La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C ORSO CLASSE 1 A 4° incontro. Programma MOMENTO DI REGOLAZIONE- Incontro precedente ATTIVITA DIDATTICA - BANCA DEI NUMERI: ce la fai a battere la clessidra?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C ORSO CLASSE 1 A 4° incontro. Programma MOMENTO DI REGOLAZIONE- Incontro precedente ATTIVITA DIDATTICA - BANCA DEI NUMERI: ce la fai a battere la clessidra?"— Transcript della presentazione:

1 C ORSO CLASSE 1 A 4° incontro

2 Programma MOMENTO DI REGOLAZIONE- Incontro precedente ATTIVITA DIDATTICA - BANCA DEI NUMERI: ce la fai a battere la clessidra? -SITUAZIONI: trenini, partita di calcio -LE OPERAZIONI: dalla partizione del numero al calcolo orale e mentale GIOCHI -VASETTI E BIGLIE -CARTE: gioco tappo, rubamazzetto ecc. -CALCOLI E BICCHIERI -CALCOLI CHE FANNO …. -BUSTA E VASETTO SCHEMA RIASSUNTIVO - Numeri -Quantificazione -Operazioni

3 La banca dei numeri

4 ATTIVITÀ NUMERICHE FONDATE SUL VALORE POSIZIONALE DELLE CIFRE Le attività proposte si appoggiano su una scatola di numeri chiamata Banca dei numeri che, a seconda dei livelli degli allievi, può essere composta da numeri entro il 100 oppure entro il Lobiettivo prioritario Lobiettivo prioritario nelluso della Banca dei numeri (e di tutte le attività correlate) consiste nel mettere lallievo in situazioni sempre più complesse nelle quali egli possa costantemente mantenere il controllo numerico della situazione.

5 Ce la fai a battere la clessidra? Consegna: - Ritaglia tutti questi numeri seguendo bene le righe. - Costruisci i numeri da 1 a Ora cerca di farlo il più velocemente possibile dopo aver mescolato bene tutti i cartellini. - Ce la fai a battere la clessidra? (2 minuti)

6

7 Giochi

8 Vasetti (con coperchio) e biglie da 1 a Situazione-problema: Quante biglie ti occorrono per completare i vasetti. Lallievo trova i vasetti incompleti e, prima di aprirli, deve calcolare quante biglie occorrono per completarli tutti. Può manipolare i vasetti e usare la procedura che meglio crede (con un disegno, con delle note,…). Osservazione: tra la situazione 1 e la situazione 2 esiste evidentemente un divario enorme, ma sta al docente utilizzare al meglio tutte le variabili in gioco per adeguare la situazione alle reali possibilità dellallievo. Ad esempio, nella situazione 2, è possibile lavorare unicamente con due o tre vasetti, prima di confrontarsi con situazioni complesse come quella qui descritta. (In seguito, il lavoro può evolvere verso livelli più complessi, ad esempio mettendo alcuni vasetti con delle biglie in più.) Queste attività si prestano sia per dei momenti di laboratorio (possono rappresentare una postazione), sia per delle attività collettive, a coppie o individuali.

9 Progressione 1- Situazione base: lattività consiste semplicemente nel mettere in un bicchiere una biglia (o castagna, o ciottolo,…), in un altro due biglie,… e così via fino al dieci. Poi lallievo deve prendere i coperchi dei bicchieri con i numeri e chiudere il giusto vasetto. Infine ordinare tutti i vasetti come nel disegno. 2- Situazione-problema A: Quante biglie ti occorrono per completare i vasetti. Lallievo trova i vasetti incompleti e deve calcolare quante biglie occorrono per completarli tutti. Può usare la procedura che meglio crede (con un disegno, con delle note,…). 3- Situazione-problema B: Che casino! Metti un po dordine in quei vasetti.. Lallievo trova i vasetti sottosopra, alcuni con biglie di troppo, altri di meno. Saranno sufficienti le biglie? Gliene resteranno? Dovrà andare a prendere delle altre?

