La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Radici e percorsi della poesia visuale / Roots & Routes of Visual Poetry a cura di Alessio Liberati Accasarti Cagliari, 16 -3- 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Radici e percorsi della poesia visuale / Roots & Routes of Visual Poetry a cura di Alessio Liberati Accasarti Cagliari, 16 -3- 2014."— Transcript della presentazione:

1 Radici e percorsi della poesia visuale / Roots & Routes of Visual Poetry a cura di Alessio Liberati Accasarti Cagliari,

2 Le origini: i geroglifici egiziani (3500 a.C.) La scrittura egiziana nasce come ideogrammatica (i geroglifici sono ideogrammi) La scrittura egiziana nasce come ideogrammatica (i geroglifici sono ideogrammi) Ideogramma: segno grafico a cui corrisponde unidea (persona, oggetto, animale, azione) Ideogramma: segno grafico a cui corrisponde unidea (persona, oggetto, animale, azione) Molti geroglifici sono stati riconosciuti come alfabetici; ad ognuno è stato dato un approssimativo valore fonetico (approssimativo perché poco sappiamo sui suoni dellantica lingua egizia) Molti geroglifici sono stati riconosciuti come alfabetici; ad ognuno è stato dato un approssimativo valore fonetico (approssimativo perché poco sappiamo sui suoni dellantica lingua egizia) Acqua -> N Acqua -> N

3 Le origini: dai geroglifici allalfabeto Gli ideogrammi egizi vennero usati dai semiti del Sinai, che ne semplificarono la forma e diedero ad essi un valore fonetico corrispondente al suono iniziale delle corrispondenti parole in lingua semita. Ad esempio lideogramma testa di toro è tradotto aleph = toro, da cui deriva la alfa e quindi la nostra A (se capovolgiamo la A riotteniamo le corna del toro!). Lideogramma casa è tradotto bayt, da cui la B. Questa è la probabile origine dellALFA-BETO Gli ideogrammi egizi vennero usati dai semiti del Sinai, che ne semplificarono la forma e diedero ad essi un valore fonetico corrispondente al suono iniziale delle corrispondenti parole in lingua semita. Ad esempio lideogramma testa di toro è tradotto aleph = toro, da cui deriva la alfa e quindi la nostra A (se capovolgiamo la A riotteniamo le corna del toro!). Lideogramma casa è tradotto bayt, da cui la B. Questa è la probabile origine dellALFA-BETO locchio che si trasforma in un cerchio. In ebraico corrisponde alla lettera che significa occhio. E' chiara la somiglianza con la nostra lettera "o", identica a quella latina e quella greca, dove tra l'altro la "o" richiama molto da vicino il suono corrispondente alla radice greca di occhio e di vedere (ottico, oftalmico ecc.). locchio che si trasforma in un cerchio. In ebraico corrisponde alla lettera che significa occhio. E' chiara la somiglianza con la nostra lettera "o", identica a quella latina e quella greca, dove tra l'altro la "o" richiama molto da vicino il suono corrispondente alla radice greca di occhio e di vedere (ottico, oftalmico ecc.). La "omega" potrebbe essere una "o" doppia, ad indicare una "o" prolungata, che si è fusa in una unica lettera. La "omega" potrebbe essere una "o" doppia, ad indicare una "o" prolungata, che si è fusa in una unica lettera. Lideogramma acqua è molto simile alla nostra lettera M. Per giunta mem è la parola che in ebraico significa acqua ed è un'altra lettera dellalfabeto ebraico che corrisponde alla nostra m, e che è simile presso i greci e i fenici. Lideogramma acqua è molto simile alla nostra lettera M. Per giunta mem è la parola che in ebraico significa acqua ed è un'altra lettera dellalfabeto ebraico che corrisponde alla nostra m, e che è simile presso i greci e i fenici. queste coincidenze tra le lingue semitiche, fenicia, egiziana, ebraica e greca non sembrano frutto del caso queste coincidenze tra le lingue semitiche, fenicia, egiziana, ebraica e greca non sembrano frutto del caso

4 Le origini: il disco di Festos (1700 a.C.) Scrittura con andamento a spirale dalla periferia verso il centro Scrittura con andamento a spirale dalla periferia verso il centro Non è stata decifrata Non è stata decifrata

5 Le origini: Iscrizione di Cuma (Campania) VII sec. a.C. Iscrizione greca spiraliforme su bronzo Iscrizione greca spiraliforme su bronzo scrittura cinetica (spirale: antichissimo simbolo del divenire) scrittura cinetica (spirale: antichissimo simbolo del divenire) necessità di adattare la scrittura al supporto, ma potrebbe essere anche il contrario (visto il valore simbolico della spirale) necessità di adattare la scrittura al supporto, ma potrebbe essere anche il contrario (visto il valore simbolico della spirale) Traduzione: Era (vedi Giunone) non permette che si torni a vaticinare. Traduzione: Era (vedi Giunone) non permette che si torni a vaticinare.

