La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IntossicazioniAlcoolismo Tossicodipendenze Tossicodipendenze Dott.ssa Alessia Ferretti Roma, 28/03/2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IntossicazioniAlcoolismo Tossicodipendenze Tossicodipendenze Dott.ssa Alessia Ferretti Roma, 28/03/2006."— Transcript della presentazione:

1 IntossicazioniAlcoolismo Tossicodipendenze Tossicodipendenze Dott.ssa Alessia Ferretti Roma, 28/03/2006

2 Intossicazione stato morboso dovuto all'azione sui tessuti dell'organismo di sostanze endogene o esogene capaci di alterare in modo transitorio o permanente il biochimismo cellulare. Intossicazione stato morboso dovuto all'azione sui tessuti dell'organismo di sostanze endogene o esogene capaci di alterare in modo transitorio o permanente il biochimismo cellulare. Alcolismo Intossicazione prodotta dall'abuso di bevande alcoliche. Alcolismo Intossicazione prodotta dall'abuso di bevande alcoliche. Tossicomanie uso abituale di droghe naturali o sintetiche assunte sotto varia forma e per diverse vie. Induce inizialmente emozioni piacevoli, mutamento dello stato psichico e comporta l'assuefazione. Tossicomanie uso abituale di droghe naturali o sintetiche assunte sotto varia forma e per diverse vie. Induce inizialmente emozioni piacevoli, mutamento dello stato psichico e comporta l'assuefazione. Sindrome dastinenza è una complessa sintomatologia fisica e psichica che si manifesta alla sospensione dellassunzione di una o più sostanze nei confronti delle quali un soggetto abbia sviluppato una dipendenza Sindrome dastinenza è una complessa sintomatologia fisica e psichica che si manifesta alla sospensione dellassunzione di una o più sostanze nei confronti delle quali un soggetto abbia sviluppato una dipendenza Alcune definizioni

3 Le intossicazioni possono essere di vari tipi, in base alla via di assunzione dellagente tossico: ingestione lassunzione avviene per assorbimento attraverso lapparato digerente (volontaria o meno) ingestione lassunzione avviene per assorbimento attraverso lapparato digerente (volontaria o meno) inalazione lingresso della sostanza avviene attraverso le vie aeree: è il meccanismo tipico dei gas, dei vapori e delle polveri. inalazione lingresso della sostanza avviene attraverso le vie aeree: è il meccanismo tipico dei gas, dei vapori e delle polveri. via parenterale attraverso iniezione diretta nel sangue o nel sistema linfatico (iniezioni,punture di insetto) via parenterale attraverso iniezione diretta nel sangue o nel sistema linfatico (iniezioni,punture di insetto) contatto cutaneo gli effetti tossici sono legati allazione diretta di sostanze irritanti o corrosive e allassorbimento attraverso la pelle o gli occhi (anilina, cianuro, diossina, insetticidi). Le sostanze acide, caustiche o corrosive possono creare ustioni o lesioni anche gravi agli apparati, soprattutto quelli interni (apparato digerente), per cui è opportuno considerare anche le lesioni associate per il trattamento. contatto cutaneo gli effetti tossici sono legati allazione diretta di sostanze irritanti o corrosive e allassorbimento attraverso la pelle o gli occhi (anilina, cianuro, diossina, insetticidi). Le sostanze acide, caustiche o corrosive possono creare ustioni o lesioni anche gravi agli apparati, soprattutto quelli interni (apparato digerente), per cui è opportuno considerare anche le lesioni associate per il trattamento. INTOSSICAZIONI

4 SEGNI E SINTOMI Ingestione dolore alla deglutizione (se caustici o acidi) dolore alla deglutizione (se caustici o acidi) ustioni alla bocca e allesofago se caustici o acidi) ustioni alla bocca e allesofago se caustici o acidi) salivazione eccessiva o schiumosa salivazione eccessiva o schiumosa dolori addominali dolori addominali nausea e vomito nausea e vomito diarrea diarrea Inalazione bruciore agli occhi bruciore agli occhi irritazione delle vie respiratorie con bruciore a bocca, naso, gola e torace irritazione delle vie respiratorie con bruciore a bocca, naso, gola e torace tosse e senso di soffocamento tosse e senso di soffocamento dispnea dispnea cianosi cianosi diarrea per inalazione di insetticidi diarrea per inalazione di insetticidi Via parenterale reazione locale nel punto di penetrazione: gonfiore, eritema, prurito, bruciore o dolore reazione locale nel punto di penetrazione: gonfiore, eritema, prurito, bruciore o dolore Cutanea prurito prurito lesioni cutanee irritative (eritema, ustioni) o allergiche (edema, eritema, vesciche) lesioni cutanee irritative (eritema, ustioni) o allergiche (edema, eritema, vesciche)

