La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SEMINARIO AITA ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI Cremona 9 aprile 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SEMINARIO AITA ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI Cremona 9 aprile 2010."— Transcript della presentazione:

1 SEMINARIO AITA ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI Cremona 9 aprile 2010

2 FINALITA DELLETICHETTATURA a) Informare i consumatori e proteggere i loro interessi; b) Garantire correttezza delle operazioni commerciali; c) Assicurare la libera circolazione comunitaria.

3 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 109/92 Prodotti alimentari destinati alla vendita sul mercato nazionale al consumatore finale ed alle collettività assimilate

4 UNITA DI VENDITA E il prodotto preconfezionato o sfuso destinato come tale al consumatore. Va etichettato tenendo conto delle deroghe e delle esenzioni previste.

5 MOMENTO DELLETICHETTATURA Al più tardi al momento dellesposizione al pubblico del prodotto.

6 LINGUA Generalmente è la lingua ufficiale del Paese dove il prodotto è venduto. Generalmente è la lingua ufficiale del Paese dove il prodotto è venduto. Sono tollerate diciture intraducibili o facilmente capite. Sono tollerate diciture intraducibili o facilmente capite. Interessato al problema è il destinatario del prodotto. Interessato al problema è il destinatario del prodotto.

7 REQUISITI DELLETICHETTA Chiarezza: le indicazioni devono essere comprensibili, non in codice e non devono lasciare dubbi. Chiarezza: le indicazioni devono essere comprensibili, non in codice e non devono lasciare dubbi. Leggibilità: le indicazioni devono essere riportate in modo tale da esserefacilmente leggibili in relazione soprattutto ai caratteri utilizzati Leggibilità: le indicazioni devono essere riportate in modo tale da esserefacilmente leggibili in relazione soprattutto ai caratteri utilizzati Indelebilità: da garantire in relazione alla tecnica messa a disposizione, in modo che le diciture piossano essere lette per tutta la vita commerciale del prodotto. Indelebilità: da garantire in relazione alla tecnica messa a disposizione, in modo che le diciture piossano essere lette per tutta la vita commerciale del prodotto. Punto evidente: parte della confezione ove è possibile leggere in modo evidente le indicazioni obbligatorie Punto evidente: parte della confezione ove è possibile leggere in modo evidente le indicazioni obbligatorie

8 SEDE Riguarda sia la sede dellimpresa sia la sede dello stabilimento. Riguarda sia la sede dellimpresa sia la sede dello stabilimento. E individuata dallindicazione del luogo, non necessariamente dallindirizzo.

9 CAMPO VISIVO Nello stesso campo visivo devono figurare se la loro indicazione è obbligatoria: a) la denominazione di vendita; a) la denominazione di vendita; b) la quantità; b) la quantità; c) la dicitura della data; c) la dicitura della data; d) il titolo alcolometrico. d) il titolo alcolometrico.

10 SEDE STABILIMENTO Indicazione non prescritta dalle norme UE ma consentita dalla UE. Obbligatoria solo per i prodotti confezionati in Italia e destinati al mercato nazionale, salvo i casi di esenzione. Obbligatoria solo per i prodotti confezionati in Italia e destinati al mercato nazionale, salvo i casi di esenzione.

11 INDICAZIONI VOLONTARIE CLAIMS = Nutrizionali: Regolamento (CE) n. 1924/06 e Decreto legislativo 77/93; = Salutistici: Regolamento (CE) n. 1924/06 Regolamento 608/04 su steroli e stanoli; = Mercantili: a) Extra, Super, di alta qualità e simili, puro, fresco, dietetico, naturale = possibilità duso a condizione; b) Genuino, sicuro, igienico = termini vietati c) Garanzia, garantito;Selezione, selezionato = uso consentito con dimostrazione.

12 DIVIETI a) Attribuzione di caratteristiche particolari comuni ad analoghi prodotti; b) Attribuzione di effetti e proprietà atte a prevenire, curare o guarire malattie umane; c) Attribuzione di effetti o proprietà non possedute; d) Induzione in errore del consumatore sulle caratteristiche dei prodotti.

