La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PRESENTAZIONE DEL CORSO PER L ABILITAZIONE ALLESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI ALPINO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PRESENTAZIONE DEL CORSO PER L ABILITAZIONE ALLESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI ALPINO."— Transcript della presentazione:

1 PRESENTAZIONE DEL CORSO PER L ABILITAZIONE ALLESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI ALPINO

2 Identificazione delle Discipline 1. Sci Alpino 2. SnowBoard 3. Sci Nordico Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

3 Disciplina Sci Alpino Durata del Corso di Sci Alpino In conformità a quanto disposto dalla L.R. 17/94 art. 3 comma 2 in materia di formazione dei Maestri di Sci, i corsi hanno una durata effettiva di 90 giorni, suddivisi in moduli non continuativi. I singoli moduli, hanno generalmente una durata compresa tra i 5-6 giorni continuativi infrasettimanali, eventuali giornate di sospensione devono essere recuperate nei moduli successivi. Il recupero di eventuali giorni di sospensione è preventivamente comunicato agli allievi e comunque specificato durante la convocazione del modulo. Durante lo svolgimento del corso, Il Coordinatore dei Corsi, congiuntamente con il Responsabile Tecnico del Corso, ognuno per le proprie competenze, stabiliscono verifiche sulla preparazione dei candidati, che vengono indicate nel calendario dei moduli. Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

4 Disciplina Sci Alpino Obiettivi del Corso Sci Alpino Gli aspiranti Maestri di Sci devono saper dimostrare ed eseguire in modo corretto e preciso tutti gli esercizi che sono parte integrante dei livelli. Il modulo di formazione didattica ha come obbiettivo ultimo quello usare terminologie corrette e standardizzate a livello italiano. Imparare a gestire una classe, una lezione, le problematiche di uno o più allievi che si avvicinano o sono già esperti dellambiente montano e dello sci. Saper adottare tutti gli accorgimenti tecnico-didattici al fine di far meglio acquisire allallievo la sicurezza sugli sci. Non ultimo la capacità di comunicare con il cliente/allievo cercando di fare apprendere i concetti tecnici in modo efficace, utilizzando strategie comunicative e didattiche funzionali alle caratteristiche dellallievo scegliendo, in modo appropriato, gli obiettivi da proporre. Al termine del percorso di formazione professionale il Maestro di Sci, deve possedere competenze cognitivo motorie, relazionali e organizzative ed essere in grado di trasferirle nel contesto in cui opera. Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

5 Disciplina Sci Alpino Descrizione del Corso Il Corso di Sci Alpino si svolge in Tre parti : Programma Tecnico (sul campo compreso Corso Freeride, Eurosecurité e Tirocinio) Programma Didattico (campo aula) Programma Culturale(aula) Riferimenti: Responsabile Tecnico del Corso: Carlo La Magna Il Coordinatore dei Corsi: Alberto Rattaro Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

6 Disciplina Sci Alpino Descrizione del Programma Tecnico 1. Tecnica sulla neve 2. Interpretazione degli esercizi 3. Sci Totale 4. New School Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

7 Disciplina Sci Alpino Descrizione del Programma Didattico Terminologia Metodica per linsegnamento dello sci Preparazione materiale Metodo Globale e Analitico Insegnamento allAdulto Insegnamento al Bambino Tirocinio Sociologia (nozioni) Pedagogia (nozioni) Psicologia dello sviluppo e del gruppo Comunicazione Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

8 Disciplina Sci Alpino Descrizione del Programma Culturale Medicina, pronto soccorso; Teoria dellallenamento; Meteorologia; Pericoli in Montagna Ambiente alpino; Topografia; Preparazione piste; Impianti a fune Innevamento programmato; Sicurezza sulle piste (LEGGE 24 dicembre 2003, n. 363) ; Aspetti legislativi, aspetti fiscali; Storia dello sci. Codice deontologico professionale (previsto dalla legge quadro 81/91 art. 16 comma 1 punto a). Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

9 Disciplina Sci Alpino Esami Finali Gli esami finali consistono nel superamento di Tre sessioni: 1. Tecnica 2. Didattica 3. Culturale L' esame e' superato se il candidato raggiunge la sufficienza in ciascuna delle tre sezioni. E' ammesso alla sezione didattica chi ha superato quella tecnica; E' ammesso alla sezione culturale chi ha superato quella didattica. Il mancato superamento della sezione didattica o culturale comporta per il candidato la sola ripetizione di essa da effettuarsi nella sessione d' esame immediatamente successiva. Tale possibilità può essere fatta valere una volta soltanto; in caso di ulteriore esito negativo il candidato dovrà nuovamente sostenere tutte le sezioni. Il superamento dell' esame consente l' iscrizione all' albo professionale. Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

10 Disciplina Sci Alpino Esami Finali (Prova Tecnica) Prova desame La prova desame consiste nel valutare lallievo i forma soggettiva da parte dei componenti la commissione attraverso lesecuzione di esercizi che comprendono i seguenti livelli: Livello di Bronzo (Base e Avanzato) Livello Argento (Base e Avanzato) Livello Oro (Base e Avanzato) Freeride (Superamento di gobbe e cunette – Sciata in assorbimento) Newschool(Salto con rotazione - Grab) Sci Globale I candidati dovranno dimostrare 14 (quattordici) esercizi, 3 (tre) per ogni livello Bronzo, Argento e Oro, 1 (uno) Sci Globale (prova di discesa in campo libero), 2 (due) esercizi di Freeride e infine 2 (due) esercizi della New School. Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

11 Disciplina Sci Alpino Esami Finali (Prova Didattica) Prova desame La prova desame consiste nel valutare lallievo i forma soggettiva da parte dei componenti la commissione attraverso lesecuzione e lesposizione verbale degli esercizi compresi nei seguenti livelli: 1. Livello Bronzo 2. Livello Argento 3. Livello Oro 4. Freeride (Superamento di gobbe e cunette – Sciata in assorbimento) Norme per lassegnazione degli esercizi della prova Didattica La Commissione, una volta redatto lelenco dei candidati, Ammesso, estrae a sorteggio per ogni concorrente 1 (uno) esercizio per ognuno dei livelli. Lelenco degli esercizi assegnati ad ogni singolo candidato viene esposto la mattina dellesame. Lallievo, deve discutere e dimostrare sul campo lesercizi a lui assegnati sulle basi di quanto indicato nel testo per linsegnamento dello Sci Alpino e su quello degli Sport di Scivolamento Didattica e Metodologia. Deve altresì esporre, alla Commissione, previa discesa di un allievo, la correzione, linquadramento in un livello, gli esercizi ed eventuali strategie da usare durante la lezione al fine di correggere eventuali errori che sono emersi durante la discesa dello sciatore preso in esame Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

12 Disciplina Sci Alpino Esami Finali (Prova Culturale) Gli allievi ammessi allesame culturale, sono chiamati a rispondere in forma puntuale e professionale dimostrando capacità di espressione e conoscenza su tutte le materie del Corso Culturale. Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

13 1° Modulo2° Modulo 3° Modulo 4° Modulo 5° Modulo6° Modulo7° Modulo8° Modulo 9° Modulo 10° Modulo11° Modulo 12° Modulo 13° Modulo14° Modulo 15° Modulo 16° Modulo 17° Modulo 18° Modulo Disciplina Sci Alpino Programma Moduli Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro

14 Disciplina Sci Alpino Date dei Moduli Il Coordinatore dei Corsi Alberto Rattaro


Scaricare ppt "PRESENTAZIONE DEL CORSO PER L ABILITAZIONE ALLESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI ALPINO."

Presentazioni simili


Annunci Google