La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Emorragie Digestive. EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI origine prossimale al Treitz (85 - 90%) EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI origine distale al Treitz (10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Emorragie Digestive. EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI origine prossimale al Treitz (85 - 90%) EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI origine distale al Treitz (10."— Transcript della presentazione:

1 Emorragie Digestive

2 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI origine prossimale al Treitz ( %) EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI origine distale al Treitz (10 -15%)

3 Emorragie Digestive

4

5 Manifestazioni Cliniche (Via orale - via anale) EMATEMESI:- vomito di materiale ematico - rosso vivo: emorragia alta di sangue non digerito - caffeano: emorragia alta di sangue digerito MELENA:- emissione di feci nere (sui generis) - emorragia medio - alta (+++) - emorragia bassa (+) Emorragie Digestive

6 SANGUE OCCULTO nelle feci: emissione cronica di piccole quantità (< ml) ENTERORRAGIA - PROCTORRAGIA: emissione di sangue rosso vivo +/- con feci formate Manifestazioni Cliniche (Via anale) Emorragie Digestive

7 Classificazione in base allentità del sanguinamento EMORRAGIE MASSIVE ACUTE: - instabilità emodinamica - shock emorragico conclamato EMORRAGIE CRONICHE: - anemia sideropenica: - sangue occulto ++ - melena + Emorragie Digestive

8 Classificazione Etiologica (cause più frequenti) Ulcera Peptica (duodenale - gastrica) è Varici Esofagee è Gastrite Acuta (erosiva - emorragica) è Sindrome di Mallory - Weiss EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Emorragie Digestive

9 httpwww.zulia.comgastroi_index.html\i_index.html Emorragie Digestive

10 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Emorragie Digestive

11 Ulcera Gastrica Sanguinante Emorragie Digestive

12 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Emorragie Digestive

13 Sindrome di Mallory-Weiss EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Emorragie Digestive

14 Classificazione Etiologica (cause meno frequenti) Tumori orofaringei, esofagei, gastrici, perivateriani è Esofagite è Diverticoli Esofagei e Duodenali è Ernia iatale è S. di Boerhave è Emobilia è Pancreatite è Ingestione di caustici è Fistola aorto - duodenale è Emopatie è Terapia Anticoagulante EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Emorragie Digestive

15 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Riferimento Storico Emorragie Digestive

16 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Riferimento Storico Emorragie Digestive

17 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Riferimento Storico Emorragie Digestive

18 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Riferimento Storico Emorragie Digestive

19 EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Classificazione Etiologica (cause più frequenti) è Neoplasie Colon (benigne e maligne) è Malattia Diverticolare è Patologie Anorettali (emorroidi e ragadi) è Malattie infiammatorie Intestinali (infettive, attiniche, idiopatiche) è Angiodisplasie - Malformazioni Vascolari Emorragie Digestive

20 EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Classificazione Etiologica (cause più frequenti) Neoplasie Colon-Ceco Malattia Diverticolare Emorragie Digestive

21 EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Classificazione Etiologica (cause più frequenti) Angiodisplasie - Malformazioni Vascolari Emorragie Digestive

22 Classificazione Etiologica (cause meno frequenti) èInfarto mesenterico èTumori del tenue èDiverticolo di Meckel èUlcere peptiche del tenue (s. di Zollinger- Ellison) èStrozzamento Intestinale (volvolo, invaginamento) èUlcera solitaria del retto èInvaginazioni Intestinali èEmopatie èTerapia anticoagulante EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Emorragie Digestive

23 EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Classificazione Etiologica (cause meno frequenti) Diverticolo di Meckel Emorragie Digestive

24 EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Emorragie Digestive

25 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI Incidenza * ä Ulcera peptica 46 % ä - duodenale24 % ä - gastrica 20 % ä - stomale 2 % ä Gastrite Erosiva 22 % ä Varici 10 % ä S. Mallory - Weiss 5 % ä Esofagiti 4 % ä Duodenite Erosiva 4 % ä Ulcere esofagee 2 % ä Angiodisplasie 1 % ä Altre Lesioni 6 % * Geenen J. E. et al. Therapeutic Endoscopy 1992 Emorragie Digestive

26 EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Incidenza nellanziano * * Geenen J. E. et al. Therapeutic Endoscopy 1992 Diverticolo43 % ä Ectasie vascolari18 % ä Tumori e polipi del Colon 9 % ä Proctite Attinica 5 % ä Colite Ischemica 4 % ä Cause Varie11 % ä Cause Indeterminate10 % Emorragie Digestive

