La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli Stati Limite Progetto di un elemento in C.A.P.: Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli Stati Limite Progetto di un elemento in C.A.P.: Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli."— Transcript della presentazione:

1 Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli Stati Limite Progetto di un elemento in C.A.P.: Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli Stati Limite Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008

2 SOMMARIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008 Stati Limite Ultimi: - Verifica a Flessione; - Verifica a Taglio. Stati Limite di Esercizio: - Limitazione delle tensioni in esercizio; - Fessurazione (Formazione delle Fessure); - Deformazione.

3 Verifiche allo S.L.U.: Combinazioni di Carico Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008 g (g k +g k ) q q k

4 Verifica allo S.L.U. per Flessione Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008 Mentre nelle strutture in c.a. la verifica alle tensioni ammissibili avviene su sezione parzializzata così come la verifica a rottura e, quindi, il superamento delle sollecitazioni di servizio non comporta una modifica del meccanismo resistente, nelle sezioni precompresse, al crescere dei carichi esterni, la sezione passa dalla situazione integra a quella fessurata con una significativa variazione di inerzia e di modulo resistente. Ipotesi su cui si fonda la verifica allo S.L.U. per tensioni normali di un elemento in C.A.P.: - si assumono per il calcestruzzo e per larmatura lenta gli stessi legami costitutivi e gli stessi valori di deformazione ultima considerati per le sezioni in c.a. ordinario ( cu =0.0035, su =0.010 ); - per larmatura presollecitata può ancora adottarsi un legame tra tensione e deformazione di tipo elastico-perfettamente plastico con limite elastico pari alla tensione limite elastica convenzionale di progetto f pd ; - la tensione di progetto si ottiene come per larmatura lenta dividendo quella di snervamento caratteristica (f pyk, f p(0.2)k, f p(1)k a seconda dei materiali) per il m pari ad 1.15; - la deformazione ultima deve tener conto dello stato di deformazione relativa tra larmatura presollecitata ed il calcestruzzo.

5 Verifica allo S.L.U. per Flessione Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008 PRE- TENSIONE La deformazione relativa iniziale dec,0 tra acciaio presollecitato e calcestruzzo è pari alla deformazione iniziale dovuta alla pre-tensione. A questo valore va sottratto quello relativo alle deformazione relativa acciaio-calcestruzzo che determina le cadute di tensione per effetti differiti: POST- TENSIONE La deformazione relativa iniziale dec,0 tra acciaio presollecitato e calcestruzzo è pari alla deformazione iniziale è pari alla somma della deformazione di trazione nellarmatura e della deformazione di compressione del calcestruzzo sulla stessa fibra. Anche in questo caso bisogna sottrarre la variazione relativa di deformazione che si traduce nella caduta di tensioni per effetti differiti:

6 ESEMPIO NUMERICO: TRAVE POST-TESA Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008 Valutazione della deformazione di decompressione dec I valori delle tensioni nei cavi calcolati nella sezione di mezzeria al netto delle cadute di tensione sono riportate nel seguito. eiei Diagrammatensioni al TIRO co,i =13.63 MPa co,s =0.69 MPa

7 Verifica allo S.L.U. per Flessione: ESEMPIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 dec,i Fase 1: Ricerca dellasse neutro 1 a iterazione: p,i deformazione di congruenza

8 Verifica allo S.L.U. per Flessione: ESEMPIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 dec Fase 1: Ricerca dellasse neutro 2 a iterazione: p,i

9 Verifica allo S.L.U. per Flessione: ESEMPIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 dec 3 a iterazione: p,i

10 Verifica allo S.L.U. per Flessione: ESEMPIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 y G,c

11 S.L.U. per Flessione - COMMENTI Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 Nel calcolo che è stato mostrato la ricerca dellasse neutro e la valutazione del momento M Rd della sezione precompressa è stato valutato considerando anche il contributo dellarmatura non pre-sollecitata. Questo fatto si giustifica con lopportunità in questa sede di mostrare il gioco dei vari contributi ed, in particolare, di far vedere come diversa sia la determinazione della deformazione delle armature presollecitate (per le quali bisogna sommare la deformazione di decompressione al valore che deriva dalla linearità del diagramma delle sollecitazioni) e di quella dolce che va considerata in maniera simile a quanto visto per il c.a. ordinario. In realtà si vede che il contributo dellarmatura dolce è molto limitato rispetto agli altri due (nel caso in oggetto è minore del 10% rispetto al totale). In via semplificata esso potrebbe essere trascurato; nei casi in cui sia noto il centro di degli sforzi di trazione allo S.L.U. (come quando le armature presollecitate sono concentrate in una zona limitata) e quello delle tensioni di compressione (il baricentro dellala superiore) il valore del momento ultimo può essere facilmente stimato come segue: Nel caso in esame, la stima del momento flettente tramite la formula semplificata comporta un errore minore del 5% rispetto al valore ottenuto tramite il procedimento rigoroso. N.B.: nellesempio numerico il valore di f pd è soltanto indicativo. Valori più realistici si ottengono da f ptk / s ( 1800/1.15).