6 Le origini: iscrizione etrusca (Cerveteri, metà del VII secolo a.C.) iscrizione a spirale : uno dei documenti più antichi di scrittura provenienti dall'Etruria settentrionale iscrizione a spirale : uno dei documenti più antichi di scrittura provenienti dall'Etruria settentrionale Abbiamo già una scrittura cinetica (latto del leggere è in se cinetico, ma qui la cinetica diventa bidimensionale perchèlocchio che legge è costretto a percorrere una curva) Abbiamo già una scrittura cinetica (latto del leggere è in se cinetico, ma qui la cinetica diventa bidimensionale perchèlocchio che legge è costretto a percorrere una curva)

7 Poemi figurati greci: Simia da Rodi (< 270 a.C.) Poemi detti anche tecnopaègnia, (dal greco téchne, arte, e páignon, gioco) Poemi detti anche tecnopaègnia, (dal greco téchne, arte, e páignon, gioco) poema in forma di uovo (simbolo della creazione) in dialetto dorico poema in forma di uovo (simbolo della creazione) in dialetto dorico non c'è nesso esplicito fra forma visiva e contenuto; non c'è nesso esplicito fra forma visiva e contenuto; la misura dei versi aumenta dal primo (I) all'ultimo (20); la misura dei versi aumenta dal primo (I) all'ultimo (20); insolita disposizione dei versi (forse l'uovo sta ad esaltare le novità metriche). insolita disposizione dei versi (forse l'uovo sta ad esaltare le novità metriche). Altra interpretazione: "i cerbiatti si slanciano per le cime dei monti" e in effetti la metà dell'uovo ruotato ha la forma di un monte, come anche la disposizione dei versi all'interno dell'uovo Altra interpretazione: "i cerbiatti si slanciano per le cime dei monti" e in effetti la metà dell'uovo ruotato ha la forma di un monte, come anche la disposizione dei versi all'interno dell'uovo

8 Simia da Rodi poema in forma di ali poema in forma di ali celebrazione del dio Eros (alato) celebrazione del dio Eros (alato)

9 Teocrito (Siracusa, a.C. ca) Poema in forma di zampogna (che il poeta offre in dono al dio pastore Pan) Poema in forma di zampogna (che il poeta offre in dono al dio pastore Pan) ogni coppia di versi rappresenta una canna dello strumento. Lunghezza variabile decrescente dei versi,ad imitare la forma dell'oggetto, ma forse anche la variazione delle note ogni coppia di versi rappresenta una canna dello strumento. Lunghezza variabile decrescente dei versi,ad imitare la forma dell'oggetto, ma forse anche la variazione delle note

10 Dosiada (isola di Coo, III sec a.C.): poema in forma di altare (visto di profilo). poema in forma di altare (visto di profilo). Il poema-altare parla al lettore e si presenta come opera di Giasone, che lo edificò nell'isola di Lemno: "mi costruì.."(1° verso). Il poema-altare parla al lettore e si presenta come opera di Giasone, che lo edificò nell'isola di Lemno: "mi costruì.."(1° verso). Esiste anche un altro esempio successivo di poema-altare, in dialetto ionico, molto simile a questo (autore: Besantino) Esiste anche un altro esempio successivo di poema-altare, in dialetto ionico, molto simile a questo (autore: Besantino)

11 Poemi figurati latini: Optaziano Porfirio (Africa? d.C.) poema in forma d'organo. Ogni verso aumenta di una lettera rispetto al precedente. Il testo celebra l'imperatore Costantino, ma descrive anche il funzionamento dell'organo. Il verso centrale ("Augusto..") veniva scritto con argilla rossa poema in forma d'organo. Ogni verso aumenta di una lettera rispetto al precedente. Il testo celebra l'imperatore Costantino, ma descrive anche il funzionamento dell'organo. Il verso centrale ("Augusto..") veniva scritto con argilla rossa

12 Optaziano Porfirio (326 d.C.) Poema in forma di altare Poema in forma di altare segue i modelli greci di Dosiada e Besantino, e quelli latini di Levio (sec II-I a.C., autore di Erotopaegnia – scherzi damore- di cui restano solo frammenti) Anche qui infatti il poema- altare parla al lettore: "non sono stato smussato da uno scalpello..sono fatto di versi". segue i modelli greci di Dosiada e Besantino, e quelli latini di Levio (sec II-I a.C., autore di Erotopaegnia – scherzi damore- di cui restano solo frammenti) Anche qui infatti il poema- altare parla al lettore: "non sono stato smussato da uno scalpello..sono fatto di versi". E fa notare l'abilità dell'autore nel far variare la lunghezza dei versi,lasciando inalterato il metro (trimetro acatalettico) E fa notare l'abilità dell'autore nel far variare la lunghezza dei versi,lasciando inalterato il metro (trimetro acatalettico)

13 Optaziano Porfirio poema in forma di zampogna poema in forma di zampogna leggermente diverso dal modello di Teocrito (ogni esametro diminuisce di una lettera). leggermente diverso dal modello di Teocrito (ogni esametro diminuisce di una lettera). Di nuovo è il poema-zampogna che parla e dice di essere appeso a una quercia, abbandonato dalle divinità del bosco. Di nuovo è il poema-zampogna che parla e dice di essere appeso a una quercia, abbandonato dalle divinità del bosco.