13 PREIMBALLAGGI Sono le confezioni, preparate in assenza dellacquirente. Possono essere sigillate, ermeticamente chiuse o tali che, per accedere, occorre lacerarle, alterarle o aprirle

14 PREINCARTI Unità di vendita costituita da un prodotto alimentare e dallinvolucro nel quale è stato posto o avvolto negli esercizi di venita. Definizione data in relazione a quanto previsto dallarticolo 14 della direttiva, che lascia agli Stati membri la possibilità di rendere meno onerosa letichettatura dei prodotti venduti sfusi o confezionati sul luogo di vendita a richiesta dellacquirente o preconfezionati ai fini della vendita immediata. Definizione data in relazione a quanto previsto dallarticolo 14 della direttiva, che lascia agli Stati membri la possibilità di rendere meno onerosa letichettatura dei prodotti venduti sfusi o confezionati sul luogo di vendita a richiesta dellacquirente o preconfezionati ai fini della vendita immediata.

15 VENDITA IMMEDIATA Vendita allinterno dei locali dove i prodotti sono stati preparati o preincartati.

16 PREINCARTATI Indicazioni obbligatorie a) Denominazione di vendita b) Elenco ingredienti c) Data scadenza per paste fresche d) Titolo alcolometrico per bevande con contenuto alcolico superiore a 1,2% e) Modalità di conservazione per prodotti molto deperibili, ove necessario; f) Percentuale glassatura per prodotti glassati.

17 DENOMINAZIONE DI VENDITA E data dal nome del prodotto ed è di tipo E data dal nome del prodotto ed è di tipo a) legale comunitaria o nazionale; a) legale comunitaria o nazionale; b) merceologica, usuale o consuetudinaria; b) merceologica, usuale o consuetudinaria; c) fantasia. c) fantasia.

18 DENOMINAZIONI DI VENDITA E DESIGNAZIONI COMMERCIALI Casi di doppia indicazione: Casi di doppia indicazione: Pasta ed Acque minerali Pasta ed Acque minerali * La denominazione di vendita è obbligatoria: Pasta di semola di grano duro Pasta di semola di grano duro Acque minerali naturali. Acque minerali naturali. * La designazione commerciale può essere obbligatoria (acque minerali naturali: Panna, Ferrarelle) o facoltativa (pasta di semola di grano duro: Spaghetti, Penne). * La designazione commerciale può essere obbligatoria (acque minerali naturali: Panna, Ferrarelle) o facoltativa (pasta di semola di grano duro: Spaghetti, Penne).

19 DENOMINAZIONI DI VENDITA Divieti Divieto di sostituzione con marchi o nomi di fantasia Divieto di sostituzione con marchi o nomi di fantasia o nomi impropri delle denominazioni di vendita. o nomi impropri delle denominazioni di vendita. Divieto di uso di diciture ingannevoli,quali Divieto di uso di diciture ingannevoli,quali - tipo - gusto. Per DOP, IGP, STG il divieto è tassativo. Negli altri casi luso è superfluo: Il salame Milano è tale anche se prodotto a Napoli, in mancanza di un riconoscimento comunitario.

20 DENOMINAZIONI DI VENDITA La denominazione di vendita deve essere completata da talune diciture se essenziali per la conservazione o lutilizzazione del prodotto, con particolare riferimento al trattamento subito dal prodotto o allo stato fisico del prodotto: - congelato; - pastorizzato; - in polvere o se prescritte da norme specifiche: o se prescritte da norme specifiche: - surgelato (decreto legislativo 110/92); - surgelato (decreto legislativo 110/92); - irradiato (decreto legislativo 109/92, art. 4 comma 4). - irradiato (decreto legislativo 109/92, art. 4 comma 4).

21 DENOMINAZIONE DI VENDITA Diciture che la completano la denominazione di vendita: a) con edulcorante o con zucchero ed edulcorante; a) con edulcorante o con zucchero ed edulcorante; b) contiene una fonte di fenilalanina; b) contiene una fonte di fenilalanina; c) un consumo eccessivo può avere effetti lassativi. c) un consumo eccessivo può avere effetti lassativi. Le diciture di b) e di c) possono figurare anche in altra parte delletichetta. Le diciture di b) e di c) possono figurare anche in altra parte delletichetta.

