La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C.S.T. – NTD Monza e Brianza Nuove Tecnologie e Disabilità Referente: Prof. Silvia Banzola

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C.S.T. – NTD Monza e Brianza Nuove Tecnologie e Disabilità Referente: Prof. Silvia Banzola"— Transcript della presentazione:

1 C.S.T. – NTD Monza e Brianza Nuove Tecnologie e Disabilità Referente: Prof. Silvia Banzola

2 Anno Effettuata una sola consulenza. Scarsa visibilità, necessaria nuova modalità per pubblicizzare il Servizio e sensibilizzare anche i docenti curricolari. Analisi e sperimentazione di software didattici Presentazione e dimostrazione duso dei SW Azione 6 in data 19 maggio 2011, presso ISA Monza Incontro di formazione-informazione NT Disabilità Ideazione e sviluppo degli strumenti per lattivazione del progetto Comodato duso delle tecnologie presentato nellincontro del 19 maggio e messo in rete sul sito CTRH alla pagina del CST.

3 Il CST - NT/D Monza Brianza è nato nel 2006 da un progetto del Miur (Azione 4). Offre assistenza e supporto sulluso di strumenti tecnologici e informatici a sostegno dellintegrazione degli alunni disabili e DSA. Collabora allo sviluppo di progetti per la documentazione di buone prassi con il CTRH Monza – Brianza. E punto dimostrativo educativo dei software Anastasis ed Helpicare Referenti: Silvia Banzola e Ilaria Chellini (I.C. Koinè – Monza)

4 Proposte operative Realizzazione di un depliant illustrativo dei servizi CST da distribuire alle scuola via . Diffusione delle prassi del CST anche attraverso corsi di formazione : 1 - Corso per docenti sostegno non specializzati Novembre Corsi dislessia primo livello Carate Brianza 5-14 dicembre 2011 (CTRH / UST+ Aias Monza) 3 - Corsi dislessia secondo livello Monza Da definire (febbraio 2012) (CTRH / UST+ Aias Monza) 4 – In progetto: formazione diretta ad alunni DSA di un Istituto di scuola secondaria di II grado

5 Individuazione di modalità efficaci per promuovere il servizio di comodato Riproposta di attività di consulenza Formazione e informazione Attivazione del comodato duso Individuazione ausili per implementazione parco HW e SW In studio un progetto per formazione piccoli gruppi alunni DSA e comodato per DSA Ricerca e formazione collaboratori

6 CTRH MONZA CENTRO GRUPPO DSA Referente: Prof. Maristella Colombo

7 CTRH MONZA CENTRO GRUPPO DSA Il percorso di formazione, di riflessione e di ricerca intorno ai DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI di APPRENDIMENTO nelle loro varie articolazioni, allinterno delle quali il gruppo si è mosso,ha seguito un itinerario ben preciso.

8 Struttura del percorso di ricerca FASE 1 – MONITORAGGIO DELLE ESPERIENZE PREGRESSE FASE 2 – ANALISI DELLE ESPERIENZE PREGRESSE FASE 3 – PIANO OPERATIVO FASE 4 – DIFFUSIONE DELLE ESPERIENZE BUONE PRASSI

9 · promuovere percorsi comuni negli Istituti a partire dallanalisi e dalla valorizzazione di ciò che già esiste e funziona bene · sollecitare lattivazione di progetti formativi · favorire il confronto e la comunicazione tra gli Istituti e gli Enti territoriali · documentare e socializzare le esperienze realizzate dagli altri Istituti Scolastici nelle proprie realtà territoriali PER QUESTE RAGIONI CI E PARSO OPPORTUNO IL RICORSO A STRATEGIE CAPACI DI:

10 Utilizzo delle attività laboratoriali per lo sviluppo cognitivo e linclusione Referente del Gruppo : Prof.ssa A. De Stefano SMS T. Confalonieri Monza mail :

