La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Farmaci antimicrobici Tappe della scoperta: Paul Ehrlich (1854 – 1915) fondatore della chemioterapia nel 1932, Gerhard Domagk, scopre il Prontosil rosso,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Farmaci antimicrobici Tappe della scoperta: Paul Ehrlich (1854 – 1915) fondatore della chemioterapia nel 1932, Gerhard Domagk, scopre il Prontosil rosso,"— Transcript della presentazione:

1 Farmaci antimicrobici Tappe della scoperta: Paul Ehrlich (1854 – 1915) fondatore della chemioterapia nel 1932, Gerhard Domagk, scopre il Prontosil rosso, e con l'introduzione della SULFANILAMIDE apre la strada ai sulfamidici Uso clinico della penicillina: 1941 (Fleming) I farmaci antimicrobici sono sostanze naturali o di sintesi che vengono usati per inibire la crescita o per uccidere altri microrganismi I farmaci antimicrobici sono fra le classi di farmaci più usate Sono anche la classe di farmaci con il più alto USO SCORRETTO Cui consegue la sempre più ampia comparsa di microorganismi RESISTENTI. La suddivisione di base degli agenti antimicrobici li distingue in: Batteriostatici = inibiscono la crescita del batterio Battericidi = uccidono i microbi

2 Struttura della parete dei batteri Gram-positivi e Gram-negativi Gram-positiviGram-negativi

3 Cocchi Gram+Cocchi Gram- Staphilococcus aureusNeisseria meningitidis Staphilococcus epidermidisNeisseria gonorreae Streptococcus pyogenes beta-emoliticoMoraxella catarrhalis Streptococco pneumoniaeBacilli Gram- Streptococcus viridansEscherichia coliHaemophilus influenzae Enterococcus faecalisEnterobacterBrucella (intracellulare) Peptostreptococcus (anaerobi)Proteus spp Enterob.Legionella p. (intracellulare) Bacilli Gram+Klebsiella P.Pasteurella multocida Bacillus antracis (sporigeno)SerratiaYersinia pestis Corinebacterium difteriaeSalmonella sppBacteroides f. (anaerobi) Listeria monocitogenesShigella sppVibrio cholerae Clostridi (C. tetani, difficile, perfringens): anaerobi, (sporigeni)Pseudomonas ae.Campylobacter jejuni AcinetobacterHelicobacter pylori Bacilli acido-resistenti (Gram+) Mycobacterium tuberculosis Mycobacterium avium Mycobacterium lepraeIntracellulari (atipici)SPIROCHETE RickettsieLeptospira ACTINOMICETI (Gram+)Mycoplasma pBorrelia B. (M. di Lyme) Actinomyces israelii anaerobiChlamydia T.Treponema pallidum Nocardia asteroidesPneumocystis c.

4 USO ERRATO DEGLI ANTIBIOTICI 1.Nelle infezioni da agenti patogeni non-sensibili 2.Nelle febbri di origine sconosciuta 3.Per mancanza di adeguate informazioni batteriologiche 4.Per sovradosaggio o sottodosaggio 5.Periodo errato di trattamento (se troppo prolungato rischio di superinfezioni) 6.Per omissione di altre misure terapeutiche APPROPRIATEZZA DELLA TERAPIA ANTIBIOTICA Accurata diagnosi clinica Accurata diagnosi clinica Spettro antimicrobico idoneo Spettro antimicrobico idoneo Scelta dellantibiotico (bassa tossicità, spettro ristretto, …) Scelta dellantibiotico (bassa tossicità, spettro ristretto, …) Adeguato tempo di inizio della terapia Adeguato tempo di inizio della terapia Appropriatezza del dosaggio Appropriatezza del dosaggio Frequenza di somministrazione Frequenza di somministrazione Concentrazioni adeguate dellantibiotico nella sede di infezione Concentrazioni adeguate dellantibiotico nella sede di infezione Caratteristiche del Paziente (patologie multiorgano, fattori genetici, gravidanza, …) Caratteristiche del Paziente (patologie multiorgano, fattori genetici, gravidanza, …)

5 Scelta dell'agente antimicrobico: fattori farmacocinetici, farmacodinamici e del paziente -Scegliere la via di somministrazione più opportuna -Considerare la localizzazione dell'infezione (es. SNC, ascesso, osso) -Valutare le condizioni generali del paziente (età, fattori genetici, gravidanza, allergie, patologie multi-organo) -Considerare l'efficienza dei sistemi di eliminazione del paziente -Considerare l'efficienza dei sistemi "di difesa" del paziente

6 Scelta dell'agente antimicrobico: situazione clinica e laboratorio -Empirica: si sceglie un agente ad ampio spettro -Mirata: dopo antibiogramma, spettro ristretto, tossicità ridotta -Profilattica: regime corretto!! Il prelievo dei liquidi biologici per l'antibiogramma deve essere effettuato PRIMA dell'inizio dell'antibioticoterapia M.I.C. = Concentrazione minima inibente (la più bassa concentrazione dell'agente antimicrobico che previene la crescita del batterio dopo ore di incubazione) M.B.C. = Concentrazione minima battericida (la più bassa concentrazione dell'agente antimicrobico che riduce del 99,9% il numero di batteri).

