La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università di Pavia LEVOLUZIONE DELLA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI SENTENZA STAUDER: TRA DUE VERSIONI DELLA DISPOSIZIONE COMUNITARIA VA PREFERITA QUELLA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università di Pavia LEVOLUZIONE DELLA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI SENTENZA STAUDER: TRA DUE VERSIONI DELLA DISPOSIZIONE COMUNITARIA VA PREFERITA QUELLA."— Transcript della presentazione:

1 Università di Pavia LEVOLUZIONE DELLA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI SENTENZA STAUDER: TRA DUE VERSIONI DELLA DISPOSIZIONE COMUNITARIA VA PREFERITA QUELLA CHE MEGLIO TUTELA I DIRITTI FONDAMENTALI SENTENZA INTERNATIONALE HANDELSGESELLSCHAFT: LA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI, ISPIRATA ALLE TRADIZIONI COSTITUZIONALI COMUNI DEGLI STATI MEMBRI, SARA ASSICURATA DALLA CORTE SENTENZA NOLD: RIFERIMENTO AI TRATTATI INTERNAZIONALI AI QUALI GLI STATI MEMBRI HANNO ADERITO SENTENZA RUTILI: RIFERIMENTO ALLA CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI DELLUOMO

2 Università di Pavia LA POSIZIONE DELLE CORTI COSTITUZIONALI ITALIANA E TEDESCA SENTENZA FRONTINI (1973): IN CASO DI VIOLAZIONE: DICHIARAZIONE DI ILLEGITTIMITA COSTITUZIONALE DELLORDINE DI ESECUZIONE SENTENZA SOLANGE I (1974): FINTANTOCHE IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE NON SARA TANTO AVANZATO DA PREVEDERE UN CATALOGO DI DIRITTI FONDAMENTALI, IN CASO DI VIOLAZIONE DI QUESTI LA CORTE SI RISERVA DI DICHIARARE LATTO COMUNITARIO COSTITUZIONALMENTE ILLEGITTIMO

3 Università di Pavia DIRITTI FONDAMENTALI E TRATTATO DI MAASTRICHT DICHIARAZIONE COMUNE DELLE TRE ISTITUZIONI POLITICHE, DEL 1977 INTRODUZIONE, CON IL TRATTATO DI MAASTRICHT DELLART. 6 TUE: LUE RISPETTA I DIRITTI FONDAMENTALI QUALI SONO GARANTITI DALLA CEDU E QUALI RISULTANO DALLE TRADIZIONI COSTITUZIONALI COMUNI DEGLI STATI MEMBRI, IN QUANTO PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO COMUNITARIO

4 Università di Pavia DIRITTI FONDAMENTALI E TRATTATO DI AMSTERDAM ART. 6.1 TUE: LUNIONE SI FONDA SUI PRINCIPI DI LIBERTA, DEMOCRAZIA, RISPETTO DEI DIRITTI DELLUOMO E DELLE LIBERTA FONDAMENTALI, E DELLO STATO DI DIRITTO, PRINCIPI CHE SONO COMUNI AGLI STATI MEMBRI ART. 7 TUE: POSSIBILITA DI SOSPENDERE UNO STATO DAL GODIMENTO DEI SUOI DIRITTI IN CASO DI VIOLAZIONE GRAVE DEI DIRITTI FONDAMENTALI LA VICENDA HAIDER ART. 49 TUE: CONDIZIONE PER LADESIONE DI NUOVI STATI E IL RISPETTO DEI PRINCIPI SANCITI NELLART. 6 TUE

