La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Michela Buscemi Cresciuta nei quartieri poveri di Palermo, la più grande di otto fratelli e sorelle,Michela Buscemi visse uninfanzia di stenti, privata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Michela Buscemi Cresciuta nei quartieri poveri di Palermo, la più grande di otto fratelli e sorelle,Michela Buscemi visse uninfanzia di stenti, privata."— Transcript della presentazione:

1 Michela Buscemi Cresciuta nei quartieri poveri di Palermo, la più grande di otto fratelli e sorelle,Michela Buscemi visse uninfanzia di stenti, privata dellistruzione basilare, con un padre deviato che qualc he volta abusava degli stessi figli e una madre non molto presente. Il quarto dei suoi fratelli, Salvatore Buscemi, quando cominciò a contrabbandare sigarette senza il consenso della mafia, fu ucciso in una trattoria davanti gli occhi di un altro fratello il 5 aprile del Anni dopo Rodolfo Buscemi, trasferitosi nello stesso quartiere in cui il fratello era stato ucciso, iniziò ad indagare sulla morte del fratello e scoprì anche lidentità degli assassini, ma non avendo prove sufficienti non poté accusarli. Nel frattempo gli vennero rivolte minacce dal mafioso Sinagra. Un mese dopo scomparve, vittima di lupara bianca. Era il 26 maggio del 1982.

2 Michela nel 85 fu chiamata a testimoniare insieme alla madre nel maxi-processo, frutto dellinstancabile lavoro del pool antimafia guidato da Falcone e Borsellino. Sua madre si rifiutò ma lei si costituì parte civile e raccontò ciò che sapeva sullomicidio dei due fratelli. Le conseguenti minacce di morte nei confronti dei suoi familiari la costrinsero ad abbandonare il processo, a chiudere la sua attività commerciale e a subire lemarginazione di un ambiente omertoso e colluso con la mafia. Inoltre fu allontanata da tutti i membri della famiglia e dalla stessa madre che la minacciò orribilmente con queste parole: Spero a Dio che lo stesso dolore tu hai da provare, i figli thanno ad ammazzare. Oggi Michela Buscemi è attiva sostenitrice della lotta contro la mafia e partecipa a convegni,visita le scuole ed ha scritto un libro intitolato Nonostante la paura in cui parla della sua vita e della sua lotta insieme ad alcune poesie come quella intitolata A Morti Da Mafia. Fa anche parte dell Associazione delle donne contro la mafia la cui presidente è Giovanna Terranova e collabora con lassociazione Libera di Don Ciotti.

3 A MORTI DA MAFIA Lautru iornu marruspigghiavu sintennu vucciria. Subbitu pinsai:Beddamatri, a nautru ammazzaru, a nautru figghiu di matri ammazzaru. Maffacciu tutta scantata e viu un mari ri genti chi cantava filici e cuntenti. Dumannu: Chi fu? Ma comu, unnu sai? A mafia muriu, u rissi u tiligiurnali. Veni, scinni puru tu, ca ci facemu u funerali: però stavolta unnavemu a chianciri, ma ririri e cantari. Veni, scinni, iamula a bruricari. A sti paroli un ci puteva cririri, ma virennu tutta dda genti accussi cuntenti, puru nno me cori trasiu lallegria: e nun sapeva chi cosa avia a fari, si avia a chianciri, ririri, cantari o ballari… E pi a cuntintizza mi misi a satari e a cantari casa casa dicennu: Chè bellu!Finalmente putemu caminari pi li strati senza chiù viriri morti ammazzati, senza chiù luttu na li nostri casi, campari tranquilli senza scantu ca tammazzanu u maritu, i figghi o i fratuzzi. Ora tutti si vonnu beni!

4 Cantava accussì forti ca me figghia sarruspigghiò e mi taliò rirennu: Mama, chi stai facennu? Niscisti pazza? Picchì fai accussi? No, figghia mia, nun sugnu pazza, ma sugnu contenta: a mafia muriu, veni, affaccia, viri quanta genti chi cè ca sutta: e si talii bonu viri puru a chiddi ca finu a ieri, quannu ni virianu arrivari si ni trasianu rientra, si iavanu a mmucciari, mancu salutavano picchì si scantavanu ca appressu a mia ci fussi a lupara o a calibru 38 e, macari pi sbagghiu, i putevanu ammazzari. Ora sunnu cuntenti e vannu a fistiggiari Me figghia mi talia cu locchi chini di felicità e si metti a cantari insiemi a mia. Marruspigghiu cu lecu du me cantu: era tuttu un sonnu. Mi taliu ntornu, niente canciò, a mafia è sempri ccà. A nautru iurici ammazzaru. Però, si nutri lu vulemu, sta morti si po fari e, macari fra centanni, ma lavemu a vruricari Michela Buscemi


Scaricare ppt "Michela Buscemi Cresciuta nei quartieri poveri di Palermo, la più grande di otto fratelli e sorelle,Michela Buscemi visse uninfanzia di stenti, privata."

Presentazioni simili


Annunci Google