7

8

9 PROFILASSI ANTIBIOTICA E' di regola efficace quando diretta verso uno specifico agente patogeno. Ad esempio: - Per prevenire un'endocardite da streptococchi (della cavità orale), da stafilococchi (della cute), o da enterococchi (intestinali) in pazienti con lesioni valvolari che debbano essere sottoposti ad interventi chirurgici che possano causare batteriemiemia - Per la prevenzione di infezioni post-chirurgiche - Per prevenire le infezioni da meningococco - Per prevenire le infezioni urinarie ricorrenti da E.coli - Per la prevenzione della sifilide È di regola non efficace quando mira ad impedire linfezione da parte di un qualsiasi microorganismo presente nellambiente che circonda il paziente

10 n engl j med 360;3 nejm.org january 15, 2009 Stafilococcus aureus meticillino-resistente (MRSA) sulle MANI !!!

11 Resistenze agli antimicrobici Per produrre la sua azione l' antimicrobico deve: -raggiungere il suo bersaglio; -legarsi; -interferire con l'attività del bersaglio La resistenza di un microorganismo può quindi essere dovuta a: 1.impossibilità da parte dell'antibiotico di raggiungere il bersaglio; 2.inattivazione dell' antibiotico 3.modificazione del bersaglio Meccanismi con cui si instaurano le resistenze:. Mutazione genica (trasmissione prevalentemente verticale). Trasduzione = acquisizione di DNA batterico da un batteriofago. Trasformazione = acquisizione di DNA libero nell'ambiente. Coniugazione = passaggio di geni da un batterio ad un altro per contatto diretto

12 CLASSIFICAZIONE dei FARMACI ANTIMICROBICI IN BASE AL MECCANISMO D'AZIONE 1.Agenti che inibiscono la sintesi della parete batterica a) beta-Iattamici (penicilline e cefalosporine) b) glicopeptidi (vancomicina) c) agenti antifungini azolici d) altri (bacitracina, cicloserina) 2. Agenti che alterano la struttura della membrana cellulare a) detergenti (polimixine) b) agenti antifungini polienici (amfotericina B) 3. Agenti che interferiscono con le subunità ribosomiali 30S e 50S, causando inibizione della sintesi proteica del microorganismo (batteriostatici) a) cloramfenicolo b) tetracicline c) macrolidi e clindamicina 4. Agenti che si legano alla subunità 30S ribosomiale alterando la sintesi proteica (battericidi) a) aminoglicosidi

13 CLASSIFICAZIONE dei FARMACI ANTIMICROBICI IN BASE AL MECCANISMO D'AZIONE 5 Agenti che alterano il metabolismo degli acidi nucleici batterici a) rifamicine (rifampicina che blocca la RNA polimerasi) b) chinoIoni o fluorochinoloni (che bloccano la DNA girasi o topoisomerasi) 6. Antimetaboliti a)Sulfamidici b)Trimetoprim 7. Agenti antivirali a) analoghi degli acidi nucleici 8. Agenti antiretrovirali a) inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (ANTI-HIV: lamivudina, zidovudina) b) inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (nevirapina, efavirenz) c) inibitori di delle polimerasi d) altri

14 Classificazione degli antibiotici Classificazione degli antibiotici Tempo-dipendenti Concentrazione-dipendenti Aminoglicosidi Fluorochinoloni Azitromicina Beta-lattamici Glicopeptidi Monobattamici Tetracicline Macrolidi La capacità dell' agente antimicrobico di inibire la crescita dei batteri può essere: tempo-dipendente concentrazione-dipendente

15 Bad Bugs, No Drugs: No ESCAPE Enterococcus faecium (E) (VRE), Staphylococcus aureus (S) (MRSA e VRSA), Clostridium difficile (C), Acinetobacter baumannii (A), Pseudomonas aeruginosa (P), Enterobacteriaceae (E) (Klebsiella p ESBL e KPC)

16 ANTIBIOTICI BETA-LATTAMICI Anello tiazolidinico Anello beta-lattamico Sede dazione della penicillinasi Sede dazione dellamidasi B A B A CEFALOSPORINE PENICILLINE Attività antibatterica Variazioni farmacocinetiche 1 7

17 Mur NAc Glycopeptide Polymer Mur NAc Glycopeptide Polymer Transpeptidase D-Alanine Mur NAc Glycopeptide Polymer Mur NAc = N-acetylmuramic acid; = L-alanine; = D-glutamate; = L-lysine; = D-alanine; = L-alanine; = D-glutamate; = L-lysine; = D-alanine; = glycine = glycine The transpeptidase reaction in Staphylococcus aureus that is inhibited by penicillins and cephalosporins.