22 INGREDIENTE Definizione: Definizione: Qualsiasi sostanza ivi compresi gli additivi utilizzata nella preparazione di un prodotto alimentare, purchè presente nel prodotto finito anche se in forma modificata.Qualsiasi sostanza ivi compresi gli additivi utilizzata nella preparazione di un prodotto alimentare, purchè presente nel prodotto finito anche se in forma modificata.

23 INGREDIENTE Designazione: Designazione: Nome specifico; Nome specifico; Nome generico; Nome generico; Nome della categoria. Nome della categoria. Trattamento: obblighi ed esenzioni Trattamento: obblighi ed esenzioni

24 INGREDIENTE Casi particolari di ingredienti: Casi particolari di ingredienti: a) Acqua e sostanze volatili; b) Amidi; c) Formaggi: d) Oli; e) Grassi; f) Pesci; g) Proteine del latte; h) Spezie e piante aromatiche; i) Vitamine e minerali.

25 INGREDIENTE Altri casi specifici: Altri casi specifici: AROMI AROMI a) aromi a) aromi b) nome specifico b) nome specifico c) descrizione dellaroma c) descrizione dellaroma d) aroma naturale solo se la parte aromatizzante contiene esclusivamente sostanze aromatizzanti naturali d) aroma naturale solo se la parte aromatizzante contiene esclusivamente sostanze aromatizzanti naturali e) Chinino: Aromi incluso chinino e) Chinino: Aromi incluso chinino f) Caffeina: Aromi inclusa caffeina.

26 CAFFEINA NELLE BEVANDE Dicitura Tenore elevato di caffeina con la relativa indicazione tra parentesi ed in mg/100ml per le cosiddette bevande energetiche per quantità superiori a 150 mg/L. Dicitura Tenore elevato di caffeina con la relativa indicazione tra parentesi ed in mg/100ml per le cosiddette bevande energetiche per quantità superiori a 150 mg/L. Non applicazione, quindi, a bevande a base di caffè o di tè. Non applicazione, quindi, a bevande a base di caffè o di tè.

27 INGREDIENTE Altri casi: Ortofrutta : Uso del nome della categoria completato dalla dicitura in proporzione variabile e seguito dallelenco, in ordine anche non decrescente, degli ortaggi o dei frutti o dei funghi, a condizione che nessuno sia prevalente o posto in risalto. Uso del nome della categoria completato dalla dicitura in proporzione variabile e seguito dallelenco, in ordine anche non decrescente, degli ortaggi o dei frutti o dei funghi, a condizione che nessuno sia prevalente o posto in risalto.

28 INGREDIENTI SOSTITUIBILI Art. 5, 10 ter: Art. 5, 10 ter: Ingredienti simili o sostituibili, suscettibili di essere utilizzati in un prodotto alimentare senza alterarne la composizione, la natura o il valore percepito, purchè inferiori al 2% del prodotto finito e non si tratti di additivi o allergeni. Ingredienti simili o sostituibili, suscettibili di essere utilizzati in un prodotto alimentare senza alterarne la composizione, la natura o il valore percepito, purchè inferiori al 2% del prodotto finito e non si tratti di additivi o allergeni.

29 ORDINE NON DECRESCENTE Art. 5, 10 bis: Previsto per gli ingredienti che costituiscono meno del 2% nel prodotto finito

30 INGREDIENTE Altri casi: a) Zuccheri; b) Ingrediente concentrato o disidratato; c) Ingrediente composto; d) Ingrediente trattato; e) Ingrediente evidenziato.

31 ACIDO GLICIRRIZICO La lista degli ingredienti di dolciumi e bevande cui siano state aggiunte tale sostanza o liquirizia in quantità pari o superiore a 100 mg/kg o 10 mg/l deve essere completata con la dicitura: La lista degli ingredienti di dolciumi e bevande cui siano state aggiunte tale sostanza o liquirizia in quantità pari o superiore a 100 mg/kg o 10 mg/l deve essere completata con la dicitura: Contiene liquirizia Contiene liquirizia salvo nel caso in cui il termine già figuri nelletichettatura. salvo nel caso in cui il termine già figuri nelletichettatura.

