La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL FARMACISTA e il consiglio NUTRIZIONALE. In ambito nutrizionale il farmacista può dare consigli su: 1) CONCETTO DI SANA ALIMENTAZIONE 2) INTEGRATORI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL FARMACISTA e il consiglio NUTRIZIONALE. In ambito nutrizionale il farmacista può dare consigli su: 1) CONCETTO DI SANA ALIMENTAZIONE 2) INTEGRATORI."— Transcript della presentazione:

1 IL FARMACISTA e il consiglio NUTRIZIONALE

2 In ambito nutrizionale il farmacista può dare consigli su: 1) CONCETTO DI SANA ALIMENTAZIONE 2) INTEGRATORI ALIMENTARI 3) INTERAZIONI FARMACO-ALIMENTO 4) Consigli su ALIMENTAZIONE in CONDIZIONI FISIOLOGICHE E PATOLOGICHE particolari

3 1) CONCETTO di SANA ALIMENTAZIONE Attraverso una sana alimentazione ed un corretto stile di vita è possibile raggiungere uno stato di benessere. Inoltre un sano regime alimentare consente di ridurre l'incidenza di sovrappeso ed obesità che recentemente è notevolmente aumentata anche nel Nostro Paese.

4 Oltre a rappresentare una patologia di per sé (influenza negativamente la qualità e le aspettative di vita), l'obesità aumenta il rischio di comparsa di altre patologie quali: diabete ipertensione malattie cardiovascolari problemi respiratori legati al grasso addominale malattie osteoarticolari ecc...

5 COSA SIGNIFICA SANA ALIMENTAZIONE? QUALI SONO LE CARATTERISTICHE di una SANA ALIMENTAZIONE?

6 1) E' VARIA ed EQUILIBRATA La dieta giornaliera non si deve basare su un unico nutriente (es. proteine), perchè ciò determina carenze e squilibri nutrizionali. Infatti il nostro organismo necessita ogni giorno di tutti i nutrienti (proteine, glucidi, lipidi, sali minerali, vitamine) in opportune quantità e rapporti ben definiti. Il loro fabbisogno viene garantito solo con l'assunzione di alimenti diversi nel corso della giornata.

7 INFATTI : NESSUN ALIMENTO può definirsi COMPLETO con la sola esclusione del latte materno nei primi tre mesi di vita

8 Cosa sono i nutrienti? Con il termine nutriente si indicano i componenti degli alimenti che lorganismo utilizza per le sue funzioni vitali. I nutrienti si suddividono in due classi: MACRONUTRIENTI (proteine, carboidrati, grassi), necessari per la produzione di energia e per la crescita MICRONUTRIENTI (vitamine e sali minerali) che in piccole quantità sono necessari per la crescita e per le funzioni vitali dellorganismo

9 Oltre ai macronutrienti e ai micronutrienti, negli alimenti sono contenuti anche ACQUA FIBRE solubili ed insolubili

10 Secondo quanto stabilito dalla DIETA MEDITERRANEA la ripartizione calorica giornaliera dei tre macronutrienti è: Carboidrati: 55-60% delle calorie totali giornaliere Grassi: 25-30% delle calorie totali giornaliere Proteine:10-15% delle calorie totali giornaliere

11 In una dieta di 2000 calorie quindi la ripartizione calorica prevede: kcal fornite dalle proteine e poiché ogni grammo di proteina fornisce 4 kcal saranno necessari circa 60 g di proteine Kcal fornite dai grassi e poiché ogni grammo di grasso fornisce 9 kcal saranno necessari circa 60 g di grassi kcal fornite dai carboidrati e poiché ogni grammo di proteine fornisce 4 kcal saranno necessari circa 290 g di carboidrati di cui solo il 10% devono essere zuccheri semplici

12 Lacqua e la fibra invece non forniscono calorie

13 2) La giornata tipo inizia con una buona colazione La colazione non deve essere saltata e non si deve limitare al solo caffè: il rischio è di mangiare di più nel corso della giornata Deve prevedere un apporto bilanciato di carboidrati e proteine (es. latte e fette biscottate)

14 3) La giornata tipo prevede il consumo di: - 3 pasti principali (colazione, pranzo, cena) - 2 spuntini (metà mattino e metà pomeriggio In questo modo: -si evitano i cali di energia durante la giornata -si evita il rischio di abbuffate.

15 . Gli spuntini devono essere proporzionati allattività fisica: attività sedentaria o diete ipocaloriche: lo spuntino ideale deve essere inferiore alle 150 kcal Attività fisica impegnativa o palestra: lo spuntino ideale si aggira intorno alle 200 Kcal.

16 Esiste un sito per conoscere le calorie degli spuntini: htpp://sapermangiare.mobi.it cliccando su contoemangio Attenzione ai cosiddetti CIBI SPAZZATURA (merendine varie, snack dolci o salati, bibite zuccherate)

17 ATTENZIONE PERCHE: Le merendine sono preparate sempre più piccole per illudere il consumatore del basso contenuto calorico della singola porzione: uno snack SOLO 125 Kcal!!! Ma pesa solo 25 g ed il suo potere saziante è pari a ZERO! 125 kcal sono fornite anche da circa 40 g di pane integrale il cui potere saziante è molto più elevato. Lo stesso potere saziante del pane si raggiunge consumando ben 5-6 briosche con ben Kcal!

18 4) I PASTI PRINCIPALI NON DEVONO ESSERE ABBONDANTI

19 5) NON SI DEVONO SALTARE I PASTI Lobiettivo di saltare i pasti è spesso quello di perdere peso più velocemente; in realtà si rischia di arrivare alla sera con una fame incontrollabile. Piuttosto si consiglia di limitarsi ad una cena leggera: le calorie accumulate di notte sono le più dannose

20 6) E NECESSARIO MANGIARE CON CALMA Il segnale di sazietà giunge dallo stomaco al cervello solo dopo circa 20 minuti. Ecco perchè mangiando in fretta e voracemente si ingrassa: si finisce per mangiare di più. Bisognerebbe consumare i pasti seduti e rilassati

21 7) Durante i pasti principali non devono mai mancare le verdure Il consumo della frutta è preferibile durante gli spuntini

22 8) Una sana alimentazione garantisce il giusto apporto di fibra (30 g/dì) presente nelle verdure, nella frutta, nei cereali integrali e nei legumi. La fibra è fondamentale per mantenere efficienti le funzioni intestinali e per mantenere sotto controllo i livelli ematici di glucosio e di colesterolo in quanto ne rallenta il loro assorbimento.

