La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto O.N.E. Ri-organizzazione del Gruppo in Italia Linee guida di progetto e nuovo assetto organizzativo Incontro con OO.SS. Milano, 20 novembre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto O.N.E. Ri-organizzazione del Gruppo in Italia Linee guida di progetto e nuovo assetto organizzativo Incontro con OO.SS. Milano, 20 novembre 2012."— Transcript della presentazione:

1 Progetto O.N.E. Ri-organizzazione del Gruppo in Italia Linee guida di progetto e nuovo assetto organizzativo Incontro con OO.SS. Milano, 20 novembre 2012 PRELIMINARE

2 1 Obiettivo del documento Illustrare, sulla base delle linee guida della ri-organizzazione del Gruppo approvata dal CdA nel mese di Luglio 2012, il futuro assetto organizzativo del perimetro Country Chairman Italy

3 2 1. Group Organization Leaner Design 2. Organization Network Evolution Ri-organizzazione di Gruppo: contesto di riferimento e obiettivi Il progetto di ri-organizzazione del Gruppo (G.O.L.D. 1 ) è tra le iniziative previste dal Top Management per consentire il raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel Piano strategico approvato a Novembre 2011 Le linee guida della ri-organizzazione sono state approvate dal Consiglio di Amministrazione del 10 Luglio 2012 Per quanto riguarda lItalia, il nuovo modello ha principalmente lobiettivo di: - Accelerare il processo decisionale - Semplificare il dialogo tra i clienti e la banca - Massimizzare le sinergie commerciali tra diversi segmenti nellambito dello stesso territorio Principali interventi sul modello organizzativo in Italia Le linee guida della riorganizzazione vengono declinate in Italia attraverso il progetto O.N.E. 2, i cui interventi principali sono: - Assegnazione a ciascun Responsabile di Region della gestione dei clienti F&SME e Corporate, pur mantenendo la specializzazione dei modelli di servizio - Mantenimento di una Rete commerciale dedicata per il Private Banking - Trasferimento a livello locale delle attività di marketing Le linee guida della riorganizzazione vengono declinate in Italia attraverso il progetto O.N.E. 2, i cui interventi principali sono: - Assegnazione a ciascun Responsabile di Region della gestione dei clienti F&SME e Corporate, pur mantenendo la specializzazione dei modelli di servizio - Mantenimento di una Rete commerciale dedicata per il Private Banking - Trasferimento a livello locale delle attività di marketing Lavvio del ri-disegno del modello organizzativo di Gruppo è stato approvato dal CdA lo scorso Luglio, definendo anche gli obiettivi di ri-disegno per lItalia PRELIMINARE

4 3 Sulla base delle linee guida della ri-organizzazione, è stato definito il futuro assetto del perimetro Country Chairman Italy … SEMPLIFICATA xxx # di strutture Country Chairman Italy Region Private Banking Italy Network Corporate Sales & Mktg CLs di indirizzo e supporto Funzioni di supporto al Business Business HR Italy Organization Italy General Secretary Stakeholders & Service Intel. Italy Internal Controls Italy Business Support Planning & Control Italy Compliance Italy CRO ItalyLegal Italy Individuals & SB Sales & Mktg Multichannel Distrib.Integr. Strategy NetworkMarketing e Canali Country Development CLs di indirizzo e controllo Focus del documento 7 21 Direzione Network Real Estate 3 I&C Italy 1 PRELIMINARE 1: denominazione da confermare

5 4 … la cui nuova Rete Commerciale è stata ripensata allinsegna della semplificazione La nuova Rete Commerciale xxx # di strutture Country Chairman Italy Distretto Centro Sviluppo Centro Corporate Area Commerciale SEMPLIFICATA Region 7 Commento Il Regional Manager è responsabile unico della gestione della clientela F&SME e Corporate sul territorio di competenza ed assicura il raggiungimento degli obiettivi economici, commerciali e di soddisfazione della clientela Il Responsabile di Area Commerciale assicura il governo, lindirizzo commerciale ed il controllo dei Centri Sviluppo, dei Distretti e dei Centri Corporate nel proprio perimetro di competenza Sarà garantita una presenza capillare e canali specializzati a servizio del cliente nellambito dello stesso territorio attraverso: - Centri Sviluppo che avranno lobiettivo di incrementare le quote di mercato ed il numero di clienti della Banca - Distretti, invariati rispetto alla situazione attuale, che attraverso Filiali ed Agenzie serviranno la clientela Individui e Piccole Imprese - Centri Corporate dedicati alla clientela Medie Imprese e Corporate Il Regional Manager è responsabile unico della gestione della clientela F&SME e Corporate sul territorio di competenza ed assicura il raggiungimento degli obiettivi economici, commerciali e di soddisfazione della clientela Il Responsabile di Area Commerciale assicura il governo, lindirizzo commerciale ed il controllo dei Centri Sviluppo, dei Distretti e dei Centri Corporate nel proprio perimetro di competenza Sarà garantita una presenza capillare e canali specializzati a servizio del cliente nellambito dello stesso territorio attraverso: - Centri Sviluppo che avranno lobiettivo di incrementare le quote di mercato ed il numero di clienti della Banca - Distretti, invariati rispetto alla situazione attuale, che attraverso Filiali ed Agenzie serviranno la clientela Individui e Piccole Imprese - Centri Corporate dedicati alla clientela Medie Imprese e Corporate Cinghia commerciale Network Deputy Area Manager 1 PRELIMINARE