32 ACIDO GLICIRRIZICO Quando la concentrazione è pari o superiore a a) 4 g/kg nei dolciumi b) 50 mg/l nelle bevande analcoliche; b) 50 mg/l nelle bevande analcoliche; c) 300 mg/l nelle bevande che contengono alcool in quantità superiore a 1,2% vol c) 300 mg/l nelle bevande che contengono alcool in quantità superiore a 1,2% vol va indicata la dicitura, dopo la lista degli ingredienti: va indicata la dicitura, dopo la lista degli ingredienti: Contiene liquirizia – evitare il consumo eccessivo in caso di ipertensione. Contiene liquirizia – evitare il consumo eccessivo in caso di ipertensione.

33 QUID Dichiarazione quantità dellingrediente evidenziato. Principio generale prescritto: Principio generale prescritto: a) Per rispettare una norma: pasta alluovo; b) Per caratterizzare volontariamente un prodotto: yogurt alle fragole; c) Perché la denominazione di vendita evoca lingrediente: aranciata.

34 QUID E obbligatoria lindicazione anche nel caso in cui lingrediente sia evidenziato con unimmagine o con una rappresentazione grafica che richiama lattenzione del consumatore: - Zuppa di pesce con evidenziazione di una specie di pesce; - Zuppa di pesce con evidenziazione di una specie di pesce; - Minestrone con particolari colori usati per richiamare lattenzione su alcune verdure. - Minestrone con particolari colori usati per richiamare lattenzione su alcune verdure.

35 QUID Che cosa quantificare ? Lingrediente caratterizzante: - Cotoletta di merluzzo; - Bastoncini di pesce impanati; - Carne bovina in scatola.

36 QUID - Esenzioni a)Prodotti fabbricati totalmente o essenzialmente da un solo9 ingreiente o categoria di ingredienti: - Formaggio di pecora; - Burro; - Salame di carne suina. b) Prodotti che il consumatore sceglie per il gusto e non per la quantità dellingrediente evidenziato: gelati, cioccolato al latte, ecc..

37 QUID - Calcolo La quantità è calcolata al momento della utilizzazione. Lindicazione può essere accompagnata da diciture, a volte necessarie per confrontare prodotti analoghi, quali allorigine, equivalente a crudo. Lindicazione può essere accompagnata da diciture, a volte necessarie per confrontare prodotti analoghi, quali allorigine, equivalente a crudo. Es. Carni bovine cotte x%, equivalenti a x g di carne cruda. Es. Carni bovine cotte x%, equivalenti a x g di carne cruda.

38 QUID superiore a 100% Quando la quantità dellingrediente supera il 100% la percentuale va sostituita dalla indicazione del peso dellingrediente usato per la preparazione di 100 g di prodotto finito. Es.: Carne bovina 130 g per 100 g di prodotto finito. Es.: Carne bovina 130 g per 100 g di prodotto finito.

39 RESPONSABILE COMMERCIALE Nome o regione sociale o marchio depositato e sede del a) fabbricante; a) fabbricante; b) confezionatore; c) venditore con sede comunitaria. c) venditore con sede comunitaria. Salvo che per i vini, non è richiesta la menzione della qualifica professionale Salvo che per i vini, non è richiesta la menzione della qualifica professionale

40 SEDE STABILIMENTO Esenzioni: Esenzioni: a) Sede della ditta e sede dello stabilimento coincidono; a) Sede della ditta e sede dello stabilimento coincidono; b) in etichetta figura il bollo sanitario; b) in etichetta figura il bollo sanitario; c) il prodotto è stato confezionato ed etichettato in un altro Paese; c) il prodotto è stato confezionato ed etichettato in un altro Paese; d) il prodotto è destinato ad un altro Paese. d) il prodotto è destinato ad un altro Paese.

41 QUANTITA NETTA Quantità netta e quantità nominale Quantità netta e quantità nominale Indicazione: l o L, cl e ml per liquidi e kg e g per gli altri casi. Indicazione: l o L, cl e ml per liquidi e kg e g per gli altri casi. Il simbolo segue sempre e non precede mai la quantità. Il simbolo segue sempre e non precede mai la quantità. Involgente protettivo Involgente protettivo Diciture ambigue o imprecise Diciture ambigue o imprecise Liquido di governo Liquido di governo Glassatura Glassatura

42 QUANTITA NETTA Preimballaggi multipli: casi particolari Preimballaggi multipli: casi particolari Iscrizioni metrologiche Iscrizioni metrologiche Gamme di quantità, di capacità ed aerosol Gamme di quantità, di capacità ed aerosol Grandezza dei caratteri Grandezza dei caratteri Tolleranze Tolleranze Esenzioni dallobbligo Esenzioni dallobbligo Preimballaggi CEE. Preimballaggi CEE.

