La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fisiologia cutanea Policlinico Universitario Clinica Dermatologica Giuseppe Stinco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fisiologia cutanea Policlinico Universitario Clinica Dermatologica Giuseppe Stinco."— Transcript della presentazione:

1 Fisiologia cutanea Policlinico Universitario Clinica Dermatologica Giuseppe Stinco

2 CUTE: organo di confine Riveste lintera superficie del corpo Epidermide Epidermide Derma Derma Sottocutaneo Sottocutaneo Annessi cutanei Annessi cutanei Unghie Unghie Peli Peli

3 FUNZIONI della CUTE Funzione barriera Funzione barriera Funzione di secrezione Funzione di secrezione Funzione di assorbimento Funzione di assorbimento Funzione di eliminazione Funzione di eliminazione Regola la perdita di liquidi Regola la perdita di liquidi Funzione termoregolatoria Funzione termoregolatoria Funzione immunologica Funzione immunologica Funzione sensoriale Funzione sensoriale Funzione di deposito e di sintesi Funzione di deposito e di sintesi

4 Funzione barriera Funzione barriera Impedisce la perdita di fluidi corporei Protezione u meccanica u verso agenti fisici : u temperatura u agenti radianti u energia elettrica u verso agenti chimici u aggressione biologica

5 Aggressione chimica u LA CHERATINA per la struttura molecolare costituisce una difesa nei confronti di acidi e di alcali u IL SEBO si oppone alla penetrazione di sostanze idrosolubili

6 Il mantello idrolipidico Emulsione composta da due fasi disperse in varia proporzione: u Fase lipidica (squalene, ac. grassi insaturi, colesterolo, ecc) u Fase acquosa (sudore e perspiratio insensibilis) pH oscillante tra 5-6,5 Funzioni principali: Idratazione Azione batteriostatica e fungicida

7 pH cutaneo

8 Sebo u Prodotto dalle ghiandole sebacee sotto stimolo ormonale u è costituito principalmente da squalene, mentre i trigliceridi, il colesterolo, derivano dal disfacimento cellulare u ph 3-4 u forma il mantello idrolipidico insieme al sudore ed allo strato corneo

9 FOLLICOLO PILIFERO infundibulo istmo Segmento inferiore Ghiandola sebacea matrice bulbo Muscolo erettore del pelo

10 Lipidi del sebo Ghiandola sebacea

11 Sudore u 98% da acqua u 2% sali inorganici e organici u contiene urea, cloruro di sodio, ac. grassi, ammoniaca ed acido lattico

12 Perdita di acqua transepidermica Perspiratio insensibilis

13 Funzione di protezione meccanica u Elasticità della cute u A stimoli meccanici continui la cute risponde con ispessimento superficiale o con ipercheratosi

14 Permeabilità della pelle u in condizioni normali è impermeabile allacqua ed alle sostanze idrosolubili u può essere attraversata da grassi e sostanze liposolubili u massaggio e sostanze tensioattive facilitano la penetrazione

15 Termoregolazione Gli scambi termici attraverso la superficie cutanea avvengono mediante quattro meccanismi: u irradiazione u convezione u conduzione u evaporazione

16 Fisiologia cutanea Metabolismo cutaneo: u la cute possiede gran parte dei sistemi enzimatici delle più importanti vie metaboliche dei glicidi, lipidi, proteine, ormoni steroidei, poliamine u La vitamina D va incontro ad importanti fenomeni di sintesi

17 Funzione cheratinopoietica u la cheratina è una scleroproteina composta da lunghe catene polipeptidiche collegate da ponti disolfurici, legami covalenti a idrogeno u le proteine globose della cellula malpighiana si trasformano in una proteina fibrosa o cheratina

18 TIPI DI CUTE u Cute iperseborroica o grassa u Cute iposeborroica o secca u Cute normoseborroica u Cute falsamente iposeborroica o falsamente secca u Xerosi cutanea u Cute irritabile

19 Cute iperseborroica o grassa Aspetto traslucido Spessore aumentato Sbocchi follicolari evidenti Comedoni Iperplasia ghiandole sebacee Aumento peli vello Follicoliti

20 Cute iposeborroica o secca Sottile Facilmente desquamante Non untuosa Pori piccoli

21 Cute normoseborroica Intermedia

22 Cute falsamente iposeborroica o falsamente secca Ispessimento Pori dilatati Iperplasia ghiandolare Cronica desquamazione

23 Xerosi cutanea Cute arida Desquamazione cronica

24 Cute irritabile Facies cosmetica: Soggetti con intolleranza a qualsiasi cosmetico in assenza di sensibilizzazioni specifiche dimostrabili

25 LA DETERMINAZIONE DEL FOTOTIPO Permette di valutare la risposta individuale allesposizione solare Permette di valutare la risposta individuale allesposizione solare Classificazioni secondo Cesarini e più di frequente quella secondo Fitzpatrick Classificazioni secondo Cesarini e più di frequente quella secondo Fitzpatrick Fototipo ustione al soleabbronzatura I sempre mai II frequente difficile III occasionale discreta IV rara facile V molto raramolto facile VI mai sempre

26

27 INVECCHIAMENTO CUTANEO u Invecchiamento cutaneo fisiologico u diminuita capacità di rigenerazione dei vasi u rughe sottili u diminuzione del turnover cellulare u diminuzione del tessuto elastico u moderata perdita di collagene dai tessuti u Invecchiamento cutaneo fotoindotto u grave perdita di vasi u rughe profonde u cute spessa u cellule di tipo precanceroso u produzione anarchica di tessuto elastico anomalo (elastosi) e grave perdita di collagene

28 u fattori interni u Genetici u Ormonali u Malattie Cause INVECCHIAMENTO CUTANEO fattori esterni ecologici inadeguata cultura cosmetologica errata alimentazione errate abitudini di vita stress e fumo fattori esterni ecologici inadeguata cultura cosmetologica errata alimentazione errate abitudini di vita stress e fumo

29 Perché si invecchia ? Ridotta produzione energia cellulare < funzione sistema immunitario > TNF alfa – citochine proinfiammatorie < funzione sistema immunitario > TNF alfa – citochine proinfiammatorie > produzione radicali liberi < difese antiossidanti > produzione radicali liberi < difese antiossidanti

30 Dopo i 30 anni allinterno delle cellule viene prodotta meno energia Dopo i 30 anni allinterno delle cellule viene prodotta meno energia

31

32

33

34

35

36 INTENSA ATTIVITA CELLULARE MACROFAGI STIMOLAZIONE COLLAGENASI ELASTASI FIBROBLASTI COLLAGENE DEGRADAZIONE COLLAGENE ELASTINA ELASTINA

37 RIDOTTA ATTIVITA CELLULARE MACROFAGI COLLAGENE FORTEMENTE POLIMERIZZATO FIBROBLASTI COLLAGENE DEGRADAZIONE RALLENTATA ELASTINA SCARSA ELASTICITA - IDRATAZIONE

38 RAGGI UV E RADICALI LIBERI

39

40 INVECCHIAMENTO CUTANEO I segni clinici sono : u secchezza cutanea u perdita di elasticità cutanea u rughe u assottigliamento epidermico u modificazioni del colorito della cute u fragilità vasale u incanutimento e calvizie u incanutimento e calvizie

41

42


Scaricare ppt "Fisiologia cutanea Policlinico Universitario Clinica Dermatologica Giuseppe Stinco."

Presentazioni simili


Annunci Google