23 CONTENUTO DI FIBRA DEI PRINCIPALI ALIMENTI (100 g) Farina di frumento bianca ,8 g Farina di frumento integrale ,5 g Crusca g Orzo ,5 g Riso ,5 g Pane bianco ,5 g Pane integrale ,8 g Broccoli, cavoli, spinaci, fagiolini g Carote, finocchi,pomodori, zucchine, peperoni, lattuga ,5 g Fagioli secchi g Fagioli bolliti ,5 g Piselli secchi g Piselli bolliti ,5 g Lenticchie secche ,5 g Banane, mele, mirtilli, susine ,5-7,5 g Albicocche, pere, arance, mandarini,ananas, fichi, uva g Arachidi, noci, nocciole, mandorle g Datteri, albicocche e prugne secche g

24 9) CONSUMARE IN QUANTITA LIMITATE: ZUCCERO DOLCI BEVANDE ZUCCHERATE

25 ATTENZIONE! 1)Il consumo di zuccheri semplici provoca bruschi innalzamenti glicemici a cui il nostro organismo reagisce con una produzione eccessiva di insulina. 2)Linsulina, una volta in circolo provoca repentini cali glicemici: IL RISULTATO E UNA INTENSA SENSAZIONE DI FAME

26 ALLA LARGA DAI DOLCI: spesso zucchero e dolci si consumano per soddisfare carenze affettive o per affrontare situazioni stressanti. MA ATTENZIONE!!!: secondo recenti studi i dolci possono innescare un meccanismo di dipendenza a livello cerebrale, per cui per mantenere stabile lumore, si è sempre più spinti a consumarli! SCATTA COSI IL MECCANISMO DELLA FAME NERVOSA

27 10) In una sana alimentazione si deve limitare: - il consumo di vino - il consumo di birra

28 11) Nella sana alimentazione si devono eliminare I SUPERALCOLICI

29 12) Si deve limitare il consumo del sale e preferire quello marino integrale Il sale in eccesso facilita lipertensione ed il cancro allo stomaco. È bene ricordare che il sale esiste già naturalmente in molti alimenti ed è abbondante in molti prodotti conservati. Pertanto è consigliabile limitarne lutilizzo ed insaporire con spezie ed aromi naturali

30 13) Bere almeno un litro e mezzo di acqua naturale al giorno Il fabbisogno idrico varia da organismo ad organismo e dipende dalla composizione della dieta, dallattività fisica e dal clima La quantità consigliata è circa 6-8 bicchieri da consumare sia durante i pasti che nel corso della giornata

31 Per il benessere dellorganismo si deve mantenere un equilibrio tra: ENTRATE di ACQUA con cibi e bevande USCITE di ACQUA (sudorazione, urina, respirazione)

32 NON SI DEVE DIMENTICARE LATTIVITA FISICA perché: favorisce il consumo delle calorie ingerite con gli alimenti migliora la circolazione del sangue e l'ossigenazione dell'organismo migliora le attività metaboliche ed ormonali

33 Lattività fisica deve essere moderata e duratura Sconsigliabile lattività fisica pesante o di tipo agonistico perchè stimola i processi di formazione di radicali liberi, con azione negativa sulla salute

34 CONSUMI CALORICI DURANTE 20 MINUTI DI: Lavoro domestico kcal Bicicletta 8 km/h kcal Bicicletta 15 km/h kcal Camminata kcal Shopping kcal Ginnastica kcal Danza aerobica kcal Nuoto kcal Tennis kcal Corsa (6 km/min) kcal Calcio kcal

35 Camminare a buon ritmo per 30 minuti (circa 3500 passi) permette di consumare circa 150 Kcal in più al giorno!!! Oltre alle passeggiate è bene adottare piccoli accorgimenti come: - limitare luso dellautomobile - fare le scale a piedi - scendere dallautobus una o due fermate prima della destinazione...

36 PIRAMIDE ALIMENTARE Per comprendere meglio il concetto di alimentazione equilibrata è importante osservare attentamente la piramide alimentare.

37

38 Alla base della piramide alimentare (più larga) si trovano gli alimenti da consumare in maggiori quantità perché ricchi di nutrienti non energetici (vitamine, sali minerali, acqua) e di composti protettivi (fibra ed antiossidanti). Mano a mano che si sale, i piani della piramide alimentare sono sempre più ristretti, perché gli alimenti contenuti sono più ricchi di energia e quindi devono essere consumati in minori quantità.

39 GRUPPO 1 (FRUTTA E VERDURA) Sono una importantissima fonte di fibre, vitamine, sali minerali e acqua Gli alimenti di questo gruppo offrono un'ampia varietà di scelta ed è sempre bene consumare i prodotti di stagione.

40 I vari tipi di ortaggi sono piuttosto equivalenti tra di loro, mentre per la frutta è bene limitare il consumo di cachi, castagne, fichi, banane, uva, frutta sciroppata e candita perché ricchi di zuccheri e calorie. Un'alimentazione equilibrata prevede 5-6 porzioni al giorno di alimenti che appartengono a questo gruppo. In genere la frutta va consumata negli spuntini (2-3 porzioni) e la verdura durante i pasti principali (2 porzioni)

41 Una porzione di frutta equivale a circa 150 g (una mela, una pera, 2 albicocche...) Una porzione di succo di frutta equivale a 125 ml Una porzione di ortaggi equivale a 250 g al netto di scarti e a crudo Una porzione di insalata equivale a 50 g

42 GRUPPO 2 (CEREALI E TUBERI) A questo gruppo appartengono tutti i prodotti ottenuti dal frumento (pane, pasta, biscotti, crackers e fette biscottate), dal granturco (farina per polenta), il riso, le patate, l'avena, l'orzo, il farro e tutti i loro derivati.

43 Il pane, la pasta, il riso, seppure in quantità limitate, non devono mai mancare dall'alimentazione quotidiana perchè oltre a rappresentare il modello alimentare di dieta mediterranea costituiscono la nostra più importante fonte di energia. Le porzioni di pasta e di pane devono essere adeguate al dispendio energetico individuale.

44 I cereali sono una buona fonte di vitamina B e proteine vegetali che se vengono unite a quelle dei legumi forniscono una miscela proteica del tutto paragonabile al valore biologico delle proteine animali. Si consiglia il consumo di pane casereccio (tipo senza grassi o toscano), meglio se integrale

45 Anche la patata appartiene a questo gruppo: è un tubero ed è un valido sostituto di pane e pasta. Le patate sono facilmente digeribili per cui rappresentano un valido alimento per bambini ed anziani

46 In un'alimentazione equilibrata sono previste 4-5 porzioni al giorno di alimenti che appartengono al gruppo II della piramide alimentare Una porzione di pasta secca equivale a 80 g pesata cruda (se consumata in brodo: 40 g) Una porzione di pasta fresca equivale a 120 g pesata cruda (se consumata in brodo: 60 g) Una porzione di riso equivale a 80 g pesato crudo (se consumato in brodo: 40g)

47 Una porzione di patate equivale a 200 g pesate al netto degli scarti e a crudo (peso di due patate medie). Una porzione di biscotti equivale a 20 g Una porzione di pane (tipo senza grassi) equivale a 50 g

48 GRUPPO 3 CONDIMENTI: OLI E GRASSI (2-3 porzioni al dì) Appartengono a questa categoria sia i grassi animali (burro, lardo, strutto...) che i grassi vegetali (oli). Il loro ruolo è quello di esaltare il sapore dei cibi e di fornire gli acidi grassi essenziali e le vitamine liposolubili.

