La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione n. 5. DECLINODECLINO Alessandro Magno. Dopo la Guerra del Peloponneso, che distrusse la ricchezza, lottimismo e loriginalità degli ateniesi, dopo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione n. 5. DECLINODECLINO Alessandro Magno. Dopo la Guerra del Peloponneso, che distrusse la ricchezza, lottimismo e loriginalità degli ateniesi, dopo."— Transcript della presentazione:

1 Lezione n. 5

2 DECLINODECLINO Alessandro Magno. Dopo la Guerra del Peloponneso, che distrusse la ricchezza, lottimismo e loriginalità degli ateniesi, dopo il 335 a.C. su tutto il mondo greco venne il dominio di Alessandro Magno. La fiducia dei greci in se stessi ne fu fortemente minata, perché da allora fu impossibile la libertà delle poleis. Nella cultura ellenica si radicò un certo cinismo. Si cominciò a guardare al passato.

3 Ellenismo e Roma Per dare prestigio e splendore alle feste che segnavano grandi eventi della sua vita, lo stesso Alessandro predispose raduni atletici regolari. Le cerimonie da lui indette nellantica città egiziana di Menfi prevedevano dei giochi greci; vi furono gare sportive a Persepoli e Susa. Lo seguiva un lottatore, un certo Leonnato, tanto dedito alla lotta da portarsi dietro sacchi di sabbia per lallenamento. In tutte le città da lui fondate

4 Antico e moderno:La Maratona arriva in Central Park

5 Alessandro Magno Particolare del mosaico di Pompei.

6 Limpero di Alessandro Magno Litinerario di conquista fino al 323 a. C.

7 Ellenismo e Roma (cont) (le Alessandria) furono fondati ginnasi e scuole di lotta. Le conquiste di Alessandro in Africa e in Asia accrebbero enormemente larea geografica e la popolazione esposta allinflusso della cultura greca. (le Alessandria) furono fondati ginnasi e scuole di lotta. Le conquiste di Alessandro in Africa e in Asia accrebbero enormemente larea geografica e la popolazione esposta allinflusso della cultura greca. Col passare del tempo negli elenchi dei vincitori delle grandi manifestazioni sportive comparvero sempre più i nomi di professionisti attentamente reclutati e addestrati provenienti dalle province, in particolare dallItalia meridionale. Col passare del tempo negli elenchi dei vincitori delle grandi manifestazioni sportive comparvero sempre più i nomi di professionisti attentamente reclutati e addestrati provenienti dalle province, in particolare dallItalia meridionale.

8 IMPORTANZA DEL PROFESSIONISMO Lo scadimento delle ambizioni politiche e la scomparsa di celebrazioni locali concentrarono maggiori ambizioni sui vincitori di prove sportive. Si puntò di più sugli scopritori di talenti. Addirittura gli atleti più incostanti passavano da una cittadinanza a unaltra. UN CASO DI PRO. UN CASO DI PRO. Astilo di Crotone vinse le corse di mezzofondo nei Giochi del 488 e 484 a.c. Corrotto a suon di soldi dal tiranno di Siracusa, prese parte ai Giochi del 480 a.C. come siracusano. Per vendetta i crotoniati distrussero le statue erette in suo onore.

9 IMPERO MACEDONE Massima estensione dellImpero nel 300 a.C. circa

10 ELLENISMO Alcuni critici della società guardavano con rimpianto alletà delloro. Gli eccessi nello sport e la volgarità degli atleti e dei loro tifosi erano ritenuti prova evidente della sconfitta dellanimo greco. Dopo Pericle, iniziò lascesa di Alessandro Magno ( a.C.). Egli, istruito dal filosofo Aristotele, cercò di imporre la cultura greca nei Balcani (veniva dalla Macedonia) e nellEstremo Oriente, ma forzatamente.

11 ALESSANDRO MAGNO La missione che il padre Filippo il Macedone si era prefissa era quella di modernizzare la Macedonia, unaspra regione abitata da pastori a nord delle città greche. Modernizzazione non era altro che adattamento deella cultura locale ai raffinati consumi e usanze in voga nelle città greche. Non a caso la madre di Alessandro Magno ( a.C.) si chiamava Olimpia. Pare che il re fosse molto bravo nella corsa, e che organizzasse gare podistiche in memoria di re e personaggi famosi.

