La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESPERIENZA DI UN MODELLO AUTOGESTITO DI AGGREGAZIONE TERRITORIALE DI UTENTI BIPOLARI GRUPPO BIPOLARI PUGLIESI (Bi.pu.) A cura di: Prospero Cagnetta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESPERIENZA DI UN MODELLO AUTOGESTITO DI AGGREGAZIONE TERRITORIALE DI UTENTI BIPOLARI GRUPPO BIPOLARI PUGLIESI (Bi.pu.) A cura di: Prospero Cagnetta."— Transcript della presentazione:

1 ESPERIENZA DI UN MODELLO AUTOGESTITO DI AGGREGAZIONE TERRITORIALE DI UTENTI BIPOLARI GRUPPO BIPOLARI PUGLIESI (Bi.pu.) A cura di: Prospero Cagnetta

2 Nasce nel marzo E un gruppo autogestito, mirato specificatamente al disturbo bipolare (monodiagnosi). Non ha gerarchie. Ogni iniziativa può essere proposta e gestita solo da utenti bipolari. Si ispira ai principi dellauto mutuo aiuto e della recovery al fine di migliorare lempowerment individuale e collettivo, le opportunità e la qualità della vita dei suoi membri. 35 Utenti bipolari (UB) 9 Altri utenti (U) 16 Operatori (O) 10 Famigliari (F) storia … identità composizione principi organizzazione

3 Informazione Annunci autorizzati presso presidi sanitari territoriali (CSM, SPDC, psichiatri, ecc..) Passa parola Contatti diretti durante i ricoveri Condizione di accesso Diagnosi disturbo bipolare Scheda informativa Dati del nuovo membro Presentazione gruppo Breve intervento del nuovo membro (facoltativo) Invito agli incontri Annunci (verbalmente, sms, telefono, mail, ecc.)

4 Momenti di aggregazione del gruppo Bi.pu. * Sottomento caratterizzante (facoltativo) Incontro aperto * Incontro chiuso * Incontro libero Altre iniziative

5 INCONTRO APERTO (IA) E Aperto a tutte le figure (UB; U; O; F): Ha funzione decisionale e deliberativa Sede: Unità operativa di psichiatria del policlinico di Bari Segue un O.d.G., vengono registrate le presenze e viene redatto un verbale di seduta E il più importante momento di aggregazione strutturata Fase psicoeducazionale ( facoltativa) E un sottomomento informativo dellIA; prevede un relatore e si propone di approfondire tramite discussione aperta, argomenti scelti collegialmente o scaturiti dalle attività dei gruppi di auto mutuo aiuto (GAMA).

6 INCONTRO CHIUSO(IC) Sede: abitazione degli utenti Segue un O.d.G., vengono registrate le presenze e viene redatto un verbale di seduta Riservato ai soli utenti (UB;U) Ha spesso funzione propositiva. Gruppo Ama (facoltativo) E un momento strutturato dedicato Segue le linee guida adottate per altri disturbi e prevede la presenza di un facilitatore sociale e di un supervisore esterno (O).

7 INCONTRO LIBERO(IL) E aperto a tutte le figure (UB, U, O, F) o anche ai non membri, in veste di conoscenti e accompagnatori. Ha valore ludico e la sua funzione è quella di dare continuità e coesione al gruppo Momento di aggregazione non strutturato che si concretizza allinterno delle dinamiche di rete.

8 ALTRE INIZIATIVE (AI) Partecipazioni: Meeting Seminari Tavole rotonde Congressi Corsi di formazione Manifestazioni Gruppi virtuali ecc.. Organizzazione: Incontri territoriali e nazionali Convegni bipolari Collegamenti sul web Promozione nuovi gruppi Idee progettuali, iniziative Uscite ecc..

9 Evoluzione semestrale del n. di aderenti al Gruppo Bi.pu. ( marzo 2010 – settembre 2012 )

10 Elementi Statistici di interesse Classi di età degli UB del gruppo Bi.pu. annin. utenti% < > 6513 TIPOLOGIA SESSO

11 Un po Di Numeri... CONTINUITA PARTECIPATIVA 54% ADESIONE AL GRUPPO 96% In fase partecipativa 26 In fase autosospesa 8 Recessi 1 INSERIMENTO IN GRUPPI VIRTUALI 62,5% SEGUONO TERAPIA FARMACOLOGICA 100% ADERENZA > 80% RICOVERI IN DIMINUZIONE

12 RAPPORTO CON UNO SPECIALISTA (PSICHIATRA-PSICOTERAPEUTA) È SEMPRE VERIFICATO

13 PROBLEMATICHE RICORRENTI Confusione in merito alle diagnosi (spesso incomprensibili per lutente) Scarsa efficacia delle terapie farmacologiche e psicoterapiche … ricerca di possibili soluzioni Difficoltà finanziare e di ruolo nel sociale Difficoltà relazionali (emarginazione, stigma, inabilità, ecc..) Lavoro, invalidità Problematiche legali

14 RAPPORTO CON I SERVIZI TERRITORIALI Miaooo!!

15 Attività del gruppo (Marzo settembre 2012) Incontri aperti 30 chiusi 14 liberi 17 totale 61 Formazione 4 UB hanno partecipato ed acquisito il titolo di facilitatore sociale di gruppi di auto aiuto 2 Convegni nazionali Idee e progetti database membri fattorie solidali comitato di orientamento vademecum bipolare associazione Iniziative cineforum corso di informatica corso di ginnastica dolce psicodramma

16 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Lesistenza di un gruppo autogestito di utenti bipolari dimostra che lesperienza condotta è percorribile e ripetibile. La partecipazione al gruppo migliora informazione e consapevolezza. Influisce sul controllo e la prevenzione delle crisi con elevate aderenze terapeutiche e riflessi positivi su recidive e ricoveri. La nascita di nuovi gruppi territoriali permetterebbe di sviluppare dinamiche di rete quanto mai opportune. Interessanti appaiono anche i possibili sviluppi in sinergia con il SSN e gli operatori del settore. Lelevato livello di soddisfazione dei suoi membri consente di perseguire con efficacia gli obiettivi prefissati (lotta allo stigma, miglioramento della qualità della vita dei suoi membri).


Scaricare ppt "ESPERIENZA DI UN MODELLO AUTOGESTITO DI AGGREGAZIONE TERRITORIALE DI UTENTI BIPOLARI GRUPPO BIPOLARI PUGLIESI (Bi.pu.) A cura di: Prospero Cagnetta."

Presentazioni simili


Annunci Google