49 Il loro uso deve essere limitato poiché costituiscono una fonte concentrata di energia ed alcuni di essi aumentano il colesterolo ematico E bene preferire i grassi vegetali a quelli animali Tra i grassi vegetali il migliore è lolio extra vergine di oliva soprattutto se usato crudo Evitare di riutilizzare oli e grassi già cotti (le alte temperature degradano il grasso e favoriscono la formazione di radicali liberi)

50 GRUPPO 4: LATTE, YOGURT, FORMAGGI (2 porzioni al giorno) Forniscono Calcio in forma altamente assimilabile, proteine di ottima qualità, vitamina A e vitamina B2.. Attenzione ai grassi contenuti nei formaggi: NON ESISTONO FORMAGGI MAGRI!!! Preferire il latte parzialmente scremato a quello intero

51 GRUPPO 5: CARNI, PESCE, UOVA, LEGUMI, SALUMI (1-2 porzioni al giorno)

52 CARNI Il consumo di carne è fondamentale per lapporto di proteine dotate di elevato valore biologico. E anche importante per lapporto di ferro la cui carenza provoca anemia diffusa tra le donne in età fertile La quantità di grasso presente nella carne dipende dal tipo di animale da cui proviene e dal taglio utilizzato Una porzione di carne equivale a g e non è consigliabile il suo consumo tutti i giorni

53 PESCE Rispetto alla carne il pesce è molto più digeribile in quanto le sue fibre sono corte e sfaldabili quindi più facilmente masticabili. Le proteine del pesce sono dotate di elevato valore biologico e la quantità di grassi dipende dal tipo di pesce. Si tratta di grassi ricchi di acidi grassi essenziali tra cui gli omega 3 ritenuti benefici nella prevenzione delle malattie cardiovascolari

54 Una porzione di pesce equivale a 150 – 200 g Si deve considerare che il pesce congelato presenta le stesse caratteristiche organolettiche del pesce fresco

55 LEGUMI I legumi apportano una buona quantità di proteine anche se il loro valore biologico è inferiore rispetto a quello della carne, del pesce e delle uova Allo scopo di incrementare il valore biologico delle proteine si uniscono i legumi con i cereali: pasta e ceci, pasta e fagioli, riso e ceci sono ottimi piatti dal punto di vista nutrizionale Una porzione di legumi equivale a 30 g se secchi e 100 g se freschi

56 UOVA Anche le uova contengono proteine ad elevato valore biologico e sono le proteine più economiche sul mercato. Sono praticamente prive di basi puriniche per cui sono ottime per chi soffre di iperuricemia mentre sono da limitare (ma non da evitare!) nei casi di ipercolesterolemia La porzione di riferimento per luovo è 1 che equivale a 75 g Nei soggetti sani le uova andrebbero consumate nella quantità di 2-3 alla settimana

57 SALUMI Si suddividono in: Insaccati (salame, mortadella, salsicce) Non insaccati: prosciutto crudo e cotto, bresaola

58 Forniscono proteine di ottima qualità. Sono una buona alternativa alla carne come secondi piatti ma si deve fare attenzione alla loro quota lipidica che contribuisce ad elevare il livello di colesterolo ematico Inoltre, per la loro conservazione richiedono un trattamento con il sale che ne incrementa il contenuto di sodio: ciò va considerato soprattutto per coloro che soffrono di ipertensione arteriosa

59 Una porzione di riferimento è pari a 50 g che corrispondono a circa tre fette di prosciutto o 6-7 di salame tipo Milano Si consiglia il consumo max di tre porzioni alla settimana quindi non un uso quotidiano!!!

60 GRUPPO 6: DOLCI (1 porzione al giorno) Una porzione di zucchero corrisponde a 5 g ed è pari ad un cucchiaino da caffè Una porzione di miele è pari a 5 g come lo zucchero

61 BEVANDE: acqua Lacqua è il costituente principale del nostro organismo ed è indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici. E fondamentale che lorganismo mantenga lequilibrio idrico tra la quantità di liquidi in entrata e quelli in uscita

62 Per regolare la quantità di acqua in entrata lorganismo attiva il meccanismo della sete Per regolare la quantità di acqua in uscita lorganismo regola la diuresi

63 Lacqua viene introdotta anche attraverso gli alimenti. Infatti: Frutta, ortaggi, verdura e latte: 85% di acqua Carne, pesce, uova, formaggi freschi: % Pane, pizza: 20-40% Pasta e riso cotti: 60-65% Biscotti, fette biscottate, frutta secca e farina: meno del 10%

64 BEVANDE: VINO

65 E un prodotto complesso contenente diversi composti (+ di 400!!!). Il componente principale è letanolo (alcool); seguono altri composti ad azione antiossidante positiva (polifenoli, flavonoidi, catechine...) Leffetto positivo del vino si ha solo se non si superano i 40 g di alcol al giorno per luomo (circa 3 bicchieri) e 30 g di alcol al giorno per la donna (circa due bicchieri) da consumare durante i pasti.

66 Non sottovalutare lapporto energetico del vino: 100 ml di vino bianco = 70 Kcal 100 ml di vino rosso = 75 Kcal Si tratta di calorie VUOTE cioè a scopo esclusivamente energetico (se non si brucia si accumula!)

67 BEVANDE: birra

68 100 ml di birra apportano 34 Kcal (circa la metà di quelle apportate dalla stessa quantità di vino) La porzione di riferimento è di 330 ml Anche il consumo di birra è consigliato durante i pasti

69 OK IL PESO E GIUSTO? Per conoscere il nostro peso ideale sono state compilate delle tabelle di riferimento che indicano il peso ottimale in rapporto alletà, al sesso, allaltezza ed alla struttura (leggera, media, robusta) dellindividuo. Il peso reale non dovrebbe discostarsi molto da quello ottimale!!!

70 Tra i parametri più utilizzati per evidenziare un eventuale sovrappeso o sottopeso vi è INDICE DI MASSA CORPOREA BMI o IMC Si ottiene dividendo il peso espresso in chilogrammi per il quadrato dell'altezza espressa in metri

71 Esempio di calcolo dellIndice di Massa Corporea Donna alta 1,70 m il cui peso è 58 kg Il suo BMI è: 58 : (1,70 x 1,70) = 20,07 kg/m2

72 VALORI dellIMC NORMOPESO: BMI compreso tra 18,5 e 24,9 SOVRAPPESO: BMI compreso tra OBESITA: BMI maggiore di 30 OBESITA GRAVE: BMI maggiore di 35 SOTTOPESO: BMI minore di 18,5 Quindi la donna del calcolo precedente con IMC = 20,07 è ????