12 TIFOSI E PUBBLICO Nelle manifestazioni provinciali i riverenti spettatori di una volta erano sostituiti da tifosi scalmanati, soprattutto nel pugilato e nel pancrazio. DIFFUSIONE DELLO SPORT GRECO IN ASIA. CI furono molti incentivi per diffondere lo sport greco in Asia. Un ostacolo fu rappresentato da Israele.Lattività fatta per puro gioco poco piaceva agli ebrei, che consideravano lo sport minaccia per lintegrità morale.

13 LO SPORT AI TEMPI DELLA MACEDONIA Filippo Il macedone Alessandro Magno Leonnato Significativamente, già ai tempi della festa di Filippo Il macedone, erano previsti premi per gli atleti e gli artisti... Alessandro Magno organizzò raduni atletici (meeting) a Menfi, nellEgitto, poi a Persepoli e Susa (Persia). Egli stesso si portava dietro atleti come Leonnato, un lottatore. Aveva caricato di sacchetti di sabbia i cammelli. I giochi e le gare fra soldati di Alessandro, che avevano tutte le formalità greche, volevano impressionare i popoli conquistati.

14 CAMPAGNE DI ALESSANDRO Spinto da unambizione irrefrenabile e dalla nevrosi nel dimostrare a tutti che non era inferiore ai grandi condottieri greci come Pericle, Alessandro Magno dichiarò guerra ai Persiani. 334 a.C: inizio della campagna contro la Persia. Alessandro vince e, considerandosi successore di Dario, sconfitto a Isso, inizia la lunga marcia nei deserti iraniani fino ai confini dellimpero (India e Afghanistan). Con queste terribili marce in territori inospitali, si può considerare lantesignano delle maratone nelle sabbie.

15 CONDIZIONI ESTREME Nel deserto dellIran si possono raggiungere condizioni anche di 50°C. Nel 331 a.C. Alessandro entra a Persepoli e la incendia come vendetta dellincendio di Atene del 480 a.C a.C. Alessandro Magno vuole assogettare i confini del mondo conosciuto. Si spinge ai confini con lIndia. A questo punto i veterani, esasperati da continue privazioni e sofferenze, gli impongono di tornare a casa.

16 ALESSANDRO MAGNO

17 MORTE E MERITI DI ALESSANDRO Nel 323 a.C., a quanto scrivono alcuni storici, Alessandro fa il bagno in un lago del deserto. Viene colto da accesso febbrile e muore. Secondo altri morì per avvelenamento. Egli diede lesempio di una monarchia assoluta. Senza di lui non sarebbero potuti esistere limpero romano né quello bizantino. I suoi biografi (Curzio Rufo) raccolsero migliaia di informazioni etnologiche e naturalistiche. Contribuì alla diffusione della cultura greca e sportiva. Il linguaggio greco diventò universale (globalizzazione ante litteram). Fu educato da Aristotele.

18 ERODE, MECENATE Erode I il grande Il primo governante ebreo che vedesse di buon occhio lo sport fu Erode I il grande (nato nel 73 a.C, re dal 37 al 4 a.C.). Egli volle dimostrare obbedienza assoluta ai superiori romani, e quindi spinse gli ebrei a adeguarsi in quanto a sport. Fece costruire impianti sportivi, istituì gare atletiche da tenersi ogni cinque anni.

19 GLI ETRUSCHI Le origini degli etruschi restano tuttora misteriose. Qualche studioso afferma come venissero dalla Lidia (regione dellattuale Turchia).Tra il VII e V secolo a.C. questi abitanti dellItalia centrale costruirono una barriera allespansione greca. RAFFIGURAZIONI. Nelle necropoli etrusche si sono trovati vasi, dipinti tombali, che raffiguravano atleti negli atti di lanciare il giavellotto o il disco Le origini degli etruschi restano tuttora misteriose. Qualche studioso afferma come venissero dalla Lidia (regione dellattuale Turchia).Tra il VII e V secolo a.C. questi abitanti dellItalia centrale costruirono una barriera allespansione greca. RAFFIGURAZIONI. Nelle necropoli etrusche si sono trovati vasi, dipinti tombali, che raffiguravano atleti negli atti di lanciare il giavellotto o il disco