18 MECCANISMI DI RESISTENZA ALLE BETALATTAMINE Modifica del bersaglio: alterazione PBP con conseguente ridotta affinità: es. S. pneumoniae penicillino-resistente per ricombinazione omologa tra geni PBP di specie batteriche diverse; S. aureus e stafilococchi coagulasi-negativi meticillino-resistenti per acquisizione transposonica di PBP a bassa affinità per tutti gli antibiotici betalattamici Riduzione della permeabilità: riduzione del numero e delle dimensioni delle porine: es. P. aeruginosa aumentata espressione di pompe di efflusso per gli antibiotici: es. P. aeruginosa, E. coli, N. gonorrhoeae Inattivazione enzimatica: betalattamasi -cromosomiche e plasmidiche, ovvero enzimi che catalizzano lidrolisi di molecole contenenti un anello betalattamico amidasi meccanismo clinicamente non rilevante

19 Classificazione delle penicilline NATURALI Penicillina G (benzilpenicillina) Penicillina V (fenossimetilpenicillina) Acido clavulanico Tienamicina SEMISINTETICHE Penicilline betalattamasi-resistenti Meticilina Oxacillina Cloxacillina Dicloxacillina Flucloxacina Nafcillina AminopenicillineAmpicillina Amoxicillina Bacampicillina CarboxipenicillineCarbenicillina Ticarcillina SulfoxipenicillineSulbenicillina MetoxipenicillineTemocillina AcilureidopenicillineAzlocillina Mezlocillina Piperacillina CarbapenemiImipenem Meropenem Ertapenem

20 Spettro dazione della Penicillina G Streptococchi (0.01 g/ml): alcuni ceppi di viridans e pneumoniae (fino al 25% dei ceppi) sono resistenti; in particolare i pneumococchi nei bambiniStreptococchi (0.01 g/ml): alcuni ceppi di viridans e pneumoniae (fino al 25% dei ceppi) sono resistenti; in particolare i pneumococchi nei bambini Meningococchi (N. meningitis)Meningococchi (N. meningitis) Stafilococchi e St. epidermidis (95% resistenti)Stafilococchi e St. epidermidis (95% resistenti) Gonococchi (alcuni ceppi sono molto resistenti)Gonococchi (alcuni ceppi sono molto resistenti) B. anthracis (molto poco sensibile)B. anthracis (molto poco sensibile) Clostridia ancora molto sensibileClostridia ancora molto sensibile C. diphtheriae (alcuni ceppi molto resistenti)C. diphtheriae (alcuni ceppi molto resistenti) Listeria monocytogenesListeria monocytogenes Streptobacillus moniliformisStreptobacillus moniliformis Pasteurella multocidaPasteurella multocida Proteus mirabilisProteus mirabilis E. coliE. coli Actinomyces israeliActinomyces israeli Treponema pallidumTreponema pallidum Borrelia B. (M. Lyme)Borrelia B. (M. Lyme) (> 10 g/ml) bacilli Gram+ bacilli Gram-

21 Penicillina G: Usi terapeutici Polmonite pneumococcica per ceppi resistenti: cefalosporina di terza generazione o vancomicina. Meningite pneumococcica dosi elevate: idem per i resistenti; Meningite meningococcica la penicillina G resta di I° scelta Faringite streptococciche (Strep. pyogenes -emolitico del gruppo A) compresa la scarlattina. Ottimi risultati anche per ridurre il rischio di febbre reumatica acuta Endocardite, polmonite, artrite, ecc. da streptococchi: se endocardite da viridans: associare aminoglicoside per 4-6 settimane; se da enterococco: penicillina G o ampicillina +/- gentamicina Infezioni da anaerobi: lnfezioni da clostridio (gangrene gassosa) buona risposta Sifilide terapia e profilassi in caso di contatti sessuali con persone affette Difterite la penicillina non riduce l'incidenza delle complicanze o l'esito della malattia, elimina il corinebatterio dal portatore sano. Infezioni da listeria o ampicillina +/- gentamicina. Malattia di Lyme (Borrelia B) prima scelta tetraciclina, o amoxicillina, nelle forme gravi penicillina G Febbre da morso di ratto Spirillum minor in Oriente e lo Streptobacillus moniliformis in America e in Europa) Actinomicosi, Carbonchio, Erisipeloide, lnfezioni da fusospirochete

22 METICILLINANAFCILLINA OXACILLINA (Penstapho) CLOXACILLINA (Cloxacillina sodica) DICLOXACILLINA FLUCLOXACILLINA (Cloxilin, Evercid, ecc.) Spettro dazione hanno minore attività antimicrobica verso i batteri sensibili alla penicillina G, ma sono attive contro gli stafilococchi (Staph. Aureus e Staph. Epidermidis) produttori di -lattamasi. Penicilline BETALATTAMASI RESISTENTI

23 AMPICILLINA (Amplital, Ampiplus, ecc.) AMPICILLINA+SULBACTAN (Bethacil, Unasyn, ecc.) AMOXICILLINA (Velamox, Zimox, ecc.) AMOXICILLINA+ AC. CLAVULANICO (Augmentin, ecc.) BACAMPICILLINA (Bacacil, Bacagen, ecc.) Spettro dazione (allargato) - Strept. pyogenes (gruppo A) (alcuni ceppi sono resistenti) - Staph. aureus (pochissimi ceppi) - Pneumococco (alcuni ceppi sono resistenti) - Ent. Faecalis (alcuni ceppi sono resistenti) - Gonococco (alcuni ceppi sono resistenti) - Meningococco - H. influenzae (alcuni ceppi sono resistenti) - E. coli (alcuni ceppi sono resistenti) - Proteus mirabilis (alcuni ceppi sono resistenti) - Salmonella typhi (alcuni ceppi sono resistenti) - Shigella (pochi ceppi) AMINOPENICILLINE

