La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Struttura della rete telefonica E funzionamento del telefono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Struttura della rete telefonica E funzionamento del telefono."— Transcript della presentazione:

1 Struttura della rete telefonica E funzionamento del telefono

2 Il telefono

3 Tastierino multifrequenza

4 La suoneria e tastierino multifrequenza La suoneria non funziona più ad azionamento magnetico Attualmente la suoneria è attivata da un circuito generatore di frequenza funzionante in banda fonica proveniente dalla linea a 25 Hz La selezione del numero non avviene con un disco combinatore Lattuale tastierino multifrequenza funziona con il criterio della matrice: ad ogni numero è associato un impulso che corrisponde una coppia di frequenze

5 Schema elettrico del telefono

6 Lapparecchio telefonico Il gancio consente oppure no il collegamento tra la centrale e la suoneria Gancio abbassato Suoneria collegata alla linea centrale Gancio sollevato Il telefono è in funzione e Collegato alla centrale Il telefono non È in funzione La suoneria È sganciata dalla centrale Quando lutente parla vicino al microtelefono, la pressione si trasforma in corrente variabile tramite un trasduttore. Allutente che ascolta, giunge un segnale sottoforma di corrente che si trasforma in pressione e quindi in suono Oltre alle correnti microfoniche, esistono correnti generate casualmente dallutente chiamato. Questo effetto viene chiamato locale Per eliminare leffetto locale si inserisce un circuito detto antilocale

7 Microfono a Carbone È il primo tipo di microfono e si usava nei vecchi telefoni È costituito fondamentalmente da una resistenza variabile in base alle onde di pressione dovute al suono La resistenza variabile è formata da un contenitore racchiuso tra due elettrodi al cui interno è posto del carbone in granuli. Una superficie del contenitore è costituita da una lamina metallica flessibile. Quando londa sonora incide su di essa ne provoca una vibrazione e quindi una variazione di resistenza Se londa non incide sulla superficie allora la resistenza a riposo è R0. Quando londa sonora incide sulla superficie si ha una variazione di resistenza che se alimentata in continua, provoca una variazione di corrente elettrica P R E

8 Microfono a condensatore o a elettrete Elettrete= materiale isolante che ha subito un trattamento termico particolare per poter mantenere una polarizzazione persistente Il microfono a elettrete è formato fondamentalmente da un condensatore variabile con il dielettrico che è aria ed elettrete. Un sua armatura è rigida e laltra è una membrana flessibile metallizzata allesterno del condensatore e con uno strato di elettrete dal lato opposto Quando londa sonora incide sulla membrana le dimensioni del condensatore variano e varia anche la sua capacità e quindi la corrente se il condensatore è collegato ad una batteria elettrete d C=εS/d

9 Il ricevitore Il ricevitore è un trasduttore elettrico-acustico Èformato da un magnete permanente Munito di due estensioni polari sulle Quali sono posti due avvolgimenti Sulle estensioni polari è posta una membrana flessibile di metallo La corrente variabile genera un campo Magnetico variabile e quindi Una forza sulla membrana di metallo che vibrando Provoca una pressione nellaria e quindi, il suono S N P

10 Conclusioni Telefono a carbone Pregi: 1.Amplifica 2.Banda utile sufficiente ( Hz) 3.Semplicità di costruzione 4.Discreta sensibilità 5.Lunga durata 6.Basso costo Difetti: 1.Rumore di fondo elevato 2.Distorsioni 3.Poco adatto a operare con componenti di elettronica Telefono a elettrete Pregi: 1.Non ha rumore di fondo perché non contiene granuli di carbone 2.Presenta distorsioni molto contenute anche ad elevate distanze 3.La carica viene mantenuta sullelettrete