73 Per avere un peso normale e costante le entrate di cibo devono essere uguali alle uscite di energia QUANDO: Le entrate superano le uscite: si ingrassa Le uscite superano le entrate si dimagrisce

74 Per questa ragione un soggetto sovrappeso dovrà seguire la regole delle 4M: Mangiare Meno e Muoversi Molto = Diminuire le entrate e aumentare le uscite La sua dieta deve essere ricca di verdura di stagione: gli ortaggi ricchi di fibre rallentano lassimilazione dei macronutrienti calorici come zuccheri e grassi

75 Ovviamente la formula matematica adottata per il calcolo dellIMC consente di ottenere un valore empirico che va poi rapportato ad altre condizioni quali età, sesso, stati fisiologici, patologie.... Soprattutto nei casi di obesità è bene rivolgersi a personale qualificato (medici, dietisti, nutrizionisti)

76 Un altro parametro molto importante è la misura della circonferenza vita espressa in cm. Questo valore (ancor più dellIMC) è in stretta correlazione con il rischio di malattie cardiovascolari. Per gli uomini il valore della circonferenza della vita non deve superare i 102 cm, mentre nella donna non deve essere maggiore di 88 cm. Quando si superano tali valori è presente un eccesso di grasso addominale ed è maggiore il rischio di malattie cardiovascolari (anche se l IMC è più o meno nella norma).

77 Attraverso la misurazione della circonferenza vita è possibile classificare gli individui in due categorie: Individuo GINOIDE Individuo ANDROIDE

78 I soggetti androidi detti anche a mela hanno la maggior parte del grasso a livello addominale e sono coloro che corrono maggiori rischi di malattie correlate allobesità. I soggetti ginoidi detti anche a pera hanno la maggior parte del grasso localizzato intorno a fianchi, cosce e sedere e sono quelli che corrono maggiori rischi di sviluppare problemi a livello di mobilità.

79 IN GENERALE Le donne OBESE SONO A PERA

80 Gli uomini OBESI SONO A MELA

81 INTEGRATORI ALIMENTARI: quando e come consigliarli In generale una corretta alimentazione ed un corretto stile di vita non necessitano di alcuna integrazione nutrizionale. In realtà pur con le dovute attenzioni è facile incorrere in carenze di specifici principi attivi che proteggono la nostra salute e rallentano i processi fisiologici dellinvecchiamento.

82 Cosa si intende per: CORRETTO STILE DI VITA? - Sana alimentazione - Mantenimento del peso forma - Attività fisica moderata e regolare No fumo e superalcolici

83 - Esposizione al sole solo con filtri solari e nelle fasce orarie a minor rischio - Rispetto delle funzioni fisiologiche Controllo dei ritmi di stress

84 QUALI SONO I FATTORI CHE CI ESPONGONO A DEFICIT NUTRIZIONALI? Alimentazione scorretta per lapporto di macro e micronutrienti Alimentazione scorretta per lapporto di alimenti manipolati e non freschi Vita sedentaria Stress psico-fisico Fumo Alcool

85 Quando è richiesta unintegrazione nutrizionale deve essere studiata AD PERSONAM in base a: 1. Sesso 2. Età 3. Stile di vita 4. Sintomi clinici personali che il paziente riporta al farmacista 5. Esigenze particolari del paziente

86 TIPI DI INTEGRATORI Gli integratori nutrizionali più utilizzati sono: Probiotici e prebiotici Antiossidanti Acidi grassi omega 3 Vitamine del gruppo B Integratori alimentari in ambito sportivo Dimagranti

87 Probiotici e prebiotici Probiotici: sono utili per il riequilibrio della flora batterica intestinale alterata in seguito a terapie antibiotiche, malattie croniche, errori alimentari, stress psico-fisici, intolleranze alimentari. I probiotici sono microrganismi vivi e vitali. Appartengono alle classi dei lattobacilli e dei bifidobatteri. Studi recenti hanno attribuito ai probiotici la capacità di aumentare il senso di sazietà

88 I prebiotici sono il nutrimento dei probiotici per cui ne favoriscono lo sviluppo. Tra i prebiotici si ricordano le fibre solubili, i fruttosooligosaccaridi, i galattosooligosaccaridi, l inulina ecc... L associazione probiotico+prebiotico si chiama simbiotico.

89 Lintegrazione con i simbiotici è utile nei seguenti casi: Colon irritabile Stipsi, Diarrea Colite Meteorismo Difficoltà digestive Intolleranza al lattosio Post cure antibiotiche e cortisoniche Infezioni uro-genitali recidivanti...

90 ANTIOSSIDANTI Sono indicati contro lo stress ossidativo caratterizzato da accumulo di radicali liberi. Le conseguenze dellaccumulo di radicali liberi sono: invecchiamento precoce malattie cardiovascolari patologie cronico-degenerative (tumori, alzeimer, Parkinson) Gli antiossidanti hanno la funzione di distruggere i radicali liberi (molecole tossiche)

91 Attraverso lalimentazione è possibile assumere una buona quantità di antiossidanti. Gli antiossidanti più comuni negli alimenti sono: Vitamina A (frutta arancione, gialla o verde scura) Vitamina C (frutta acidula, ortaggi a gemma) Vitamina E (semi oleosi, avocado, fegato e uova) Licopene (pomodoro) Bioflavonoidi (tè verde, cereali, frutta e verdura di stagione e biologica)

92 ALTRI IMPORTANTI MOLECOLE ANTIOSSIDANTI PRESENTI NEGLI INTEGRATORI sono: Acido Alfa Lipoico Coenzima Q10 o Ubichinone Berberina

93 ACIDI GRASSI OMEGA-3 (EPA e DHA) Gli omega 3 sono acidi grassi definiti essenziali perché sono indispensabili alla vita ed il nostro organismo non è capace di produrli. Per questa ragione devono essere assunti necessariamente con lalimentazione ed, in caso di ridotto apporto o aumentato fabbisogno, bisogna ricorrere alla loro integrazione

94 La loro struttura molecolare è ricca di insaturazioni (cioè punti deboli nei confronti dellossigeno). In presenza di ossigeno gli omega 3 si trasformano in molecole tossiche per il nostro organismo La loro integrazione quindi deve necessariamente avvenire in associazione agli antiossidanti

95 Gli omega-3 svolgono la loro azione una volta attivati da un enzima presente nelle nostre cellule che necessita della presenza di zinco, magnesio e vitamine del gruppo B (catalizzatori enzimatici). Diventa quindi importante, oltre allassociazione omega-3+antiossidanti, anche quella omega3+ oligoelementi e vitamine del gruppo B

96 Diverse ricerche scientifiche hanno evidenziato che gli omega-3 apportano innumerevoli benefici per la nostra salute, infatti: AIUTANO A REGOLARE LIVELLI DI TRIGLICERIDI NEL SANGUE MIGLIORANO LA CONCENTRAZIONE MIGLIORANO LUMORE MIGLIORANO LE FUNZIONI COGNITIVE

97 Per queste ragioni la loro integrazione è utile nei seguenti casi: Patologie cardio-vascolari (ipertensione, trombosi) Dislipidemie (anche in associazione a statine) Allergie Patologie infiammatorie croniche Patologie autoimmuni Pelle secca Disturbi dellumore, della memoria e dellattenzione (soprattutto in associazione a vitamine del gruppo B)

