La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pisa, 29 giugno 2010 Corso Cani da Macerie METODOLOGIE DELLA RICERCA Procedura operativa di ricerca su edificio crollato a cura di Giuseppe Valentini Sovrintendente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pisa, 29 giugno 2010 Corso Cani da Macerie METODOLOGIE DELLA RICERCA Procedura operativa di ricerca su edificio crollato a cura di Giuseppe Valentini Sovrintendente."— Transcript della presentazione:

1 Pisa, 29 giugno 2010 Corso Cani da Macerie METODOLOGIE DELLA RICERCA Procedura operativa di ricerca su edificio crollato a cura di Giuseppe Valentini Sovrintendente e Conduttore Cinofilo del Corpo Forestale dello Stato

2 SIGNIFICATO DI ALCUNI TERMINI ricorrenti nel soccorso con Unità Cinofile ed anche per le ricerche sul web: INSARAG (Nazioni Unite) International Search and Rescue Advisory (consultivo) Group FEMA (Stati Uniti) Federal Emergency Management Agency K9 designazione statunitense del cane poliziotto, basata sull'omofonia in lingua inglese tra K9 e canine sull'omofonia in lingua inglese tra K9 e canine (canino) (canino)

3 PROCEDURA DI INTERVENTO SU EDIFICIO CROLLATO DA PARTE DI PERSONALE TECNICO SPECIALIZZATO, PER LA RICERCA DI PERSONE TRAVOLTE DA MACERIE: 1. Tecnico AZMAT (Hazardous materials) verifica con strumentazione adeguata: la presenza di sostanze esplosive e/o nocive alla salute delluomo (CO, Propano, Metano, ecc.) la presenza di sostanze esplosive e/o nocive alla salute delluomo (CO, Propano, Metano, ecc.) la presenza di campi magnetici dovuti a passaggi di corrente (cavi elettrici che scaricano a terra); la presenza di campi magnetici dovuti a passaggi di corrente (cavi elettrici che scaricano a terra); Se lesito è negativo, lo stesso darà il via libera per la valutazione strutturale delledificio da parte di altro personale specializzato; Se lesito è negativo, lo stesso darà il via libera per la valutazione strutturale delledificio da parte di altro personale specializzato; Se lesito è positivo, larea di lavoro verrà bonificata dai pericoli rilevati (apertura di tutti i circuiti elettrici e chiusura delle condutture del gas in zona ed a monte della stessa, pompaggio o aspirazione di aria). Se lesito è positivo, larea di lavoro verrà bonificata dai pericoli rilevati (apertura di tutti i circuiti elettrici e chiusura delle condutture del gas in zona ed a monte della stessa, pompaggio o aspirazione di aria). 2. Terminate le operazioni di bonifica il tecnico AZMAT da il nulla-osta alla prosecuzione delle ricerche.

4 2. Tecnico strutturale (Ing. VVFF): valutazione strutturale di ciò che rimane in piedi delledificio; valutazione strutturale di ciò che rimane in piedi delledificio; da ordini per la messa in sicurezza di eventuali criticità strutturali; da ordini per la messa in sicurezza di eventuali criticità strutturali; da il via libera allintervento di altro personale specializzato allUSAR (Urban Search and Rescue); da il via libera allintervento di altro personale specializzato allUSAR (Urban Search and Rescue);

5 3. Ricerca di dispersi vocale: mi sentite? mi sentite? cè nessuno? cè nessuno? Se cè risposta viene localizzato ed evidenziato subito il punto più vicino alla sorgente sonora ed iniziano le prime azioni USAR sul disperso e comunque a prescindere da questo, si passa al punto 4. Se cè risposta viene localizzato ed evidenziato subito il punto più vicino alla sorgente sonora ed iniziano le prime azioni USAR sul disperso e comunque a prescindere da questo, si passa al punto 4.