5 TRATTAMENTO Proteggi Te stesso valutare attentamente la scena e lambiente (osserva e annusa) considerare la presenza di eventuali tossici nellambiente considerare la presenza di eventuali tossici nellambiente non compiere atti azzardati (aspetta i V.V.F) non compiere atti azzardati (aspetta i V.V.F) prima di toccare i feriti valutare la presenza di agenti tossici sugli indumenti prima di toccare i feriti valutare la presenza di agenti tossici sugli indumenti Il paziente se necessario allontanarlo dalla fonte intossicante e portarlo in un luogo sicuro Lambiente se sospettate la presenza di tossici, non accendere fiamme, torce, luci, motori. evacuare lambiente se cè rischio di contaminazione evacuare lambiente se cè rischio di contaminazione delimitare eventuali aree di rischio delimitare eventuali aree di rischio impedire laccesso a persone estranee impedire laccesso a persone estranee non diffondere panico nei presenti non diffondere panico nei presenti allertare Vigili del fuoco e/o forze dellordine in tutti i casi di tossici ambientali non identificati o pericolosi (gas esplosivi o infiammabili!); allertare Vigili del fuoco e/o forze dellordine in tutti i casi di tossici ambientali non identificati o pericolosi (gas esplosivi o infiammabili!); Nei casi di intossicazioni di massa Effettua il triage numero dei pazienti intossicati numero dei pazienti intossicati gravità dei pazienti (valuta le funzioni vitali) gravità dei pazienti (valuta le funzioni vitali) comunicare con la centrale operativa comunicare con la centrale operativa

6 Valutare vie di penetrazione quantità di tossico implicata quantità di tossico implicata tempo di esposizione al tossico. tempo di esposizione al tossico. Assistire il/i paziente/i assicurare ABC somministrare ossigeno in caso di dispnea, shock, turbe della coscienza monitorizzare i parametri vitali allertare i soccorsi in caso di alterazioni delle funzioni vitali Raccogliere informazioni raccogliere e conservare recipienti delle sostanze tossiche coinvolte se si tratta di intossicazione in ambito lavorativo allertare il pronto soccorso comunicando il tipo di tossico implicato (se identificato), la via di penetrazione e le condizioni dei pazienti Contattare il Centro Antiveleni solo se il trasporto richiede tempi elevati (> minuti) se sei presente come soccorritore occasionale raccoglire e comunicare le informazioni essenziali TRATTAMENTO

7 Informazioni da fornire al centro antiveleno età del paziente età del paziente peso del paziente peso del paziente identificazione esatta della sostanza tossica identificazione esatta della sostanza tossica se tossico ingerito, specificare la quantità se tossico ingerito, specificare la quantità se ingerito, riferire se a stomaco pieno o vuoto se ingerito, riferire se a stomaco pieno o vuoto da quanto tempo è successo da quanto tempo è successo eventuali sintomi e segni presenti eventuali sintomi e segni presenti eventuali provvedimenti adottati eventuali provvedimenti adottati TRATTAMENTO

8 TRATTAMENTO Tossici ingeriti Provocare il vomito stimolando la faringe con un dito; Provocare il vomito stimolando la faringe con un dito; Non farlo se: Il paziente ha ingerito: caustici (aggrava le lesioni esofagee) sostanze schiumogene (rischio inalazione schiuma) sostanze schiumogene (rischio inalazione schiuma) derivati dal petrolio o solventi (causano lesioni polmonari) derivati dal petrolio o solventi (causano lesioni polmonari) non conosci la natura del tossico non conosci la natura del tossico Se il paziente non è ben cosciente: non somministrare nulla per bocca assistere il paziente se vomita spontaneamente (aspira e ruota su un fianco) procedere ad una rapida ospedalizzazione conservare il vomito se possibile mettere il paziente in PLS

9 TRATTAMENTO Tossici inalati Sospettare sempre unintossicazione da inalazione nei seguenti casi: ambiente chiuso in cui sia avvenuta o sia in corso qualunque tipo di combustione (camini, stufe, scaldabagni) ambiente chiuso in cui sia avvenuta o sia in corso qualunque tipo di combustione (camini, stufe, scaldabagni) presenza di motori non elettrici in funzione presenza di motori non elettrici in funzione strani odori avvertibili nella zona strani odori avvertibili nella zona dispersione di prodotti chimici nellambiente dispersione di prodotti chimici nellambiente indossare sempre guanti e mascherina!!! indossare sempre guanti e mascherina!!! Agire in fretta: aerare lambiente allontanare il paziente (priorità assoluta!!!) attuare provvedimenti relativi alla sicurezza somministrare ossigeno ad alti flussi prima possibile porre il paziente in posizione semiseduta/seduta se in buone condizioni porre supino se incosciente o con segni di shock porre il paziente in PLS se vomita coprire il paziente (alcuni tossici come il metano causano ipotermia!)