27 Valutazione Iniziale Valutare Ostruzione Vie Aeree (Sangue- Coaguli) Monitoraggio Parametri Vitali (P.A., F.C.,Diuresi) Posizionamento Di Sondino Naso -Gastrico, Catetere vescicale e Catetere Venoso Emorragie Digestive

28 Valutazione Iniziale ESAME CLINICO: - Esame obiettivo Addominale - Ispezione Ano-perineale, esplorazione rettale - Ispezione orofaringe - Ispezione feci e materiale emesso con vomito ESAMI DI LABORATORIO - Esame emocromocitometrico - Parametri emocoagulazione - Altri esami ematochimici Emorragie Digestive

29 Anamnesi - Familiare :Poliposi familiare, etc. Coagulopatie ereditarie - Patologica Remota:precedenti patologie e/o interventi gastrointestinali assunzione di farmaci (FANS, cortisonici, anticoagulanti, etc. Patologie Cardiovascolari) - Patologica Prossima:caratteristiche sanguinamento, insorgenza, episodi precedenti, vomito ripetuto, etc. Emorragie Digestive

30 Valutazione Iniziale - ESCLUDERE SANGUINAMENTO EXTRADIGESTIVO (emottisi, epistassi) - ESCLUDERE FALSA MELENA (pregressa assunzione di farmaci o alimenti che pigmentano feci, etc) Emorragie Digestive

31 Valutazione Iniziale IPOTIZZARE LA SEDE DEL SANGUINAMENTO Ematemesi Lesione a monte del Treitz Enterorragia Lesione a valle del Treitz Sangue frammisto a feci Lesione a monte dellampolla Sangue sopra le feci Lesione a valle dellampolla Sangue emesso senza Lesione rettale feci con tenesmo Emorragie Digestive

32 SOSPETTO CLINICO DI EMORRAGIA INFERIORE RETTOSIGMOIDOSCOPIA Emorragia massiva e persistente EGDS Angiografia Non diagnosticiDiagnostici LAPAROTOMIA eventuale endoscopia per-operatoria Emorragia subacuta o cronica COLONSCOPIA (clisma d.c.) Non diagnosticiDiagnostici Rx Tenue EGDS Emorragie Digestive

33 SOSPETTO DIAGNOSTICO DI EMORRAGIA SUPERIORE ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA DIAGNOSTICANON DIAGNOSTICA andamento clinico non giustificato dal reperto EGDS ANGIOGRAFIA Emorragie Digestive

34 DIAGNOSTICA STRUMENTALE ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA RETTOSCOPIA / SIGMOIDOSCOPIA PANCOLONSCOPIA +/- ILEOSCOPIA RETR. ENDOSCOPIA SUP/ INFER. PER-OPERATORIA ARTERIOGRAFIA SELETTIVA SCINTIGRAFIA TC CLISMA OPACO D.C. CLISMA TENUE CAPSULA ENDOSCOPICA Emorragie Digestive

35 TERAPIA MEDICA RIPRISTINO VOLEMIA: fluidi sangue FARMACI: antiacidi antisecretivi (anti-H 2, omeprazolo) riducenti flusso splacnico (somatostatina, octreotide, vasopressina) SONDINO NASO - GASTRICO Emorragie Digestive

36 TERAPIA ENDOSCOPICA ULCERA PEPTICA TERAPIA INIETTIVA adrenalina soluz. 1: : SCLEROSANTI adrenalina + polidocanolo polidocanolo etanolo sodio tetradecil solfato SONDE TERMICHE elettrocoagulazione monopolare elettrocoagulazione bipolare laser (Nd:YAG) TERAPIA MECCANICA clips metalliche Emorragie Digestive

37 TERAPIA ENDOSCOPICA VARICI ESOFAGEE SCLEROTERAPIA polidocanolo sodio tetradecil solfato morruato di sodio cianoacrilato SONDA DI SENGSTAKEN - BLAKEMORE LEGATURA ELASTICA Emorragie Digestive

38 TERAPIA RADIOLOGICA INFUSIONE SELETTIVA : farmaci che inducono riduzione del flusso splacnico (vasopressina) EMBOLIZZAZIONE SELETTIVA Emorragie Digestive

39 TERAPIA CHIRURGICA INDICAZIONI FALLIMENTO Terapie Mediche FALLIMENTO Terapie Endoscopiche RECIDIVA Emorragica dopo terapia endoscopica EMORRAGIE MASSIVE non controllabili Emorragie Digestive