6 4. Ricerca di dispersi con 4. Ricerca di dispersi con UNITA CINOFILE valutazioni del caso e tecniche di intervento appropriate (ricordare i rimedi della prima lezione); valutazioni del caso e tecniche di intervento appropriate (ricordare i rimedi della prima lezione); se il cane segnala si da un rinforzo primario e/o secondario e si continua la bonifica di tutta larea fino al termine. Successivamente fuori o dentro larea di intervento se le condizioni lo permettono, si premia il cane; se il cane segnala si da un rinforzo primario e/o secondario e si continua la bonifica di tutta larea fino al termine. Successivamente fuori o dentro larea di intervento se le condizioni lo permettono, si premia il cane; tutti i punti segnalati dal cane vengono evidenziati con una V (victim) segnata con vernice spray di colore arancione o con una bandierina; tutti i punti segnalati dal cane vengono evidenziati con una V (victim) segnata con vernice spray di colore arancione o con una bandierina; entra unaltra U.C. per ulteriore bonifica e/o conferma dei punti di massimo effluvio già segnalati; entra unaltra U.C. per ulteriore bonifica e/o conferma dei punti di massimo effluvio già segnalati;N.B.: è importante con lesperienza acquisita in addestramento, valutare le condizioni di circolo dellaria sopra le macerie e se possibile trovarsi sempre a valle del flusso di uscita della stessa dalle o sopra le macerie (sottovento), in modo da dare tutte le indicazioni del caso al tecnico che opererà nella fase successiva; è importante con lesperienza acquisita in addestramento, valutare le condizioni di circolo dellaria sopra le macerie e se possibile trovarsi sempre a valle del flusso di uscita della stessa dalle o sopra le macerie (sottovento), in modo da dare tutte le indicazioni del caso al tecnico che opererà nella fase successiva; una squadra USAR è composta di norma da 14 persone (3 delle quali sono U.C.), il terzo cane viene tenuto a riposo e quindi la terza U.C. collabora con lintera squadra, SEGUIRÀ SEMPRE A VISTA lU.C. INTENTA AD OPERARE IN POSISIZIONE DI SICUREZZA e sarà sempre pronta ad una eventuale sua sostituzione in caso di bisogno. una squadra USAR è composta di norma da 14 persone (3 delle quali sono U.C.), il terzo cane viene tenuto a riposo e quindi la terza U.C. collabora con lintera squadra, SEGUIRÀ SEMPRE A VISTA lU.C. INTENTA AD OPERARE IN POSISIZIONE DI SICUREZZA e sarà sempre pronta ad una eventuale sua sostituzione in caso di bisogno.

7 5. Entra il tecnico per una ulteriore bonifica strumentale delle zone adiacenti e/o sovrastanti il/i punto/i segnalato/i dalle U.C. e già marcato/i con la/le lettera/e V e/o la/le bandierina/e di colore arancione sia in superficie o penetrando il più possibile sotto le macerie: con il DELSAR (Life Detector) per la localizzazione e ricerca strumentale del disperso (distanza minima di penetrazione da corpi o oggetti di interesse, forma e posizione degli stessi nello spazio). Il DELSAR funge anche come strumento di localizzazione di sorgenti di rumore o di oggetti inanimati (il tecnico decodificando i segnali di ritorno captati distingue il battito cardiaco o il respiro umano); con il DELSAR (Life Detector) per la localizzazione e ricerca strumentale del disperso (distanza minima di penetrazione da corpi o oggetti di interesse, forma e posizione degli stessi nello spazio). Il DELSAR funge anche come strumento di localizzazione di sorgenti di rumore o di oggetti inanimati (il tecnico decodificando i segnali di ritorno captati distingue il battito cardiaco o il respiro umano); con strumenti a rilevamento termico; con strumenti a rilevamento termico; con particolari telecamere, posizionate alle estremità di sonde mobili filo comandate calate in profondità sotto le macerie. con particolari telecamere, posizionate alle estremità di sonde mobili filo comandate calate in profondità sotto le macerie.

8 6. Si arriva così allultima fase, che è quella di RESCUE: penetrazione veloce e precisa sullinfortunato ritrovato; penetrazione veloce e precisa sullinfortunato ritrovato; messa in sicurezza del tunnel necessario allestrazione e recupero dello stesso; messa in sicurezza del tunnel necessario allestrazione e recupero dello stesso; raggiungimento dello stesso attraverso il tunnel suddetto da parte del Medico USAR; raggiungimento dello stesso attraverso il tunnel suddetto da parte del Medico USAR; recupero in sicurezza dellinfortunato per il trasporto successivo verso lidoneo presidio di pronto soccorso ospedaliero più vicino alla zona di ritrovamento. recupero in sicurezza dellinfortunato per il trasporto successivo verso lidoneo presidio di pronto soccorso ospedaliero più vicino alla zona di ritrovamento.


Scaricare ppt "Pisa, 29 giugno 2010 Corso Cani da Macerie METODOLOGIE DELLA RICERCA Procedura operativa di ricerca su edificio crollato a cura di Giuseppe Valentini Sovrintendente."

Presentazioni simili


Annunci Google