14 Optaziano Porfirio non si tratta di un poema figurato: non si tratta di un poema figurato: i versi evidenziati col minio rosso (come dichiarato nel testo) formano l'immagine di una nave, simbolo dell'impero di Costantino, protetto da Dio (le vele sono composte con le iniziali di Cristo) i versi evidenziati col minio rosso (come dichiarato nel testo) formano l'immagine di una nave, simbolo dell'impero di Costantino, protetto da Dio (le vele sono composte con le iniziali di Cristo)

15 Alessio (citato da Eustazio di Tessalonica) Eustazio di Tessalonica, filologo dl XII secolo, ne parla come l'autore di un mirabile carme figurato in onore dell'imperatore: Eustazio di Tessalonica, filologo dl XII secolo, ne parla come l'autore di un mirabile carme figurato in onore dell'imperatore: una figura romboidale i cui diametri 'splendevano illuminati da lettere rosse' e il tutto era 'una gioia della vista' una figura romboidale i cui diametri 'splendevano illuminati da lettere rosse' e il tutto era 'una gioia della vista'

16 Venanzio Fortunato (Treviso 540 – Poiters 600 ca) Poeta latino-cristiano (lultimo dei poeti classici e il primo dei medievali) Poeta latino-cristiano (lultimo dei poeti classici e il primo dei medievali) Poema De Sancta Cruce in forma di croce Poema De Sancta Cruce in forma di croce

17 Rabano Mauro (Magonza 780 ca- Winkel 856) Erudito e scrittore latino-tedesco, vescovo di Magonza Erudito e scrittore latino-tedesco, vescovo di Magonza Liber De Laudibus Sanctae Crucis" Augsburg, ca. 845 Liber De Laudibus Sanctae Crucis" Augsburg, ca. 845

18 Calligrafia indiana Poema in sanscrito e tamil (sec XI d.C.) Poema in sanscrito e tamil (sec XI d.C.) Più tardi, nel 1600, il poeta indiano Magha disegnò con i versi figure varie (zig-zag cerchi spade ruote fiori di loto) Più tardi, nel 1600, il poeta indiano Magha disegnò con i versi figure varie (zig-zag cerchi spade ruote fiori di loto)

19 Scrittura ebraica: i calligrammi di Masora Note ai margini della Bibbia ebraica Note ai margini della Bibbia ebraica

20 Abraham Abulafia (Spagna ) Calligrafia ebraica (from Life of the World to Come, "Circles) Calligrafia ebraica (from Life of the World to Come, "Circles) Abulafia, a partire dalla natura astratta e non fisica della scrittura, sviluppò una teoria della contemplazione mistica delle lettere e della loro configurazione, come costituenti il nome di Dio Abulafia, a partire dalla natura astratta e non fisica della scrittura, sviluppò una teoria della contemplazione mistica delle lettere e della loro configurazione, come costituenti il nome di Dio Nella Cabala: credenza nel significato speciale delle lettere della scrittura ebraica Nella Cabala: credenza nel significato speciale delle lettere della scrittura ebraica

21 Calligrafia araba: Egitto 1362 Calligrafia mamelucca Calligrafia mamelucca Effetto cinetico prodotto dallallungamento delle lettere alif e lam Effetto cinetico prodotto dallallungamento delle lettere alif e lam Calligrafia del nome di un sultano Calligrafia del nome di un sultano

22 Calligrafia giapponese Particolare del Gohonzon (mandala buddista) Particolare del Gohonzon (mandala buddista) XIII secolo XIII secolo

23 calligrafia cinese La poesia cinese parla simultanealmente con la vivacità della pittura e con la mobilità dei suoni.. (Ernest Fenollosa, lideogramma cinese come mezzo di poesia (1908)) La poesia cinese parla simultanealmente con la vivacità della pittura e con la mobilità dei suoni.. (Ernest Fenollosa, lideogramma cinese come mezzo di poesia (1908))

24 Evoluzione di un ideogramma cinese

25 LHaiku: Basho (Giappone ) Haiku: componimento poetico di 17 sillabe Haiku: componimento poetico di 17 sillabe Nel vecchio stagno / una rana si tuffa / rumore dacqua (Haiku di Basho) Nel vecchio stagno / una rana si tuffa / rumore dacqua (Haiku di Basho) La condensazione visiva dellhaiku ispirò lImagismo di Pound La condensazione visiva dellhaiku ispirò lImagismo di Pound