24 MEZLOCILLINA (Baypen) PIPERACILLINA (Cilpier, Reparcillin, ecc.) PIPERACILLINA+TAZOBACTAM (Tazobac, Tazocin) Spettro dazione (ristretto) - Ent. Faecalis (2 g/ml) - Klebsiella pneumoniae (16-32 g/ml) - Proteus indolo-positivi - Enterobatteriacee (Citrobacter) - Pseudomonas aeruginosa - Serratia marcescens - Bacteroides fragilis ad alte dosi UREIDOPENICILLINE (Antipseudomonas)

25 TAZOBACTAM (triazosulbactam) SULBACTAM (solfone dellacido penicillanico) ACIDO CLAVULANICO Inibitori delle betalattamasi

26 CEFALOSPORINE Prima generazione Seconda generazione Terza generazione Quarta generazione CEFALOTINA Cefaloridina Cefapirina Cefazolina CEFALEXINA (os) Cefradina (os) Cefadroxil (os) Ceftezolo Cefacetrile Cefazedone Cefazaflur Cefprozil Cefatrizina (os) Cefamandolo CEFOTIXIN CEFACLORO CEFUROXIMA Cefonicid Ceforanide Cefotetan Cefotiam Cefmetazolo (os) Cefatrizina Cefroxadina Cefminox Cefuzoname Cefprozil (os) CEFOTAXIMA Latamoxef CEFTIZOXIMA CEFTRIAXONE Cefmenoxima Cefodizima (os) Ceftiolene Cefoperazone Cefpiramide Cefpodoxima Cefetamet CEFIXIMA (os) Ceftibuten Cefdinir Loracarbef Ceftibuten (os) CEFTAZIDIMA Cefsulodin Cefpiroma CEFEPIMA Cefaclidina Cefozopran Cefquinoma FK 037 E 1077 BO-1236

27 1° GENERAZIONE CEFAZOLINA (Acef, Cefamezin, ecc.), CEFALEXINA (Keforal, Ceporex), CEFRADROXIL (Cefadril), CEFATRIZINA (Faretrizin), CEFADRINA (Ecosporina)1° GENERAZIONE CEFAZOLINA (Acef, Cefamezin, ecc.), CEFALEXINA (Keforal, Ceporex), CEFRADROXIL (Cefadril), CEFATRIZINA (Faretrizin), CEFADRINA (Ecosporina) 2° GENERAZIONE CEFUROXIME (Curoxim, Zinnat (os), ecc.), CEFACLOR (Panacef, ecc.), CEFOXITIN (Mefoxin, ecc.), CEFAMANDOLO (Cefam, ecc.), CEFONOCID (Chefir, ecc.), CEFMETAZOLO (Metafar), CEFPROZIL (Cronocef)2° GENERAZIONE CEFUROXIME (Curoxim, Zinnat (os), ecc.), CEFACLOR (Panacef, ecc.), CEFOXITIN (Mefoxin, ecc.), CEFAMANDOLO (Cefam, ecc.), CEFONOCID (Chefir, ecc.), CEFMETAZOLO (Metafar), CEFPROZIL (Cronocef) 3° GENERAZIONECEFOTAXIME (Zariviz), CEFTRIAXONE (Rocefin), CEFTIZOXIME (Eposerin), CEFIXIMA (Suprax, ecc.), CEFODIZIME (Modvid, ecc.), CEFPODOXIME (Cefodox), CEFTIBUTEN (Cedax, ecc.) CEFTAZIDIME (Glazidim), CEFOPERAZONE (Dardum)3° GENERAZIONECEFOTAXIME (Zariviz), CEFTRIAXONE (Rocefin), CEFTIZOXIME (Eposerin), CEFIXIMA (Suprax, ecc.), CEFODIZIME (Modvid, ecc.), CEFPODOXIME (Cefodox), CEFTIBUTEN (Cedax, ecc.) CEFTAZIDIME (Glazidim), CEFOPERAZONE (Dardum) 4° GENERAZIONE CEFEPIME (Maxipime, Cepim)4° GENERAZIONE CEFEPIME (Maxipime, Cepim) CEFALOSPORINE

28 Cefalosporine GenerazioneAttività relativa su specie batteriche Gram-positiveGram-negative Prima+++++ Seconda+++++ Terza++++* Quarta++++++** * In parte attive anche su P. aeruginosa; ** molto attive su P. aeruginosa