10 TRATTAMENTO Tossici da contatto Indossa i guanti Allontana il tossico: rimuovi gli indumenti contaminati Lava la parte colpita con acqua corrente o soluzione fisiologica per 10 min Non usare altre sostanze chimiche per rimuovere il tossico Non applicare pomate o colliri Trattare le eventuali ustioni associate Non usare acqua e sapone se il tossico è derivato dal petrolio acqua e sapone se il tossico è derivato dal petrolio spazzolare a secco in caso di calce secca (si attiva con lacqua) spazzolare a secco in caso di calce secca (si attiva con lacqua) se sono colpiti gli occhi, lava con fisiologica in una siringa per 20 min, no in caso di calce secca!! se sono colpiti gli occhi, lava con fisiologica in una siringa per 20 min, no in caso di calce secca!!

11 DROGHE E ALCOOL DROGHE si intendono tutte le sostanze in grado di influenzare la mente; alcune di queste sono illegali, altre sono psicofarmaci, altre ancora vengono vendute liberamente. DROGHE si intendono tutte le sostanze in grado di influenzare la mente; alcune di queste sono illegali, altre sono psicofarmaci, altre ancora vengono vendute liberamente. luso e labuso di tali sostanze porta: luso e labuso di tali sostanze porta: fisica x assuefazione (es. alcool,eroina) fisica x assuefazione (es. alcool,eroina) dipendenza, che può essere psicologica reazione di fuga dal mondo dipendenza, che può essere psicologica reazione di fuga dal mondo sociale bisogno di appartenere ad un gruppo sociale bisogno di appartenere ad un gruppo overdose, quando si assume una dose di droga superiore a quella tollerata dallorganismo overdose, quando si assume una dose di droga superiore a quella tollerata dallorganismo reazioni di allucinazione, eccitazione e aggressività mettono in pericolo sia il drogato che le persone che gli stanno intorno reazioni di allucinazione, eccitazione e aggressività mettono in pericolo sia il drogato che le persone che gli stanno intorno

12 DROGHE E ALCOOL queste sostanze si dividono in: psicodepressive (diminuiscono le facoltà mentali) alcool tranquillanti tranquillanti oppiacei oppiacei psicostimolanti (eccitanti) cocaina anfetamine anfetamine psicoalteranti (allucinogeni) acidi cannabinoidi

13 Perché attraggono?? gli allucinogeni provocano viaggi (trip) psichedelici in cui la percezione di sé e dell'ambiente circostante viene alterata. E' quindi possibile non distinguere la realtà dall'immaginario e perdere i confini spazio temporali, confondendo il proprio sé con quanto ci circonda.I trip possono essere piacevoli, con forti sensazioni di benessere, oppure "bad trip", con sensazioni molto negative. gli allucinogeni provocano viaggi (trip) psichedelici in cui la percezione di sé e dell'ambiente circostante viene alterata. E' quindi possibile non distinguere la realtà dall'immaginario e perdere i confini spazio temporali, confondendo il proprio sé con quanto ci circonda. I trip possono essere piacevoli, con forti sensazioni di benessere, oppure "bad trip", con sensazioni molto negative. la cocaina agisce sul cervello influenzando l'energia, la memoria, la vigilanza, l'umore, il piacere. All'inizio dà sicurezza, efficienza, vitalità intellettuale, esalta la resistenza fisica. Quando termina l'effetto c'è il cosiddetto down: ci si sente stanchi, si entra in depressione e, con il tempo e l'aumento delle dosi si giunge a non provare piacere per nessuna cosa. In poco tempo la cocaina porta all'abuso: si sente sempre più forte il bisogno di prenderne ancora, fino al punto in cui, se dosi e frequenza aumentano, non si riesce più a farne a meno. L'overdose può portare alla morte per arresto cardiaco, convulsioni o paralisi respiratoria. la cocaina agisce sul cervello influenzando l'energia, la memoria, la vigilanza, l'umore, il piacere. All'inizio dà sicurezza, efficienza, vitalità intellettuale, esalta la resistenza fisica. Quando termina l'effetto c'è il cosiddetto down: ci si sente stanchi, si entra in depressione e, con il tempo e l'aumento delle dosi si giunge a non provare piacere per nessuna cosa. In poco tempo la cocaina porta all'abuso: si sente sempre più forte il bisogno di prenderne ancora, fino al punto in cui, se dosi e frequenza aumentano, non si riesce più a farne a meno. L'overdose può portare alla morte per arresto cardiaco, convulsioni o paralisi respiratoria. chi utilizza leroina ricerca il flash, un momento di benessere acuto e improvviso. L'assunzione, anche di poche dosi, può generare dipendenza in modo molto rapido, sia dal punto di vista fisico che psicologico chi utilizza leroina ricerca il flash, un momento di benessere acuto e improvviso. L'assunzione, anche di poche dosi, può generare dipendenza in modo molto rapido, sia dal punto di vista fisico che psicologico

