La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PATOLOGIE INFETTIVE DI FREQUENTE RISCONTRO IN PRONTO SOCCORSO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PATOLOGIE INFETTIVE DI FREQUENTE RISCONTRO IN PRONTO SOCCORSO."— Transcript della presentazione:

1 PATOLOGIE INFETTIVE DI FREQUENTE RISCONTRO IN PRONTO SOCCORSO

2 FARINGITE ACUTA DIARREA INFETTIVA INFEZIONI DELLE VIE URINARIE RINOSINUSITE ACUTA

3 EDIZIONE ANNO 2006

4 FARINGITE ACUTA PER LO PIU VIRALI. GRANDE ABUSO DI ANTIBIOTICOTERAPIA CHE HA IL SUO RAZIONALE SOLO NELLE FORME BATTERICHE DA STEPTOCCCO BETA EMOLITICO DEVONO ESSERE ESCLUSI ASCESSI PARATONSILLARI, MICOSI, DIFTERITE, GONORREA A CHI DARE LANTIBIOTICO? 0-1 CRITERIO: TERAPIA SINTOMATICA 2 CRITERI : TEST PER LO STREPTOCOCCO 3-4 CRITERI: ANTIBIOTICOTERAPIA

5

6 Table 2–3. Antibiotics: Outpatient Treatment of Pharyngitis Nonpenicillin allergic patient with good assurance of compliance: Penicillin V, 500 mg po BID x 5–10 days Nonpenicillin allergic patient without good assurance of compliance: Benzathine Penicillin G, 1.2 million units IM x 1 Penicillin-allergic patient: Erythromycin, 500 mg po QID for 10 days Azithromycin, 500 mg po 1st day then 250 mg po q day x 4 days NELLE FORME BATTERICHE EVITARE L AMOXICILLINA

7 ATTENZIONE AD ASCESSI PERITONSILLARI TROMBOSI ARTERIA CAROTIDE TROMBOSI VENA GIUGULARE ED EMBOLIA POLMONARE

8 DIARREA DI TIPO INFETTIVO ( 80 % dei casi) CATEGORIE A RISCHIO: Neonati ( 400 morti / anno in USA) Anziani Immunodepressi Viaggiatori in zone a rischio Maschi omosessuali Malattie infiammatorie croniche intestinali Pazienti in terapia antiacida CLASSIFICAZIONE ACUTA < 14 giorni PERSISTENTE 14-30 giorni CRONICA > 30 giorni Clinicamente la diarrea è definita come un aumento di scariche giornaliere di consistenza diversa dal normale

9 DIARREA INFIAMMATORIA: coliche addominali, tenesmo, sangue nelle feci, anche occulto DIARREA NON INFIAMMATORIA: vomito, nausea, coliche addominali e diarrea acquosa, non sangue nelle feci LESIONI ANCHE MICROSCOPICHE DELLA MUCOSA DEL COLON NON LESIONI NEL COLON

10

11 Table 18–1. Infectious DiarrheaCommon Agents (15) InflammatoryNoninflammatory Bacteria C. jejuni V. cholerae Shigella Enterotoxigenic E. coli Nontyphi Salmonella Foodborne Enterohemorrhagic and enteroinvasive E. coli S. aureus C. difficile Bacillus cereus Parasites Entamoeba histolytica Giardia lamblia C. parvum Viruses Rotavirus Calicivirus (includes Norwalk) Enteric adenovirus

12

13 INIZIARE ANTIBIOTICOTERAPIA EMPIRICA ( FLUORCHINOLONICO ) IN PRESENZA DI SANGUE OCCULTO NELLE FECI SINTOMI DA PIU DI 7 GIORNI TERAPIE ALTERNATIVE: FERMENTI LATTICI: NON CE EVIDENZA LOPERAMIDE: EVIDENZA DIBATTUTA. MAI SOTTO I DUE ANNI DI ETA ZALDARIDE: MINORI EFFETTI COLLATERALI MA NON IN COMMERCIO IN ITALIA