98 GLI OMEGA 3 PIU IMPORTANTI SONO: EPA DHA

99 EPA Evitare i gravidanza perché può provocare ritardi del parto ed emorragie Evitare negli immunodepressi Evitare nel diabete: pare intervenga nellinnalzamento del glucosio del sangue Utile nella cachessia neoplastica Utile nelle malattie autoimmuni (deprime le difese immunitarie)

100 DHA È un fondamentale fattore di crescita neuronale e retinico del feto per cui è consigliata la sua integrazione durante la gravidanza E presente nel latte materno (importanza dellallattamento materno)

101 EPA e DHA sono presenti in: pesci grassi non di allevamento Frutti di mare Cacciagione Semi oleosi Olio di lino Tuorlo duovo Latte umano Integratori (acquistabili in farmacia )

102 VITAMINE DEL GRUPPO B Sono utili contro: la debolezza psico-fisica i disturbi dellumore e delle funzioni cognitive nelle alterazioni della pelle e degli annessi cutanei Sono abbondanti nei cereali integrali. Data la diffusione degli alimenti raffinati diventa importante la loro integrazione nutrizionale

103 INTEGRATORI ALIMENTARI IN AMBITO SPORTIVO Non si tratta di farmaci e si usano per il potenziamento della performance sportiva. Tra questi i più importanti sono: Creatina: è immagazzinata nei muscoli ed è coinvolta nel processo di contrazione muscolare. Pare che la sua integrazione dietetica consenta di innalzare la soglia di affaticamento del muscolo

104 Cromo: utile per promuovere il metabolismo del glucosio Caffeina+efedrina: lassociazione si è dimostrata efficace nel miglioramento della resistenza muscolare e della performance anaerobica tipica dellesercizio muscolare intenso. Tuttavia queste sostanze sono sconsigliate a chi soffre di ipertensione e/o disturbi cardiaci

105 Antiossidanti: rallentano la formazione di radicali liberi la cui formazione aumenta in seguito allattività fisica (soprattutto se intensa) Aminoacidi ramificati: si attribuisce loro la capacità di ridurre la sensazione di affaticamento durante lo sforzo prolungato, di ridurre la degradazione delle proteine durante lesercizio fisico, di aumentare la massa magra e favorire la produzione di energia

106 VA SOTTOLINEATO CHE: Il loro consumo richiede opportune cautele, soprattutto quando luso è prolungato Consultare il farmacista o il medico per dosi e modalità di somministrazione

107 INTEGRATORI DIMAGRANTI O meglio... INTEGRATORI PER IL CONTROLLO DEL PESO CORPOREO La gamma di formulazioni dimagranti presente sul mercato è ampissima. Al farmacista è affidato il compito di: individuare l'integratore che risponde maggiormente alle necessità personali del paziente far comprendere che l'uso degli integratori ha un senso solamente se inserito in un programma dietetico ipocalorico affiancato ad un'adeguata attività fisica.

108 distogliere il cliente dall'obiettivo dei famosi 7 chili in 7 giorni. Infatti è stato ampiamente dimostrato che i dimagrimenti repentini conducono ad un altrettanto repentino recupero del peso perso con l'aggiunta di interessi far comprendere alla clientela che non si devono banalizzare gli effetti degli integratori, specie quelli di origine naturale, poiché nel consumatore è diffusa l'errata convinzione che naturale sia sinonimo di innocuo e prodotto di sintesi chimica sia sinonimo di pericoloso.

109 SI deve sempre ricordare che: ANCHE LE ERBE POSSONO FARE MALE!!!

110 Di fronte alla richiesta di prodotti dimagranti il farmacista deve tener conto dei seguenti parametri: Età Sesso peso ed altezza del paziente BMI eventuale presenza di patologie e terapie in atto (assunzione di estroprogestinici ecc...) particolari condizioni fisiologiche: menopausa, gravidanza, allattamento attività fisica eventuali misure per perdere peso già adottate in passato.

111 PRINCIPALI DIMAGRANTI PRESENTI IN COMMERCIO In commercio sono presenti: I pasti sostitutivi (in realtà non sono integratori ma alimenti dietetici) sottoforma di minestre, barrette o polveri, sono utili per ridurre l'apporto calorico mantenendo le giuste proporzioni tra i vari nutrienti, proteine, lipidi e carboidrati, ma non possono rappresentare l'unica fonte di alimentazione durante una dieta, poiché apporterebbero complessivamente una quantità insufficiente di calorie, con gravi conseguenze per la salute.

112 INTEGRATORI che RALLENTANO LASSORBIMENTO dei grassi e degli zuccheri A questa classe appartengono gli integratori a base di fibre di cui il capostipite è la CRUSCA. Sono sicuramente gli integratori dimagranti più diffusi. Sono capaci di assorbire grandi quantità di acqua conferendo così un senso di sazietà che riduce lo stimolo della fame e quindi l'introito di cibo. Oltre alla crusca, appartengono a questa classe il glucomannano, il guar, lo psillio, lagar-agar e le mucillagini ed il chitosano.

113 Il chitosano oltre ad agire con il suddetto meccanismo passa dallo stomaco all'intestino e si lega agli acidi grassi liberi e agli acidi biliari inibendo in parte l'assorbimento dei grassi (che così vengono assorbiti in quantità ridotta).

114 ATTENZIONE! Lassunzione delle fibre richiede alcune precauzioni perché: riducono l'assorbimento di alcune vitamine, sali minerali ed eventuali farmaci somministrati insieme ad esse. possono provocare disturbi intestinali come crampi addominali e flatulenza sono controindicate in caso di ostruzione intestinale o stenosi esofagea.

115 TERMOGENICI: integratori che accelerano il metabolismo basale Sono sostanze che, indipendentemente dallattività fisica svolta, favoriscono il dimagrimento perché accelerano il consumo di calorie da parte dellorganismo. I più utilizzati sono il Cromo e lo Iodio, il Citrus Aurantium ed il Fucus Vescicolosus (quercia marina) Sul mercato vengono volgarmente definiti BRUCIAGRASSI.

116 Il cromo interviene sul metabolismo degli zuccheri attivandolo Lo iodio incrementa lattività tiroidea con importanti effetti attivanti del metabolismo basale (controindicato nelle patologie tiroidee) Il Citrus Aurantium contiene sinefrina, tiramina ecc... capaci di aumentare la beta- ossidazione degli acidi grassi Il Piper Longum, il tè verde, la garcinia cambogia stimolano la termogenesi

117 DRENANTI Alcuni principi attivi hanno azione diuretica per cui permettono l'eliminazione dei liquidi in eccesso ma non certamente della massa grassa. Agiscono favorendo la naturale funzionalità delle vie urinarie e favoriscono leliminazione dei liquidi in eccesso. Attraverso il fisiologico effetto drenante aiutano a depurare lorganismo contribuendo ad eliminare scorie e tossine Hanno questo effetto il gambo dananas, la pilosella, luva ursina, lortosiphon...

118 Per facilitare lazione dei principi attivi drenanti è necessaria lassunzione di elevati quantitativi di acqua (un litro e mezzo - due litri al dì) ACQUA + SOSTANZE DRENANTI = Eliminazione di liquidi in eccesso Eliminazione di tossine

119 CARMINATIVI Altri prodotti usati come coadiuvanti nelle diete sono quelli che riducono il gonfiore addominale, portando talvolta ad una significativa riduzione del girovita.