29 Reazioni locali (uso parenterale) Allergia (esantemi, dermatite esfoliativa, anemia emolitica, eosinofilia, febbre, Shock anafilattico) Disturbi gastroenterici (Diarrea) Granulocitopenia (rara solo solitamente per trattamenti protratti) Nefrotossicità (soprattutto cefalotina che può causare necrosi tubulare acuta) Ipoprotrombinemia e sanguinamenti per le cefalosporine con gruppo metiltetrazolotiometil, evitare o porre attenzione nei trattamenti combinati con anticoagulanti. Epatotossicità (aumento transaminasi sieriche) Neurotossicità (eccitazione, tremori, mioclonie, allucinazioni, convulsioni) EFFETTI INDESIDERATI

30 Betalattamine e reazioni allergiche INCIDENZA REAZIONI ALLERGICHE PENICILLINA1-10% dei trattati CEFALOSPORINE0,9-3,2% dei trattati INCIDENZA REAZIONI ANAFILATTICHE PENICILLINA1/ trattati morte1/ / CEFALOSPORINEnon determinata, ma definita molto rara REATTIVITA CROCIATA Reazioni allergiche alle CEFALOSPORINE in pazienti allergici alla PENICILLINA: 4-15% L.D. Petz, 1971 e 1978; M. Bigby et al., Boston Collaborative Drug Surveillance Program, JAMA, 1986; M. Boguniewicz, 1995; J.L. Kishiyama and D.C. Adelman, 1994; J.W. Thompson and R.F. Jacobs, 1993

31 ALTRI DERIVATI PENICILLANICI CARBAPENEMI Imipenem (Imipen, Tenacid) in associazione con cilastatin (inibitore deidropeptidasi renali) Meropenem (Merrem) Ertapenem (Invanz) Nausea, vomito (1-20%), convulsioni ad alte dosi, ipersensibilità. Spettro dazione molto ampio: Gram +/- ed anaerobi resistenti ad altri antibiotici (Infezioni nosocomiali) Monobattami (solo anello ß- lattamico) Aztreonam (Azactam, Primbactam) Scarsa reazione crociata da ipersensibilità con le altre lattamine Attivi solo contro i Gram – aerobi

32 Chinoloni 1 ° generazione 2 ° 3 ° Acido Nalidixico NorfloxacinaLevofloxacina CinoxacinaEnoxacinaClinafloxacina Acido Oxolinico PefloxacinaSparfloxacina Acido Pipemidico CiprofloxacinaGrepafloxacina Acido Piromidico OfloxacinaTrovafloxacina LomefloxacinaMoxifloxacina FleroxacinaGatifloxacina Gemifloxacina

33 Ciprofloxacina (CIPROXIN®) Fluorochinoloni Levofloxacina (LEVOXACIN®, PRIXAR®,TAVANIC®) Grepafloxacina Trovafloxacina Moxifloxacina (AVALOX®) Gemifloxacina Sono derivati dai chinoloni per inserzione di un atomo di Fluoro in posizione 6 dellanello base della struttura

34 Fluorochinoloni - Meccanismo dazione DNA girasi enzima responsabile del superavvolgimento negativo del DNA 1º bersaglio nei Gram-negativi (es. E. coli) Topoisomerasi IV enzima responsabile della separazione delle doppie eliche del DNA 1º bersaglio nei Gram-positivi (es. S. aureus)

35 Relazioni struttura-attività dei fluorochinoloni

36 SPETTRO DAZIONE attivi contro i Cocchi e i bacilli Gram negativi (E. coli, Salmonella, Shigella, Proteus mirabilis, Klebsiella pneumoniae, Neisseria, Haemophilus influenzae) attivi contro i Cocchi e i bacilli Gram negativi (E. coli, Salmonella, Shigella, Proteus mirabilis, Klebsiella pneumoniae, Neisseria, Haemophilus influenzae) meno attivi contro Streptococco (levofloxacina più attiva degli altri) meno attivi contro Streptococco (levofloxacina più attiva degli altri) ciprofloxacina, ofloxacina, pefloxacina, attivi contro gli Stafilococchi inclusi i meticillino-resistenti. ciprofloxacina, ofloxacina, pefloxacina, attivi contro gli Stafilococchi inclusi i meticillino-resistenti. attivi contro i batteri intracellulari (Clamidia, Legionella, Micoplasmi, Brucella, Micobatteri incluso quello della tubercolosi). attivi contro i batteri intracellulari (Clamidia, Legionella, Micoplasmi, Brucella, Micobatteri incluso quello della tubercolosi). Non sono attivi contro gli anaerobi anche se la grepafloxacina è attiva contro il Bacteroides fragilis. Norfloxacina è attiva verso Pseudomonas aeruginosa Non sono attivi contro gli anaerobi anche se la grepafloxacina è attiva contro il Bacteroides fragilis. Norfloxacina è attiva verso Pseudomonas aeruginosa

37 FARMACOCINETICA per bocca biodisponibilità Assorbimento: i FC possono essere somministrati per bocca; la biodisponibilità varia dal 55 al 95%, lassunzione a stomaco pieno non abbassa il picco di concentrazione, ma ritarda lassorbimento. per via parenterale Nelle infezioni più gravi è possibile la somministrazione per via parenterale (fleboclisi lenta). renale, polmonare, prostatico e biliare macrofagi e neutrofili liquido ascitico Distribuzione: ampia con concentrazioni elevate di farmaco a livello renale, polmonare, prostatico e biliare. I FC inoltre si accumulano nei macrofagi e neutrofili. Pefloxacina e ofloxacina sono state ritrovate a concentrazioni simili a quelle plasmatiche anche nel liquido ascitico. Metabolizzazione e eliminazione: pefloxacina, sparfloxacina, trovafloxacina sono eliminate prevalentemente per metabolismo epatico (coniugazione con acido glucuronico) ofloxacina e lomefloxacina vengono eliminate solo per via renale (per secrezione tubulare). Emivita 4-5 ore per la norfloxacina e ciprofloxacina, ore della pefloxacina né lemodialisi né la dialisi peritoneale riescono ad allontanare i fluorochinoloni.