14 TEST DIAGNOSTICI RICERCA SANGUE OCCULTO NELLE FECI POSITIVO NEGATIVO NO ANTIBIOTICI RICERCA LEUCOCITI FECALI ANTIBIOTICOTERAPIA EMPIRICA

15 INFEZIONI DELLE VIE URINARIE SUPERIORI: PIELONEFRITI INFERIORI: CISTITI SINTOMI: FEBBRE E DOLORI LOMBARI SINTOMI: DISURIA POLLACHIURIA STRANGURIA

16 INFEZIONI DELLE VIE URINARIE COMPLICATE GRAVIDE ANZIANI DEBILITATI PROSTATICI ANCHE I DIABETICI GLI IMMUNODEPRESSI NON COMPLICATE VIE URINARIE INTEGRE

17

18 IVU NON COMPLICATA INFERIORE GIOVANI DONNE CON SINTOMI DA FLOGOSI DELLE VIE URINARIE INFERIORI

19 IVU NON COMPLICATA SUPERIORE DOLORE LOMBARE E FEBBRE DEVONO FARE PENSARE A IVU SUPERIORE E DEVE ESSERE TRATTATA COME IVU COMPLICATA

20 TEST DIAGNOSICI SULLE URINE LEUCOCITURIA: SI DOSANO LE ESTERASI LEUCOCITARIE NITRITI URINARI: DOVUTO ALLA CAPACITA DI ALCUNI BATTERI DI TRASFORMARE NITRATI IN NITRITI }}}}}}}}}}}} EMATURIA: POCO SPECIFICO LEUCOCITURIA + NITRITI + SPECIFICITA 82-84% SENSIBILITA 75-82%

21 IVU NON COMPLICATA LE FORME CON SOSPETTA CAUSA BATTERICA VANNO SEMPRE TRATTATE IN MODO EMPIRICO TRIMETROPIN-SULFAMETOSSAZOLO PER 3 GIORNI E LA TERAPIA CON MINOR COSTO E MASSIMI RISULTATI

22 PER LA TERAPIA ANALGESICA UTILI I FANS I MIRTILLI HANNO DIMOSTRATO IN UNO STUDIO RANDOMIZZATO RIDURRE LE RECIDIVE DI IVU

23 RIASSUNTO DEL TRATTAMENTO DELLE IVU NON COMPLICATE: Il T/S é la 1° scelta ( 3 giorni ). Il fluorchinolonico è più costoso e passa in 2° scelta, la fosfomicina e la nitrofurantoina sono meno attive. Per le pielonefriti non complicate i chinolonici sono la 1° scelta, il T/S e lamoxicillina sono terapie alternative. Se il paziente esegue una terapia endovenosa occorre attendere che sia sfebbrato da 2 giorni per passare alla terapia orale. La terapia deve proseguire per 14 giorni, per i fluorchinolonici si può in forme di media gravità arrivare a 7 giorni. Le IVU ricorrenti possono essere trattate: con una profilassi antibiotica a basse dosi per 6 mesi con una terapia dopo il coito trattamento pieno iniziato subito dalla paziente ai sintomi iniziali

24 IVU COMPLICATA Gravide : 1-4% ha una pielonefrite Anziani Diabetici, soprattutto donne Cateterizzati in modo permanente ( > 1 mese ), in modo intermittente, esterno tipo condom, sovra pubico. Immunocompromessi Uomini > 50 anni di solito con ipertrofia prostatica

25 IVU E GRAVIDANZA nel 2° trimestre causa nascita prematura con basso peso, anemia e ipertensione/pre-eclampsia nella madre nel 3° trimestre può causare ritardo mentale, paralisi cerebrale nel neonato Devono essere tutte trattate, anche le batteriurie asintomatiche

