La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio."— Transcript della presentazione:

1 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio Lezione 8 Il Testo unico delledilizia: la regolamentazione dellattività edilizia

2 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 2 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Parte I – Attività edilizia Parte II – Normativa tecnica per ledilizia Parte III – Disposizioni finali

3 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 3 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Parte I – Attività edilizia Titolo 1 – Disposizioni generali Titolo 2 – Titoli abilitativi Titolo 3 – Agibilità degli edifici Titolo 4 – Vigilanza sullattività urbanistico-edilizia

4 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 4 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Disciplina dellattività edilizia Fatte salve (Articolo 1 – Ambito di applicazione) : disposizioni tutela beni ambientali-culturali (D.lvo 42/2004) normative di settore autorizzazione impianti produttivi (D.P.R. 447/1998) Non si applica alle opere pubbliche (Articolo 7 – Attività edilizia delle Pubbliche amministrazioni)

5 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 5 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 2 – Competenze Regioni e EE.LL. Le Regioni esercitano una potestà legislativa concorrente e le norme di dettaglio operano fino a quando le Regioni non esercitano la propria potestà regolamentare. Ribadito dalla Corte Costituzionale con sentenza 303 del 2003

6 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 6 Potestà legislativa esercitata dalle Regioni a Statuto speciale: Sardegna (LR 23/1985), P. Trento (L.P. 22/1991), P.Bolzano (L.P. 13/1997), Valle dAosta (LR 11/1998) a Statuto ordinario: Campania (LR 19/2001), Emilia Romagna (LR 31/2002), Umbria (LR 1/2004), Toscana (LR 1/2005), Lombardia (LR 12/2005)

7 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 7 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 3 – Definizione degli interventi edilizi a)manutenzione ordinaria b)manutenzione straordinaria c)restauro e risanamento conservativo d)ristrutturazione edilizia e)nuova costruzione f)ristrutturazione urbanistica

8 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 8 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 6 – Attività edilizia libera a)manutenzione ordinaria b)eliminazione barriere architettoniche (senza operare modifiche esterne) c)Indagini geognostiche allesterno del centro abitato

9 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 9 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 9 – Attività edilizia in assenza di pianificazione urbanistica Nei comuni sprovvisti di strumenti urbanistici: a)manutenzione ordinaria b)manutenzione straordinaria c)restauro e risanamento conservativo e fuori dei centri abitati con limite d.f. 0,03 mc/mq In assenza di piano attuativo: d)ristrutturazione edilizia, con modifica delle destinazioni preesistenti nel limite del 25% e obbligo di convenzione

10 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 10 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Permesso di costruire Nozioni e caratteristiche (articoli 10-15) Contributo di costruzione (articoli 16-19) Procedimento (articoli 20-21)

11 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 11 Permesso di costruire Esercizio del diritto di edificare Licenza edilizia : connaturato al titolo di proprietà Concessione edilizia : scorporato dalla proprietà e concesso dalla pubblica amministazione (con i limiti evidenziati dalla Corte Costituzionale nelle sentenze 5/1980 e 127/1983) Permesso di costruire : connaturato alla proprietà ma sottoposto, per la salvaguardia di interessi pubblici, al controllo del ricorrere delle condizioni per esercitare il diritto

12 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 12 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 10 – Interventi subordinati al permesso di costruire nuova costruzione (art.3, lettera e: 1. Manufatti edilizi ed ampliamenti, 2. Urbanizzazioni primarie e secondarie realizzate non dal Comune, 3. Infrastrutture e impianti, 4. Impianti telecomunicazione, 5. Manufatti prefabbricati e precari, 6. Interventi pertinenziali con volume >20% dellesistente, 7. Depositi e impianti) ristrutturazione urbanistica ristrutturazione edilizia (con modifiche o, in zona A, mutamenti di destinazioni duso) Ulteriore regolamentazione demandata alla Regione

13 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 13 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Il permesso di costruire è rilasciato: a chi detiene un diritto reale sullimmobile, fatti salvi i diritti di terzi (articolo 11) in conformità alle norme urbanistico-edilizie, subordinatamente alla disponibilità di opere di urbanizzazione primaria (articolo 12) dal responsabile dellufficio comunale, con lesercizio dei poteri sostitutivi attribuito alla Regione (articolo 13) eventualmente in deroga agli strumenti urbanistici per edifici e impianti pubblici o di pubblico interesse (articolo 14) con lobbligo di iniziare i lavori entro un anno e concluderli nei successivi tre anni (articolo15)

14 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 14 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Sono subordinati alla Denuncia di inizio attività (DIA) gli interventi (articoli 22 e 23) : che non rientrano nelle attività di edilizia libera né in quelle soggette al permesso di costruzione (DIA non onerosa) di ristrutturazione edilizia o di nuova costruzione in esecuzione di strumenti urbanistici con definizione planovolumetrica (DIA onerosa) La regolamentazione è affidata alle Regioni In presenza di vincoli di tutela la realizzazione degli interventi è subordinata allottenimento dei relativi permessi E facoltà di richiedere, in alternativa, il rilascio del permesso di costruire

15 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 15 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Il Certificato di agibilità (articoli ) attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, nonché la conformità alla normativa sullaccessibilità e il superamento delle barriere architettoniche. Riguarda nuove costruzioni, ricostruzioni e sopraelevazioni, interventi su edifici esistenti che ne modifichino le condizioni di agibilità. È abbinato alla richiesta di accatastamento, e deve essere completo del certificato di collaudo statico (se ricorre), dei certificati degli impianti, della certificazione sul contenimento dei consumi energetici.

16 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 16 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Vigilanza sullattività urbanistico-edilizia e responsabilità (articoli ) Sanzioni (articoli ) Variazioni essenziali (articolo 32) : a) mutamento di destinazione duso che implichi variazione degli standards b) aumento consistente del volume o della superficie utile c) modifiche sostanziali ai paramenti urbanistico-edilizi del progetto o alla localizzazione delledificio nellarea di pertinenza d) mutamento delle caratteristiche dellintervento assentito e) violazioni alle norme antisismiche Disposizioni fiscali (articoli )


Scaricare ppt "Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio."

Presentazioni simili


Annunci Google