120 Dimagranti al femminile Contengono isoflavoni di soia ed altri estatti vegetali (alga dioscorea) e sono utili a contrastare fisiologicamente i disturbi della premenopausa e della menopausa (ivi compreso il rallentamento del metabolismo)

121 IL PALLONCINO Sono polimeri sottoforma di compresse da assumere 15 minuti prima dei pasti. Raggiunto lo stomaco si rigonfiano perché assorbono i succhi gastrici e formano un palloncino che riempie lo stomaco e stimola i recettori presenti sulle pareti dello stomaco. Questi inviano il segnale di sazietà al cervello e lindividuo dovrebbe sentirsi SAZIO e quindi mangiare di meno. Terminato il tempo del pasto, il palloncino passa nellintestino dove viene totalmente degradato dagli enzimi digestivi.

122 Integratori ad azione rassodante Unimportante classe coadiuvante la perdita di peso sono gli integratori ad azione rassodante. Sono prodotti a base di aminoacidi essenziali, privi di calorie e scorie azotate Sono dei coadiuvanti delle diete dimagranti perché impediscono la riduzione della massa magra che si verifica in seguito ad un ridotto apporto di sostanze nutritive con lalimentazione

123 INTERAZIONI FARMACO – ALIMENTO + Esiste un importante rapporto tra gli alimenti ed i farmaci: le loro interferenze sono numerose anche se nella maggior parte dei casi non sono tali da compromettere totalmente l'efficacia della terapia o da rappresentare un pericolo per la salute.

124 Un dubbio spesso ricorrente nella somministrazione dei farmaci è quello del momento dell'assunzione del farmaco: a stomaco pieno a stomaco vuoto poco prima dei pasti

125 PICCOLO GLOSSARIO PRIMA DEI PASTI: è il momento immediatamente precedente all'inizio del pasto cioè entro 30 minuti prima di iniziare a mangiare DOPO I PASTI: significa subito dopo i pasti, cioè quando lo stomaco è pieno. Non esistono grandi differenze tra la somministrazione DURANTE o subito DOPO I PASTI

126 LONTANO DAI PASTI: è come dire A STOMACO VUOTO, quindi il farmaco va assunto almeno un'ora prima dei pasti o due ore dopo aver mangiato INDIPENDENTEMENTE DAI PASTI: non c'è interazione tra farmaco e cibo quindi il medicinale può essere assunto in qualsiasi momento della giornata

127 Alcuni esempi: L'assorbimento di alcuni antibiotici diminuisce quantitativamente quando vengono somministrati con i pasti. Durante le terapie a base di ferro (nelle anemie) si devono evitare le bevande come il tè perchè contengono tannini che legano il ferro e lo rendono meno efficace. Attenzione anche alla fibra (contenuta in vegetali, legumi e cereali integrali) che spesso diminuisce la quantità di principio attivo che viene assorbita a livello intestinale.

128 CIBO+FARMACO: sempre negativo? Non sempre la contemporanea presenza del cibo nel tubo gastroenterico è un ostacolo per l'assorbimento del farmaco. Spesso il cibo riduce gli effetti gastro lesivi dei farmaci (gli antinfiammatori)

129 COME SI ASSUME UN FARMACO? I farmaci vanno assunti con un certo volume di liquido generalmente acqua naturale. Infatti l'acqua: accelera il transito intestinale per cui rende più veloce l'effetto del farmaco riduce la tossicità di alcuni farmaci migliora l'eliminazione dei farmaci nefrotossici (tossici per il rene) aumenta la disgregazione delle compresse e contribuisce all'efficacia della terapia.

130 L'acqua naturale, minerale o no, a temperatura ambiente non interferisce con le terapie. Lacqua calda ritarda l'effetto del farmaco assunto L'acqua fredda accelera il passaggio del farmaco attraverso lo stomaco e ne maschera l'eventuale sapore sgradevole. Lacqua gasata è utile quando si assumono farmaci digestivi.

131 ALTRI VEICOLI del FARMACO Il LATTE è un veicolo molto impiegato nella somministrazione dei farmaci, soprattutto con gli antinfiammatori poiché li rende meno gastrolesivi. BEVANDE ACIDE: il migliore è il succo di arancia. E utilizzato nelle somministrazioni pediatriche perchè aiuta a mascherare il sapore sgradevole del farmaco ed aumenta l'assorbimento di alcuni integratori tra cui il fluoro. Tra i succhi di agrumi merita particolare attenzione quello di pompelmo

132 LIQUIRIZIA A causa del suo contenuto di acido glicirrizico contrasta l'effetto dei farmaci antipertensivi, digitalici e corticosteroidi.

133 ALCOOL Gli ansiolitici associati ad alcool possono alterare l'attenzione alla guida e alle attività che richiedono concentrazione perchè l'alcol ne potenzia gli effetti sedativi sul sistema nervoso centrale. Durante il consumo di antiadiabetici orali quali la metformina si deve prestare attenzione al consumo di bevande alcoliche perché aumentano e prolungano l'effetto ipoglicemizzante del farmaco ed aumentano il rischio di acidosi lattica.

134 POMPELMO Il succo di pompelmo è noto per le sue numerose interazioni con farmaci anche molto importanti (Cardiovascolari) Il suo succo contiene sostanze capaci di inibire il metabolismo e quindi leliminazione di numerosi farmaci che non venendo eliminati si concentrano nellorganismo e provocano effetti collaterali tossici. E attivo sia il frutto intero che il suo succo di cui sono sufficienti meno di 250 ml. Linterazione farmaco-pompelmo avviene anche se la somministrazione del farmaco avviene in orari diversi rispetto al consumo del frutto.

135 ALIMENTI RICCHI DI SODIO Nei soggetti ipertesi va sempre tenuto presente che è necessaria una dieta a ridotto contenuto di sodio poiché così si riesce a mantenere la pressione sotto controllo e non si riduce l'attività farmacologica dei farmaci antipertensivi.

136 ALIMENTI RICCHI DI VITAMINA C Il succo di limone e di altri agrumi ricchi di vitamina C migliorano l'assorbimento del ferro a livello gastrico (ottimo il carpaccio condito con limone). Alcune sostanze come i fosfati, i fitati gli ossalati contenuti nelle verdure, nel caffè, nel tè inibiscono l'assorbimento del ferro e quindi vanno assunti almeno a due ore di distanza dalla somministrazione (formano dei Sali con il ferro) I farmaci a base di ferro risultano più efficaci se assunti a stomaco vuoto ma spesso sono mal tollerati per cui si consiglia di assumerli a stomaco pieno.

137 LATTE Evitare di assumere gli integratori a base di fluoro con il latte perchè si formano sali di calcio fluoruro con riduzione dell'assorbimento del fluoro. Non si hanno effetti tossici ma si vanifica l'azione terapeutica del minerale. Chinoloni: formano Sali con il calcio Tetracicline: formano Sali con ilcalcio Carbone attivo e altri carminativi: i latticini ne potrebbero vanificare l'effetto poiché stimolano la fermentazione intestinale.