12 VERIFICHE A TAGLIO – SISTEMA POST-TESO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 18/05/2008 Effetti benefici della precompressione sulla resistenza a taglio della trave: Riduzione della caratteristica tagliante (per effetto del tracciato curvilineo del cavo) Tensioni principali di trazione ridotte per la presenza dello stato di sollecitazione di compressione Minore inclinazione delle bielle compresse di calcestruzzo per effetto dellazione di compressione C.A.O. C.A.P.

13 VERIFICHE A TAGLIO – SISTEMA POST-TESO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 18/05/2008 Limiti in termini di tensione principale di trazione La tensione principale di trazione deve essere calcolata sulle fibre dove è massima la o è minima la : -la fibra baricentrica; -la fibra di attacco tra anima ed ala superiore (tiro) o inferiore (esercizio).

14 VERIFICHE A TAGLIO – SISTEMA POST-TESO - esempio numerico- Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 18/05/2008 Corda 1 Corda 2 Corda 3 Limitazione su :

15 VERIFICHE A TAGLIO – SISTEMA PRE-TESO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 18/05/2008 Effetti benefici della precompressione sulla resistenza a taglio della trave: Riduzione della caratteristica tagliante (per effetto del tracciato curvilineo del cavo) Tensioni principali di trazione ridotte per la presenza dello stato di sollecitazione di compressione Minore inclinazione delle bielle compresse di calcestruzzo per effetto dellazione di compressione I cavi hanno generalmente tracciato rettilineo […] Nella verifica a taglio delle travi la cui armatura sia ancorata per aderenza non si dovrà tenere conto della precompressione nel tratto terminale compreso fra la testata ed una sezione posta a distanza della testata stessa pari a settanta volte il maggior diametro (effettivo od equivalente) sia per i fili ad aderenza migliorata sia per trecce o trefoli. In questo tratto, nei riguardi delle sollecitazioni tangenziali e del calcolo delle staffe e delle eventuali armature longitudinali aggiunte, valgono i criteri adottati per le opere in conglomerato cementizio armato normale di cui al punto 3.1. […]

16 Verifica allo S.L.U. per TAGLIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 Resistenza in assenza di armature

17 Verifica allo S.L.U. per TAGLIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 Esempio numerico Nel caso preteso il contributo dello sforzo di precompressione deve essere trascurato in prossimità degli appoggi e per una distanza di 70 diametri.

18 Verifica allo S.L.U. per TAGLIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 Esempio numerico

19 Verifica allo S.L.U. per TAGLIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 Progetto dellarmatura trasversale Resistenza di calcolo con armatura trasversale

20 Verifiche allo S.L.E.: Combinazioni di Carico Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 a cura di Enzo MartinelliBozza del 25/05/2008

21 Verifica allo S.L.E. di FORMAZIONE delle FESSURE: ESEMPIO Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 La normativa impone che risulti: dove: Assumendo i seguenti valori numerici: si ottiene:

22 Verifica allo S.L.E. di Limitazione delle Tensioni in Esercizio nel conglomerato Corso di Tecnica delle Costruzioni II - Teoria delle Esercitazioni Anno Accademico 2007/08 Le tensioni normali di esercizio non devono superare a compressione i seguenti valori limite: a) in ambienti poco aggressivo e moderatamente aggressivo per combinazione di carico rara: 0,60 f ck ;rara combinazione di carico quasi permanente: 0,45 f ck.quasi permanente b) in ambiente molto aggressivo: per combinazione di carico rara: 0,50 f ck ;rara combinazione di carico quasi permanente: 0,40 f ck.quasi permanente


Scaricare ppt "Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli Stati Limite Progetto di un elemento in C.A.P.: Verifiche secondo il Metodo Semiprobabilistico agli."

Presentazioni simili


Annunci Google