26 Calligrafia araba: Iran 1490 il Corano vieta di disegnare la figura umana e in generale gli esseri animati il Corano vieta di disegnare la figura umana e in generale gli esseri animati Per questo molti calligrafi mussulmani hanno usato la scrittura, al posto del disegno Per questo molti calligrafi mussulmani hanno usato la scrittura, al posto del disegno

27 Scrittura ebraica: Moses Cordovero ( ) Ogni lettera della scrittura ebraica rappresenta un mondo intero e il mistico deve abbandonarsi alla sua contemplazione Ogni lettera della scrittura ebraica rappresenta un mondo intero e il mistico deve abbandonarsi alla sua contemplazione

28 Jacques Gaffarel (cabalista del XVII sec) alfabeto celeste: le stelle possono essere lette come lettere, i gruppi di stelle come parole: il cielo diventa un poema visuale alfabeto celeste: le stelle possono essere lette come lettere, i gruppi di stelle come parole: il cielo diventa un poema visuale

29 François Rabelais ( ) O bouteille nell edizione del 1605 di Pantagruel O bouteille nell edizione del 1605 di Pantagruel

30 Labirinti di scrittura: Johann Neudorffer il vecchio (Norimberga ) Incisione allacquaforte su rame Incisione allacquaforte su rame Neudorffer fra i più importanti maestri di calligrafia tedeschi Neudorffer fra i più importanti maestri di calligrafia tedeschi Nei testi labirintici cristiani: labirinto come simbolo delle fatiche e del peccato terreni Nei testi labirintici cristiani: labirinto come simbolo delle fatiche e del peccato terreni

31 Labirinti di scrittura: Johann Agricola (Spremberg Bautzen 1563) Il testo deplora lirreligiosità del mondo (lautore: teologo evangelico) Il testo deplora lirreligiosità del mondo (lautore: teologo evangelico)

32 Poema labirintico (prima metà del 1700) Autore ignoto Autore ignoto Dialogo in materia di religione Dialogo in materia di religione

33 Jacob Koch (1742) Labirinto spirituale con 4 sorgenti di grazia (i 4 fiumi del Paradiso) Labirinto spirituale con 4 sorgenti di grazia (i 4 fiumi del Paradiso) Descrive la via che dal labirinto terreno del peccato conduce al Paradiso Descrive la via che dal labirinto terreno del peccato conduce al Paradiso

34 Albrecht Wagner Poesia in tedesco e francese Poesia in tedesco e francese Berna 1758 Berna 1758 Labirinto su modello di quello di Koch Labirinto su modello di quello di Koch

35 Johann Caspar Hiltensperger ( ) Poesia a spirale Poesia a spirale Xilografia su carta Xilografia su carta Testo religioso (esortazione alla sapienza) Testo religioso (esortazione alla sapienza)

36 Poema labirintico (Autore portoghese del Seicento) Lultima riga va letta da destra a sinistra Lultima riga va letta da destra a sinistra Quelle intermedie dalla E verso destra e verso sinistra in modo speculare Quelle intermedie dalla E verso destra e verso sinistra in modo speculare

37 Luis Nunes Tinoco (Portogallo, Seicento) Labirinto metrico in onore della regina Maria Sofia Isabella Labirinto metrico in onore della regina Maria Sofia Isabella Lautore accenna alle possibilità di combinazioni diverse nella lettura del testo Lautore accenna alle possibilità di combinazioni diverse nella lettura del testo

38 Manuel Ferreira Leonardo da Lisbona (1743) Testo a croce Testo a croce Ha un solo verso che può essere letto in tutte le direzioni a partire dalla S centrale Ha un solo verso che può essere letto in tutte le direzioni a partire dalla S centrale

39 Giordano Bruno Da De glheroici furori (1585) Da De glheroici furori (1585)

40 Baldassarre Bonifacio (1623) Baldassarre Bonifacio (Vescovo diocesi di Capodistria) Baldassarre Bonifacio (Vescovo diocesi di Capodistria) calligrammi di "Urania(1623):la scrittura diviene parte integrante di una simbologia grafica. calligrammi di "Urania(1623):la scrittura diviene parte integrante di una simbologia grafica.

41 Guido Casoni (Serravalle ) nel poema intitolato La passione di Cristo scrive dodici poesie figurate rappresentanti gli strumenti utilizzati per torturare Cristo prima della Crocifissione. nel poema intitolato La passione di Cristo scrive dodici poesie figurate rappresentanti gli strumenti utilizzati per torturare Cristo prima della Crocifissione.