38 Effetti indesiderati dei fluorochinoloni TIPO DELLEFFETTO INCIDENZA (%) EFFETTI GRAVI (%) (%) GASTROINTESTINALE (Nausea/vomito, gastralgia, dolori addominali, diarrea) 2, ,1 - 0,3 DISORDINI METABOLICI E NUTRIZIONALI (Aumento transaminasi, anoressia) 3 - 4,5 0,02 - 0,04 NEUROLOGICI (Cefalea, vertigini, insonnia, sonnolenza, variazioni dellumore reazioni psicotiche, allucinazioni, euforia, astenia, turbe della visione, convulsioni) ,05 - 0,09 REAZIONI CUTANEE E DA SENSIBILIZZAZONE (Rash, eritema, orticaria, prurito, fotosensibilizzazione, febbre, anafilassi) 0,6 - 1,5 0,03 - 0,06 OSTEOMUSCOLARI (Artralgia, mialgia) 0,9 EMATOLOGICI (Leucopenia, trombocitopenia) 0,5 - 0,9 0, ,01 CARDIOVASCOLARI (Flebiti, vampate di calore, palpitazioni) 0,2 - 0,4 0,02 - 0,0 UROGENITALI (Albuminuria, cristalluria) 0,1 - 0,3 SENSORIALI (Turbe del gusto, turbe dellolfatto) 0,2 RESPIRATORI (Dispnea) 0,1

39 Effetti indesiderati dei fluorochinoloni I fluorochinoloni sono controindicati nei bambini e nei ragazzi prepuberi, come nelle donne in gravidanza per il loro effetto sulla cartilagine di accrescimento della quale promuovono lossificazione. Negli adulti leffetto si manifesta a carico dei tendini: si manifesta infiammazione con tendiniti, borsiti,ecc. oppure, soprattutto negli anziani rottura del tendine di Achille. Moxifloxacina (AVALOX®) Possibile allungamento QT. Prulifloxacina (UNIDROX®) pro-farmaco, viene attivata per metabolizzazione; deve essere assunta lontano dai pasti: ferro, calcio, antiacidi riducono lassorbimento. Numerose le potenziali interazioni. Fluorochinoloni ritirati dal commercio Temafloxacina (per anemia emolitica da anticorpi) Trovafloxacina (per epatotossicità) Grepafloxacina ( per cardiotossicità) Clinafloxacina (per fototossicità).

40 Impiego clinico dei fluorochinoloni TIPO DI INFEZIONE INDICAZIONE Infezioni urinarie cistite prostatite, pielonefrite sì (tutti ad esclusione della terza generazione) Infezioni respiratorie faringite, otite media otite necrotizzante (P. aeruginosa) bronchite, polmonite fibrosi cistica efficaci i derivati di terza generazione ciprofloxacina ciprofloxacina Infezioni dermatologiche piodermiti, celluliti ulcere da decubito derivati di terza generazione ciprofloxacina, ofloxacina derivati di terza generazione

41 Impiego clinico dei fluorochinoloni TIPO DI INFEZIONE INDICAZIONE Infezioni intestinali enterocolite febbre tifoide tutti ciprofloxacina, ofloxacina, pefloxacina Infezioni ostetrico-ginecologiche tutti Infezionisesso-trasmesse Infezioni sesso-trasmesse gonorrea uretritiaspecifiche uretriti aspecifiche (clamidiemicoplasmi) (clamidie, micoplasmi) cancroide norfloxacinaciprofloxacina, ofloxacina norfloxacina, ciprofloxacina, ofloxacina ciprofloxacinaofloxacina ciprofloxacina, ofloxacina tutti Osteomieliti croniche ciprofloxacinaofloxacinapefloxacina ciprofloxacina, ofloxacina, pefloxacina Chemioprofilassi portatori sani (neisserie) infezioni urinarie non complicate ospite immuno-compromesso chirurgia delle vie urinarie ciprofloxacina norfloxacina, ciprofloxacina, ofloxacina norfloxacina, ofloxacina, pefloxacina

42 Sono costituiti da 2 o più aminozuccheri legati ad un anello aminociclitolo tramite legami glicosidici: sono policationi polari. Sono usati prevalentemente per trattare infezioni da germi Gram negativi aerobi i cosidetti Gram – difficili (Pseudomonas, Enterobacter, Klebsielle, Serratia) Inibiscono la sintesi proteica, ma sono battericidi. Leffetto è concentrazione- dipendente e si osserva un effetto postantibiotico; cioè persiste unattività battericida anche quando le concentrazioni plasmatiche cadono al di sotto della MIC. Hanno una tossicità elevata che costituisce la maggior limitazione al loro impiego AMINOGLICOSIDI