20 IMPERO ETRUSCO

21 ETRUSCHI (segue) Nelle raffigurazioni etrusche si trovano pugili con i pugni guantati da strisce di cuoio. A differenza della Grecia, gli atleti indossano dei rudimentali pantaloncini. Oltre a atleti veri e propri, ci sono raffigurazioni di giocolieri e ginnasti.Al pari dei greci, gli etruschi utilizzavano la palestra come centro di raduno degli atleti attivi, degli artisti e degli spettatori. Nelle raffigurazioni etrusche si trovano pugili con i pugni guantati da strisce di cuoio. A differenza della Grecia, gli atleti indossano dei rudimentali pantaloncini. Oltre a atleti veri e propri, ci sono raffigurazioni di giocolieri e ginnasti.Al pari dei greci, gli etruschi utilizzavano la palestra come centro di raduno degli atleti attivi, degli artisti e degli spettatori.

22 INIZIO DELLO SPORT GLADIATORIO Nelle feste etrusche, oltre a danzatori, giocolieri e clown mascherati cerano elementi più sinistri, inquietanti. Gli etruschi iniziarono a organizzare spettacoli pubblici di gladiatori, e combattimenti con belve feroci. Scopo di questi combattimenti era lo spargimento di sangue, il macello e alla fine la morte.

23 SPORT A ROMA Roma, secondo leggenda, viene fondata da Romolo, discendente di Enea, nel 753 a.C. Malgrado lorgoglio razziale, il loro autocontrollo, i romani repubblicani dovettero soccombere ai filosofi, agli artisti e al gusto greci. Non erano certo un popolo capace di inventarsi una cultura sportiva CULTURA MILITARE. Le innovazioni ci furono in campo bellico, con la creazione della LEGIONE.Essa andava dai ai uomini. Finalizzati a questo erano LANCIO DEL GIAVELLOTTO, COMBATTIMENTO CON LA SPADA CORTA, e MARCIA SINCRONIZZATA. Roma, secondo leggenda, viene fondata da Romolo, discendente di Enea, nel 753 a.C. Malgrado lorgoglio razziale, il loro autocontrollo, i romani repubblicani dovettero soccombere ai filosofi, agli artisti e al gusto greci. Non erano certo un popolo capace di inventarsi una cultura sportiva CULTURA MILITARE. Le innovazioni ci furono in campo bellico, con la creazione della LEGIONE.Essa andava dai ai uomini. Finalizzati a questo erano LANCIO DEL GIAVELLOTTO, COMBATTIMENTO CON LA SPADA CORTA, e MARCIA SINCRONIZZATA.

24 SPORT A ROMA (cont) Per secoli i critici della decadenza della società romana attribuirono la colpa al virus contratto con altre società, ad esempio quella greca. I primi atleti greci dei quali abbiamo traccia a Roma furono portati da un impresario del 186 a.C, ed erano sicuramente dei professionisti. Cicerone chiamò la nudità degli atleti greci linizio di ogni male.Addirittura loratore romano dice che è sconveniente recarsi a Olimpia a vedere i Giochi. Per secoli i critici della decadenza della società romana attribuirono la colpa al virus contratto con altre società, ad esempio quella greca. I primi atleti greci dei quali abbiamo traccia a Roma furono portati da un impresario del 186 a.C, ed erano sicuramente dei professionisti. Cicerone chiamò la nudità degli atleti greci linizio di ogni male.Addirittura loratore romano dice che è sconveniente recarsi a Olimpia a vedere i Giochi.

25 MECENATI Uno dei più famosi fu Erode Attico ( d.C.), grande ammiratore della Grecia classica. Incontrò lammirazione dellimperatore Adriano ( d.C.).Fra i suoi progetti, ci fu quello di regalare uno stadio nuovo a Atene.Spianò una collina e vi fece realizzare posti a sedere in marmo. Alcuni imperatori romani avevano svolto attività sportive come Tiberio (regnò dal 14 al 37 d.C.), che a Olimpia aveva vinto la corsa delle quadrighe.