42 Guido Casoni Poema a forma di chiodo Poema a forma di chiodo

43 George Wither "Phil'arte's Lament Faire- Virtue / The Mistresse of Phil'arete" "Phil'arte's Lament Faire- Virtue / The Mistresse of Phil'arete" London, 1622 London, 1622

44 George Herbert ( ) Easter wings Easter wings Poema in forma dali (vedi Simia) Poema in forma dali (vedi Simia)

45 Laurence Sterne ( ) Tristram Shandy Tristram Shandy

46 Calligramma bengalese (meta XIX sec) Figure composte da invocazioni ripetute alla dea Durga Figure composte da invocazioni ripetute alla dea Durga

47 Calligrafia araba: Turchia, XIX sec Stile cufico geometrico Stile cufico geometrico L'arte della calligrafia trae il suo prestigio dal suo scopo di comunicare la Parola di Allah. Per cui troviamo spesso riferimenti al Corano L'arte della calligrafia trae il suo prestigio dal suo scopo di comunicare la Parola di Allah. Per cui troviamo spesso riferimenti al Corano

48 Calligrafia araba: Turchia, XIX sec

49 Calligrafia araba: XIX sec

50 Calligrafia araba: 1924 Forma di pera Forma di pera

51 Calligrafia araba: Abd al Kader (Tunisia, XX secolo)

52 Calligrafia araba: Hassan Massoudi

53 Calligrafia araba: Iraq, XX sec Calligramma in forma danfora Calligramma in forma danfora

54 Calligrafia araba: Egitto, XX sec

55 Calligrafia araba: Hassan Massoudi (Iraq) Ottenuta ripetendo la parola libertà Ottenuta ripetendo la parola libertà

56 Calligrafia araba Calligrafia in forma duccello Calligrafia in forma duccello

57 Calligrafia araba moderna: Marocco

58 Calligrafia araba: Gabriele Mandel Khan Call. In forma dalbero Call. In forma dalbero

59 Lewis Carroll (da Alice nel paese delle meraviglie, 1865) The mouse's tale, "La storia del topo" del Capitolo III di Alice: giocando sull'assonanza tra tale e tail ("storia" e "coda"), la poesia ha appunto l'aspetto di una coda. Il topo dice "la mia storia è lunga e triste", ma Alice capisce "la mia coda è lunga e triste" e immagina il racconto del topo in forma di coda The mouse's tale, "La storia del topo" del Capitolo III di Alice: giocando sull'assonanza tra tale e tail ("storia" e "coda"), la poesia ha appunto l'aspetto di una coda. Il topo dice "la mia storia è lunga e triste", ma Alice capisce "la mia coda è lunga e triste" e immagina il racconto del topo in forma di coda PAROLE INVENTATE: Carroll è l'antesignano di questi esperimenti linguistici. Nel libro Attraverso lo specchio, fa leggere ad Alice una poesia con parole che la piccola non conosce PAROLE INVENTATE: Carroll è l'antesignano di questi esperimenti linguistici. Nel libro Attraverso lo specchio, fa leggere ad Alice una poesia con parole che la piccola non conosce

60 Stephane Mallarmé un coup de dés jamais nabolira le hasard(1897) Soppressione delle concatenazioni logiche e della punteggiatura Soppressione delle concatenazioni logiche e della punteggiatura Parole o frasi separate da spazi bianchi per accelerare o rallentare il movimento Parole o frasi separate da spazi bianchi per accelerare o rallentare il movimento Le variazioni dei caratteri tipografici suggeriscono variazioni di voce nella lettura Le variazioni dei caratteri tipografici suggeriscono variazioni di voce nella lettura Mallarmè vuole che sia letto come uno spartito musicale Mallarmè vuole che sia letto come uno spartito musicale Gli spazi pieni e vuoti non hanno un valore materico ma sono in relazione al suono e al silenzio Gli spazi pieni e vuoti non hanno un valore materico ma sono in relazione al suono e al silenzio

61 Futurismo italiano: F.T.Marinetti Manifesto del futurismo (1909) Manifesto del futurismo (1909) ZANG TUMB TUUUM (Parole in libertà) (1914) ZANG TUMB TUUUM (Parole in libertà) (1914) un movimento che precisa e scatena una rivoluzione totale nelle arti plastiche e nella letteratura(Masnata) un movimento che precisa e scatena una rivoluzione totale nelle arti plastiche e nella letteratura(Masnata)

62 F.T.Marinetti ZANG TUMB TUUUM (particolare) Uso dellonomatopea Uso dellonomatopea Stile costruito sui sostantivi più che sui verbi Stile costruito sui sostantivi più che sui verbi

63 F.T.Marinetti ZANG TUMB TUUUM (particolare: alba) ossessione lirica della materia ossessione lirica della materia

64 F.T. Marinetti 12 pagine dalla litolatta "Parole in libertà futuriste, olfattive, tattili, termiche", pagine dalla litolatta "Parole in libertà futuriste, olfattive, tattili, termiche", 1932 Serigrafia a colori su fogli di latta Serigrafia a colori su fogli di latta

