La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Luna 22 Ottobre 2012 – INAF Osservatorio Astrofisico di Catania Presentazione a cura di: G. Cutispoto, S. Guglielmino, P. Romano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Luna 22 Ottobre 2012 – INAF Osservatorio Astrofisico di Catania Presentazione a cura di: G. Cutispoto, S. Guglielmino, P. Romano."— Transcript della presentazione:

1 La Luna 22 Ottobre 2012 – INAF Osservatorio Astrofisico di Catania Presentazione a cura di: G. Cutispoto, S. Guglielmino, P. Romano

2 La Luna è lunico satellite naturale della Terra ed è il corpo celeste a noi più vicino Osservando la Luna le caratteristiche più evidenti sono i mari (molti visibili anche a occhio nudo), i crateri e le catene montuose Distanza media della Luna dalla Terra: km Diametro della Luna: 3476 km (circa ¼ del diametro della Terra) Massa della Luna: 7, kg (circa 1/81 della massa della Terra)

3 La Terra e la Luna Il raggio della Luna è circa ¼ di quello della Terra km (Rappresentazione in scala del sistema Terra – Luna) La distanza media Terra – Luna equivale a poco più di 30 diametri terrestri

4 I mari della Luna mare delle crisi mare della fecondità mare della tranquillità mare della serenità oceano delle tempeste mare delle piogge mare delle nuvole mare degli umori Sono grandi pianure basaltiche formate da antiche eruzioni e sono le regioni più giovani della Luna (la loro età è compresa tra 3,2 e 4 miliardi di anni)

5 I crateri Derivano quasi tutti da impatti di meteoriti, solo una piccola frazione ha natura vulcanica; i più grandi hanno diametro di quasi 300 km e profondità fino a 4 km Il cratere Copernicus (diametro circa 93 km) Gran parte dei crateri ha unetà di circa 4 miliardi di anni; lassenza di erosione (la Luna è praticamente priva di atmosfera) li ha preservati nella loro forma e struttura originale Sulla Luna esistono miliardi di crateri con diametro maggiore di un metro

6 Le catene montuose Si estende per circa 1000 km con vette che superano i 6500 m di altezza La massima altezza delle elevazioni lunari ( m) si incontra nei Monti Leibniz, situati in prossimità del polo Sud (il Mt. Everest, maggior elevazione terrestre è appena 8848 m) La catena montuosa più famosa della Luna è quella degli Appennini

7 Un grande progresso nelle conoscenze della morfologia lunare si deve a Galileo, che, nel 1609, fu il primo astronomo a osservare la Luna con lausilio di un telescopio La Luna disegnata da Galileo - Sidereus Nuncius (1610)

8 Nel 1651 Giovanni Battista Riccioli e Francesco Maria Grimaldi pubblicarono la prima dettagliata mappa lunare, assegnando dei nomi alle strutture principali Questa classificazione è in uso ancor oggi

9 Le fasi lunari La luce che riceviamo dalla Luna è luce del Sole riflessa Il Sole illumina sempre metà della Luna; la porzione di area illuminata visibile dalla Terra determina la fase lunare Un ciclo completo di fasi è detto lunazione (= 29,53 giorni) 1: Luna Nuova 3: Primo Quarto 5: Luna Piena 7: Ultimo Quarto Luce solare

10 La faccia nascosta della Luna La superficie della faccia nascosta, che può essere osservata solo dallo spazio, appare coperta da crateri, ma sono quasi del tutto assenti i mari Il periodo di rivoluzione della Luna intorno alla Terra (27,32 giorni) è uguale al suo periodo di rotazione; ne segue che la Luna rivolge verso la Terra sempre la stessa faccia fa (foto ottenuta dagli astronauti dellApollo 16)

11 Lesplorazione della Luna Il 14 Settembre 1959 la sonda sovietica Lunik II fu la prima macchina costruita dalluomo a raggiungere (dopo un viaggio di 33,5 ore) la superficie della Luna Il 25 Maggio 1961, in un discorso al Congresso, J.F. Kennedy afferma: Credo che questa nazione debba impegnarsi per raggiungere lobbiettivo, prima della fine di questo decennio, di sbarcare un uomo sulla Luna e riportarlo indenne sulla Terra I believe this nation should commit itself to achieving the goal, before this decade is out, of landing a man on the Moon and returning him safely to the Earth Lunik II aveva un peso di 390 kg e trasportava numerosi strumenti scientifici

12 Il programma Apollo Si svolse tra il 1961 e il 1972 e fu il terzo programma di voli umani della NASA, il primo in cui gli astronauti si allontanavano dalla Terra Le missioni Apollo hanno portato 12 astronauti sulla Luna Saturn V: il razzo vettore Il Saturn V era composto da tre stadi, con un totale di 11 motori; era in grado di inviarne un carico di 47 tonnellate sulla Luna Altezza: 110 m - Diametro: 10 m Peso: 3038 tonnellate