14 ALCOOL Sostanza psicoattiva che dà dipendenza e assuefazione. Sostanza psicoattiva che dà dipendenza e assuefazione. L'alcoolismo è la più antica e diffusa dipendenza nel mondo occidentale. L'alcoolismo è la più antica e diffusa dipendenza nel mondo occidentale. Si trova in commercio sotto forma di: birra, vino, distillati, liquori. Si trova in commercio sotto forma di: birra, vino, distillati, liquori. I danni sono legati alla concentrazione di alcool nel sangue (alcolemia) che dipende dalla quantità assunta, ma anche da età, sesso, peso, salute, digiuno o meno…. I danni sono legati alla concentrazione di alcool nel sangue (alcolemia) che dipende dalla quantità assunta, ma anche da età, sesso, peso, salute, digiuno o meno….

15 Perché si cerca?? L'assunzione provoca: L'assunzione provoca: sensazione di leggerezza sensazione di leggerezza ebbrezza ebbrezza facilita comunicazione e socializzazione facilita comunicazione e socializzazione ma si può anche diventare: ma si può anche diventare: petulanti, petulanti, scocciatori, scocciatori, violenti violenti litigiosi, litigiosi, sbruffoni o piagnoni, sbruffoni o piagnoni, rovinando amicizie, amori e matrimoni

16 Danni Gastriti Gastriti Ulcere Ulcere Epatiti Epatiti Cirrosi Cirrosi In gravidanza: problemi nello sviluppo del bambino. In gravidanza: problemi nello sviluppo del bambino. Uso prolungato: danni al cuore, fegato, stomaco e cervello, facoltà psichiche Uso prolungato: danni al cuore, fegato, stomaco e cervello, facoltà psichiche La dipendenza sia fisica che mentale a lungo termine causa: irritabilità, tremori alle mani, crampi, nausea e ansia, sintomi che scompaiono solo se si assume nuovamente la bevanda alcolica. La dipendenza sia fisica che mentale a lungo termine causa: irritabilità, tremori alle mani, crampi, nausea e ansia, sintomi che scompaiono solo se si assume nuovamente la bevanda alcolica.

17 Danni overdose intossicazione acuta (sbronza), in persone astemie o associando alcool e droghe, come eroina e psicofarmaci. Si riconosce per lodore dellalito, difficoltà ad articolare le parole, nel coordinare i movimenti, confusione mentale. overdose intossicazione acuta (sbronza), in persone astemie o associando alcool e droghe, come eroina e psicofarmaci. Si riconosce per lodore dellalito, difficoltà ad articolare le parole, nel coordinare i movimenti, confusione mentale. rischi legati al comportamento sessuale più disinibito e quindi meno protetto rischi legati al comportamento sessuale più disinibito e quindi meno protetto incidenti stradali, l'associazione di alcool alla guida dell'auto causa pericoli mortali a sé e agli altri. incidenti stradali, l'associazione di alcool alla guida dell'auto causa pericoli mortali a sé e agli altri. ogni anno, in Italia, circa morti sono associate al consumo di alcool ogni anno, in Italia, circa morti sono associate al consumo di alcool astinenza tremori diffusi, allucinazioni,crisi convulsiveche possono portare a morte per arresto respiratorio. astinenza tremori diffusi, allucinazioni,crisi convulsiveche possono portare a morte per arresto respiratorio.

