La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE ISTITUZIONI UE Chiara Favilli a.a. 2009/2010. 2 ISTITUZIONI Art. 13 TUE Parlamento Europeo –Mediatore europeo Commissione Europea –Alto Rappresentante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE ISTITUZIONI UE Chiara Favilli a.a. 2009/2010. 2 ISTITUZIONI Art. 13 TUE Parlamento Europeo –Mediatore europeo Commissione Europea –Alto Rappresentante."— Transcript della presentazione:

1 LE ISTITUZIONI UE Chiara Favilli a.a. 2009/2010

2 2 ISTITUZIONI Art. 13 TUE Parlamento Europeo –Mediatore europeo Commissione Europea –Alto Rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza Consiglio dell'Unione Europea Consiglio europeo Corte di Giustizia dellUE –Corte di giustizia –Tribunale –Tribunale della funzione pubblica Corte dei Conti BCE ORGANISMI Banca europea degli investimenti Comitato economico e sociale Comitato delle Regioni Garante europeo dei dati personali Agenzie esterne

3 Consiglio europeo 15 TUE COMPOSIZIONE: –Presidente –Capi di Stato e di Governo –Presidente della Commissione; –Partecipa lAlto Rappresentante dellUnione per gli affari esteri e la politica di sicurezza –Se richiesto dalloggetto anche un ministro e/o un membro della Commissione

4 Consiglio europeo Si riunisce almeno due volte a semestre Partecipa lAlto Rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza

5 Presidente Consiglio europeo art. 15,5, TUE Eletto a MQ per due anni e mezzo rinnovabile una volta Non può esercitare anche un mandato nazionale Fine del mandato in caso di colpa grave o impedimento

6 Presidente Consiglio europeo 15 TUE Presiede e anima i lavori del Consiglio Preparazione e continuità lavori del Consiglio europeo assieme al Presidente della Commissione e secondo quanto stabilito dal Consiglio Affari generali Si adopera per facilitare il consenso Relazione al PE dopo ciascuna riunione Rappresentanza esterna dellUE senza pregiudizio dellARAESC (HRFASP)

7 Consiglio europeo art. 15 TUE Non adotta atti ma decide gli orientamenti politici generali dellUnione –Eccezioni: Conclusione di un accordo internazionale Casi nei quali sia espressamente previsto Delibera allunanimità con il metodo del consensus se non diversamente stabilito

8 Consiglio europeo art. 15 TUE Conclusioni della Presidenza Mancanza di pubblicità dei lavori

9 9 Consiglio Art. 16 TUE Artt TFUE

10 10 Caratteristiche generali Rappresenta i Governi degli Stati membri Potere decisionale-legislativo Definizione del bilancio Coordinamento politiche economiche Funzioni esecutive in casi specifici e per la PESC Volontà autonoma rispetto agli Stati membri

11 11 Composizione 27 membri Rappresentanti degli Stati a livello ministeriale abilitati a impegnare il Governo e a votare Presidenza –Turni semestrali a maggioranza qualificata CE –Trojka: dichiarazione n mesi

12 Consiglio 16 TUE FORMAZIONI –236 TFUE –Affari generali Coerenza; prepara i lavori del Consiglio europeo e ne assicura il seguito insieme al Presidente del Consiglio europeo e alla Commissione –Affari esteri Elabora lazione esterna dellUE secondo le linee strategiche definite dal Consiglio europeo e assicura la coerenza dellazione dellUnione

13 FORMAZIONI Composizione variabile a seconda della materia –Affari generali –Affari esteri –Cooperazione nei settori della giustizia e affari interni –Occupazione, politica sociale, salute e consumatori –Concorrenza –Trasporti, telecomunicazioni ed energia –Agricoltura e pesca –Ambiente –Educazione, gioventù e cultura

14 14 Composizione Segretario generale COREPER, art. 16, par. 7 TUE; 240 TFUE –Comitato dei rappresentanti permanenti –Organo ausiliario del Consiglio –Istruisce i lavori e discute le proposte per le riunioni del Consiglio

15 15 Maggioranze Semplice Qualificata –Se autorizzato dal CE in caso di unanimità – art. 48, par. 7, TUE –Ponderazione –345 voti 255 soglia minima Maggioranza membri se su proposta della Commissione 2/3 membri negli altri casi –Verifica della popolazione richiesta da uno Stato membro - 62% Unanimità –Assenza 238 TFUE –Astensione

16 Dopo 2014 art. 16, 4, TUE e 238 TFUE 55% membri del Consiglio con minimo di 15 Stati –72% se la proposta non è della Commissione europea 65% popolazione Minoranza di blocco: almeno 4 Stati Progetto di decisione allegata ad una dichiarazione n. 7 al Trattato di Lisbona: –Opposizione consistente: tentativo di raggiungere il consenso Prot. n. 36: tra il 2014 e il 2017 uno Stato può chiedere di decidere nel precedente modo