40 TERAPIA CHIRURGICA PATOLOGIA PEPTICA: - raffia ulcera+ piloroplastica + vagotomia tronculare - gastroresezione S.di MALLORY-WEISS: - emostasi diretta - sutura VARICI ESOFAGEE: - transezione esofagea - derivazioni porto - sistemiche (totali, paziali, selettive) - resezione gastro-esofagea - legatura transesofagea Emorragie Digestive

41 TERAPIA ENDOSCOPICA EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI ANGIODISPLASIE EMANGIOMI TELEANGECTASIE LASER+++ SCLEROSI +/- POLIPI DEL COLON: POLIPECTOMIA Emorragie Digestive

42 TERAPIA CHIRURGICA EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI Malattia Diverticolare: Resezione Colica Angiodisplasie:Resezione segmentaria Sede della Lesione non identificata:Colectomia Sub-totale (Colonscopia ileoscopia peroperatoria) Emorragie Digestive

43 EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI CLASSIFICAZIONE ATTIVITA EMORRAGICA (sec. Forrest) GradoReperto Endoscopico Ia Emorragia Arteriosa a Spruzzo Ib Sanguinamento a Gemizio II Lesione con segni di pregressa emorragia; coaguli sulla lesione, peduncolo vascolare visibile III Lesione senza i precedenti criteri, ma con anamnesi positiva per emorragia Emorragie Digestive

44 CASI CLINICI EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI I Emorragia Digestiva Superiore da Gastrite Emorragica con Shock Emorragico: Risoluzione con trattamento Medico ed Endoscopico II Emorragia Digestiva Superiore da Ulcera Antro Gastrico: Risoluzione con sola terapia medica Emorragie Digestive

45 CASO CLINICO: Gastrite Emorragica Anamnesi: pregressa Gastroresezione per ulcera duodenale. Ammissione in urgenza per ematemesi massiva e melena, shock emorragico, arresto cardiaco al P.S.; Hb= 4,6 Decorso: Stabilizzazione iniziale e trasferimento In S.O. (paziente già intubata) per EGDS che evidenzia una gastrite emorragica. Si decide per la terapia conservativa (altissimo rischio chirurgico e anestesiologico per recente arresto cardiaco) G.C. donna di 85 aa. Emorragie Digestive

46 CASO CLINICO: Gastrite Emorragica G.C. donna di 85 aa. Decorso: paziente ricoverata in U.T.I., monitoraggio funzioni vitali. Permane modesto sanguinamento continuo fino al III gg., condizioni emodinamiche stabili. Il IV giorno, trasferimento in corsia, riprende un modesto sanguinamento, Hb =7,2 g/dl, EGDS: gastrite emorragica in risoluzione, presenza di sanguinamento da piccola lesione peri-anastomotica: si esegue scleroterpia endoscopica con adrenalina e polidocanolo con arresto del sanguinamento Dimissione: dopo XII giorni di ricovero, Hb = 10,7 g/dl Emorragie Digestive

47 Anamnesi: assunzione recente di FANS a scopo antalgico; poche ore prima del ricovero ematemesi con episodio lipotimico, non sintomatologia dolorosa addominale Esame Obiettivo Addome: negativo Condizioni cliniche: stabili Esplorazione Rettale: feci normocoliche in ampolla rettale Emocromo: Hb = 11 g/dl EGDS: esame ostacolato dalla presenza di sangue fresco e coagulato in cavità gastrica, si evidenzia con difficoltà unulcera dellantro gastrico, parete posteriore, diametro circa 1 cm. Con sanguinamento attivo da vaso arterioso che si arresta spontaneamente. Non si riesce ad eseguire nessuna terapia endoscopica per labbondante quantità di sangue. CASO CLINICO: Ulcera Antro Gastrico:B.G.uomo di 46 aa. Emorragie Digestive

48 Decorso: si decide per terapia medica e stretto monitoraggio delle funzioni vitali Dopo 24 h : EGDS di controllo: non sangue in cavità né sanguinamenti attivi; ulcera antrale con coagulo sul fondo Dopo 72 h :EGDS di controllo: ulcera con fondo coperto di fibrina. Nessun segno clinico di recidiva emorragica Dimissione: in VII gg. Hb = 11,7 g/dl. Durante il ricovero sono state somministrate 4 unità di emazie concentrate CASO CLINICO:Ulcera Antro Gastrico:B.G.uomo di 46 aa. Emorragie Digestive


Scaricare ppt "Emorragie Digestive. EMORRAGIE DIGESTIVE SUPERIORI origine prossimale al Treitz (85 - 90%) EMORRAGIE DIGESTIVE INFERIORI origine distale al Treitz (10."

Presentazioni simili


Annunci Google