La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EMORRAGIE DIGESTIVE. Perdita di sangue che si origina all interno del tratto digerente Sanguinamento visibile: si manifesta come sangue rosso vivo o nerastro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EMORRAGIE DIGESTIVE. Perdita di sangue che si origina all interno del tratto digerente Sanguinamento visibile: si manifesta come sangue rosso vivo o nerastro."— Transcript della presentazione:

1 EMORRAGIE DIGESTIVE

2 Perdita di sangue che si origina all interno del tratto digerente Sanguinamento visibile: si manifesta come sangue rosso vivo o nerastro nel vomito e/o nelle feci. Sanguinamento occulto: si presenza come anemia sideropenica ricorrente e con test del sangue occulto fecale positivo. Sanguinamento oscuro: sanguinamento visibile in cui lesame endoscopico non ha rivelato la causa e la sede del sanguinamento. Definizione EMORRAGIA DIGESTIVA Epidemiologia Relativamente frequenti: 10-20% dei ricoveri gastroenterologici Mortalita complessiva 10%

3 Via orale Ematemesi EMORRAGIA DIGESTIVA Classificazione in base allaspetto del sangue e alla sua via di uscita Vomito di materiale ematico causato da un sanguinamento abbondante, alto (a monte del legamento del Treitz). Rosso vivo: emorragia importante ( > 1 litro ) e rapida Caffeano: importante ma lenta (digestione da parte dei succhi gastrici)

4 Via anale Melena EMORRAGIA DIGESTIVA Classificazione in base allaspetto del sangue e alla sua via duscita Emissione di feci nere (picee) per la presenza di sangue trasformato dai succhi digestivi e dalla flora batterica intestinale (digerito). Più frequentemente associato ad una emorragia medio-alta (a monte della valvola ileo-cecale) Puo originare raramente anche nel colon se: - il sangue soggiorna nel lume intestinale per un certo intervallo di tempo - il sanguinamento e abbastanza modesto da non aver stimolato la peristalsi vivace

5 Via anale Enterorragia Proctorragia Ematochezia Rettorragia EMORRAGIA DIGESTIVA Classificazione in base allaspetto del sangue e alla sua via duscita Emissione rettale di sangue rosso vivo più o meno coagulato, da solo o misto a feci normali o diarroiche. Piu il sanguinamento e basso, piu il sangue e rosso vivo, a meno che non si tratti di emorragia massiva. Generalmente origina sotto il Treitz, ma puo derivare anche da lesioni alte se di importante entita e con forte stimolo peristaltico.

6 Enterorragia EMORRAGIA DIGESTIVA Enterorragia + diarrea = probabile sanguinamento importante Enterorragia + diarrea + muco e pus = probabile malattia infiammatoria intestinale (colite ulcerosa o morbo di Crohn) Sangue frammisto alle feci = probabile sanguinamento a livello o a monte dell'ampolla rettale Sangue sulla superficie delle feci o emesso al termine della defecazione per gocciolamento = probabile sanguinamento ano- rettale a valle dell'ampolla Enterorragia indipendente dalla defecazione emessa in seguito a tenesmo = probabile rapido accumulo di sangue in ampolla per sanguinamento rettale importante

7 LEGAMENTO DEL TREITZ EMORRAGIA DIGESTIVA

8 Classificazione in base alla sede Ulcera duodenale o gastrica (50%) Gastropatia erosivo emorragica (10%) Neoplasie esofagee, gastriche, orofaringee (10%) Esofagiti Varici esofago-gastriche (20%) Sindrome di Mallory-Weiss (2-5%) SUPERIORI (sopra il Legamento di Treitz) Malformazioni vascolari Emobilia Lesione di Dieulafoy Sangue di provenienza orofaringea deglutito

9 EMORRAGIA DIGESTIVA Classificazione in base alla sede Neoplasie del Colon Patologia Ano-rettale (Emorroidi – Ragadi) Malattie infiammatorie intestinali (Infettive, Idiopatiche, Ischemica, Attinica) Diverticolo del Meckel Diverticolosi Colica Angiodisplasia colica INFERIORI (sotto il Legamento di Treitz) Invaginazioni, volvoli Tumori o anomalie vascolari del tenue Ulcera solitaria del retto

10 Sanguinamenti Acuti -Massivi EMORRAGIA DIGESTIVA Presentazione clinica Possono associarsi ad anemizzazione marcata con segni di instabilita emodinamica: Astenia profonda Pallore Alterazione / perdita della coscienza Sudorazione algida Ipotensione (calo pressorio di 20 mmHg dal clino allortostatismo) Tachicardia (aumento della frequenza cardiaca di 20 bpm) Clinicamente manifesti Anemia normocromica, normocitica

11 Sanguinamenti Cronici (Recidivanti) EMORRAGIA DIGESTIVA Presentazione clinica Possono associarsi ad anemizzazione piu o meno marcata talvolta con segni emodinamici: Astenia Pallore Tachicardia Anemia sideropenica, ipocromica, microcitica Occulti (assenza di sangue visibile) Manifesti con proctorragia o melena

