La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L istituto Einaudi partecipa alla XV giornata della memoria e dellimpegno nel ricordo delle vittime delle mafie che si terrà a Milano il 20 marzo 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L istituto Einaudi partecipa alla XV giornata della memoria e dellimpegno nel ricordo delle vittime delle mafie che si terrà a Milano il 20 marzo 2010."— Transcript della presentazione:

1 L istituto Einaudi partecipa alla XV giornata della memoria e dellimpegno nel ricordo delle vittime delle mafie che si terrà a Milano il 20 marzo 2010 Che cosa è la giornata dellimpegno e della memoria? - Impegno, inteso come il modo di affermare che vogliamo fare la nostra parte per essere cittadini con diritti e doveri, capaci di solidarietà, rispettosi della legalità; - Memoria, per non dimenticare lesempio di coloro che hanno pagato con la vita la loro onestà e correttezza civile.

2 Diceva Paolo Borsellino: … purtroppo i giudici possono agire solo in parte nella lotta alla mafia. Se la mafia è unistituzione anti-stato, che attiva consensi perché ritenuta più efficiente dello Stato, è compito della scuola rovesciare questo processo perverso, formando i giovani alla cultura dello Stato e delle Istituzioni Memoria, impegno, legalità, coscienza civile, partecipazione democratica

3 "Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie" è nata il 25 marzo 1995 con l'intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall'Eurispes tra le eccellenze italiane.

4 La classe 3°O, sostenuta dai docenti L. Ruggero e V. Violetti, partecipa alla XV Giornata della Memoria e dellImpegno ricordando tra le vittime delle mafie limprenditore Libero Grassi. Milano, 20 marzo 2010

5 LIBERO GRASSI Chi era? Un imprenditore il cui nome era già intriso del suo amore per la libertà. La sua azienda, a Palermo, produceva biancheria intima e dava lavoro a 100 operai, prevalentemente donne.

6

7

8 Nel momento in cui il commerciante cede alla minaccia, entra con lestortore in una relazione di pericolosa subordinazione per sé e per la comunità in cui vive.

9 LUSURA Fenomeno diffuso in modo omogeneo sul territorio nazionale, che consiste nel prestare denaro e farselo restituire praticando tassi dinteresse altissimi; La sua pericolosità si è aggravata con la crisi economica e con il restringimento dellaccesso al credito; Viene praticata sia dalla storica figura dellusuraio di quartiere ( il cravattaro ), sia da insospettabili commercianti e professionisti (usura dei colletti bianchi ), sia da soggetti vicini a Cosa Nostra; Attraverso prestiti usurai si può arrivare al controllo o alla acquisizione di imprese; - Fenomeno diffuso in modo omogeneo sul territorio nazionale, che consiste nel prestare denaro e farselo restituire praticando tassi dinteresse altissimi; - La sua pericolosità si è aggravata con la crisi economica e con il restringimento dellaccesso al credito; - Viene praticata sia dalla storica figura dellusuraio di quartiere ( il cravattaro ), sia da insospettabili commercianti e professionisti (usura dei colletti bianchi ), sia da soggetti vicini a Cosa Nostra; - Attraverso prestiti usurai si può arrivare al controllo o alla acquisizione di imprese;

10 Per questo LIBERO GRASSI amava dire: Non ho mai pagato e non pagherò mai il pizzo ai mafiosi. …Non è questione di ribellarsi né di alzare la voce. E solo questione di prendere coscienza del problema, fare finalmente rete e trasmettere un messaggio forte alla società calabrese. Io ho deciso di lottare contro chi mi impedisce di lavorare, dare lavoro, fare impresa e generare ricchezza e sviluppo. Lavorare non è un reato, chiedere il pizzo sì, e per questo sono deciso a denunciare ogni fenomeno di estorsione, racket, minacce e violenza. Io ho deciso, non voglio più abbassare la testa…

11 Libero Grassi denuncia gli estortori. Viene preso di mira da Cosa Nostra.

12 Palermo, 29 agosto 1991

13

14 La morte di Libero Grassi ha portato allemanazione di norme per emarginare e combattere sia il fenomeno del pizzo che quello dellusura. Infatti già lanno successivo al suo omicidio viene approvata la legge antiracket (1992). Essa garantisce alla vittima che ha denunciato e che ha subito il danno, il ristorno del danno stesso sia per i beni mobili che immobili, sia per la perdita di guadagno. Nel 1996 viene approvata la legge antiusura per offrire a chi collabora con le Istituzioni, un prestito di durata quinquennale a tasso zero per favorire il reinserimento nel mercato del lavoro.

15 Inoltre, con il fondo di prevenzione, si offrono significativi sostegni sia alle fondazioni che ai consorzi; fidi che costituiscono appositi fondi speciali per lerogazione di prestiti ai soggetti a rischio. La legge 44/1999 prevede che le associazioni e le organizzazioni di assistenza alle vittime del racket siano iscritte in un apposito elenco tenuto dalla Prefettura della Provincia in cui operano.

16 Decalogo Antiracket: - Non sottovalutare mai il primo segnale strano - Non rimanere isolato - Collabora con le forze dellordine - N on chiudere subito la trattativa, prendi tempo - Non pagare subito la prima somma richiesta -N-Non fidarti mai dei falsi amici -N-Non cedere alla paura - Evita di esporti da solo - Ricerca la solidarietà dellintera comunità - Ribellati al ricatto

17 La collusione con le imprese mafiose distorce il compito dellimprenditoria sana, perché essere collusi non consente di svolgere una parte attiva nella società […] piuttosto in tal modo si partecipa attivamente alla sua distruzione Libero Grassi

18 Sig.ra Pina Grassi Sig.ra Maria Falcone Don Luigi Ciotti Sig. Umberto Santino

19

20 Confindustria ha assunto delle posizioni molto dure nei confronti del fenomeno a difesa di un imprenditore libero di svolgere il proprio lavoro in modo legale

21 Il Premio, che ha cadenza annuale, è finalizzato alla promozione dellimpegno sociale antimafia e della lotta al racket e agli altri fenomeni criminali, e viene assegnato con modalità ogni anno diverse, sentita la famiglia Grassi.


Scaricare ppt "L istituto Einaudi partecipa alla XV giornata della memoria e dellimpegno nel ricordo delle vittime delle mafie che si terrà a Milano il 20 marzo 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google