43 Sono antibiotici ad uso ospedaliero. STREPTOMICINA (STREPTOMICINA) viene usata solo in caso di endocardite batterica da enterococco in associazione con una penicillina e come antitubercolare ed è meno nefrotossica. GENTAMICINA (GENTALYN) usata spesso in associazione ad antibiotici - lattamici, viene usata in caso di endocardite batterica da enterococco in associazione con penicillina o vancomicina; per il trattamento di infezioni da Pseudomonas aeruginosa, Enterobacter, Klebsielle, Serratia (eventualmente insieme a β-lattamici) KANAMICINA (KEIMICINA) TOBRAMICINA (NEBICINA) più attiva di gentamicina verso Pseudomonas AMIKACINA (BB-K8) ha lo spettro più ampio di tutti ed è più resistente alle inattivazioni enzimatiche, perciò è di uso specialmente ospedaliero; è usata nel trattamento delle infezioni diffuse da micobatteri nei pazienti con AIDS. Da usare in caso di resistenza alla gentamicina, in caso di infezioni gravi. NETILMICINA (NETTACIN) NEOMICINA (+ BACITRACINA BIMIXIN) più tossico e viene usata solo per via orale per disinfezione intestinale prima di interventi chirurgici a questo livello o nel coma epatico per uccidere i batteri produttori di ammoniaca.

44 FARMACOCINETICA: Assorbimento: pessimo (<1%) per bocca (sono policationi!), perciò somministrazione solo per via e.v. o i.m., oppure per via topica, ma attenzione se insufficienza renale Distribuzione: scarsa, Vd ai liquidi extracellulari, non arrivano nel SNC e sedi protette (es.occhio), ma attraversano la barriera placentare. Metabolizzazione: nessuna. Escrezione: renale (filtrazione glomerulare) immodificati; occorre quindi correggere la dose nei pazienti con insufficienza renale. Lemodialisi rimuove in 12 ore il 50% della dose somministrata.

45 EFFETTI COLLATERALI: Ototossicità (incidenza 25%), spesso irreversibile per accumulo nella endo e peri-linfa; leffetto è correlato alle concentrazioni plasmatiche ed inizia alla base della coclea cioè sono perduti prima i suoni ad alta frequenza. Tuttavia entrambi le componenti dellVIII paio di nervi cranici sono compromesse, così streptomicina e gentamicina hanno prevalentemente effetti vestibolari, gli altri uditivi, tranne tobramicina che danneggia entrambe le componenti. Nefrotossicità ( incidenza 8-26%) praticamente sempre reversibile; primo segno enzimuria. Blocco neuromuscolare ( inusuale) dovuto a riduzione della sensibilità del recettore post-sinaptico allacetilcolina e allinibizione del rilascio del neurotrasmettitore. Allergie possibili ma rarissime, mai colite pseudomembranosa

46 I virus sono parassiti intracellulari che si riproducono grazie alla: 1.Penetrazione nella cellula ospite 2. Utilizzazione dei meccanismi cellulari necessari alla sintesi del DNA e alla produzione di nuove particelle virali Antivirali Papilloma virus

47 VIRUS A DNA Esempi clinici di malattia AdenovirusInfezioni delle vie aeree superiori e dellocchio HBVEpatite B Herpes virusHerpes genitale, varicella, meningoencefalite, mononucleosi, retinite PapillomavirusPapillomi (verruche), cancro (carcinoma della cervice uterina) PoxvirusVaiolo VIRUS A RNA HCV, HAVEpatite C, epatite A ArenavirusCoriomeningite linfocitaria, Lassa Fever CoronavirusInfezioni delle vie aeree superiori FlavivirusFebbre gialla, Dengue, Encefalite OrtomyxovirusInfluenza ParamyxovirusMorbillo, infezioni delle vie aeree superiori PicornavirusPoliomelite, diarrea, infezioni delle vie aeree superiori RetrovirusLeucemia, sindrome da immunodeficienza acquisita(AIDS) RhabdovirusRabbia RhinovirusInfezioni delle vie aeree superiori RubivirusRosolia, Encefalite

48 Strategie terapeutiche nellapproccio al trattamento di infezioni virali Bloccare lattacco del virus alle cellule Bloccare la decapsidazione del virus Inibire la sintesi proteica virale Inibire enzimi virali specifici Inibire lassemblaggio virale Inibire il rilascio del virus Stimolare il sistema immunitario dellospite

