La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Calcolo vettoriale E.F. Orsega – Università Ca Foscari di Venezia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Calcolo vettoriale E.F. Orsega – Università Ca Foscari di Venezia."— Transcript della presentazione:

1 Calcolo vettoriale E.F. Orsega – Università Ca Foscari di Venezia

2 A B C D F E Segmenti orientati equipollenti: stessi: stessi: modulo, direzione, verso modulo, direzione, verso Rappresentanogeometricamente lo stesso VETTORE nello spazio

3 vettori I vettori rappresentati come segmenti orientati (rappresentazione geometrica) si intendono con lorigine coincidente con lorigine del sistema di riferimento (assi coordinati) eccetto nei casi in cui si parli di vettori applicati (fisica) per i quali si specifica la collocazione del punto origine (punto di applicazione) spazio Possono appartenere a uno spazio: monodimensionale (retta), bidimensionale (piano) o tridimensionale (spazio tridim.),

4 I vettori U Vettori dello spazio monodimensionale (R 1 ) Segmenti orientati applicati allorigine di una retta orientata sulla quale è stato stabilito un sistema di ascisse: scelta ununità di misura (U), si stabilisce una corrispondenza biunivoca tra tutti i numeri reali e tutti i punti della retta. Ad ogni segmento orientato è associato un numero reale. Es.: al segmento v è associato il numero +2, a w è associato il numero –3, al punto origine il numero 0. vw

5 Vettori dello spazio monodimensionale (R 1 ) I vettori dello spazio monodimensionale euclideo possono quindi essere rappresentati dai segmenti orientati applicati allorigine della retta orientata (rappresentazione geometrica) oppure dai numeri reali (rappresentazione algebrica) In entrambi i casi si definiscono le operazioni di addizione e sottrazione tra vettori

6 U Vettori dello spazio monodimensionale Es.: v + w = s vwO s (+2) + (-3) = -1 s - v = w (-1) - (+2) = -3

7 U Vettori dello spazio monodimensionale I vettori, rappresentati come segmenti orientati su una retta, si possono quindi rappresentare come NUMERI REALI (rappresentazione algebrica). Si sommano e si sottraggono con le stesse regole di addizione e sottrazione tra numeri relativi. O vvOv Lelemento neutro O delladdizione tra vettori (tale che per ogni v si ha che v + O = v) è il vettore nullo. Algebricamente è rappresentato dal numero 0 (zero), geometricamente dal punto origine vwO

8 Vettori dello spazio bidimensionale (R 2 ) Dato un sistema di riferimento sul piano di due assi cartesiani ortogonali

9 I vettori Vettori dello spazio bidimensionale (R 2 ) Dato un sistema di riferimento sul piano di due assi cartesiani ortogonali Ad ogni segmento orientato si può associare una coppia ordinata di numeri reali, data dalle coordinate dellestremo

10 I vettori Vettori dello spazio bidimensionale v

11 Vettori dello spazio bidimensionale P (3; 2) v v = (3;2) vettore nel piano si può quindi rappresentare come Ogni vettore nel piano si può quindi rappresentare come coppia ordinata di numeri reali coppia ordinata di numeri reali (rappresentazione algebrica)

12 Vettori dello spazio bidimensionale P (3; 2) v v = (3;2) i j u u =(1;-3) Q (1; -3) vettore nel piano si può quindi rappresentare come Ogni vettore nel piano si può quindi rappresentare come coppia ordinata di numeri reali coppia ordinata di numeri reali (rappresentazione algebrica)

13 Vettori dello spazio bidimensionale P (3; 2) v v = (3;2) i i = (1;0) u u =(1;-3) Q (1; -3) vettore nel piano si può quindi rappresentare come Ogni vettore nel piano si può quindi rappresentare come coppia ordinata di numeri reali coppia ordinata di numeri reali (rappresentazione algebrica)

14 Vettori dello spazio bidimensionale P (3; 2) v v = (3;2) i j i = (1;0) j = (0;1) u u =(1;-3) Q (1; -3) vettore nel piano si può quindi rappresentare come Ogni vettore nel piano si può quindi rappresentare come coppia ordinata di numeri reali coppia ordinata di numeri reali (rappresentazione algebrica) 0 = (0;0)

15 I vettori Vettori dello spazio tridimensionale (R 3 ) v = (3;4;4) j vettore nello spazio tridimensionale si può rappresentare come Ogni vettore nello spazio tridimensionale si può rappresentare come terna ordinata terna ordinata di numeri reali di numeri reali (rappresentazione algebrica) 0 = (0;0;0) 3 k i V i = (1;0;0) j = (0;1:0) k = (0;0:1)