6 5 Ciascuna Region opererà come una Banca del territorio, affiancata localmente da CLs e funzioni di supporto Articolazione della Region xxx # di strutture Region Commerciale Corporate Commerciale Distretti Public Sector & Territorial development Area Commerciale 7 SEMPLIFICATA Specialisti prodotto Centri Mutui Privati Centri Mutui Imprese Deputy Specialisti prodotto Centri Estero Filiali operative Credit Analyst Team P&C Italy Orga Italy Internal Controls Italy Legal Italy Stakeholders & Serv. Intel. Italy CRO Italy (Credit Hub) Nodi locali a supporto della Region CL di indirizzo e supporto Funzioni di supporto al business HR Italy CL di indirizzo e controllo 1 Stakehold. & Terr. Development Manager Centri Public Sector Per ogni Region un nodo locale dedicato Referente Compliance PRELIMINARE

7 6 Passando ad un esempio concreto, attraverso la ri-organizzazione della Region Nord-Est si coglie il valore della semplificazione SEMPLIFICATA To Be Region Nord EstAs Is presidio territorio Nord Est 1. Semplificazione data anche dalla segregazione dei portafogli RE nella Direzione Network RE: Fonte: Progetto O.N.E. (Organization Network Evolution) AC Verona AC Treviso AC Vicenza Country Chairman Italy Region Nord Est AC Verona Provincia AC Trieste e Gorizia AC Padova e Rovigo AC Venezia AC Trentino Alto Adige AC Pordenone AC BellunoAC Udine 1 Delta As Is vs. To Be DaA Country Chairman Italy CB Italy Network F&SME Italy Network DN F&SME Triveneto Occidentale DN F&SME Triveneto Orientale DN Nord Est AC Verona Sud AC Verona Nord AC Verona Est AC Vicenza Ovest AC Verona Lago AC VeronaAC Vicenza AC Trento AC Padova e Rovigo AC Alto Adige AC Belluno AC Treviso Est AC Treviso Ovest AC Treviso AC Trieste e Gorizia AC Udine AC Venezia AC Pordenone AC Verona AC Padova e Venezia AC Treviso AC Vicenza AC Friuli Venezia Giulia AC Trentino Alto Adige Head of Territory Nord Est

8 7 La configurazione della Region Nord Est a partire dal 14 Gennaio: 3 Aree Top e 8 Aree Standard, che manterranno il presidio commerciale del territorio AC Trentino Alto Adige AC Vicenza AC Verona AC Verona Provincia AC Padova e Rovigo AC Venezia AC Treviso AC Trieste e Gorizia AC Pordenone AC Udine AC Belluno TOP TOP TOP Distretto Centro Corporate Centro Sviluppo AC Verona xxx # di strutture 1. Che includono 65 tra Filiali Agenzie e Sportelli distaccati; Fonte: Progetto O.N.E. (Organization Network Evolution) SEMPLIFICATA 1

9 8 Verrà mantenuta una Rete Private Banking Italy dedicata, che lavorerà in stretto coordinamento con la Region per sviluppare le sinergie commerciali sul territorio di competenza xxx # delle strutture SEMPLIFICATA Commenti Una Rete dedicata alla clientela Private Banking con 7 Direzioni Network a presidio del territorio Una catena di comando manageriale più snella grazie alleliminazione delle Aree Commerciali (oggi 32) Introduzione del Coordinatore Commerciale a supporto delle Direzioni Network La Region opererà in stretto coordinamento con la Direzione Network Private Banking per sviluppare le sinergie commerciali sul territorio di competenza Ciascun Direttore Network Private riceverà una co-valutazione da parte del Head of Private Banking Italy Network e del Regional Manager di riferimento Una Rete dedicata alla clientela Private Banking con 7 Direzioni Network a presidio del territorio Una catena di comando manageriale più snella grazie alleliminazione delle Aree Commerciali (oggi 32) Introduzione del Coordinatore Commerciale a supporto delle Direzioni Network La Region opererà in stretto coordinamento con la Direzione Network Private Banking per sviluppare le sinergie commerciali sul territorio di competenza Ciascun Direttore Network Private riceverà una co-valutazione da parte del Head of Private Banking Italy Network e del Regional Manager di riferimento Nuova Rete Private Banking Italy 1. La Filiale top deriva dalla riconversione delle attuali Filiale principale e comprende anche lo Studio Private Distaccato per il coverage dei clienti Top ed Imprenditori 2 Country Chairman Italy Coordinatori Commerciali Direzione Network PB 7 Network Management Studio Private FilialeFiliale Top 1 Cinghia commerciale Network SINERGIE COMMERCIALI Region 7 Private Banking Italy Network Family Office Project coordination PRELIMINARE

10 9 La Direzione Network Real Estate si articolerà su 7 Aree Commerciali, coerentemente con le Reti Commercial e Private Banking Nuovo assetto Direzione Network Real Estate Country Chairman Italy Direzione Network Real Estate Area Comm.le RE 7 Business Management RE Credit Analysts & Finanza dImpresa RE Centro Mutui Imprese RE xxx # delle strutture 1. Possibile inclusione, per eccezione, di singoli Gruppi non aventi tali caratteristiche Commenti La Direzione Network Real Estate servirà clienti appartenenti alla industry Real Estate (con flag RE, Construction e Edilizia) con accordato di Gruppo > 5 Mln 1 e più del 50% dellesposizione di Gruppo relativa al Real Estate (inclusi quelli attualmente serviti nel segmento ME e nella CB Italy Network) Il trasferimento dei clienti da ME e CB sarà effettivo dal 14 Gennaio PRELIMINARE SEMPLIFICATA


Scaricare ppt "Progetto O.N.E. Ri-organizzazione del Gruppo in Italia Linee guida di progetto e nuovo assetto organizzativo Incontro con OO.SS. Milano, 20 novembre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google