La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza della geometria Una serie di prove effettuate con sovratensioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza della geometria Una serie di prove effettuate con sovratensioni."— Transcript della presentazione:

1 1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza della geometria Una serie di prove effettuate con sovratensioni di manovra positiva su disposizioni elettrodiche diverse ha mostrato che la tensione di scarica varia con la distanza in maniera analoga per le diverse geometrie e quindi che il rapporto tra le tensioni di scarica di due geometrie diverse è indipendente dalla distanza tra gli elettrodi. Ciò significa che la tensione di scarica di una qualsiasi geometria (Vs) può essere riferita alla tensione di scarica di una geometria asta-piano (Va-p), con la stessa distanza tra gli elettrodi, mediante un'espressione del tipo: Vs = k V a-p La costante k, caratteristica del tipo di geometria, prende il nome di "fattore di configurazione" o, più comunemente, "gap factor". I valori di k, che, si ricorda, è definito per sovratensioni di manovra di polarità positiva, sono legati alla distribuzione del campo elettrico e sono indipendenti dalla distanza tra gli elettrodi.

2 2 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Tipo di intervallokOsservazioni Asta-piano1 Asta-struttura 1,05 Asta-asta Conduttore-piano1,1 Conduttore-struttura Conduttore–asta

3 3 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Anello di guardia– pilone (con catena a V) 1,25 Per il calcolo della tensione di scarica va considerata solo la più piccola delle distanze d 1 e d 2 Anello di guardia– pilone (con catena verticale) 1,5

4 4 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento

5 5 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Gas elettronegativi e miscele Problemi con lisolamento in aria allaumentare delle tensioni Distanze sempre maggiori, impegno di spazi Problemi di impatto ambientale, problemi economici relativi al territorio asservito e, in molti casi, la reale impossibilità di realizzare impianti di certe dimensioni quando si sia in centri urbani o nelle loro immediate vicinanze. Caratteristiche dellisolamento influenzate dalle condizioni atmosferiche e dal fenomeno della contaminazione. Utilizzo di gas diversi dallaria Necessità di involucri e quindi possibilità di funzionare a pressione più alta.

6 6 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Questi sistemi sono noti come GIS (Gas Insulated Systems or Substations - Sistemi o Sottostazioni Isolati in Gas); negli ultimi anni si sono andate anche sviluppando le GIL (Gas Insulated Lines - Linee Isolate in Gas), anche se, per ora, le loro lunghezze sono limitate. Il gas che al momento attuale viene usato nella totalità di questi sistemi è lesafluoruro di zolfo (SF 6 ). LSF 6 presenta una serie di caratteristiche che, per questo tipo di uso, lo fanno di gran lunga preferire ad altri gas : esso ha una rigidità dielettrica, a pressione atmosferica tra piani paralleli ad un cm di distanza, di 89 kV/cm, è inerte, non è tossico, i suoi prodotti di decomposizione a causa di archi elettrici non reagiscono con altri materiali, nelle condizioni di pressione in cui viene abitualmente usato liquefa ad una temperatura inferiore ai -30°C; va osservato, infatti, che la liquefazione del gas comporta una riduzione della pressione nel volume in cui esso è contenuto e quindi una riduzione della sua tenuta dielettrica.

7 7 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Le ottime caratteristiche dielettriche dellSF 6 sono dovute alla sua grande elettronegatività ossia allelevato valore del coefficiente di attaccamento. Detto */p = ( - )/p, almeno nel campo 65 E/p 150 kV/cm bar, questo coefficiente può essere espresso dalla relazione */p = A · E/p B con A = 27,8 kV-1 e B = 2460 (bar cm)-1. Si può vedere come a pressione atmosferica per avere *>0, ossia possibilità di moltiplicazione di cariche, sia necessario un campo elettrico maggiore di circa 89 kV/cm.

8 8 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Coefficienti di ionizzazione e di attaccamento in SF 6 in funzione di E/p

9 9 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Esempio Stazione blindata a a 275 kV, realizzate con tre condotte cilindriche coassiali La tensione massima fase-terra risulta di 224 kV e la tensione di tenuta con impulso atmosferico deve essere di 1050 kV. Detti r 1 ed r 2 i raggi dei due cilindri coassiali e scelto un rapporto r 2 /r 1 pari ad 2.72, tale cioè da rendere minimo, fissato r 2, il campo massimo E M sullelettrodo interno, risulta E M =V/r 1 e quindi r 1 =V/E M. A 1 bar sarebbe sufficiente, per evitare moltiplicazione per ionizzazione per urto, che in nessun punto il campo elettrico sia superiore a 89 kV/cm ; ciò comporta, con riferimento alla tensione di prova di 1050 kV r /89 12 cm e r 2 32 cm, con un campo minimo sullelettrodo esterno pari a circa 33 kV/cm.

