La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ph. D. Luciana Mastrolonardo Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara, sezione DePT, Dipartimento di Architettura Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ph. D. Luciana Mastrolonardo Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara, sezione DePT, Dipartimento di Architettura Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali."— Transcript della presentazione:

1 Ph. D. Luciana Mastrolonardo Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara, sezione DePT, Dipartimento di Architettura Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità.

2 Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Levoluzione del processo di industrializzazione va di pari passo con una sua integrazione a più livelli (industria, agricoltura, insediamenti, risorse locali), in modo da definire un processo che sia sistemico, e dunque sostenibile. I sistemi industriali e produttivi non possono avere una vita propria e isolata, e occorre sviluppare tra loro integrazioni e simbiosi per riuscire a ridurre i prelievi e le immissioni sullambiente. Una strategia operativa da utilizzarsi per il miglioramento dei sistemi, per contabilizzare e promuovere interventi integrativi, è quella dell'ecologia industriale che permette un approccio globale per intervenire attraverso fasi graduali di miglioramenti sistemici

3 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara La chiusura degli cicli: riferimento agli ecosistemi naturali, capaci di riequilibrarsi e di produrre scarti interamente riutilizzabili, attraverso la simbiosi, ossia lo spostamento dellattenzione dalla singola azienda allintero territorio.

4 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Si ritiene comunemente che il sistema industriale sia separato dalla biosfera, con le fabbriche e città da un lato e la natura, dall'altro. L'ecologia industriale esplora l'ipotesi opposta: il sistema industriale può essere visto come un certo tipo di ecosistema.

5 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara La raffineria Statoil fornisce i reflui depurati e la sua acqua di raffreddamento usata, per alimentare la Centrale Asnæs. Asnæs fornisce vapore sia a Statoil e Novo Nordisk per il riscaldamento nei loro processi in cogenerazione. L'eccesso di gas della raffineria Statoil è trattato per eliminare lo zolfo, venduto come materia prima per la produzione di acido solforico, e il gas pulito viene fornito alla stazione Asnæs Gyproc come fonte di energia. Asnæs elimina lo zolfo dei fumi, che serve per produrre il gesso, principale materia prima per la fabbricazione di pannelli in cartongesso prodotti da Gyproc. Novo Nordisk produce biomassa usata come fertilizzante che contiene azoto, fosforo e potassio. Le comunità agricole locali usano più di metri cubi di questo fertilizzante liquido ogni anno, nonché oltre tonnellate di una forma solida di concime. Il calore residuo viene fornito anche dalla centrale Asnæs al sistema di teleriscaldamento della città.

6 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Sistema metodologico Le metodologie utilizzate per configurare il sistema simbiotico sono di diversa tipologia: 1.Lanalisi del sistema produttivo territoriale Questa prima fase consiste in una analisi effettuata sul territorio e sul sistema produttivo territoriale mediante la Cluster Analysis che basandosi su variabili che caratterizzano le imprese attive nel territorio. 2.La Contabilità del flusso di materiali ed energia MFA (Material Flow Accounting) Questo tipo di analisi contabilizza in unità fisiche le sostanze. 3.LAnalisi del Ciclo di Vita LCA Lanalisi LCA consente di valutare i benefici ambientali e gli scenari. Attraverso un approccio quantitativo calcola il peso ambientale di un prodotto durante tutto il suo ciclo di vita, dallestrazione delle materie prime fino alla sua dismissione. 4.LAnalisi Economico Ambientale Questo studio è teso a valutare le attività produttive del luogo e la relativa dotazione infrastrutturale, le risorse e i vincoli presenti. Obiettivo è la creazione di un modello il più vicino possibile al Zero Waste.