16 Somma e differenza di vettori In rappresentazione geometrica la somma di due vettori degli spazi R 2 e R 3 è data dalla regola del parallelogramma: u v u + v

17 Somma e differenza di vettori In rappresentazione geometrica la differenza di due vettori si ottiene come indicato in figura: u v u - v

18 Somma e differenza di vettori In rappresentazione algebrica la somma (o la differenza) di due vettori (di coordinate datre) è un terzo vettore che ha come coordinate la somma (o la differenza) delle coordinate corrispondenti. Es,: u = (1; -3; 2); v = (2; 0; 5) u + v = (3; -3; 7) ; u - v = (-1; -3; -3)

19 Oltre le tre dimensioni non è possibile nessuna rappresentazione geometrica dei vettori, ma solo rappresentazione algebrica la rappresentazione algebrica: Un vettore è rappresentato da una successione ordinata di n numeri (n-pla ordinata) v = (x 1 ; x 2 ; x 3 ; ….; x n ) Vettori dello spazio n-dimensionale (R n )

20 I vettori Vettori dello spazio n-dimensionale (R n ) Esempi: u = (1; -3; 2.5; 2) è un vettore dello spazio R 4 v = (2; 0; 5; -2; 8) è un vettore dello spazio R 5 w = (1; -3; 2.5; 2; 0; 1; -5)) è un vettore dello spazio R 7

21 I vettori Vettori dello spazio n-dimensionale (R n ) La somma di due vettori nello spazio R n è un vettore che ha per coordinate la somma delle coordinate corrispondenti (analogamente per la differenza). Se: Se: u = (x 1 ; x 2 ; x 3 ; …x n ) e v = (y 1 ; y 2 ; y 3 ; …y n ) Allora: u + v = (x 1 +y 1 ; x 2 +y 2 ; x 3 +y 3 ; …; x n +y n ) Es,: u = (1; -3; 2.5; 2); v = (2; 0; 5; -2) u + v = (3; -3; 7.5; 0)

22 Dato il vettore v, il suo modulo v norma) è la lunghezza, in valore assoluto del segmento orientato che rappresenta il vettore (fino a tre dimensioni - spazio R 3 ) Dato il vettore v, il suo modulo v (detto anche norma) è la lunghezza, in valore assoluto del segmento orientato che rappresenta il vettore (fino a tre dimensioni - spazio R 3 ) Se un vettore è dato mediante le sue coordinate: v = (x; y; z) v = E in generale, per uno spazio R n (vettore a n coordinate): v = (x 1 ; x 2 ; x 3 ; … ; x n ) v = Modulo di un vettore

23 Per qualsiasi insieme di vettori si definisce il prodotto di un numero (reale) c per un vettore v : u = c v Il risultato di tale prodotto è un vettore (u) che ha: -stessa direzione di v (u parallelo a v) -verso concorde o discorde a quello di v, a seconda che c sia rispettivamente positivo o negativo -modulo di u uguale a modulo di c per modulo di v u = c v Prodotti Prodotto di un numero per un vettore

24 Es.: u = 3 v v u v u = -2 v u Prodotti Prodotto di un numero per un vettore

25 In rappresentazione algebrica (vettori rappres. mediante le coordinate), il prodotto di c per un vettore v si ottiene moltiplicando ciascuna coordinata per v. Es.: sia dato: v = (2; -3; 1) u = 3 v = 3 (2; -3; 1) = (6; -9; 3) w = -2 v = -2 (2; -3; 1) = (-4; 6; -2) Prodotti Prodotto di un numero per un vettore

26 Quindi si può dare un criterio di parallelismo tra due vettori: Prodotti Prodotto di un numero per un vettore Due vettori u e v sono paralleli (o proporzionali) se e solo se uno si può ottenere dallaltro moltiplicandolo per un opportuno numero c, cioè se le coordinate dei due vettori sono proporzionali ovvero se esiste un numero c tale che v = cu Es.: u = (2; -1; 5) e v = (-8; -4; 20) sono paralleli, poiché v = -4u sono paralleli, poiché v = -4u

27 Esso non è un vettore, ma un numero (o scalare) Prodotti Prodotto scalare o interno di due vettori In rappresentazione geometrica: u v = u v cos u v = u v cos u v Prodotto dei moduli (lunghezze dei vettori) per il coseno dellangolo tra i vettori o: modulo di un vettore per la proiezione dellaltro sulla direzione del primo