10 10 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Se si pensa di utilizzare il gas ad una pressione di 3 bar e si suppone, in prima approssimazione, un aumento lineare della tenuta con la pressione, si ottiene r 1 4 cm e r 2 11 cm. Nelle realizzazioni pratiche, nelle quali vengono realizzate distribuzioni di campo elettrico quasi uniformi, la capacità di tenuta, che cresce meno che linearmente con laumentare della pressione, viene apprezzabilmente ridotta per leffetto di altri fattori, non legati alle caratteristiche del gas, che comportano una riduzione delle tensioni di scarica rispetto a condizioni ideali. Tali effetti sono la rugosità della superficie degli elettrodi, presenza di particelle estranee presenza dei distanziatori.

11 11 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Nelle realizzazioni di pratico impiego gli elettrodi, che spesso sono di dimensioni notevoli, non sono perfettamente lisci ma le loro superfici presentano una serie di irregolarità che sono legate al tipo di lavorazione cui sono state sottoposte. Tali irregolarità, seppure dellordine delle decine e centinaia di m, costituiscono punti nei quali si può avere una intensificazione anche notevole del campo elettrico. Ciò può portare sia ad emissione di elettroni per effetto di campo sia ad un notevole aumento del fenomeno di ionizzazione, ossia di *, in prossimità della irregolarità superficiale con la possibilità di creazione di valanghe di dimensioni critiche, e quindi formazione di streamer, che possono portare alla scarica anche con campi macroscopici inferiori ai valori limite previsti.

12 12 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Nelle realizzazioni di pratico impiego gli elettrodi, che spesso sono di dimensioni notevoli, non sono perfettamente lisci ma le loro superfici presentano una serie di irregolarità che sono legate al tipo di lavorazione cui sono state sottoposte. Tali irregolarità, seppure dellordine delle decine e centinaia di m, costituiscono punti nei quali si può avere una intensificazione anche notevole del campo elettrico. Ciò può portare sia ad emissione di elettroni per effetto di campo sia ad un notevole aumento del fenomeno di ionizzazione, ossia di *, in prossimità della irregolarità superficiale con la possibilità di creazione di valanghe di dimensioni critiche, e quindi formazione di streamer, che possono portare alla scarica anche con campi macroscopici inferiori ai valori limite previsti. Effetto della rugosità della superficie dei conduttori

13 13 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento A pressioni alte possono servire distanze molto piccole per ottenere una valanga critica. Persino a pressione atmosferica e con un valore del campo pari a 100 kV/cm, cui corrisponde ( - ) 320, per la formazione di una valanga di dimensioni critiche è sufficiente una distanza di circa 0,6 mm. E/E lim = 1 viene detto fattore di rugosità

14 14 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Rugosità media R d di una superficie metallica Fattore di rugosità in funzione della rugosità media per pressioni diverse Rugosità delle superfici

15 15 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Effetto di particelle estranee Rapporto delle tensioni di scarica con (Vcp) e senza particella (Vsp) in funzione della pressione. (1) impulso atmosferico; (2) impulso di manovra; (3) alternata; (4) continua

16 16 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Tensione di scarica con tensione alternata in funzione della pressione (1) senza particella estranea, (2) particella fissa, (3) particella libera di muoversi.

17 17 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Rappresentazione schematica di distanziatore a disco (a) e distanziatore a cono (b) Influenza dei distanziatori

18 18 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento

19 19 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento

20 20 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Terna possiede 32 stazioni completamente isolate in gas SF 6; inoltre il gas è utilizzato per circa 2200 apparecchiature di misura. In totale, vengono utilizzate oltre 260 tonnellate di gas; a causa delle normali perdite dovute allimperfetta tenuta delle guarnizioni delle apparecchiature, parte del gas utilizzato si disperde nellatmosfera. Terna effettua un monitoraggio accurato delle proprie emissioni: nel 2005 sono state registrate perdite di circa 2,7 tonnellate pari all1%.

21 21 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento SF 6 Peso atomico g/mol AspettoSenza colore e senza odore Densità6.164 g/l, in fase gassosa a 1 bar (~5.1 volte più denso dellaria ) kg/l, in fase liquida a 25 °C


Scaricare ppt "1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza della geometria Una serie di prove effettuate con sovratensioni."

Presentazioni simili


Annunci Google