11 Circuito antilocale Il circuito aantilocale è costituito da un trasformatore a presa centrale il cui secondario fa parte del ricevitore eil primario diviso in due da una presa centrale, fa capo al microtelefono. La resistenza R è di adattamento per equilibrare la resistenza introdotta dalla linea che normalmente presenta un valore di 600 In questo modo le correnti microfoniche locali si dividono in due parti uguali che percorrono gli avvolgimenti in parti opposte e quindi, effetto nullo sul secondario. Le correnti provenienti dalla linea esterna generano un effetto non nullo sul secondario ricevitore microtelefono suoneria Linea 60V/48V

12 Fasi per il collegamento tra utenti

13 Segnalazione tra utente e centrale telefonica 1.La segnalazione tra utente e centrale consistono nellinvio di particolari segnali fonici intermittenti detti toni a frequenza tipica di 425 Hz (LA musicale) e ampiezza compresa tra 1 e 2.5 V 2.Quando un abbonato solleva il microtelefono, la centrale fornisce una tensione di 48 V necessaria al funzionamento dellapparecchio stesso 3.La centrale risponde con un segnale fonico a 425 Hz segnale detto tono di centrale ed ha un periodo intermittente corrispondente alla lettera A dellalfabeto Morse. 4.Se il collegamento non è possibile perché il telefono è occupato, la centrale emette un segnale che corrisponde alla lettera E dellalfabeto Morse 5.Se lutente è libero allora il segnale è una T

14 La rete telefonica Un modo semplice per collegare due utenti che vogliono comunicare è quello di collegare i due apparecchi con due fili Se gli utenti che vogliono comunicare sono più di due, per esempio tre, occorrono tre coppi di fili…… U3U3 U1U1 U2U2 Se il numero di utenti è n allora, il numero di Connessioni sarà:

15 La rete di accesso La rete daccesso rappresenta linfrastruttura fissa che consente la connessione tra le centrali periferiche e lutenza terminale. Viene anche chiamata rete di distribuzione oppure ultimo miglio (last mile) poiché distribuisce fisicamente il segnale ai vari utenti su distanze che nella maggior parte dei paesi copre distanze lineari di circa 2 km É costituita da un elevato numero di centrali terminali da cui partono cavi che assicurano una copertura capillare della relativa area geografica di competenza. In particolare, nella rete italiana, tali collegamenti sono realizzati prevalentemente attraverso cavi in rame, sostituiti negli ultimi anni, ove possibile, con fibra ottica. Più precisamente la rete daccesso è costituita dai collegamenti fisici (cavi) e da tutti quegli apparati che intervengono per il trasporto bidirezionale del segnale trasmissivo dalla centrale periferica al cliente. Lo scopo della rete di accesso è quello di concentrare opportunamente i vari flussi di traffico generati dagli utenti terminali, prima che questi vengano immessi nella rete di giunzione. Proprio per la sua capillarità, la rete di accesso rappresenta la parte più complessa e costosa di tutta linfrastruttura di rete

16 Rete di accesso

17 La rete di accesso Armadio di distribuzione Permutatore di centrale Gli armadi di distribuzione sono dei cassoni metallici collocati per le strade del centro Urbano in grado di ospitare centinaia di doppini telefonici. Il permuatore di centrale è costituito da un insieme di Telai metallici sui quali è possibile effettuare le permute Cioè le operazioni che fanno corrispondere ad ogni Doppino telefonico un numero di telefono

18 Rete primaria La rete primaria rappresenta quella parte della rete di distribuzione che va dal permutatore, presente nello stadio di linea, ad un terminale posto in posizione intermedia rispetto alla terminazione di utente detto armadio di distribuzione (o armadio ripartilinea). Tale tratta di rete è ad alta potenzialità in quanto dallo stadio di linea sono posati cavi contenenti fino a 2400 coppie, i quali si diramano (con struttura ad albero) verso gli armadi di distribuzione su cui si attestano cavi da 400 coppie. Va precisato che per la rete di distribuzione primaria vi può essere la presenza di cavi aerei, anche se la loro quota è in genere minima e presente prevalentemente nelle aree rurali; la lunghezza media di una coppia nella rete primaria è di 1,1 Km.

