La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BPCO: Raccomandazioni G.O.L.D. 2008 Prof. Giuseppe Di Maria Direttore della Scuola di Specializzazione di Malattie Respiratorie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BPCO: Raccomandazioni G.O.L.D. 2008 Prof. Giuseppe Di Maria Direttore della Scuola di Specializzazione di Malattie Respiratorie."— Transcript della presentazione:

1 BPCO: Raccomandazioni G.O.L.D Prof. Giuseppe Di Maria Direttore della Scuola di Specializzazione di Malattie Respiratorie

2 Il Sistema GRADE Livelli dellevidenza prodotta dagli studi randomizzati e controllati

3 Definizione di BPCO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia eterogenea e complessa delle vie aeree e del parenchima polmonare il cui quadro nosologico è caratterizzato dalla ostruzione del flusso aereo poco reversibile Questa riduzione del flusso è di solito progressiva e dipende dalla risposta infiammatoria e rimodellamento delle vie aeree a seguito dellinalazione di particelle o sostanze irritanti

4

5 Classificazione spirometrica della BPCO

6 Rischio di BPCO

7 Asma vs BPCO

8 Stadio I

9 Stadio II

10 Stadio III

11 Stadio IV

12 Gravità della BPCO e Distribuzione dei Costi

13 BPCO: Raccomandazioni G.O.L.D Per ulteriori info e approfondimento consultare il sito WEB: ??l1=2&l2=1&intId=1676

14 BPCO: Malattia composita con più fenotipi BRONCHITECRONICAENFISEMAPOLMONARE OSTRUZIONE DEL FLUSSO AEREO BPCO

15 Fumo Inquinamento Altre esposizioni + Suscettibilità individuale Sintomi Alterazioni funzionali Qualità vita Riacutizzazioni Insufficienza respiratoria cronica Storia naturale della BPCO Dai fattori di rischio allinvalidità respiratoria INVALIDITA

16 Paziente A: ha fumato 10 sigarette al g. per 40 anni 10/20 x 40 = 0.5 x 40 = 20 pacchetto/anni Paziente B: ha fumato 20 sigarette al g. per 20 anni 20/20 x 20 = 1.0 x 20 = 20 pacchetto/anni Paziente C: ha fumato 5 sigarette al g. per 80 anni 5/20 x 80 = 0.25 x 80 = 20 pacchetto/anni Calcolo dellesposizione cumulativa al fumo (~ numero di anni di fumo di 1 pacchetto/giorno)

17 Deficit di 1 -antitripsina Fenotipo omozigote PiZZ: Aumentato rischio di enfisema Tendenza a presentare sintomi 10 anni prima Effetto accelerato dal fumo di sigaretta Fenotipo eterozigote PiMZ: Maggiore rischio di enfisema (?) Uno studio (Tarjàn et al. Eur Respir J 1994) dimostra un più rapido deterioramento della compliance polmonare

18 Riacutizzazione della BPCO DEFINIZIONE: Peggioramento acuto del quadro clinico caratterizzato da: aumento della tosseaumento della tosse aumento del volume di espettoratoaumento del volume di espettorato cambiamenti dellespettorato verso la purulenzacambiamenti dellespettorato verso la purulenza aumento della dispnea e peggioramento della cenestesiaumento della dispnea e peggioramento della cenestesi

19 Nella pratica clinica si definisce riacutizzazione della BPCO qualsiasi peggioramento prolungato e/o grave delle condizioni del paziente rispetto al suo stato di stabilità clinica (che va oltre la consueta variabilità giornaliera). La riacutizzazione è caratterizzata da aumento della tosse e dellespettorazione, cambiamento dello sputo verso la purulenza e aumento della dispnea. Insorge acutamente, e richiede aggiustamenti della terapia di diverso tipo e intensità fino al ricovero in ospedale Riacutizzazione della BPCO

20 Farmaci Visite e prove diagnostiche Ospedalizzazione Miravitlles et al. Chest 2003; 123: Costi della BPCO

21 Spirometria Si esegue con uno spirometro che misura le velocità di flusso o i volumi di aria mobilizzata dal paziente. Lo spirometro è generalmente collegato a un computer che trasforma il segnale in valori numerici ed immagini grafiche.

22 Spirometria Parametri misurati La spirometria di base, eseguibile con una semplice manovra di espirazione forzata, misura i due parametri fondamentali per lindividuazione dei pazienti con BPCO: FVC (Capacità Vitale Forzata): il massimo volume di aria mobilizzabile a partire da uninspirazione massima FEV1 (Volume Espiratorio Forzato nel 1° sec): volume di aria espirata nel primo secondo della manovra di FVC Il rapporto FEV1/FVC rappresenta la frazione di capacità vitale che il soggetto riesce ad espirare nel primo secondo di espirazione forzata.