43 GRANDEZZA CARATTERI per prodotti preconfezionati a gamme unitarie costanti 6 mm, se la quantità nominale è superiore a 1000 g o 1000 ml; 6 mm, se la quantità nominale è superiore a 1000 g o 1000 ml; 4 mm, se è compresa fra 1000 g e 1000 ml inclusi e 200 g e 200 ml esclusi; 4 mm, se è compresa fra 1000 g e 1000 ml inclusi e 200 g e 200 ml esclusi; 3 mm, se è compresa fra 200 g o 200 ml e 50 g o 50 ml esclusi; 3 mm, se è compresa fra 200 g o 200 ml e 50 g o 50 ml esclusi; 2 mm, se è uguale o inferiore a 50 g o 50 ml. 2 mm, se è uguale o inferiore a 50 g o 50 ml.

44 TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE Definizione del TMC : Data fino alla quale il prodotto conserva le sue caratteristiche specifiche nel rispetto delle modalità di conservazione indicate in etichetta. Dicitura da usare : da consumare preferibilmente entro (giorno, mese e anno) oppure da consumare preferibilmente entro la fine di (anno o mese e anno) Dicitura da usare : da consumare preferibilmente entro (giorno, mese e anno) oppure da consumare preferibilmente entro la fine di (anno o mese e anno) Chi lo determina il TMC ? Il produttore o confezionatore Chi lo determina il TMC ? Il produttore o confezionatore Modalità di conservazione : Obbligatorie se necessarie. Modalità di conservazione : Obbligatorie se necessarie. Esenzioni dallobbligo: la lista delle esenzioni è riportata al comma 5 dellarticolo 10 del decreto lgs 109/92 Esenzioni dallobbligo: la lista delle esenzioni è riportata al comma 5 dellarticolo 10 del decreto lgs 109/92

45 DATA DI SCADENZA Definizione Definizione Chi la determina ? Il produttore o il confezionatore Chi la determina ? Il produttore o il confezionatore Modalità di indicazione: da consumarsi entro Modalità di indicazione: da consumarsi entro Modalità di conservazione: lindicazione delle modalità di conservazione è obbligatoria. Modalità di conservazione: lindicazione delle modalità di conservazione è obbligatoria.

46 DICITURA DEL LOTTO Definizione: Insieme delle unità di vendite fabbricate, confezionate in circostanze praticamente identiche. Finalità: Individuare la partita Finalità: Individuare la partita Modalità di indicazione: Libera salvo il caso di presenza di altre indicazioni confondibili nel quale caso il lotto deve essere preceduto dalla lettera L Modalità di indicazione: Libera salvo il caso di presenza di altre indicazioni confondibili nel quale caso il lotto deve essere preceduto dalla lettera L Esenzioni dallobbligo: comma 6 dellarticolo 13 del decreto legs 109/92 Esenzioni dallobbligo: comma 6 dellarticolo 13 del decreto legs 109/92

47 TITOLO ALCOLOMETRICO Obbligo per le bevande con titolo superiore a 1,2% vol Obbligo per le bevande con titolo superiore a 1,2% vol Modalità di indicazione:..% vol Modalità di indicazione:..% vol Tolleranze: comma 3 dellarticolo 12 del decreto legs 109/92 Tolleranze: comma 3 dellarticolo 12 del decreto legs 109/92

48 ALTRE INDICAZIONI Obbligatorie ma a condizioni specifiche: Obbligatorie ma a condizioni specifiche: Modalità di utilizzazione Modalità di utilizzazione Istruzioni per luso Istruzioni per luso Origine o provenienza Origine o provenienza Bollatura sanitaria Bollatura sanitaria


Scaricare ppt "SEMINARIO AITA ETICHETTATURA PRODOTTI ALIMENTARI Cremona 9 aprile 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google