26 RILANCIO SOTTO NERONE Nerone, in concomitanza con il suo viaggio in Grecia del 67 d.C., volle che si tenesse una speciale edizione fuori programma dei giochi olimpici. Egli stesso prese parte a gare con bighe e quadrighe.Creò i giochi neroniani, che rispristinarono lantico programma atletico. ATTEGGIAMENTI DEL MONDO DELLA CULTURA. In parte il mondo intellettuale considerò la tradizione sportiva greca come una corruzione dei giovani (vedi Tacito) Nerone, in concomitanza con il suo viaggio in Grecia del 67 d.C., volle che si tenesse una speciale edizione fuori programma dei giochi olimpici. Egli stesso prese parte a gare con bighe e quadrighe.Creò i giochi neroniani, che rispristinarono lantico programma atletico. ATTEGGIAMENTI DEL MONDO DELLA CULTURA. In parte il mondo intellettuale considerò la tradizione sportiva greca come una corruzione dei giovani (vedi Tacito)

27 RILANCIO SOTTO NERONE (segue) Diverso latteggiamento di altri intellettuali: Seneca nelle Epistole a Lucilio, pur manifestando lo sdegno nei confronti degli spettacoli circensi e dellatletica pesante, sottolinea limportanza di uno sport leggero (corsa, camminate), in maniera da ricreare la mente, senza affaticarla troppo.LUCIANO DI SAMOSATA. Lo scrittore Luciano di Samosata, nel 157 d.C. nel suo Anacarsi, dialogo con uno scita, affronta il tema dellutilità dello sport, irrisa dal barbaro.

28 LUCIANO (segue) Solone il legislatore, concepisce la città, il territorio, come un corpo, come unentità fisica da allenare. Per la prima volta si imposta una visione civile delleducazione fisica. In questo Luciano anticipa Ortega y Gasset, autore delloriginale saggio Lorigine sportiva dello Stato. In generale, comunque, i pensatori romani non videro mai di buon occhio lattività sportiva.

29 MASSIMA ESTENSIONE DELLIMPERO (Traiano 110 d.C.)

30 SPORT SPETTACOLO Lo sport greco non ebbe mai diritto di cittadinanza a Roma, nonostante la benevolenza di diversi imperatori (vedi ad es. Marco Aurelio ) nei confronti della cultura ellenica.Predominavano gli aspetti più spettacolari, come ad es. la CORSA CON LE BIGHE, I GLADIATORI, LE TERME. CORSA CON LE BIGHE. Ereditata dalla Grecia, venne ospitata dai Romani in ippodromi con tribune in legno e in muratura.Nella capitale nacquero associazioni di aurighi professionisti. Ci furono fenomeni di tifo scalmanato, con fazioni politiche a appoggiare un auriga piuttosto che un altro.

31 I GLADIATORI I romani adottarono gli spettacoli dei gladiatori dagli Etruschi. Già negli ultimi giorni della Repubblica cerano scuole speciali per laddestramento dei gladiatori.Gli allenatori erano chiamati LANISTI. Lesercizio era basato su una sorta di scherma, di lotta e di corsa nella sabbia.La scuola per gladiatori più grande e antica era a Capua. Qui, nel 73 a.C., Spartaco condusse la rivolta dei gladiatori contro Roma.

32 COMBATTIMENTO FRA GLADIATORI

33 COMBATTIMENTI FRA GLADIATORI

34 I GLADIATORI (cont) Occorsero ai romani dieci giorni per domarli. Alla fine la vittoria fu celebrata con la crocefissione di 600 ribelli catturati sulla Via Appia. Con i suoi quasi allievi, la scuola di Capua era la più grande dellItalia romana. Nellepoca imperiale ci fu la sponsorizzazione degli spettacoli gladiatori da parte di Augusto (10 d.C.), da Traiano ( 107 d.C.) Occorsero ai romani dieci giorni per domarli. Alla fine la vittoria fu celebrata con la crocefissione di 600 ribelli catturati sulla Via Appia. Con i suoi quasi allievi, la scuola di Capua era la più grande dellItalia romana. Nellepoca imperiale ci fu la sponsorizzazione degli spettacoli gladiatori da parte di Augusto (10 d.C.), da Traiano ( 107 d.C.)