17 Consiglio 16 TUE Pubblicità per delibere di atti legislativi –Ogni seduta divisa in due parti Una per deliberazioni su atti legislativi Una su attività non legislative Presidenza altre formazioni –Rotazione paritaria ex art. 236 TFUE

18 18 Deficit democratico Europeo –Ruolo del Parlamento europeo Sovranazionale –Rapporto tra Governi e Parlamenti nazionali –Protocollo n. 1 sul ruolo dei Parlamenti nazionali Disciplinato dagli Stati Informazione ai Parlamenti nazionali Art. 4 L n. 11 Regioni art. 117, 5° co. Cost. –L n. 131, art. 5

19 19 Il Consiglio … giusto! Consiglio europeo Consiglio Consiglio dEuropa

20 A lto rappresentante per AE e politica di sicurezza - art. 18 TUE Nomina del Consiglio europeo a MQ Cessazione con stessa procedura Guida la PESC e PSD dellUnione [Pres. Consiglio europeo: assicura la rappresentanza esterna per la PESC fatte salve le competenze dellAlto rappresentante dellUnione per gli affari esteri e la politica di sicurezza] Contribuisce alla sua formazione e la attua in qualità di mandatario del Consiglio Presiede il Consiglio affari esteri Vicepresidente della Commissione Vigila sulla coerenza azione esterna unione Nella Commissione incaricato per tale istituzione delle relazioni esterne e coordinamento degli altri aspetti dellazione esterna dellUnione –Soggetto alle procedure che regolano il funzionamento della Commissione

21 21 Commissione europea Artt. 17 TUE; TFUE

22 22 Caratteristiche Organo tecnico Rappresenta lUnione –17, par TFUE Interesse generale dellUE

23 23 Composizione 27: un cittadino di ogni Stato membro Dal 2014: possibile rotazione sulla base di una decisione del Consiglio adottata allunanimità

24 Commissione Lisbona 17 TUE Funzioni –Promuove interesse generale UE –Vigila sullapplicazione Trattati e diritto UE –Vigila sul diritto UE sotto controllo Corte di giustizia –Esecuzione bilancio –Gestisce i programmi –Esercita funzioni di coordinamento/esecuzione/gestione –Rappresentanza esterna eccetto che per PESC –Attiva processo di programmazione annuale e pluriennale per giungere ad accordi interistituzionali –Proposta atti legislativi

25 Commissione Lisbona 17 TUE Composizione –Membri scelti sulla base delle competenze, dellimpegno europeo e garanzie di indipendenza –Un membro per Stato fino al 2014 –Dal 2014: 2/3 SM compreso Presidente, Alto rappresentante dellUnione per affari esteri e politica di sicurezza –Salvo decisione allunanimità del Consiglio –Rotazione per rappresentare tutti gli Stati

26 Commissione 17 TUE Composizione –Presidente designato dal Consiglio europeo a MQ tenendo conto delle elezioni del PE –Eletto dal PE a M dei membri che lo compongono –Presidente, ARAEPS e gli altri membri della Commissione sono soggetti ad un voto di approvazione collettivo da parte del PE –Nomina da parte del Consiglio europeo a MQ

27 27 Nomina dei commissari Competenza Indipendenza Incompatibilità –Dimissioni dufficio o decadenza dalla funzione sancita dalla CdG Nominati per cinque anni, rinnovabili

28 28 Nomina II Prima fase –Designazione del Presidente da parte del Consiglio a MQ sottoforma di capi di Stato o di Governo –Approvazione del PE

29 Nomina III Seconda fase –Elenco dei commissari da parte del Consiglio a MQ con il Presidente sulla base delle indicazioni dei Governi –Approvazione collettiva da parte del PE Nomina ufficiale

30 30 Caso Barroso 2004

31 31 Organizzazione Ruolo del Presidente –Definisce gli orientamenti generali –Nomina i vicepresidenti –Costringe alle dimissioni Direzioni generali, servizi e uffici –Affidate ad un commissario Segretariato Riunioni non pubbliche Adozione delle delibere –Maggioranza semplice o unanimità

32 32 Funzioni Limitato potere normativo proprio Esteso potere normativo delegato di adottare atti non legislativi di portata generale – art. 290 TFUE Iniziativa –Consultazioni Libri bianchi e libri verdi Coordinamento, esecuzione e gestione –Su delega del Consiglio Affiancata da comitati e delegata dal Consiglio quando siano necessarie condizioni uniformi di esecuzione Concorrenza, aiuti di stato e gestione dei programmi di finanziamento –Del bilancio Vigilanza sul rispetto degli obblighi UE Rappresentanza dellUE