10 Quante biglie ti occorrono per completare i vasetti ? Sotto ogni vasetto scrivi quante biglie mancano. Qui sotto, disegna le biglie che dovrai andare a prendere per completare i quattro vasetti. In totale, quante biglie ti occorrono? Osservazione per linsegnante: La situazione è reale, nel senso che lallievo manipola concretamente il materiale (ci sono i vasetti e lallievo va a prendere le biglie mancanti, …ecc.) … e questo foglio accompagna il lavoro. La presenza simultanea del materiale concreto e di fogli di questo tipo, aiuta lallievo a capire il legame tra situazioni reali e situazioni rappresentate su delle schede. Inoltre, il passaggio dalla situazione concreta al foglio rappresenta una modalità di controllo. Man mano lallievo si staccherà poi dal concreto, dalle biglie e dai vasetti, per lavorare solo con delle schede, con dei simboli, con delle rappresentazioni grafiche,… e per finire, negli anni successivi, unicamente con dei testi (situazioni scritte).

11 Quante biglie ti occorrono per completare i vasetti ? A. Sotto ogni vasetto scrivi quante biglie mancano. B. In tutto, quante biglie hai usato per completare tutti i dieci vasetti?

12 S ITUAZIONI

13 05/03/ Nella mia classe siamo in 18. Ogni bambino ha bisogno di 1 gomma, 2 matite, 4 quaderni. Quante gomme, matite, quaderni devo ordinare per tutta la classe? SITUAZIONE 1SITUAZIONE 2 Nella mia classe siamo in 18. Prima della fine dellanno scolastico organizzeremo una festicciola. Ogni bambino potrà bere 2 bicchieri di aranciata. Quante bottiglie dovrò acquistare se con una posso riempire solo 8 bicchieri? Quanto spenderò se ogni bottiglia costa 2 euro?

14 05/03/ SOLUZIONI DEGLI ALUNNI DI PRIMA

15 05/03/201415

16 05/03/201416

17 05/03/201417

18 05/03/201418

19 05/03/ AZIONEmomento individuale in cui ogni allievo risolve/disegna 2.COMUNICAZIONEogni bambino presenta agli altri la sua soluzione Attraverso il DISEGNO entrano in gioco due momenti importanti 3. VALIDAZIONEil dibattito (bambini che concordano con una soluzione oppure con unaltra …. Si formano gruppi dei SI oppure dei NO …. i bambini spiegano le loro posizioni ….. Alcuni cambiano gruppo …. poi la classe si compatta) 4.ISTITUZIONALIZZAZIONElinsegnante prende posizione bravi siete arrivati a trovare una soluzione

20 05/03/ Non è sulla soluzione che dobbiamo essere concentrati, sugli errori MA SULLA CAPACITÀ DI RAPPRESENTARE LE SOLUZIONI PIÙ O MENO CORRETTE Sarà la classe a far notare al bambino leventuale errore che comunque può essere corretto aggiungendo VARIABILI alla soluzione stessa. LOBIETTIVO NON SARÁ quello di portare tutta la classe alla stessa soluzione ma di esercitare la capacità di rappresentare soluzioni ALLINTERNO DEL LABORATORIO MATEMATICO risolvendo sistematicamente situazioni

21 05/03/ I bambini utilizzeranno strumenti di rappresentazione sempre più snelli con lobiettivo di arrivare al NUMERO ESEMPIO PER LA SITUAZIONE 2 Nella mia classe siamo in 18. Prima della fine dellanno scolastico organizzeremo una festicciola. Ogni bambino potrà bere 2 bicchieri di aranciata. Quante bottiglie dovrò acquistare se con una posso riempire solo 8 bicchieri? Quanto spenderò se ogni bottiglia costa 2 euro? LE FASI DI RAPPRESENTAZIONI SONO MOLTEPLICI: 8 IMMAGINE MENTALE Bambino che non ha raggiunto la cardinalità del numero: fase del pre-numero