138 ALIMENTI NERVINI Le bevande contenenti caffeina possono interferire con i farmaci antipertensivi o annullare l'effetto degli antistaminici e dei tranquillanti in genere

139 ALIMENTAZIONE Alimentazione in particolari condizioni fisiologiche Alimentazione in gravidanza Alimentazione durante lallattamento Alimentazione durante laccrescimento Alimentazione nella senescenza

140 ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA La crescita, lo sviluppo e la salute del bambino dipendono dallo stato nutrizionale della madre prima del concepimento e dal tipo di alimentazione seguita dalla madre durante la gravidanza

141 Raccomandazioni alimentari per una donna in gravidanza Soddisfare le necessità nutritive della madre Soddisfare le esigenze nutritive richieste per la corretta crescita del feto Preparare lorganismo materno al parto Promuovere il futuro allattamento naturale

142 Durante la gravidanza è necessario fornire alla gestante una quota energetica supplementare rispetto al fabbisogno in condizioni normali MA..... NON E VERO CHE LA GESTANTE DEVE MANGIARE X DUE!!!

143 PER VALUTARE ladeguatezza della RAZIONE ALIMENTARE si deve controllare LINCREMENTO PONDERALE che dovrebbe essere: Per le donne sottopeso: 12,5-18 kg Per le donne normopeso: 11,4-16 kg Per le donne sovrappeso: 7-12 kg

144 Attenzione agli eccessivi incrementi ponderali che predispongono la gestante ad ipertensione in gravidanza ed obesità post-partum. Secondo le tabelle LARN gli incrementi richiesti sono: Energia: kcal circa Proteine: 60 g anziché 50 g Calcio: 1200 mg anziché 800 mg Fosforo: 1200 mg anziché 800 mg Ferro: 30 mg anziché 15 mg Vitamina D: 10 microgrammi anziché 5 Acido folico: 400 microgrammi anziché 180

145 Le evidenze epidemiologiche obbligano lesclusione del consumo di alcool da parte delle gestanti Il consumo di farmaci deve avvenire solo sotto stretto controllo del medico perché i principi attivi attraversano la placenta Evitare il fumo in gravidanza che oltre a ragioni di salute generale, rallenta lo sviluppo fetale ed è correlato con la nascita di bambini di scarso peso

146 ALIMENTAZIONE DURANTE LALLATTAMENTO Il fabbisogno della nutrice è aumentato a causa dei processi legati alla sintesi del latte La quantità di energia supplementare è rapportata alla quantità di latte prodotta al giorno:la secrezione di un litro di latte comporta il dispendio energetico di kcal che in parte provengono dalla dieta della nutrice ed in parte dalle riserve accumulate durante la gravidanza

147 Errori nutrizionali durante lallattamento possono comportare variazioni quantitative e qualitative della produzione del latte A livello nutrizionale le necessità sono simili, se non addirittura maggiori della donna in gravidanza: aumentano i fabbisogni di Vitamina A, E, gruppo B, mentre le richieste di acido folico e ferro sono inferiori

148 Lalcol, come nella gravidanza è sconsigliato ed è da sfatare il luogo comune secondo il quale alcune bevande fermentate come la birra hanno effetto galattogeno I farmaci vanno assunti solo dietro stretto controllo medico perché passano nel latte Attenzione al fumo perché la nicotina passa nel latte ed il lattante può manifestare diarrea, vomito ed agitazione fino addirittura a tachicardia

149 Alcuni alimenti possono influenzare le qualità organolettiche e di digeribilità del latte: Carciofi Cavolfiori Asparagi Ravanelli Rape Spezie in genere Il caffé, il tè, ed altre bevande stimolanti possono causare irritabilità nel lattante

150 DIETA DURANTE LACCRESCIMENTO Lalimentazione deve essere in grado di fornire un apporto energetico-nutritivo tale da permettere unadeguata crescita staturo-ponderale ed uno sviluppo motorio ottimale. Laccrescimento si considera concluso intorno ai 20 anni per luomo ed intorno ai 18 anni per la donna

151 ATTENZIONE!: Numerosi dati statistici riportano che non più del 20% dei bambini pratica unattività sportiva mentre la maggioranza trascorre due o più ore seduta davanti alla TV o al PC. La conseguenza di questa tendenza comportamentale è un aumento di obesi ed ipercolesterolemici già in età prepubere.

152 Durante laccrescimento il fabbisogno energetico va ripartito in 5 pasti con le adeguate %: 15% colazione 5% spuntino 40% pranzo 10% merenda 30% cena ATTENZIONE ALLE MERENDINE, SNACK e BEVANDE ZUCCHERATE

153 ALIMENTAZIONE NELLANZIANO Durante la senescenza si verificano una serie di modificazioni di ordine morfologico, fisiologico, biochimico e psicologico che impongono particolari accorgimenti nutrizionali Il peso corporeo reale deve avvicinarsi il più possibile a quello ideale Nei casi di inappetenza preferire alimenti con alto contenuto di nutrienti

154 Garantire sempre unadeguata idratazione anche perché spesso nellanziano si perde lo stimolo della sete Attenzione alluso eccessivo del sale che provoca ritenzione ed ipertensione Quando esistono problemi di masticazione scegliere alimenti frullati Attenzione ai disturbi di natura psicologica che spesso limitano lappetito

155 Alimentazione in condizioni patologiche Consigli dietetici nella stipsi da intestino pigro Consigli dietetici contro la diarrea La sindrome premestruale e lalimentazione Lalimentazione e la menopausa Dieta nel diabete Meteorismo ed alimentazione Lalimentazione contro i disturbi gastrici Celiachia: mangiare sano e senza glutine si può!

156 STIPSI DA INTESTINO PIGRO Alimenti consigliati: Riso e pasta integrali Carne in quantità moderata alla griglia o arrostita Pesci lessati Verdure e legumi (circa 300 g al dì) Frutta cruda e cotta (circa 300 g al dì) Per favorire lazione delle fibre vegetali è importante lassunzione di un litro e mezzo di liquidi. Utile laggiunta alla dieta di crusca

157 Alimenti sconsigliati Pasta e pane bianchi Zucchero Dolci di pasticceria e cioccolato Vino ad alta gradazione alcolica, birra e liquori Quando la stipsi si associa a dolori intestinali si consiglia di frazionare lassunzione dei cibi in numerosi piccoli pasti durante la giornata Evitare di assumere lassativi di propria iniziativa perché potrebbero peggiorare i sintomi Muoversi, camminare, fare attività fisica moderata

158 DISSENTERIA Alimenti da evitare Caffé, alcool, cacao Pane integrale, mollica Latte, formaggi fermentati Uova fritte Carne di maiale grassa, agnello, cacciagione Fritture, grassi, spezie e salse Sedano, ravanelli, carciofi, broccoli, cavoli Legumi Cipolla, aglio, peperoncino Frutta secca, cachi, fragole, more, prugne, uva Dolci grassi, gelati Cibi troppo caldi o troppo freddi

