La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anno scolastico 2011-2012 Tra conoscenza … legalità … solidarietà

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anno scolastico 2011-2012 Tra conoscenza … legalità … solidarietà"— Transcript della presentazione:

1 Anno scolastico Tra conoscenza … legalità … solidarietà

2 La nostra scuola si pone come obiettivo fondamentale la formazione di cittadini consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri e che rispettano le regole del convivere democratico. La scuola nel suo insieme è legalità, e deve sempre più diffondere la cultura della legalità.

3 Classi quarte

4 E noi combatteremo con forza e resistenza La scuola è sicura, niente paura!!! Classi quarte

5 19 marzo in memoria di DON GIUSEPPE DIANA e tutte le vittime della camorra. Classi quinte

6 Oggi la maestra ci ha parlato di te, abbiamo visto dei video con delle tue interviste e mi sono fatta una unidea di quanto tu fossi una grande persona. Eri gentile, leale, onesto e soprattutto coraggioso. Ti prendevi cura dei bambini e provavi a dargli un istruzione, accoglievi tutte le persone a braccia aperte fino a quando il destino crudele ti ha tolto la vita. Hai sempre lottato affinché la camorra fosse sconfitta., Quando,purtroppo, sei morto, come tu hai fatto con le persone che hai conosciuto, Dio ti ha accolto in Paradiso a braccia aperte e sono sicura da lassù ci guardi e sei felice vedendo quante persone seguono le idee per cercare di far diventare il nostro un Paese migliore. Ti voglio bene. Fatima Classi quarte Siano,19 marzo 2012

7 Classi quarte e quinte

8 LAssociazione Libera ha lanciato un appello per rendere visibile il RICORDO con un gesto.

9 E tutte le altre innocenti Vittime di mafia Angelo Vassallo Sindaco di Pollica Angelo Vassallo Sindaco di Pollica

10 A voi eroi Un triste pensiero, un dolce sorriso, va a tutti voi vittime della mafia ed angeli in paradiso. A tutte le donne con abiti neri Con cuori spezzati ma sguardi fieri, fieri di essere stato legato a chi ha combattuto, a chi ha rotto quel muro tanto temuto, quel muro il cui nome appena sussurrato vien a gran voce, ora gridato: omertà, omertà, omertà che toglie agli uomini la propria dignità. A tutte le vittime di un inutile guerra Come può esistere tanto odio sulla nostra Terra? Rispondere non so, troppo piccolo sono Ma una cosa vi dico… vi chiedo perdono! classi quarte

11 Cari Giovanni e Paolo, ho sentito parlare di voi tantissime volte, ho visto servizi e film su di voi e, adesso che sono più grande, comincio a capire perché siete diventati giudici ed avete combattutola mafia. Io vi ammiro tanto perché voi pur sapendo di rischiare ogni giorno di morire non avete mollato e avete continuato la battaglia fino allultimo giorno della vostra vita. Voi due siete sempre stati amici e sono sicuro che lo siete ancora nel Regno dei Cieli e spero che guardandoci siate fieri nel vedere quanto le vostre idee siano impresse nella nostra memoria e nei nostri cuori. Con affetto e gratitudine Classi quarte

12 21 marzo 2012 Don Pino Puglisi Stamattina le classi quarte hanno visto dei servizi sulla la mafia e le altre organizzazioni criminali e su alcune delle vittime di mafia. Questi video ci hanno fatto capire che la mafia è una cosa bruttissima e che ci sono stati molti eroi che lhanno combattuto e che se anche sono morti ci hanno lasciato in eredità le loro idee e il loro coraggio e noi non li dimenticheremo mai. Una di queste vittime è Don Pino Puglisi. Don Pino era un prete molto buono, impegnato nella lotta contro la mafia ed è morto perché voleva nella sua terra giustizia, legalità e libertà. Venne ucciso il 15 settembre 1993, il giorno del suo compleanno. Don Pino era a bordo della sua Fiat Uno, quando si avvicinò al suo portone di casa, qualcuno lo chiamò, lui si voltò e qualcuno lo colpì alle spalle. Sono passati 19 anni dalla sua morte ma noi ne parliamo ancora e ricordiamo il suo impegno e il suo coraggio, perciò uccidendolo non lhanno sconfitto. Classi quarte

13 IL GIORNO DELLA MEMORIA La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell abbattimento dei cancelli di Auschwitz, GIORNO DELLA MEMORIA, Classi quarte Legge n. 211 del 20 luglio 2000 al fine di ricordare la SHOAH ( sterminio popolo ebraico ), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

14 Noi labbiamo ricordato così: Le classi quarte e quinte hanno cantato la canzone di Francesco Guccini Auschwhits il bambino del vento, hanno letto alcune poesie come Se questo è un uomo e hanno visto i film Il bambino con il pigiama a righe e la Vita è bella Quando la nostra Dirigente ha ricordato le ingiustizie e le torture subite dagli Ebrei la commozione è stata generale e profonda.

15 Ogni anno nelle città italiane vengono organizzati cortei e manifestazioni per ricordare queste due date importanti per il nostro Paese. Noi, alunni delle classi quinte, abbiamo partecipato alle manifestazione organizzate nel nostro paese. Il giorno quattro novembre l Italia ricorda tutti i caduti in guerra.. Il 25 aprile si celebra lanniversario della liberazione dItalia dalla occupazione dallesercito tedesco e dal governo fascista avuta luogo nel 1945.


Scaricare ppt "Anno scolastico 2011-2012 Tra conoscenza … legalità … solidarietà"

Presentazioni simili


Annunci Google