliero. Ci sono IPER medie e severe. Ci sono IPER medie e severe.

22 IPO ed IPER22 Quando sono severe le : IPERGLICEMIE Severe, quando il valore supera i 250 mg/dl. Severe, quando il valore supera i 250 mg/dl. Diventa grave, arrivando a valori superiori ai 400 mg/dl. Diventa grave, arrivando a valori superiori ai 400 mg/dl. A causa di particolari meccanismi fisiologici, per valori glicemici eccessivi il glucosio presente nel sangue (gli zuccheri) non possono essere correttamente impiegati dalle nostre cellule, innescando così, un meccanismo di utilizzo delle riserve di grassi. continua A causa di particolari meccanismi fisiologici, per valori glicemici eccessivi il glucosio presente nel sangue (gli zuccheri) non possono essere correttamente impiegati dalle nostre cellule, innescando così, un meccanismo di utilizzo delle riserve di grassi. continua

23 IPO ed IPER23 Chetoni : IPERGLICEMIE Questo comporta linstaurarsi della cheto- acidosi, presenza di chetoni nel sangue. Evento pericoloso e sempre da scongiurare. Questo comporta linstaurarsi della cheto- acidosi, presenza di chetoni nel sangue. Evento pericoloso e sempre da scongiurare. Nel paziente diabetico, l'incapacità dell'organismo di utilizzare il glucosio porta all'utilizzo dei grassi che lasciano, come prodotto finale del loro metabolismo, delle sostanze di natura acida chiamate corpi chetonici. Nel paziente diabetico, l'incapacità dell'organismo di utilizzare il glucosio porta all'utilizzo dei grassi che lasciano, come prodotto finale del loro metabolismo, delle sostanze di natura acida chiamate corpi chetonici.

24 IPO ed IPER24 Valori glicemici eccessivi : IPERGLICEMIE Per valori glicemici eccessivi è consigliabile ricorrere a piccoli boli correttivi di insulina, i boli correttivi sono il totale delle unità di insulina da iniettarsi. Per valori glicemici eccessivi è consigliabile ricorrere a piccoli boli correttivi di insulina, i boli correttivi sono il totale delle unità di insulina da iniettarsi. Da tener presente che ogni unità di insulina iniettata ha capacità ipoglicemizzante diversa da persona a persona. Da tener presente che ogni unità di insulina iniettata ha capacità ipoglicemizzante diversa da persona a persona. La correzione è quindi soggettiva. La correzione è quindi soggettiva. Va effettuata per valori glicemici superiori ai 250 mg/dl Va effettuata per valori glicemici superiori ai 250 mg/dl Ma, non in prossimità dei pasti principali, questo per evitare che si abbia un effetto di sovrapposizione tra linsulina del pasto e quella della correzione. Ma, non in prossimità dei pasti principali, questo per evitare che si abbia un effetto di sovrapposizione tra linsulina del pasto e quella della correzione.

25 IPO ed IPER25 Alcuni primi chiarimenti 1. Una Unità di insulina è pari a 0.01 mg 2. Il cosìdetto bolo è la quantità di insulina iniettata. 3. Cosa di intende per zucchero; lo zucchero è un tipo di carboidrato disaccaride, altrimenti detto saccarosio. 4. Altri zuccheri sono: lattosio, fruttosio, glucosio, ma anche gli amidi si trasformano in zuccheri. 5. La sigla CHO rappresenta la parola CARBOIDRATI.


Scaricare ppt "IPO ed IPER 1 IPOGLICEMIA E IPERGLICEMIA Cosa sono : Una piccola guida rapida Cosa sono : Una piccola guida rapida."

Presentazioni simili


Annunci Google