33 FUNZIONI Controllo del rispetto del diritto comunitario Gestione amministrativa Relazioni esterne Responsabile di fronte al PE

34 34 Parlamento europeo 14 TUE; TFUE

35 35 Composizione Elezione diretta a suffragio universale Atto del 1976 Prime elezioni nel 1979 Rappresentanza diretta dei cittadini dellUnione Max 750 deputati oltre al Presidente Min 6- max 96 per Stato Decisione unanimità Consiglio europeo con approvazione PE

36 36 Modalità di elezione Sistema elettorale nazionale –Ma v. art. 223, par. 2, TFUE Regole uniformi –Data delle elezioni: da giovedì a domenica –Spoglio –Decisione 2002/772/CE Incompatibilità –Parlamento nazionale –Altre istituzioni/organi comunitari –Regione/ente locale Elezione a scrutinio di lista o uninominale preferenziale con riporto di voto di tipo proporzionale: carattere proporzionale del voto Partiti politici europei: art. 10, par. 4, TUE

37 37 Norme italiane sulle elezioni europee Legge 6 aprile 1977, n. 150 legge 24 gennaio 1979, n.18 e successive modificazionilegge 24 gennaio 1979, n.18 Legge 3 agosto 1994, n. 483 Legge 27 marzo 2004, n. 78 Legge 8 aprile 2004, n "Norme in materia di elezioni dei membri del Parlamento europeo e altre disposizioni inerenti ed elezioni da svolgersi nell'anno 2004"Legge 8 aprile 2004, n. 90 D.P.R. 10 aprile Indizione dei comizi elettorali per l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia.D.P.R. 10 aprile 2004 D.P.R. 10 aprile Assegnazione del numero di seggi alle circoscrizioni elettorali di cui alla tabella A allegata alla legge 9 aprile 1984, n. 61, concernente l'elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia.D.P.R. 10 aprile 2004

38 38 Diritto di voto art. 19 Cittadino europeo –Attivo e passivo –In qualsiasi Stato membro Elezione dei candidati del proprio Paese Elezione dei candidati del Paese di residenza Elezioni municipali Esclusi i cittadini di Paesi terzi

39 39 Organizzazione I Regolamento interno –Adottato a maggioranza dei membri che lo compongono Presidente –Jerzy Buzek –Due anni e mezzo Ufficio di presidenza –14 vicepresidenti –5 questori Segretario generale Conferenza dei Presidenti

40 40 Organizzazione II Conferenza dei Presidenti di Commissione Commissioni permanenti –Potere consultivo –A volte deliberante Commissioni temporanee –Di inchiesta –Miste Delegazioni interparlamentari

41 41 Organizzazione III Gruppi politici –Minimo 19 deputati di 1/5 degli Stati membri Anche non iscritti

42 42 Gruppi politici 1.Gruppo del Partito popolare europeo 2.Gruppo dellalleanza progressista dei socialisti e dei democratici 3.Gruppo dellalleanza dei liberali e democratici per lEuropea 4.Gruppo confederale della sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica 5.Gruppo dei verdi/Alleanza libera europea 6.Unione per lEuropa delle nazioni 7.Europa della libertà e gruppo dei democratici 8.Non iscritti

43 43 Partiti politici Statuto adottato con regolamento Finanziamento Regolamento 2003/2004

44 44 Funzionamento Durata: 5 anni Tornate di sessione –Una settimana al mese Delibere adottate a mg dei suffragi espressi Numero legale: 1/3 dei membri che lo compongono

45 45 Sedi Strasburgo –Plenaria Bruxelles –Supplementari, commissioni e gruppi politici Lussemburgo –Segretariato generale

46 46 Funzioni Potere legislativo –Condivisione della funzione legislativa Condivisione della funzione di bilancio –Iniziativa legislativa indiretta Potere di controllo

47 47 Legislativo Richiesta alla Commissione di adottare delle proposte Dibattiti/discussioni Procedimento normativo –Procedura legislativa ordinaria: codecisione –Consultivo –Approvazione

48 48 Controllo I Nei cfr. della Commissione –Costituzione/censura –Relazione generale sullattività dellUnione europea –Relazioni varie –interrogazioni Consiglio –Discussione sul programma della Presidenza –Interrogazioni/raccomandazioni –PESC Consiglio europeo –Relazione dopo ogni riunione –Relazione annuale Petizioni Ricorso alla CdG

49 49 Controllo II Mediatore europeo Nominato dal Parlamento allinizio della legislatura Riceve le denunce di qualsiasi persona su casi di cattiva amministrazione


Scaricare ppt "LE ISTITUZIONI UE Chiara Favilli a.a. 2009/2010. 2 ISTITUZIONI Art. 13 TUE Parlamento Europeo –Mediatore europeo Commissione Europea –Alto Rappresentante."

Presentazioni simili


Annunci Google