La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Collegio dei docenti 9 ottobre 2012 LIstituto Professionale, a torto considerato di serie B, a torto considerato per ragazzi che non hanno voglia di studiare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Collegio dei docenti 9 ottobre 2012 LIstituto Professionale, a torto considerato di serie B, a torto considerato per ragazzi che non hanno voglia di studiare."— Transcript della presentazione:

1 Collegio dei docenti 9 ottobre 2012 LIstituto Professionale, a torto considerato di serie B, a torto considerato per ragazzi che non hanno voglia di studiare o peggio, diventa invece unoccasione di crescita e di affermazione attraverso un preciso lavoro educativo ed il contatto con maestri e con esperienze importanti (impresa formativa simulata, alternanza scuola lavoro, alternanza pesante) che, nella loro concretezza, sono compiti di realtà.

2 Argomenti proposti organigramma di Istituto; ruoli e funzioni coordinatori di classe, docenti tutor educativi, coordinatori di dipartimento, responsabili di laboratorio, subconsegnatari; Individuazione funzioni strumentali; Comitato di valutazione; comitato riconoscimento crediti; comitato elettorale; organo di garanzia conferma contesto linee POF e attività progettuali relazione con indicazioni circa le modalità con cui svolgere le attività didattiche e sullattività progettuale in corso di svolgimento, con riferimento: – alla fase di accoglienza e di accompagnamento, – allorientamento in ingresso dalla scuola media (con presentazione del contesto sociale e scolastico), – alle visite ed ai viaggi di istruzione, – allalternanza ed allimpresa formativa simulata, – alle LIM Regolamento di Istituto, con attenzione alla parte regolativa dei comportamenti sanzionati; ammissione alla frequenza di specifici studenti.

3 Organigramma di Istituto via Cremagnani responsabili via Adda prof. Giuseppe Miriadi prof. Francesco Figliomeni prof. Alessandra Giudici prof. Vincenzo Greco prof. Salvatore Pacifico prof. Redaelli Grazia Ufficio tecnico Direttore Servizi prof. Tarsitano sig. Rosaria Gallo sig. Catia (finanziaria) sig. Maria (didattica) sig. Sonia (personale) sig. Roberta (didattica) sig.Marilena-sig.Patrizia-sig.Ilaria-sig.Santina-sig.

4 Ruoli e funzioni coordinatori di classe, docenti tutor educativi, coordinatori di dipartimento, docenti tutor scolastici responsabili di laboratorio;

5 coordinatore 1) funzione: riferimento per i colleghi del CdC (e per il D.S.) 2) compiti: referente del PEC (piano lavoro – documento 15 maggio) referente situazione classe (assenze di classe-attività didattiche-recuperi) 3) risultati attesi: coordinamento situazione classe(climax- interventi, rapporto con famiglie su ritardi,mancanze) coordinatori tutor educativo 1) funzione: riferimento per gli studenti chiusi della classe 2) compiti: segue (solo) gli studenti in difficoltà del 1° e 2° anno propone strategie educative (Scuola non solo scuola) e didattiche (recupero) accompagna progressi e monitora esiti 3) risultati attesi: relazioni intermedie e finale, esiti crescita

6 tutor scolastico non è il delegato ma il referente per lalternanza scuola lavoro 1)funzione: riferimento per i colleghi della classe nelle esperienze di alternanza scuola lavoro che è un compito di realtà utile alla didattica di tutti gli insegnamenti secondo la loro specificità 2) compiti: in collaborazione con la F.S. individua, le ditte e gli enti cui abbinare gli studenti e stende un prospetto di tutte le aziende abbinate con i singoli studenti (che saranno visitati in Istituto da un medico) conosce il tutor aziendale con cui concorda il piano rischi accompagna lo studente in azienda o almeno lo visita 1volta/settimana, telefona allo studente 1 volta ogni 2 giorni interviene educativamente nei confronti dello studente, il tutor aziendale gli comunica le assenze, del caso interviene per cambio lavoro 3) risultati attesi: relazione finale allo scrutinio riportante la valutazione del tutor aziendale e riferita agli esiti di crescita comportamentale e operativa