23 Normale Ostruzione Restrizione CRF VRI VR VRE Vt CV CPT CI CRF VRI VR VRE Vt CV CPT CI CRF VRI VR VRE Vt CV CPT CI Distribuzione dei volumi polmonari

24 Volumi polmonari dinamici

25 Curve Flusso-Volume Massimali FVC, Litri FLUSSO, Litri/sec Normale BPCO lieve/moderata BPCO grave Restrizione

26 Test di Reversibilità dellOstruzione Consiste nella misurazione del FEV1 prima e 15 minuti dopo inalazione di un broncodilatatore (salbutamolo 400 mcg = 4 spruzzi). Lostruzione delle vie aeree viene considerata reversibile se il FEV1 aumenta di almeno il 12% rispetto a quello ottenuto prima in condizione basale con una differenza netta di almeno 200 ml.

27 Cause di limitazione del flusso aereo nella BPCO NON REVERSIBiLI Fibrosi/Restrizione delle pareti delle vie aereeFibrosi/Restrizione delle pareti delle vie aeree Distruzione di attacchi alveolari nelle piccole vie aeree sprovviste di cartilagineDistruzione di attacchi alveolari nelle piccole vie aeree sprovviste di cartilagine Riduzione del richiamo elasticoRiduzione del richiamo elasticoREVERSIBILI Essudazione plasmatica/edema delle pareti delle vie aereeEssudazione plasmatica/edema delle pareti delle vie aeree Ipertrofia delle ghiandole/ipersecrezione di mucoIpertrofia delle ghiandole/ipersecrezione di muco Contrazione del muscolo liscioContrazione del muscolo liscio Iperinflazione dinamica (esercizio)Iperinflazione dinamica (esercizio)

28 Test di reversibilità dellostruzione FEV 1 basale 2.12 (L) FEV 1 post 2.56 (L)+22% >200 ml FEV 1 basale 1.25 (L) FEV 1 post 1.41(L)+12.8% Esempio 1: Esempio 2: FEV 1 basale 0.63 (L) FEV 1 post 0.81 (L)+28.6% Esempio 3:

29 La diagnosi di BPCO si basa su una storia di esposizione a fattori di rischio e sulla presenza di una riduzione del flusso aereo espiratorio non completamente reversibile, con o senza presenza di sintomi I soggetti che presentano tosse cronica, espettorato e una storia di esposizione a fattori di rischio dovrebbero essere sottoposti a valutazione della funzione polmonare, anche se non riferiscono dispnea Diagnosi di BPCO

30 Esercitazione Polo A Cognome _____________________ Nome ________________________ Matr. ________________________ Risposta ______________________ ISTRUZIONI: dopo avere risposto alla richiesta di informazioni e alle domande Delle diapositive create un file con le stesse diapositive modificate e inviatelo Allindirizzo:

31 Esercitazione: Maschio di 74 anni, ex agricoltore Fattori di rischio ed esposizioni: Fumatore dalletà di 15 alletà di 54 anni (media di 7-8 sigarette al giorno). Lavoro in serra e uso di pesticidi per 22 anni. SPIROMETRIAValore misuratoValore predetto%pred FVC (Litri)2,653,15….? FEV1 (Litri)1,182,44….? Indice di Tiffeneau….77,4% PEF3,87,25….? 1. Calcolate il %pred di ciascun parametro e lindice di Tiffeneau. dite se questa spirometria è: a)Normale b)Ostruttiva c)Restrittiva 2. Calcolate lesposizione cumulativa al fumo espressa in pacchetto-ANNI _______

32 Enfisema Polmonare Correlazione anatomo-radiologica Descrivete nello spazio sottostante dedicato alle note le caratteristiche radiologiche Dellenfisema polmonare

33 Normale BPCO-Enfisema Compito assegnato: Descrivete nello spazio sottostante dedicato alle note le caratteristiche che differenziano la curva BPCO-Enfisema da quella Normale.

34 B C Pressione pleurica Volume Polm. A Quale di queste tre curve pressione-volume corrisponde al polmone con ELASTANZA più alta? A, B, oppure C? Definite lelastanza e fornite una spiegazione della vostra risposta scrivendo nello spazio destinato alle note della diapositiva


Scaricare ppt "BPCO: Raccomandazioni G.O.L.D. 2008 Prof. Giuseppe Di Maria Direttore della Scuola di Specializzazione di Malattie Respiratorie."

Presentazioni simili


Annunci Google