35 PANEM ET CIRCENSES Allingresso nellarena faceva seguito il saluto di rito: Ave, Caesar, morituri te salutant. Seguiva uno squillo di tromba. Cerano diverse figure: Il trace indossava elmo con visiera, gambiere (parastinchi), un piccolo scudo rotondo e un pugnale. Il reziario aveva una rete, che gettava addosso allavversario, e un tridente.

36 I GLADIATORI (cont) Il punto culminante era luccisione di un essere umano. Talvolta, girando il pollice in su o sventolando dei fazzoletti, la folla esprimeva il desiderio che al vinto venisse risparmiata la vita.Tali combattimenti, avversati dal Cristianesimo, furono aboliti nel 681 d.C. LE TERME. La tecnologia idraulica, la versatilità delle costruzioni in calce, nonché il gusto per il lusso resero possibili grandi impianti sotto Caracalla (217 d.C.) e Diocleziano (302 d.C.). Questi complessi erano dotati di giardini, ginnasi, campi di giochi con la palla (arpasto), biblioteche e grandi sale. Ne vennero fatte a Bisanzio, a Pompei. Il punto culminante era luccisione di un essere umano. Talvolta, girando il pollice in su o sventolando dei fazzoletti, la folla esprimeva il desiderio che al vinto venisse risparmiata la vita.Tali combattimenti, avversati dal Cristianesimo, furono aboliti nel 681 d.C. LE TERME. La tecnologia idraulica, la versatilità delle costruzioni in calce, nonché il gusto per il lusso resero possibili grandi impianti sotto Caracalla (217 d.C.) e Diocleziano (302 d.C.). Questi complessi erano dotati di giardini, ginnasi, campi di giochi con la palla (arpasto), biblioteche e grandi sale. Ne vennero fatte a Bisanzio, a Pompei.

37 A Roma cerano tre scuole imperiali, che dovevano combattere contro bestie feroci.Le altre si trovavano a Alessandria dEgitto, e a Pergamo, in Asia Minore.Al tempo di Nerone nella sola Roma cerano gladiatori. Nellarena si svolgevano anche combattimenti di uomini contro bestie feroci (venationes) e di animali aizzati gli uni contro gli altri.Nel 107 d.C. limperatore Traiano fece combattere gladiatori (record mai più uguagliato), per celebrare la vittoria sui Daci.

38 GIOCO DEL PALLONE A Roma si praticava un rudimentale gioco della palla, chiamato harpastum.Si giocava soprattutto nel Campo di Marte, il campo sportivo più frequentato. Si poteva giocare sia con stracci rudimentali, che con vesciche di animali gonfiate. Si trattava di una specie di palla avvelenata, antesignana della pallavolo.

39 CORSE CON I CARRI A Roma assunsero grandissima importanza le corse con i carri. Si svolgevano prevalentemente nellimpianto del Circo Massimo. Nel 400 d.C. lo storico Ammiano Marcellino scriveva nelle sue Storie: A Roma non si conclude niente di serio, perché lattività preferita di tutti i romani consiste nellesporsi al sole e alla pioggia dallalvba al tramonto per osservare i cavalli e le loro gare. Già dei tempi dei re di Roma esistevano le feste pubbliche nel corso delle quali si svolgevano anche corse dei carri e gare di atletica.

40 FESTE PUBBLICHE Cerano, ad esempio, i Ludi Apollinares (in onore di Apollo) che si svolgevano il 13 luglio e risalivano al 208 a.C.. Esistevano i ludi Florales (in onore di Flora) che si disputavano il 3 maggio e risalgono al 173 a.C. Con lavvento al potere di personalità come Silla, Pompeo e Cesare addirittura aumentarono le feste: gli imperatori intravvedevano in essi un modo di fare propaganda.

41 CORSE CON I CARRI.

42 AURIGHI Gli aurighi erano i piloti dei carri. Il simbolo didentificazione era stato il colore della tunica indossato da un auriga ingaggiato da una società. Nel I secolo d.C. esistevano quattro colori : bianco (factio alba); rosso (russata); verde (prasina); azzurro (veneta). Limperatore Domiziano tentò di introdurre altri due colori: oro (aurata) e porpora (purpurea). Anche diecimila persone accorrevano al Circo Massimo. Cerano vere e proprie tifoserie.