65 Futurismo italiano: Paolo Buzzi Lellisse e la spirale (1915): 19 tavole parolibere concatenate come se ciascuna fosse una strofa di un poema Lellisse e la spirale (1915): 19 tavole parolibere concatenate come se ciascuna fosse una strofa di un poema

66 Futurismo italiano: Francesco Cangiullo Lettere umanizzate Lettere umanizzate

67 Futurismo italiano: Fortunato Depero L'importanza dell'onomatopea nel linguaggio dei futuristi L'importanza dell'onomatopea nel linguaggio dei futuristi creazione (1916) dell'«onomalingua» da parte di Fortunato Depero. Linguaggio delle forze naturali (vento, pioggia, mare, ecc.) e degli «esseri artificiali rumoreggianti creati dagli uomini» (biciclette, tram, treni, automobili e tutte le macchine) creazione (1916) dell'«onomalingua» da parte di Fortunato Depero. Linguaggio delle forze naturali (vento, pioggia, mare, ecc.) e degli «esseri artificiali rumoreggianti creati dagli uomini» (biciclette, tram, treni, automobili e tutte le macchine) l'«onomalingua» è lo strumento più rudimentale e più efficace per esprimere le emozioni e le sensazioni l'«onomalingua» è lo strumento più rudimentale e più efficace per esprimere le emozioni e le sensazioni Luigi Russolo: Larte dei rumori (1916) Luigi Russolo: Larte dei rumori (1916)

68 Futurismo italiano: Gino Severini

69 Futurismo italiano: Pino Masnata

70 cubofuturismo russo: Vasilij Kamensky iniziatore (con V. V. Chlebnikov e Krucenych) del cosiddetto Zaum (linguaggio poetico transmentale), basato su effetti onomatopeici, segni linguistici, vocaboli nuovi o frammenti di vocaboli indipendenti da ogni significato (1914) iniziatore (con V. V. Chlebnikov e Krucenych) del cosiddetto Zaum (linguaggio poetico transmentale), basato su effetti onomatopeici, segni linguistici, vocaboli nuovi o frammenti di vocaboli indipendenti da ogni significato (1914) idea di un linguaggio fonetico come linguaggio universale. La zaum' dei futuristi russi, dove la parola russa sta per «lingua trasmentale», è una lingua priva di regole grammaticali, di prescrizioni sintattiche, di convenzioni semantiche e di norme stilistiche, creata per esprimere le emozioni e le sensazioni primordiali che vanno perdute nei significati della lingua comune idea di un linguaggio fonetico come linguaggio universale. La zaum' dei futuristi russi, dove la parola russa sta per «lingua trasmentale», è una lingua priva di regole grammaticali, di prescrizioni sintattiche, di convenzioni semantiche e di norme stilistiche, creata per esprimere le emozioni e le sensazioni primordiali che vanno perdute nei significati della lingua comune L'universalità della zaum' si basa sul fatto che nella storia degli uomini i suoni precedono i significati L'universalità della zaum' si basa sul fatto che nella storia degli uomini i suoni precedono i significati

71 Vladimir Majakovskij

72 Majakowskij e El Lissitskij

73 Apollinaire Calligrammes (1918) Calligrammes (1918)

74 Movimento DADA

75 Dada: Tristan Tzara Tzara: Dada vuol dire Nulla Tzara: Dada vuol dire Nulla

76 Dada: Raoul Hausmann Collage.. Collage..

77 Dada: Raoul Haussmann Poema ottico-fonetico (1918) Poema ottico-fonetico (1918)

78 Dada: Kurt Schwitters Oltre il dadaismo verso il concretismo Oltre il dadaismo verso il concretismo

79 Marcel Duchamp Fontana(1917) Fontana(1917) R.Mutt… R.Mutt…

80 Marcel Duchamp

81 Marcel Duchamp: il grande vetro (la Mariée mise à nu par ses célibataires, meme)

82 Schema di lettura dellopera Schema di lettura dellopera

83 Marcel Duchamp Il pettine da tessitore in francese è ros. ros = rugiada in latino (la rugiada degli alchimisti?) Il pettine da tessitore in francese è ros. ros = rugiada in latino (la rugiada degli alchimisti?)