159 In fase acuta idratarsi ed assumere sali minerali consumare alimenti liquidi come tè leggero con limone e dolcificato, brodo di verdure con carote, succo darancia diluito, bibite di agrumi non gasate, frullato di mela e banana Nei giorni successivi continuare ad assumere liquidi come in fase acuta e scegliere tra i seguenti alimenti: Riso in bianco, minestrine e semolino Olio crudo Carne magra ai ferri Pesce lesso o ai ferri Parmigiano Patate lesse Pane tostato e grissini

160 SINDROME PREMESTRUALE Evitare le abbuffate e fare pasti regolari. Tra i disturbi che più infastidiscono le donne vi è la ritenzione idrica provocata dagli estrogeni. Si consiglia di non ridurre la quota di liquidi introdotta bensì quella del sale aggiunto. Per sopperire al desiderio di carboidrati tipico di questa sindrome bisogna consumare cereali integrali, frutta e verdura ricchi di fibra ma soprattutto di magnesio. In fase acuta si consiglia lintegrazione con oligoelementi a base di magnesio. Limitare lapporto di proteine animali che possono aumentare lirritabilità Utile anche lapporto di vitamina B6 Evitare il consumo di grassi animali e preferire gli oli vegetali liquidi

161 MENOPAUSA La carenza di estrogeni tipica della donna in menopausa è responsabile di alcune modificazioni che a volte si manifestano con vere e proprie patologie. Infatti durante letà fertile la donna vive una condizione di minor rischio cardiovascolare rispetto alluomo grazie allazione protettiva degli estrogeni. Con la menopausa manca questa protezione per cui aumentano i grassi nel sangue e con loro il rischio di aterosclerosi. La carenza di estrogeni diminuisce anche la quantità di calcio che si fissa a livello osseo per cui aumenta il rischio di osteoporosi. Il metabolismo rallenta per cui la donna tende ad ingrassare con maggiore facilità, pur assumendo le stesse quantità di cibo

162 Si consiglia una dieta varia ed equilibrata con la formula del di tutto di meno per assicurare il corretto apporto di macro e micronutrienti Limitare i grassi animali e preferire il pesce alla carne Limitare il consumo di formaggi e latticini per il loro contenuto di grassi. Per assicurare il corretto apporto di calcio è bene consumare yogurt magro, latte parzialmente scremato e ricotta Limitare lapporto di zuccheri semplici e dolci

163 DIABETE Suddividere i cibi in 5-6 pasti giornalieri Evitare: Pasti abbondanti Zucchero e dolci Carni e pesce grassi Molluschi e crostacei Latte intero e formaggi grassi Condimenti grassi (burro, strutto, margarine) Frutta secca zuccherina Superalcolici

164 Limitare Uova (non più di 2 alla settimana Formaggi magri (non più di 2 volte alla settimana Frutta fresca dolce (uva, fichi, cachi, banane) Frutta secca oleosa (noci, nocciole, mandorle) Pane bianco, pasta bianca, riso e patate Caffè, tè, vino

165 Preferire Legumi, ortaggi, verdure Frutta fessca meno dolce (mele, pere) Pane e pasta integrali Latte o yogurt scremati Carni e pesci magri Olio di oliva e di semi Aromi, aceto, spezie, succo di limone Dolcificare con aspartame o saccarina Ridurre il sale da cucina Non fumare Ridurre il sovrappeso Praticare esercizio fisico regolare

166 METEORISMO Mangiare adagio e masticare bene Evitare le gomme di masticare che inducono ripetute deglutizioni Non dedicarsi ad altre attività durante i pasti Evitare gli stress Non coricarsi dopo i pasti Praticare attività fisica che allevia la tensione addominale Evitare i pasti troppo ricchi di zuccheri ed abbondanti Non bere bevande gasate Inserire GRADUALMENTE le fibre alimentari Evitare i cibi flatulogeni come: latticini, cipolle, brassicacee, cibi grassi, dolcificanti artificiali, panna, legumi ed uva passa

167 DISTURBI GASTRICI Si deve seguire una dieta che riduca la secrezione acida dello stomaco ed eviti la distensione eccessiva della parete gastrica ALIMENTI CONSIGLIATI: Pane secco, crosta del pane, grissini, crackers, fette biscottate Riso e pasta poco conditi Uova alla coque o sode formaggi freschi non fermentati pesce magro bollito o alla griglia passati di verdura frutta cotta e passata o fresca ma ben matura e privata di buccia e semi caffè leggero meglio se dorzo acqua naturale succo di limone al posto dellaceto

168 ALIMENTI SCONSIGLIATI pane fresco con molta mollica o poco cotto pane integrale o di segale minestre grasse o con soffritti uova fritte o in tegamino carni e pesci grassi formaggi fermentati e piccanti aceto cibi conservati e fermentati bevande molto calde o ghiacciate

169 Celiachia: mangiare sano e senza glutine si può! Oltre ai cibi elaborati industrialmente e quindi privati del glutine anche in natura esistono alimenti senza glutine che possono essere tranquillamente consumati dai celiaci TRA I CEREALI, FARINE e TUBERI ricordiamo: Riso, mais, miglio, grano saraceno, patate, manioca, amaranto, quinoa Attenzione a zuppe di cereali misti, tapioca, polenta pronta, risotti pronti, patatine snack, purè istantaneo

170 TRA FRUTTA, VERDURA, LEGUMI: Tutti i tipi di frutta e di verdura Tutti i tipi di legumi Attenzione a salsa di soia (legume), minestroni con cereali, frutta infarinata LATTE E DERIVATI Latte, yogurt, formaggi, panna, tofu Attenzione a panna condita, formaggi spalmabili, yogurt al malto o alla frutta, budini, latte condensato

171 CARNE, PESCE, UOVA Tutti i tipi di carne e pesce freschi, congelato, surgelato, al naturale, sottolio, sotto sale Attenzione ai salumi, piatti pronti e carni confezionate del supermercato

172 RIASSUMENDO Il farmacista può: offrire consigli sulla dieta e sullesercizio fisico del cliente offrire consigli sulluso dellalcool del cliente garantire un supporto motivazionale per perdere peso calcolare il BMI e misurare la circonferenza vita Monitorare la pressione arteriosa Ove sia necessario può rinviare il cliente a un professionista specialistico

173 Grazie alla capillarità delle farmacie, il farmacista rappresenta un utile consigliere facilmente raggiungibile, sempre accessibile, senza la necessità di prendere un appuntamento!!! Il farmacista è una importante risorsa per promuovere leducazione sanitaria, effettuare screening per lidentificazione di patologie correlate allobesità come diabete, ipertensione e malattie cardiovascolari.

174


Scaricare ppt "IL FARMACISTA e il consiglio NUTRIZIONALE. In ambito nutrizionale il farmacista può dare consigli su: 1) CONCETTO DI SANA ALIMENTAZIONE 2) INTEGRATORI."

Presentazioni simili


Annunci Google