22 05/03/ Per sviluppare questo capacità occorre NASCONDERE LA RAPPRESENTAZIONE FASI DI LAVORO: GIOCO DELLA SCATOLA (O GIOCO DEL GARAGE) PROBLEMI DI …. PASTA COLLANE DI PASTA GIOCO CON I TRENI

23 05/03/ GIOCO DELLA SCATOLA (O GIOCO DEL GARAGE) Le automobili entrano nel garage (o gli oggetti nella scatola) ….. ad un certo punto possono anche …. uscire ……. PROBLEMI DI …. PASTA Data una certa quantità di pasta ad ogni bambino si chiede di risolvere questa situazione: Devo ordinare delle scatole, in ogni scatola metto 5 maccheroni. Quante scatole ordino?

24 05/03/ Costruisco collane di pasta e scrivo quanta pasta ho utilizzato COLLANE DI PASTA Correzione reciproca

25 05/03/ GIOCO CON I TRENI Costruire i vagoni con le scatole del thè e usare matite, bottoni o altro per simulare i passeggeri SITUAZIONE 1: Quante persone sul treno? X X X X 2 E 3

26 05/03/ GIOCO CON I TRENI SITUAZIONE 2: Voglio un treno con tre vagoni che porti 17 persone. Componi il treno ……. E ……. E ……. 17

27 05/03/ GIOCO CON I TRENI SITUAZIONE 3: Alla stazione di Milano arriva il treno 17. Tutti i passeggeri di questo treno salgono sul treno 12. Ora il treno quanti passeggeri trasporterà?

28 05/03/ GIOCO CON I TRENI SITUAZIONE 4: In quanti modi posso costruire il treno 9?

29 05/03/ GIOCO CON I TRENI Il materiale prodotto è AUTOCORRETTIVO poiché il treno è lì e il bambino può togliere i bottoni per contarli e controllare lesattezza dellesercizio.

30 Schema riassuntivo

31 L E OPERAZIONI Dalla partizione del numero al calcolo orale e mentale

32 La partita di calcio Mi è stato detto che alla partita di calcio di ieri pomeriggio sono state segnate 5 reti, ma non ho capito però quale squadra abbia vinto. Nessuno di noi ha visto la partita, ma qualcuno di voi ha idea di quali potrebbero essere i possibili risultati? "Secondo me ha vinto la squadra di Tommaso 4 a 1, perché loro sono i più forti. Qualcuno ha un'altra idea? La partita avrebbe potuto avere un esito diverso? La discussione continua….. La maestra scrive alla lavagna i risultati proposti dagli allievi. Appaiono anche le coppie inverse come 2 a 3 e 3 a 2 (l'unico risultato che non emerge è il 5-0). Linsegnante stimola la classe alla ricerca di TUTTE le possibilità. Bravissimi, avete trovato diverse possibilità di punteggio. Ora vi spiego cosa dovrete fare: Se durante la partita fossero state segnate 8 reti, quali sarebbero le diverse possibilità? Formiamo dapprima le coppie (questa volta per sorteggio). Ora, sul vostro quaderno, cercate e scrivete tutti i possibili risultati. Buon lavoro!

33

34

35

36

37 GIOCHI

38 CARTE: tappo, rubamazzetto ecc…

39 CALCOLI E BICCHIERI

40 CALCOLI CHE FANNO FRONTE RETRO

41 BUSTA E VASETTO QUI CALCOLI CHE SO QUI TUTTI I CALCOLI

42 SCHEMA RIASSUNTIVO

43


Scaricare ppt "C ORSO CLASSE 1 A 4° incontro. Programma MOMENTO DI REGOLAZIONE- Incontro precedente ATTIVITA DIDATTICA - BANCA DEI NUMERI: ce la fai a battere la clessidra?"

Presentazioni simili


Annunci Google