84 Surrealismo

85 Il poema oggetto "Le poème-objet est une composition qui tend à combiner les ressources de la poésie et de la plastique en spéculant sur leur pouvoir d exaltation réciproque". André Breton "Le poème-objet est une composition qui tend à combiner les ressources de la poésie et de la plastique en spéculant sur leur pouvoir d exaltation réciproque". André Breton El poema-objeto es una criatura anfibia que vive entre dos elementos: el signo y la imagen, el arte visual, y el arte verbal. Un poema-objeto se contempla y, al mismo tiempo, se lee. Octavio Paz El poema-objeto es una criatura anfibia que vive entre dos elementos: el signo y la imagen, el arte visual, y el arte verbal. Un poema-objeto se contempla y, al mismo tiempo, se lee. Octavio Paz

86 Ezra Pound ( ) Imagismo Imagismo Vorticismo Vorticismo Cantos Cantos

87 E.E. Cummings( )

88 Dylan Thomas ( )

89 Dylan Thomas

90 Carlo Belloli (1943) Presentazione di Marinetti Presentazione di Marinetti Anticipa la poesia concreta Anticipa la poesia concreta

91 Carlo Belloli Slittamento del significato in un solo movimento Slittamento del significato in un solo movimento

92 Carlo Belloli 1961

93 Lettrismo: Isidore Isou metodo lettrista affonda peraltro le sue origini nelle predicazioni schwittersiane che promuovevano la lettera al posto della parola come materiale da poesia: la lettera e il fonema. Di questo debito si fregiano tutte le ulteriori innovazioni lettriste che riposano come quelle dadaiste su un forte assottigliamento semantico e sulla formalizzazione ritmico-tonale. metodo lettrista affonda peraltro le sue origini nelle predicazioni schwittersiane che promuovevano la lettera al posto della parola come materiale da poesia: la lettera e il fonema. Di questo debito si fregiano tutte le ulteriori innovazioni lettriste che riposano come quelle dadaiste su un forte assottigliamento semantico e sulla formalizzazione ritmico-tonale.

94 Isidore Isou

95 Maurice Lemaitre

96 Poesia Concreta: manifesto Brasile 1956 Brasile 1956 Fin dallinizio concreto è in ogni caso qualcosa che determina un atteggiamento poetico volto alla riflessione metalinguistica sulla realtà materiale dellopera, e al contempo sullaspetto visivo della parola e della lettera, sulla loro bellezza grafica, sul loro valore plastico, sulla presenza verbale allinterno dello spazio della pagina e su tutte le componenti che oltrepassano il significato. Fin dallinizio concreto è in ogni caso qualcosa che determina un atteggiamento poetico volto alla riflessione metalinguistica sulla realtà materiale dellopera, e al contempo sullaspetto visivo della parola e della lettera, sulla loro bellezza grafica, sul loro valore plastico, sulla presenza verbale allinterno dello spazio della pagina e su tutte le componenti che oltrepassano il significato.

97 Eugen Gomringer Considerato il padre della poesia concreta, G. chiama costellazioni (konstellationen constellations constelaciones, 1953) le poesie che compone raggruppando graficamente le parole Considerato il padre della poesia concreta, G. chiama costellazioni (konstellationen constellations constelaciones, 1953) le poesie che compone raggruppando graficamente le parole

98 Eugen Gomringer

99 Baum- wind: albero- vento Baum- wind: albero- vento

100 Max Bense( ) Testo statistico (1963): Una serie di 6 eventi verbali (6 sono le parole) che si ripresentano come eventi statistici Testo statistico (1963): Una serie di 6 eventi verbali (6 sono le parole) che si ripresentano come eventi statistici

101 Decio Pignatari (1957)

102 Decio Pignatari

103 Haroldo De Campos Influenza di Pound Influenza di Pound

104 Ronaldo Azeredo

105 Spazialismo: Ilse & Pierre Garnier Lo Spazialismo è una forma di concretismo Lo Spazialismo è una forma di concretismo « Ogni parola è un pittogramma astratto. Una superficie. Un volume. Una superficie sulla pagina. Un volume quando viene pronunciata». « Ogni parola è un pittogramma astratto. Una superficie. Un volume. Una superficie sulla pagina. Un volume quando viene pronunciata». La parola è un materiale, un oggetto. La parola è un materiale, un oggetto.

106 Ilse & Pierre Garnier Divenendo oggetto, il poema visivo si trasforma nel cosiddetto poema meccanico Divenendo oggetto, il poema visivo si trasforma nel cosiddetto poema meccanico Pierre e Ilse Garnier ne descrivono le leggi dattilografiche affermando che in esso gli elementi linguistici sono collegati luno allaltro in maniera tale che lazione di una forza, di una parola, di un gruppo di lettere, di unenergia psichica su uno qualsiasi di essi si trasmette agli altri. Non solo in senso orizzontale ma anche verticalmente: ad esempio il contatto tra il bianco della pagina e la sua dimensione a- sonora è palpabile. Pierre e Ilse Garnier ne descrivono le leggi dattilografiche affermando che in esso gli elementi linguistici sono collegati luno allaltro in maniera tale che lazione di una forza, di una parola, di un gruppo di lettere, di unenergia psichica su uno qualsiasi di essi si trasmette agli altri. Non solo in senso orizzontale ma anche verticalmente: ad esempio il contatto tra il bianco della pagina e la sua dimensione a- sonora è palpabile. È fisica.. È fisica..