5 Università di Pavia ART. 7 TUE + ART 354 TFUE INIZIATIVA DI 1/3 DEGLI STATI O DELLA COMMISSIONE LO STATO È INVITATO A PRESENTARE LE SUE OSSERVAZIONI DECISIONE DEL CONSIGLIO EUROPEO ALLUNANIMITÀ 8ESCLUSO LO STATO IN QUESTIONE), PREVIA APPROVAZIONE DEL PE A MAGGIORANZA DEI MEMBRI E DEI 2/3 DEI SUFFRAGI ESPRESSI IL CONSIGLIO (ESCLUSO LO STATO) A MAGGIORANZA QUALIFICATA PUÒ DECIDERE LA SOSPENSIONE DI CERTI DIRITTI DELLO STATO DOPO IL CASO HAIDER: DECISIONE DI INTRODURRE ANCHE UNA PROCEDURA ATTIVABILE NELLE IPOTESI IN CUI SUSSISTA ANCHE SOLO IL RISCHIO DI VIOLAZIONE

6 Università di Pavia LA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI ELABORATA DA UNA CONVENZIONE E APPROVATA NEL 2000 DECISIONE DI NON INTRODURLA NEL TESTO DEI TRATTATI VALORE INTERPRETATIVO

7 Università di Pavia I DIRITTI FONDAMENTALI DOPO LISBONA LA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI (RIPROCLAMATA NEL 2007) ASSUME VALORE VINCOLANTE ART. 6 TUE: LUNIONE RICONOSCE I DIRITTI, LE LIBERTA E I PRINCIPI SANCITI NELLA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI, CHE HA LO STESSO VALORE GIURIDICO DEI TRATTATI + POSSIBILITA DI ADESIONE ALLA CEDU (ART. 6.2 TUE) + PROTOCOLLO N. 30 SULLA POSIZIONE DI POLONIA REGNO UNITO + REPUBBLICA CECA REGOLAMENTO 168/2007 CHE ISTITUISCE LAGENZIA DELLUE PER I DIRITTI FONDAMENTALI

8 Università di Pavia IL PROTOCOLLO N. 30 PREOCCUPAZIONI DEL REGNO UNITO RELATIVAMENTE AI DIRITTI SOCIALI E DELLA POLONIA RELATIVE AL DIRITTO DI FAMIGLIA LE PREOCCUPAZIONI DELLA REPUBBLICA CECA VALORE SOPRATTUTTO POLITICO DEL PROTOCOLLO (ES. PER I DIRITTI SOCIALI V. ART. 52, PAR. 5, DELLA CARTA)

9 Università di Pavia LA DISTINZIONE TRA DIRITTI E PRINCIPI ART. 52, PAR. 5, CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI LE DISPOSIZIONI DELLA PRESENTE CARTA CHE CONTENGONO DEI PRINCIPI POSSONO ESSERE ATTUATE DA ATTI LEGISLATIVI ED ESECUTIVI ADOTTATI DA ISTITUZIONI, ORGANI E ORGANISMI DELLUNIONE E DA ATTI DI STATI MEMBRI ALLORCHÉ ESSI DANNO ATTUAZIONE AL DIRITTO DELLUNIONE, NELLESERCIZIO DELLE LORO RISPETTIVE COMPETENZE. ESSE POSSONO ESSERE INVOCATE DINANZI A UN GIUDICE SOLO AI FINI DELLINTERPRETAZIONE E DEL CONTROLLO DELLA LEGALITÀ DI DETTI ATTI

10 Università di Pavia LAMBITO DELLA TUTELA Università di Pavia ATTI DELLUNIONENORME NAZIONALI CHE DANNO ATTUAZIONE A NORME DELLUNIONE ART. 51 CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI. LA CARTA SI APPLICA ALLE ISTITUZIONI, ORGANI E ORGANISMI DELLUNIONE NEL RISPETTO DEL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ, COME PURE AGLI STATI MEMBRI ESCLUSIVAMENTE NELLATTUAZIONE DEL DIRITTO DELLUNIONE


Scaricare ppt "Università di Pavia LEVOLUZIONE DELLA TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI SENTENZA STAUDER: TRA DUE VERSIONI DELLA DISPOSIZIONE COMUNITARIA VA PREFERITA QUELLA."

Presentazioni simili


Annunci Google