13 Il Modulo di comando & servizio Il modulo di comando, ospitava l'equipaggio e gli strumenti per il rientro Il modulo di servizio forniva la propulsione, l'energia elettrica e ospitava tutto ciò che veniva consumato durante la missione; al rientro veniva fatto bruciare nell'atmosfera Dimensioni h = 3,2 m d = 3,9 m Dimensioni h = 7,5 m d = 3,9 m

14 Il L.E.M. (Lunar Excursion Module) Altezza: 6,37 m Diametro cabina: 4,27 m Larghezza totale: 9,07 m Volume: 6,65 m³ Utilizzato per la discesa sulla superficie della Luna di due dei tre membri dell'equipaggio Permetteva la permanenza sul suolo lunare per oltre 75 ore

15 Apollo 11 E stata la prima missione a portare degli astronauti sul suolo lunare Neil Armstrong Michael Collins Edwin Aldrin Lancio: 16 Luglio 1969 ore 15:32 Allunaggio: 20 Luglio 1969 ore 22:18 Sbarco: 21 Luglio 1969 ore 04:56 Tempo trascorso sulla Luna: 21h 36m Rientro a Terra: 24 Luglio 1969 ore 18:51

16 Nel momento in cui posò piede sulla Luna Neil Armstrong disse: Questo è un piccolo passo per un uomo, un balzo gigantesco per lumanità "That's one small step for a man, one giant leap for mankind."

17 La Terra vista dalla Luna La superficie della Luna fotografata dallinterno del modulo lunare dellApollo 11 Il cielo appare nero a causa dellassenza di atmosfera; questo determina una grande escursione termica fra le parti esposte al Sole (107 °C) e quelle che restano in ombra (-153 °C)

18 Siti degli allunaggi delle sonde Apollo mare delle crisi mare della fecondità mare della tranquillitàmare della serenità oceano delle tempeste Apollo 11 Apollo 12 Apollo 14 Apollo 16 Apollo 17 Apollo 15 mare delle piogge mare delle nuvole mare degli umori In totale gli sbarchi delle missioni Apollo furono 6 (Apollo 11, 12, 14, 15, 16, 17), per un totale di 12 astronauti discesi sul nostro satellite LApollo 13 dovette rientrare a causa di un guasto, le previste missioni Apollo 18, 19 e 20 furono annullate per tagli di bilancio

19 Probabilmente la Luna si è formata, circa 4,53 miliardi di anni fa, a seguito dellimpatto con la Terra di un corpo, (Theia) con dimensioni simili a quelle di Marte Origine della Luna Una parte dei detriti scaturiti da questimmane urto si collocarono in orbita intorno alla Terra per poi formare la Luna in circa 100 anni

20 I dati ottenuti da Clementine indicano una possibile presenza di acqua, sotto forma di ghiaccio, sul fondo di alcuni crateri in prossimità del polo Sud della Luna La sonda Clementine ha orbitato intorno alla Luna nel 1994 Se confermata questa scoperta sarebbe importantissima nella prospettiva di installare basi abitate permanenti sulla Luna Il polo Sud della Luna Cè acqua sulla Luna ? La sonda Lunar Prospector ha svolto ulteriori indagini, ma la presenza di acqua sulla Luna resta ancora da confermare

21 La Luna si sta restringendo a causa di unattività tettonica relativamente recente connessa al raffreddamento dellinterno Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) ha scoperto che… Lunar Reconnaissance Orbiter & Lunar Crater Observation and Sensing Satellite sono due missioni della NASA (lanciate nel Giugno 2009) per identificare aree utilizzabili per basi permanenti e per confermare la presenza dellacqua; stanno fornendo immagini della superficie lunare con una risoluzione fino a 50 cm Sarebbero circa 200 i metri del diametro lunare (che è di 3476 km) andati persi negli ultimi 40 anni (lo 0,0057 %) Questo dimostra che la Luna non deve essere più considerata un corpo geologicamente "morto"

22 Immagini dei siti degli allunaggi ottenute da LRO da unaltezza di circa 50 km I siti delle missioni Apollo Lunar Reconnaissance Orbiter è riuscito a fotografare cosa è rimasto sulla superfice della Luna a seguito degli sbarchi delle missioni Apollo

23 Apollo 11 Apollo 12 Immagini dei siti degli allunaggi ottenute da LRO da unaltezza di circa 25 km

24 Apollo 15 Apollo 17

25 La Terra vista dalla Luna (immagine ottenuta dalla sonda Kaguya) Questa presentazione ricomincerà tra qualche secondo


Scaricare ppt "La Luna 22 Ottobre 2012 – INAF Osservatorio Astrofisico di Catania Presentazione a cura di: G. Cutispoto, S. Guglielmino, P. Romano."

Presentazioni simili


Annunci Google