107 Arrigo Lora Totino Spazialismo Spazialismo Ma si è occupato anche di Poesia Sonora Ma si è occupato anche di Poesia Sonora

108 Emmet Williams Meditations n.2 (1958) Meditations n.2 (1958)

109 Concretismo giapponese: Chima Sunada Ciclo vita-morte Ciclo vita-morte

110 Shutaro Mukai Bambu (1974) Bambu (1974)

111 Seiichi Niikuni Pioggia (1963) Pioggia (1963)

112 Shutaro Mukai Dream (1973) Dream (1973) Cantilena che scende dallalto: sogno nel sogno nelluomo nelluomo nel sogno nel sogno.. Cantilena che scende dallalto: sogno nel sogno nelluomo nelluomo nel sogno nel sogno..

113 Shohachiro Takahashi (1968)

114 Bp Nichol Love (1966) Love (1966)

115 Edwin Morgan (1967) Evaporazione… Evaporazione…

116 Typoesia: Jérôme Peignot (1993) Tratto da Typoésie - Anthologie de poésie typographique Tratto da Typoésie - Anthologie de poésie typographique

117 Adriano Spatola Zeroglifici, 1973 Zeroglifici, 1973 Confine tra poesia e arti visive Confine tra poesia e arti visive

118 Poesia Visiva: Lamberto Pignotti La linea di ricerca della poesia visiva, sviluppatasi nellatmosfera di avanguardia e sperimentalismo degli anni Sessanta e Settanta, tende a gettare un ponte tra scrittura e pittura. La poesia si presenta come quadro, e si affida quindi a un sistema di produzione e consumo affine a quello delle arti figurative (mostre, esposizioni, ecc.). La linea di ricerca della poesia visiva, sviluppatasi nellatmosfera di avanguardia e sperimentalismo degli anni Sessanta e Settanta, tende a gettare un ponte tra scrittura e pittura. La poesia si presenta come quadro, e si affida quindi a un sistema di produzione e consumo affine a quello delle arti figurative (mostre, esposizioni, ecc.). Si tratta di esperimenti intersemiotici, in quanto mettono insieme il modo lineare di leggere il linguaggio e il modo avvolgente di guardare un quadro. Si è parlato di "scrittura verbovisiva" Si tratta di esperimenti intersemiotici, in quanto mettono insieme il modo lineare di leggere il linguaggio e il modo avvolgente di guardare un quadro. Si è parlato di "scrittura verbovisiva"

119 Poesia Visiva: Stelio Maria Martini arte "plurisensoriale", che sarebbe legata alla classica figura retorica della sinestesia (scambi tra i cinque sensi) e in generale a unidea di arte totale capace di mettere in funzione tutte le facoltà delluomo. arte "plurisensoriale", che sarebbe legata alla classica figura retorica della sinestesia (scambi tra i cinque sensi) e in generale a unidea di arte totale capace di mettere in funzione tutte le facoltà delluomo.

120 Ugo Carrega

121 Eugenio Miccini

122 Shirin Neshat (1996)

123 Luca Maria Patella (1978) Arte totale Arte totale Arte e non-arte Arte e non-arte Nonsense (che non è il nulla..) Nonsense (che non è il nulla..)

124 Luca Maria Patella

125 Ologramma poetico (olopoesia) Una poesia olografica è concepita costruita e rappresentata olograficamente, le parole che la compongono si dispongono in uno spazio 3d che è nello stesso tempo reale e immateriale; il lettore può muoversi attorno ad essa e ad ogni suo spostamento la poesia cambia e fa sorgere nuovi significati. Una poesia olografica è concepita costruita e rappresentata olograficamente, le parole che la compongono si dispongono in uno spazio 3d che è nello stesso tempo reale e immateriale; il lettore può muoversi attorno ad essa e ad ogni suo spostamento la poesia cambia e fa sorgere nuovi significati.

126 Olopoesia La percezione di una poesia olografica non è né lineare né simultanea, ma avviene attraverso frammenti visti in modo casuale dall'osservatore in base alla sua posizione rispetto al testo. La percezione spaziale dei volumi, dei colori, i gradi di trasparenza, i cambiamenti di forma, le posizioni relative di lettere e parole, l'animazione, l'apparizione e la sparizione delle forme sono elementi inseparabili dalla percezione sintattica e semantica del testo. La percezione di una poesia olografica non è né lineare né simultanea, ma avviene attraverso frammenti visti in modo casuale dall'osservatore in base alla sua posizione rispetto al testo. La percezione spaziale dei volumi, dei colori, i gradi di trasparenza, i cambiamenti di forma, le posizioni relative di lettere e parole, l'animazione, l'apparizione e la sparizione delle forme sono elementi inseparabili dalla percezione sintattica e semantica del testo.


Scaricare ppt "Radici e percorsi della poesia visuale / Roots & Routes of Visual Poetry a cura di Alessio Liberati Accasarti Cagliari, 16 -3- 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google