11 Gruppo : Utilizzo delle attività laboratoriali per lo sviluppo cognitivo e linclusione FASE 1 ALLA SCOPERTA DELLESISTENTE- LINDAGINE SUL TERRITORIO Attività laboratoriali centrate sulla realizzazione di prodotti finali con agganci e ricaduta didattica di tipo disciplinare o interdisciplinare ma che non evidenziavano metodologie riferite allo sviluppo cognitivo Attività laboratoriali condotte da educatori comunali L utilizzo di strumenti riferiti a metodi specifici accreditati che contemplavano una formazione mirata ma non trasferiti e realizzati in ambito laboratoriale Scarsa attivazione da parte delle scuole secondarie di secondo grado IN ITINERE Approfondimento della metodologia laboratoriale in funzione dello sviluppo delle carenze cognitive e della modificabilità cognitiva strutturale Sperimentazione di attività laboratoriali mediate in aule strutturate

12 FASE 2 Attivazione di modelli laboratoriali mediati in classi della scuola primaria e secondaria di primo grado, attivati: -nel gruppo classe allargato con utenza eterogenea -in piccolo gruppo con la presenza di alunni con deficit cognitivi, con difficoltà cognitive non certificate, in situazione di disagio Gruppo : Utilizzo delle attività laboratoriali per lo sviluppo cognitivo e linclusione

13 Stesura di una guida pratica documentata per docenti che intendono avvicinarsi e sperimentare attività laboratoriali mediati con riferimento a : metodologia didattica e attività laboratoriale: limiti, risorse e potenzialità teoria della Modificabilità Cognitiva Strutturale funzioni cognitive mediazione Transfert Esempi di mediazione Creazione Area Autoformazione per consultazione materiali/testi tematici di approfondimento

14 Tempi del gruppo : Novembre/Maggio Incontri periodici in presenza e in video

15 CTRH- MONZA CENTRO GRUPPO AUTISMO REFERENTE DEL GRUPPO: Ins. MAURIZIA POSTINI

16 Cosa abbiamo fatto? A.s 2010/2011 Corso di formazione per docenti: Laccoglienza di un alunno con disturbo autistico nella scuola: premesse teoriche e pratiche operative. Stesura delle buone prassi per il passaggio degli alunni autistici allordine di scuola successivo.

17 Cosa faremo? A.s 2011/2012 In stretta collaborazione con CTRH est e ovest Riedizione del corso per docenti: Laccoglienza di un alunno con disturbo autistico nella scuola: premesse teoriche e pratiche operative. Corso di secondo livello : Esperienze a confronto, ad ideale prosecuzione del corso base effettuato lanno scorso, per rispondere alle richieste dei docenti di un approfondimento su alcuni temi formativi facendo riferimento a concrete esperienze di lavoro.

18 Cosa faremo? A.s 2011/2012 In stretta collaborazione con CTRH est e ovest Divulgazione delle linee guida redatte dallASL di Monza nel progetto Fare rete: il contributo di tutti allintegrazione e alla continuità dellintervento per le persone autistiche e le loro famiglie. Monitoraggio del progetto: Autismo e scuola inserito nelle linee guida dellASL.

19 Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO Referente: D.s. Prof. Massimo Granata

20 Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO I ANNO Conoscenza territorio: indagine rilevazione progetti di orientamento attuati; indagine rilevazione progetti di orientamento attuati; questionario per sapere dove fossero stati orientati, e dove invece iscritti, gli studenti DVA e rispettiva tipologia, nel 2008/09; questionario per sapere dove fossero stati orientati, e dove invece iscritti, gli studenti DVA e rispettiva tipologia, nel 2008/09; questionario per conoscere come la media ha gestito lorientamento nel 2009/10; questionario per conoscere come la media ha gestito lorientamento nel 2009/10; Formazione di un gruppo stabile capace di interagire Incontri istituzionali che hanno avuto maggior visibilità allesterno