26 IVU E SESSO MASCHILE E SEMPRE DA CONSIDERARE COMPLICATA SE RECIDIVANTE DEVE ESSERE GESTITA DA UN UROLOGO IVU E ANZIANI SINTOMATOLOGIA ATIPICA ( DELIRIO, INCONTINENZA) SPESSO PRESENTE UNA BATTERIURIA ASINTOMATICA OCCORRE PRIMA ESCLUDERE ALTRE CAUSE

27 IVU E DIABETICI E ALTO IL RISCHIO DI PIELONEFRITI LA BATTERIURIA ASINTOMATICA NON VA TRATTATA IVU E CATETERIZZATI IL 45% DELLE IPERPIRESSIE IN TALI PAZIENTI E DA IVU

28 TERAPIA DELLE IVU IN GRAVIDANZA TRIMETOPRIN-SULFAMETOSSAZOLO TERATOGENO AMINOGLICOSIDICI OTOTOSSICI NEL 1° TRIMESTRE NITROFURANTOINA MAI PRIMA DEL PARTO FLUORCHINOLONICI MAI IN GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO DA USARE LE CEFALOSPORINE ( CEFTRIAZONE) E LASSOCIAZIONE AMOXICILLINA-AZTREONAM

29 TRATTAMENTO DELLE IVU NEI CATETERIZZATI LE BATTERIURIE ASINTOMATICHE NON VANNO TRATTATE A MENO CHE NON SI DEBBA ESEGUIRE UN TRATTAMENTO CHIRURGICO IN CASO DI IVU IL TRATTAMENTO E QUELLO DELLE IVU COMPLICATE SE LA CATETERIZZAZIONE E INTERMITTENTE OCCORRE TRATTARE LA BATTERIURIA ASINTOMATICA COME LE IVU NON COMPLICATE

30 IVU RICORRENTI IN CASI PARTICOLARI LA STASI URINARIA DA PROLASSO UTERINO NELLE DONNE IN MENOPAUSA NEUOPATIA DIABETICA DA TERAPIA ANTICOLINERGICA DEVE ESSERE RISOLTA PARTENDO ALLE CAUSE SCATENANTI

31

32 Donne giovani 3-5% Anziani non in strutture sanitarie 20% Anziani in strutture sanitarie 50% BATTERIURIE ASINTOMATICHE Occorre trattare tre tipi di pazienti: Gravide Pazienti sottoposti a terapia chirurgica vescicale I trapiantati renali nel periodo pre e post intervento

33

34 RINOSINUSITE ACUTA ACUTA SINTOMI DA MENO DI 4 SETTIMANE CRONICA SINTOMI DA PIU DI 12 SETTIMANE

35 IL 54% DELLE RINOSINUSITI SONO BATTERICHE

36 I sintomi più frequenti sono: febbre cefalea tensione frontale ipoosmia ostruzione nasale secrezioni nasali starnuti. Le complicanze sono rare in epoca antibiotica La diffusione allorbita con edema palpebrale Ptosi e blocco della motilità estrinseca per invasione muscolare

37

38 PER LA DIAGNOSI DI RINOSINUSITE CI SI BASA SUI SINTOMI

39 OPZIORE RADIOLOGICA INUTILE PERCHE NESSUNA CARATTERITICA RADIOLOGICA SI E DIMOSTRATA UTILE NEL DIFFERENZIARE LE FORME BATTERICHE VALUTARE NEL DECIDERE LUSO DI ANTIBIOTICI LA DURATA DEI SINTOMI E LA SINTOMATOLOGIA STUDI RANDOMIZZATI HANNO DIMOSTRATO UN RIDOTTO MIGLIORAMENTO CON ANTIBIOTICOTERAPIA RISPETTO AI SINTOMATICI

40 TRATTAMENTO SINTOMATICO ANTI H1 : LORATADINA (CLARYTIN) FANS CORTISONICI : FLUTICASONE ( FLIXONASE SPRAY NASALE )

41 A CHI DARE LANTIBIOTICO ?

42


Scaricare ppt "PATOLOGIE INFETTIVE DI FREQUENTE RISCONTRO IN PRONTO SOCCORSO."

Presentazioni simili


Annunci Google