7 ANNO SCOLASTICO FUNZIONI STRUMENTALI Via AddaVia Cremagnani 1) Orientamento entrata e uscita 2) Orientamento entrata e uscita 3) Accoglienza e Accompagnamento 4) Accoglienza e Accompagnamento 5) Coordinamento Alternanza e Lavoro 6) Coordinamento Alternanza e Lavoro ANNO SCOLASTICO FUNZIONI STRUMENTALI 7) Coordinamento IFP Orientamento entrata e uscita Accoglienza e accompagnamento Coordinamento alternanza Coordinamento IFP Gestione referente POFDocumentazione Gestione referente Sito - Comunicazione Gestione referente Didattica pianilavoro recupero Gestione referente Qualità e procedure Gestione libere attività studenti Gestione referente Smart School Gestione referente Altern.Pesante - Apprendistato Supporto found reasing ?

8 ANNO SCOLASTICO FUNZIONI STRUMENTALI Via Adda Via Cremagnani 1) Orientamento entrata e uscita Galasso 2) Orientamento entrata e uscita 3) Accoglienza e Accompagnamento Spitale 4) Accoglienza e Accompagnamento Giudici 5) Coordinamento Alternanza e Lavoro Greco 6) Coordinamento Alternanza e Lavoro Rinaldi 7) Coordinamento IFP Bramati

9 Comitati (nomina gruppi di lavoro) Comitato di valutazione; comitato riconoscimento crediti; comitato elettorale; organo di garanzia

10 POF: Contesto sistemico Organizzazione Collaboratori di presidenza Coordinatori di classe Tutor educativi Funzioni strumentali Coordinatori dipartimento Coordinamento recupero Coordinamento drop out Commissione elettorale Comitato valutazione Coordinamento didattico LIM Coordinamento attività sportive Coordinamento attività giovani Struttura Orario Sito Qualità Sicurezza Orientamento in entrata-in uscita Mediazione culturale Attività di formazione Quotidiano in classe Visite viaggi istruzione Patentino ciclomotori Laboratori informatici Sub consegnatari laboratori Commissione acquisti Progetti per la cittadinanza progetti europei lingue extra europee e Clil salute legalità partecipazione ambiente volontariato per il lavoro progetto lingue certificate progetto certificazioni ICT alternanza scuola lavoro tirocini imprenditorialità impresa formativa simulata alternanza pesante alternanza 2° anno

11 POF: Aree di attività progettuali Cittadinanza star bene con sé educazione salute star bene con gli altri educaz. legalità educaz. volontariato star bene in un mondo che stabene educaz.ambientale Orientamento in entrata accoglienza accompagnamento comportamenti reindirizzi aiuto approfondimento recupero in uscita ASL Alternanza scuola lavoro IFS Impresa formativa simulata Formazione imprenditorialità Lavoro

12 attività progettuale in corso di svolgimento Relazione proff. Giudici-Galasso con riferimento: – alla fase di accoglienza e di accompagnamento, – allorientamento in ingresso dalla scuola media (con presentazione del contesto sociale e scolastico)

13 iniziative di formazione; Lim Gestione classi Dsa Progettualità europea

14 procedure per specifiche attività POF indicazioni circa le modalità con cui svolgere le attività didattiche riferite: – alle visite ed ai viaggi di istruzione, – allalternanza ed allimpresa formativa simulata, – alle LIM.

15 Regolamento di Istituto con attenzione alla parte regolativa dei comportamenti sanzionati con finalità educativa ammissione alla frequenza di specifici studenti

16 Educare con severità per insegnare a crescere Bernhard Bueb Con il Contratto educativo con lo studente con il Patto educativo di corresponsabilità con le famiglie ma anche con la passione educativa dellinsegnante


Scaricare ppt "Collegio dei docenti 9 ottobre 2012 LIstituto Professionale, a torto considerato di serie B, a torto considerato per ragazzi che non hanno voglia di studiare."

Presentazioni simili


Annunci Google