21 Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO II ANNO Compattazione gruppo: - Riflessione sulle azioni da svolgere e loro priorità; - Scelta strumenti da produrre; - Condivisione strumenti prodotti e loro validazione; - Messa in rete dei prodotti; - Indagine alle medie per lorientamento in uscita; - Indagine alle superiori per lesito del I anno, event. ri- orientamento Pochi Incontri istituzionali: Pochi Incontri istituzionali: - Hanno avuto carattere di confronto, anche con la presenza di psicologo esperto di orientamento DVA, ma minor visibilità allesterno; - Il lavoro domiciliare ha sviluppato la relazione interpersonale ed un risparmio di energie, tempo e finanze; - Si sono mantenuti contatti con chi è uscito dal gruppo

22 Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO II ANNO segue Gli strumenti e i prodotti messi in rete: griglia di osservazione I CARE; griglia di osservazione I CARE; buone prassi per la continuità (richiesta dellUST); buone prassi per la continuità (richiesta dellUST); check list II quadrimestre II media, (progetto di vita lavorativa); check list II quadrimestre II media, (progetto di vita lavorativa); un progetto di ri-orientamento ben riuscito; un progetto di ri-orientamento ben riuscito; lo Sportello e lorientamento; lo Sportello e lorientamento; percorso e modulistica per leffettuazione dello stage ad indirizzo percorso e modulistica per leffettuazione dello stage ad indirizzo lavorativo, nelle superiori; lavorativo, nelle superiori;

23 Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO Gruppo di lavoro ORIENTAMENTO III ANNO Mantenimento aggiornamento dati: - Passaggio alle superiori; - Andamento I e II anno alle superiori; - Orientamento in uscita dalle superiori: università e post diploma; - Presentazione dei prodotti ai referenti H e orientamento; - Veicolazione prodotti; - Confronto e validazione dei prodotti/strumenti sul territorio; Costituzione del gruppo come punto di riferimento territoriale; - Incontro con esperti di orientamento; - Focus su i genitori e lorientamento.

24 POTENZIAMENTO COGNITIVO CTRH Monza B.za Centro Referente: Elena Maria Banfi

25 POTENZIAMENTO DELLE FUNZIONI COGNITIVE SOTTESE ALLA COMPRENSIONE DELLA LINGUA Dott. Giovanni Carlo Bonansea Dott.sa Maria Teresa Mignone UNIVERSITA DI TORINO FASE 1 – FORMAZIONE

26 FASI 2 e 4 – RILEVAZIONE e ANALISI PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA Utilizzando strumenti di valutazione dinamica COMPRENSIONE DEL VISSUTO: OSSERVAZIONE ANALITICA EMPATIA CAUSA/EFFETTO COMPRENSIONE VERBALIZZAZIONE E LETTURA: AVVERSATIVE NEGAZIONI TEMPI VERBALI IPOTESI DEDUZIONI

27 FASI 3 e 5 POTENZIAMENTO STRUMENTI METACOGNITIVI: - CONFRONTA E SCOPRI LASSURDO - IMMAGINI Reuven Feuerstein - IL LABORATORIO DEL LINGUAGGIO Itala Riccardi Ripamonti

28 FASE 6 VERIFICA FINALE Lettura tabulazioni dei risultati – ricerca di materiali e metodologie facilmente fruibili - consulenza ad altre scuole

29 RISULTATI NON ATTESI: IN INTINERE COLLABORAZIONI CON (Università di Torino) e Associazione Multiproposta FINALI Partecipazione a convegno (Torino) PROSPETTIVE DELL'EDUCAZIONE COGNITIVA Con Jean-Louis Paour e Sylvie Cèbe


Scaricare ppt "C.S.T. – NTD Monza e Brianza Nuove Tecnologie e Disabilità Referente: Prof. Silvia Banzola"

Presentazioni simili


Annunci Google