12 EMORRAGIA DIGESTIVA Approccio al paziente con Emorragia Acuta 2 – Verificare la sede ed eventualmente lentità del sanguinamento 1 - Verificare ed eventualmente stabilizzare lo stato emodinamico Parametri vitali: stato di coscienza, PA e FC in orto e clinostatismo: (> 20 mm Hg o 20 bpm dopo 2 minuti di ortostatismo indicano ipovolemia. Accesso venoso periferico o centrale, catetere vescicale Anamnesi Sondino naso-gastrico Esplorazione rettale Emocromo, piastrine, gruppo sanguigno e reazioni crociate, elettroliti, ammonio, transaminasi, GGT, proteine, protidogramma, INR, protrombina, emogas,

13 EMORRAGIA DIGESTIVA Approccio al paziente con Emorragia Acuta o Cronica 3 – Individuare o Confermare la sede del sanguinamento EGDS (urgente) (diagnostica e operativa) Alta Ematemesi e/o melena Bassa ematochezia Pancolonscopia (urgente) (diagnostica e operativa) Scintigrafia con emazie marcate con 51 Cr Enteroscopia Angiografia Videocapsula

14 EMORRAGIA DIGESTIVA Terapia 1 – Stabilizzazione emodinamica 2 - Farmaci:Antisecretori (PPI). Riducenti il flusso splancnico: somatostatina o vasopressina 3 – Endoscopia: Legatura/Sclerosi di varici esofagee Iniezione di Colla o Sostanze vasoattive (Adrenalina) Terapia meccanica: emoclips Terapia termica: elettrocoagulazione, Yag-laser Asportazione di lesioni sanguinanti: Polipectomia 4 - Sondino di Sengstaken-Blakemore (solo nel caso di varici esofagee) per non piu di ore

15 EMORRAGIA DIGESTIVA Indicazioni Chirurgiche 1 – Quadro emodinamico instabile o in peggioramento 2 – Necessita di piu di 2-4 unita di sangue al giorno per recidiva durante il ricovero nonostante la terapia conservativa 3 – Patologia neoplastica associata 4 – Perforazione e penetrazione

16 EMORRAGIA DIGESTIVA Prognosi Emorragia Acuta Superiore Arresto spontaneoEmorragia continua o recidiva a brevissimo Decesso Sopravvivenza 10% 90% 80%20%

17 Varici esofagee F3, con presenza di segni rossi EMORRAGIA DIGESTIVA

18 Sanguinamento attivo da rottura di varice esofagea EMORRAGIA DIGESTIVA

19

20 Sindrome di Mallory-Weiss EMORRAGIA DIGESTIVA

21 Doppia angiodisplasia del corpo gastrico EMORRAGIA DIGESTIVA

22 Angiodisplasia sanguinante del corpo gastrico EMORRAGIA DIGESTIVA

23 Lesione di Dieulafoy dellantro gastrico EMORRAGIA DIGESTIVA

24 Lesione di Dieulafoy del fondo gastrico EMORRAGIA DIGESTIVA

25 Ulcera gastrica angolare con sanguinamento attivo tipo venoso EMORRAGIA DIGESTIVA

26 Ulcera gastrica antrale con sanguinamento attivo tipo venoso EMORRAGIA DIGESTIVA

27 Ulcera del fondo gastrico ricoperta da ematina EMORRAGIA DIGESTIVA

28 Gastropatia emorragica antrale EMORRAGIA DIGESTIVA

29 Adenocarcinoma gastrico angolare sanguinante EMORRAGIA DIGESTIVA

30 Ulcera della parete anteriore del bulbo con vaso visibile EMORRAGIA DIGESTIVA

31 Ileocolite di Crohn EMORRAGIA DIGESTIVA

32 Rettocolite ulcerosa con segni endoscopici di attività severa EMORRAGIA DIGESTIVA

33 Ulcera del colon con sanguinamento attivo in atto di tipo arterioso EMORRAGIA DIGESTIVA

34 Adenocarcinoma sanguinante del colon (sigma) EMORRAGIA DIGESTIVA

35 Lesione polipoide (adenocardinoma) sanguinante del colon EMORRAGIA DIGESTIVA

36 Polipo peduncolato sanguinante del colon discendente EMORRAGIA DIGESTIVA

37 Sanguinamento postpolipectomia EMORRAGIA DIGESTIVA

38 Sanguinamento postpolipectomia. Emostasi dopo posizionamento di clip metallica alla base del polipo EMORRAGIA DIGESTIVA

39 Lacerazione traumatica del colon con sanguinamento attivo EMORRAGIA DIGESTIVA


Scaricare ppt "EMORRAGIE DIGESTIVE. Perdita di sangue che si origina all interno del tratto digerente Sanguinamento visibile: si manifesta come sangue rosso vivo o nerastro."

Presentazioni simili


Annunci Google