7 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Region Industry Process Enterprise Economical system Sustainable Housing Industry Value addedded Modality of CLUSTER STRATEGY IMPLEMENTATI ON Modality of CLUSTER STRATEGY IMPLEMENTATI ON A_Information chain B_Material Flow C_Energy chain D_LCIA E_Waste returns A_Information chain B_Material Flow C_Energy chain D_LCIA E_Waste returns LCA Network of active economical actors RESOURCES Identify: _COMPANIES _ORGANIZATIONS _RESEARCH CENTRE _UNIVERSITY _BANKS _GOVERNMENT

8 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara ECONOMIC ENVRONMENTAL SOCIAL Network economies Industrial ecosystem Innovation System SUSTAINABLE INNOVATION ADDED VALUE 1_Creazione di una Mappa per lo Sviluppo di Valori Industriali 2_Processo di identificazione dei Valori di Opportunità 3_Strategia di implementazione del Cluster

9 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara APPLICAZIONE AD UNAREA SENSIBILE: Comunità montana Campo Imperatore-Piana di Navelli in Provincia de LAquila Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

10 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Abruzzo Region, LAquila Territory Campo Iperatore area, with a territorial economical system based on breeding Piana di Navelli area with territorial economical system based on agriculture Mountain Community LAquila province

11 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Progettare un sistema aperto che possa dare benefici all'intera comunità: la riduzione dei rifiuti, nuovi posti di lavoro, una migliore qualità ambientale, e un futuro per territori che sono caratterizzati da un sistema economico artigianale e necessitano di implementare la loro economia, per evitare l'esodo di abitanti in cerca di occupazione. L'obiettivo principale è di sviluppare un sistema basato sulle sinergie (rapporti di rete) degli attori economici attivi con il sostegno di istituzioni, dove gli stakeholders mettono in campo le loro risorse in prodotti ad alto valore aggiunto con un obiettivo strategico comune: sfruttare la risorse di valore economico e sociale del territorio.

12 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

13 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara BUILDING LOW-TECH INDUSTRY

14 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

15 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

16 STRAW BALE SOWING Seed production of plant HARVEST WHEAT WHEAT FLOWCHART Chain of CEREALS Supply materials and semifinished assembling panels of wood/assembling steel cables Trimming and assembling straw bale Praparation and drawing paster base Transport from fabric to building site Installation in building site End life ricicle/reuse Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

17 Supply materials and semifinished assembling panels of wood/assembling steel cables Trimming and assembling straw bale Praparation and drawing paster base Transport from fabric to building site Installation in building site End life ricicle/reuse Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

18 Trees and other green plants or producers consume CO2 and form biomass, mainly carbohydrates consisting of carbon (C), hydrogen (H), and oxygen (O), through photosynthesis. The biomass of green plants is used by other organisms as food. Respiration and decay of all organisms release the CO2 back to the physical surroundings of the organisms. Gaseous oxygen (O2) is released through photosynthesis and bound in respiration and decay. Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

19 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara

20 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara Secondary wood products (box and pallet etc. ) 100 Domestic stem wood cuttings of Municipality Energy production with local system Building Industry (door, windows) 70 Paper and Paperboard 180 (use ) Semi finished product 70 Waste for Incineration Energy system Waste fraction in landfill 195 Burned from fire m3 50 recycled Forniture 250 System boundary ABRUZZO, 2007, tons Paper and paperboard industry 200 Panels EXPORT annual STOCK ABRUZZO stem and coppice WOOD ha ( ) Net growth: 1500 Cutting industry Energy production 21 0 Round wood Products Paper Semi finished 5.5 recycled Forniture Secondary prod. IMPORT 610 MFA of forestry system: floows of wooden material

21 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara BOSCO in Abruzzo 40, 63% territorio regionale 19,6%di bosco in aree protette 65% di bosco di proprietà pubblica ettari di foreste ettari fustaie di pino nero ettari cedui di faggio crescita annuale 1,5 milioni di mc mc per l'edilizia mc per la produzione di energia

22 Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali per una maggiore sostenibilità. Luciana Mastrolonardo, Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara


Scaricare ppt "Ph. D. Luciana Mastrolonardo Università G. DAnnunzio Chieti-Pescara, sezione DePT, Dipartimento di Architettura Evoluzione simbiotica dei sistemi industriali."

Presentazioni simili


Annunci Google