49 Dati di base sulla terapia antivirale 1.Spesso i farmaci attivi hanno eccessiva tossicità sull' ospite; 2.I farmaci efficaci hanno in genere spettro d'azione ristretto e diretto contro una specifica proteina virale (es. polimerasi, ecc); 3.La modifica a volte di un solo nucleotide e quindi di un solo aminoacido è sufficiente a provocare resistenza al farmaco; 4.l farmaci attualmente disponibili inibiscono solo la replicazione virale quindi è necessaria l'efficienza del sistema immunitario dell'ospite; 5.I farmaci attuali non eliminano i virus non replicanti cioè latenti; 6.L'efficacia della terapia è comunque legata al raggiungimento di concentrazioni inibitorie nel sito dell'infezione;

50

51

52 Inibitori della DNA polimerasi Aciclovir Zovirax: uso clinico: trattamento delle infezioni da herpesvirus; può essere usato per tutte le vie: topica, orale, endovenosa lenta. Cinetica: biodisponibilità orale bassa (circa 20%), possibile la somministrazione e.v.; la distribuzione è abbastanza ampia e raggiunge il liquor (dove la concentrazione è circa metà di quella plasmatica). Metabolizzazione modesta (circa 10%), escrezione renale in quota importante immodificato (circa 65%). Emivita circa 2,5 ore, maggiore nell'insufficienza renale (circa 20 ore nell'anuria). Effetti indesiderati: tromboflebiti locali nell'infusione; cristalluria con insufficienza renale; encefalopatia acuta; depressione midollare e danno epatico. Per via orale è frequente la nausea, la diarrea, ma anche le vertigini e i rash cutanei. Nelle somministrazioni topiche: bruciore e irritazione locale e cheratite superficiale. Ganciclovir Citovirax: più potente di aciclovir. uso clinico: trattamento delle infezioni da citomegalovirus; uso prevalente in immunocompromessi con infezioni gravi o trapiantati, soprattutto per le retiniti da CMV.. Effetti collaterali: mielotossicità. Possibili anche effetti indesiderati sul SNC con cefalea, convulsioni e coma. E' embriotossico e teratogeno. Valganciclovir Valcyte Famciclovir e Penciclovir FAMVIR e VECTAVIR attivi contro i virus Herpes, ma attività anche contro il virus dell'epatite B. Cidofovir VISTIDE attivo contro Herpes, Papilloma, Polyoma, Pox- e Adenovirus. Nefrotossicità FARMACI ANTIVIRALI: INIBITORI DELLA SINTESI DEGLI ACIDI NUCLEICI

53 Inibitori della transcriptasi inversa (DNA polimerasi RNA-dipendente) nucleosidici Ribavirina Rebetol Trattamento delle epatiti virali croniche da HCV, in associazione con interferone α Zidovudina (AZT) Retrovir analogo della timidina Didanosina (ddI) Videx Zalcitabina (ddC) Hivid Stavudina (d4T) Zerit Lamivudina (3TC) Epivir analogo della citosina. Non sono curativi ritardano la comparsa delle complicanze e limmunodepressione; riducono la mortalità. Si associano a molti effetti collaterali tra i quali grave acidosi lattica con steatosi epatica. La zidovudina non si può associare alla stavudina per competizione della fosforilazione intracellulare Inibitori della transcriptasi inversa non nucleosidici Efavirenz (EFV) Sustiva; lunga emivita (T1/2 ca. 50 ore). Nevirapina (NVP) Viramune Possono causare rash cutaneo (Sindrome di Steven-Johnson), effetti sul SNC, ecc. Tutti sono metabolizzati dal sistema microsomiale epatico attenzione alle interazioni (induzione). FARMACI ANTIVIRALI: INIBITORI DELLA SINTESI DEGLI ACIDI NUCLEICI

54 FARMACI ANTIVIRALI: INIBITORI DEGLI EVENTI POST-TRADUZIONALI Inibitori delle proteasi Saquinavir Invirase Ritonavir Norvir in associazione Indinavir Crixivan Nelfinavir Viravept Amprenavir Agenerase Agiscono inibendo la proteolisi di precursori proteici essenziali per il virus per infettare nuove cellule. Sono molto utili in associazione con farmaci delle precedenti classi. Possono dare iperglicemia, diabete, possono causare intolleranza gastrointestinale, lipodistrofia, ma nel complesso sono ben tollerati. Tutti sono metabolizzati dal sistema microsomiale epatico attenzione alle interazioni (inibizione).

55 HIV: Scopo della terapia è la soppressione della replicazione virale. Nessuno dei farmaci attualmente disponibili è in grado di eradicare linfezione. Tuttavia, usati in associazione, possono ridurre la replicazione virale, migliorare lo stato immunologico, prolungare la vita e migliorarne la qualità nuove terapie anti-retrovirus altamente efficaci: HAART: Highly active antiretroviral therapy: è una combinazione di tre-quattro farmaci anti- virali: es. 2 inibitori nucleosidici e 1 inbitore delle proteasi. Es. stavudina, lamivudina e indinavir potenziati da ritonavir I farmaci vanno somministrati più volte nella giornata e alcuni vanno somministrati con il cibo. Effetti collaterali importanti


Scaricare ppt "Farmaci antimicrobici Tappe della scoperta: Paul Ehrlich (1854 – 1915) fondatore della chemioterapia nel 1932, Gerhard Domagk, scopre il Prontosil rosso,"

Presentazioni simili


Annunci Google