43 CIRCO MASSIMO

44 PROFESSIONISMO Come fra i gladiatori, anche fra gli aurighi si era formata unèlite di professionisti dei quali tutti conoscevano i nomi e di cui i poeti celebravano la bravura e la fama. Contrariamente ai gladiatori, essi godevano di una stima sociale di uno status maggiori.I bravi aurighi guadagnavano parecchio. La sede principale per le corse con bighe e quadrighe era costituita dal Circo Massimo.

45 CIRCO MASSIMO Esso nacque inizialmente come unarena. Gli spettatori si sedevano semplicemente sullerba. Poi vennero costruite le tribune, dapptima in legno, quindi di pietra. Secondo lo storico Dionisio di Alicarnasso il Circo Massimo era lungo 650 metri e largo 125. Le tribune erano divise in tre ordini. La capienza era di spettatori. Cerano dei contagiri rudimentali consistenti in sagome di delfini ribaltabili.Cerano anche getti di fontane dacqua.

46 CORSE CON I CARRI Esistevano gabbie di partenza disposte in forma di semicerchio. La pista era divisa dal muro (spina) in due corsie distinte I carri rischiavano di scontrarsi. Le corse più normali erano con le quadrighe, mentre i principianti affrontavano la gara con le bighe.Nerone era un appassionato auriga. Gli aurighi portavano un casco contro le cadute e una corta tunica di maglia del colore della loro squadra. Lintera pista doveva essere percorsa sette volte. Ogni giro (curriculum) doveva essere lungo allincirca 1,2 km.

47 CORSE CON I CARRI Si trattava di percorrere 8,5 km; cosa che si concludeva nel giro di un quarto dora.Vinceva chi tagliava per primo un traguardo rappresentato da una striscia bianca posta sulla corsia sinistra nei pressi dellingresso. Era uno sport rischioso, con sorpassi azzardati, corse a zig zag per intralciare gli avversari, e cadute nellaggiramento delle mete a tutta velocità. Limperatore Caligola nel 37 d.C. organizzò 20 corse in un giorno.

48 SPORT EE TEMPO LIBERO A Roma il Campo di Marte offriva ai giovani la possibilità di esercitare alcune tutte le discipline dellatletica leggera, come il lancio del disco e del giavellotto, la corsa, il salto in alto e in lungo, la lotta. Le donne invece non potevano allenarsi lì. Altri giovani prendevano lezioni di pugilato: il numero dei pugili, però, non era elevato, visti i rischi di questo sport

49 DECADENZA E CROLLO Il Cristianesimo abolì il martirio dei gladiatori. Erano uomini con unanima.Le terme vennero chiuse e trasformate in Chiese. I cristiani avevano una grande avversione per le feste pagane. Sullo scenario incombe la minaccia dei barbari. Nel 394 d.C Teodosio il Grande abolisce le Olimpiadi. Nel 475 d.C. Odoacre, re dei Visigoti, depone Romolo Augustolo. Cade lImpero Romano dOccidente. Il Cristianesimo abolì il martirio dei gladiatori. Erano uomini con unanima.Le terme vennero chiuse e trasformate in Chiese. I cristiani avevano una grande avversione per le feste pagane. Sullo scenario incombe la minaccia dei barbari. Nel 394 d.C Teodosio il Grande abolisce le Olimpiadi. Nel 475 d.C. Odoacre, re dei Visigoti, depone Romolo Augustolo. Cade lImpero Romano dOccidente.

50 BARBARI: Assedio degli Unni

51 ATTILA, re degli Unni

52 IMPERO DEGLI UNNI

53 IMPERO DEI GOTI

54 CONCLUSIONE E MASSIMA …Lazione dello sport oggi come un tempo sarà utile o dannosa, secondo il partito che se ne saprà trarre e secondo la direzione verso cui lo si indirizzerà. Lo sport può mettere in gioco le passioni più nobili come più vili, può sviluppare il disinteresse o il sentimento dellonore come lamore per il guadagno; può essere cavalleresco o corrotto, virile o bestiale.. Pierre De Coubertin


Scaricare ppt "Lezione n. 5. DECLINODECLINO Alessandro Magno. Dopo la Guerra del Peloponneso, che distrusse la ricchezza, lottimismo e loriginalità degli ateniesi, dopo."

Presentazioni simili


Annunci Google