19 Rete secondaria La rete secondaria comprende invece il collegamento dallarmadio alla sede dabbonato. In essa sono solitamente presenti ulteriori punti di flessibilità. Più precisamente la rete secondaria collega larmadio di distribuzione con il distributore propriamente detto. La lunghezza media delle coppie della rete secondaria è 0,4 Km. Normalmente tale tratta di rete è a medio-bassa potenzialità ( coppie) e con tipologia di posa sia sotterranea che aerea. Le coppie del cavo secondario uscente dallarmadio sono distribuite mediante giunti, secondo una configurazione ad albero, in cavi di potenzialità inferiore che vanno a servire i distributori posizionati il più vicino possibile allutenza da collegare. Sul distributore si attestano tipicamente cavi da 10 a 50 coppie. Le aree di influenza dellarmadio e del distributore prendono rispettivamente il nome di Area di Armadio ed Area del Distributore. Si definisce raccordo quella parte del collegamento che funge da rilegamento tra il distributore e lutente

20 Centrale telefonica Il funzionamento di una centrale telefonica si può schematizzare facendo riferimento ad un centralino manuale I blocchi fondamentali necessari alla commutazione sono Dispositivi di interconnessione Segnalazioni tra operatore e utente Comando per realizzare una connessione La tassazione!!!!!

21 Rete telefonica

22 Rete di segnalazione

23 Trasmissione e commutazione

24

25 Struttura della rete telefonica CU centrali urbane: sono collegate a stella agli apparecchi telefonici tramite cavo telefonico bifilare. Il collegamento tra il doppino e organi delle centrale avviene tramite i permutatori. Dal permutatore i doppini, raggruppati in cavi sotterranei, confluiscono agli armadi di ripartizione dai quali partono per terminare alle cassette di distribuzione che allacciano i singoli utenti CRU centro di rete urbana: sono le centrali di commutazione che collegano due utenti CS centro settoriale: ne esistono circa 1401; in ogni provincia ne esistono 10 o 12. CD centro distrettuale: si identificano con il capoluogo di provincia; ne esistono circa 232 CC centro compartimentale: sono presenti 21 centrali CN reti nazionali: gestiscono il traffico con le altre nazioni; ne sono presenti 2, una a Milano e laltra a Roma

26 Struttura della rete interurbana CRU CU cs CD cs CC CD CN

27 Struttura della rete interurbana CRU CU CRU cs CD CC CN

28 Introduzione allADSL Il termine ADSL significa Asymmetric Digital Subscriber Line. Questo sistema permette di far coesistere su una stessa linea un canale discendente (downstream) di alta capacità di banda, un canale montante (upstream) di media capacità di banda nonché un canale di telefonia (detto POTS in telecomunicazione che significa: Plain Old Telephone Service). Il sistema ADSL consente la trasmissione sui cavi in rame (doppino telefonico)

29 Principio base dellADSL Asimmetric Digital Subscriber Line Il sistema è formato da una coppia di modem, uno lato utente ATU-R e laltro al lato centrale ATU-C Tale sistema abilita il trasporto dati dalla centrale allutente (downstream) e dati dallutente alla centrale (upstream) sullo stesso canale Le unità ATU-C hanno la funzione sia di separare i dati upstream e downstream dal segnale telefonico che multiplare il traffico dati La separazione tra i dati e il segnale telefonico viene fatto, sia lato cliente che lato centrale, tramite filtri passivi detti splitter Le velocità di trasmissioni sono differenti:

30 Principio base dellADSL

31 Intensità di traffico telefonico Si misura in ERL in onore del danese Erlang Sia T il periodo di osservazione del traffico e t m il tempo Medio di occupazione se C s è il numero di impegni della linea Allora il traffico y=C s t m /T Il volume di traffico è dato da V=C s t m


Scaricare ppt "Struttura della rete telefonica E funzionamento del telefono."

Presentazioni simili


Annunci Google