18 TABACCO Il tabacco fu portato in Europa dai reduci delle esplorazioni colombiane. Nelle prime notizie storiche si legge che gli indiani " mischiano il fiato con il fumo di un'erba chiamata "petum" e soffiano come dannati". Il tabacco fu portato in Europa dai reduci delle esplorazioni colombiane. Nelle prime notizie storiche si legge che gli indiani " mischiano il fiato con il fumo di un'erba chiamata "petum" e soffiano come dannati". il "petum" o "tabago" veniva annusato, masticato o fumato in delle pipe di pietra rossastra. il "petum" o "tabago" veniva annusato, masticato o fumato in delle pipe di pietra rossastra. sia per i Maya, che per i pellirosse, il far ardere il tabacco rappresentava un fatto religioso e voler osannare il Dio Balan, il dio dei quattro venti, che accendeva con i suoi lampi e le sue fumate ( le nuvole) il cielo sia per i Maya, che per i pellirosse, il far ardere il tabacco rappresentava un fatto religioso e voler osannare il Dio Balan, il dio dei quattro venti, che accendeva con i suoi lampi e le sue fumate ( le nuvole) il cielo

19 maggior possibilità di andare incontro a tumori; in primo luogo a quelli polmonari, ma anche della vescica, pancreas, utero maggior possibilità di andare incontro a tumori; in primo luogo a quelli polmonari, ma anche della vescica, pancreas, utero ma ricordiamo i danni della nicotina in modo particolare sul cuore e alla circolazione (es. la prima sigaretta del mattino, oltre a stimolare le funzioni intestinali, provoca tachicardia, cioè l'aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione arteriosa e si possono avvertire senso di freddo a mani e piedi in seguito a spasmi circolatori) ma ricordiamo i danni della nicotina in modo particolare sul cuore e alla circolazione (es. la prima sigaretta del mattino, oltre a stimolare le funzioni intestinali, provoca tachicardia, cioè l'aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione arteriosa e si possono avvertire senso di freddo a mani e piedi in seguito a spasmi circolatori) fa danni a chi soffre di ipertensione, di angina o di insufficienza arteriosa o a chi abbia avuto un infarto. fa danni a chi soffre di ipertensione, di angina o di insufficienza arteriosa o a chi abbia avuto un infarto. non giova a chi ha il colesterolo e/o trigliceridi alti; la nicotina infatti stimola la liberazione dei grassi dai depositi e ne fa aumentare la quota circolante, mantenendone elevato il tasso circolante. non giova a chi ha il colesterolo e/o trigliceridi alti; la nicotina infatti stimola la liberazione dei grassi dai depositi e ne fa aumentare la quota circolante, mantenendone elevato il tasso circolante. Negli anziani poi, in modo particolare, aumenta il richio embolico e trombotico. Danni

20 Danni Effetti della nicotina sullo stomaco: stimola la secrezione acida dello stomaco e quindi favorisce la gastrite e l ulcera. Effetti della nicotina sullo stomaco: stimola la secrezione acida dello stomaco e quindi favorisce la gastrite e l ulcera. ATTENZIONE Chi è in terapia farmacologica per lulcera, fumando compie una cosa senza senso, infatti da una parte la medicina fa diminuire la stimolazione acida mentre dall'altra la sigaretta la stimola ATTENZIONE Chi è in terapia farmacologica per lulcera, fumando compie una cosa senza senso, infatti da una parte la medicina fa diminuire la stimolazione acida mentre dall'altra la sigaretta la stimola effetti dannosi del catrame sui polmoni e ai derivati della nicotina che agiscono come cancerogeni sia sul polmone che su organi distanti come il pancreas, l'utero e la vescica. effetti dannosi del catrame sui polmoni e ai derivati della nicotina che agiscono come cancerogeni sia sul polmone che su organi distanti come il pancreas, l'utero e la vescica.

21 Sindrome dastinenza Sintomi dolorose contrazioni muscolari spt in sede lombare e arti inferiori, accompagnate da irrequietezza motoria che possono sfociare in vere e proprie crisi di agitazione psicomotoria, algie ossee, crisi viscerali caratterizzate da intense algie addominali con vomito e diarrea. Il quadro psicologico è dominato da intense pulsioni alla ricerca della droga di elezione, connotate da angoscia, ansia, auto- ed eteroaggressività, frequenti sono gli episodi di violenza, anche molto gravi, per lincapacità del paziente di dominare gli impulsi.


Scaricare ppt "IntossicazioniAlcoolismo Tossicodipendenze Tossicodipendenze Dott.ssa Alessia Ferretti Roma, 28/03/2006."

Presentazioni simili


Annunci Google