28 Prodotti Prodotto scalare o interno di due vettori In rappresentazione algebrica: Il si può ottenere se sono date le coordinate dei vettori : Il prodotto scalare si può ottenere se sono date le coordinate dei vettori : u = (x 1 ; y 1 ; z 1 ) v = (x 2 ; y 2 ; z 2 ) Il loro prodotto scalare è: u v = x 1 x 2 + y 1 y 2 + z 1 z 2 Es.: u = (3; -1; 4) ; v = (2; 5; -3) u v = (-1) (-3) = -11

29 Prodotti Prodotto scalare o interno di due vettori In rappresentazione algebrica: Il prodotto scalare di due vettori nello spazio n-dimensionale R n (n coordinate): u = (x 1 ; x 2 ; x 3 ; … ; x n ) v = (y 1 ; y 2 ; y 3 ; … ; y n ) Il loro prodotto scalare è: u v = Es.: u = (3; -1; 4; 0; 5) ; v = (2; 5; -3; 1; -2) u v = (-1) (-3) (-2)= -21

30 Prodotti Prodotto scalare o interno di due vettori Attraverso il prodotto scalare possiamo dare un: Condizione di perpendicolarità tra due vettori: Due vettori (siano u e v) non nulli sono perpendicolari (o ortogonali) se e solo se Il loro prodotto scalare è nullo (uv=0) Es.: u = (3; -1; -1); v = (2; 5; 1) u v = (-1) 5 + (-1) (1) =0 ; i due vettori sono perpendicolari

31 Prodotti Prodotto scalare o interno di due vettori Il modulo ( o norma) di un vettore Il modulo ( o norma) di un vettore di uno spazio R n (vettore a n coordinate): v = (x 1 ; x 2 ; x 3 ; … ; x n ) v = si può esprimere attraverso il prodotto scalare del vettore per se stesso (v x v = v 2 ): v = (v 2 ) 1/2. v = (v 2 ) 1/2. Uno spazio vettoriale per il quale sia stata definita la norma dei suoi vettori si dice normato.

32 Esso è un vettore e si indica con la scrittura: Prodotti Prodotto vettoriale o esterno di due vettori Come si calcola: Modulo: u v = u v sen Modulo: u v = u v sen (area del parallelogrammo di lati u e v) Direzione : perpendicolare al piano di u e v Verso: come in figura u u v v v u

33 Prodotti Prodotto vettoriale o esterno di due vettori u Ne segue che il prodotto vettoriale non è commutativo, ma anticommutativo: u v = - v u v u v v u

34 Prodotti Prodotto vettoriale tra i versori principali i j k (vettori di modulo unitario lungo x, y, z) i j = kj i = -k j k = i k j = -i k i = ji k = -j i j k

35 Prodotti Prodotto vettoriale Attraverso il prodotto esterno possiamo dare una Condizione di parallelismo tra due vettori: Due vettori non nulli sono paralleli se e solo se Il loro prodotto vettoriale è nullo

36 Prodotti Prodotto misto Implica tre vettori (ad. es. u, v, w) e si indica con la scrittura: v)w (u v)w ed è un numero: il prodotto vettoriale di u e v, a sua volta moltiplicato scalarmente per w. Geometricamente ha il significato del Volume del parallelepipedo che ha i tre vettori come spigoli

37 Prodotti Prodotto misto Il prodotto misto dà un criterio di di tre vettori: Complanarità di tre vettori: Tre vettori non nulli sono complanari se e solo se il loro prodotto misto è nullo.

38 Combinazione lineare di vettori Dati due o più vettori u 1, u 2, … u n, se se si moltiplica ciascuno di essi per un numero arbitrario (diverso da zero) e poi si sommano i vettori così ottenuti, si ottiene una combinazione lineare dei vettori dati.

39 Combinazione lineare di vettori Quindi se: w = c 1 u 1 + c 2 u 2 + … + c n u n (dove c 1, c 2,…, c n sono numeri non nulli) Diciamo che il vettore w è una combinazione lineare dei vettori u 1, u 2, … u n. Es.: u = (2; 3; -5); v = (1; 0; 4) w = 2u + v = (4; 6; -10) + (1; 0; 4) = (5; 6; -6) w è una combinazione lineare dei vettori u e v.

40 Dipendenza lineare tra vettori N vettori (due o più) (u 1 ; u 2 ; …; u n ) si dicono linearmente dipendenti linearmente dipendenti se ciascuno di essi si può esprimere come combinazione lineare degli altri n-1 vettori. Ciò equivale a dire che la combinazione lineare degli n vettori è nulla (uguale al vettore nullo) per valori dei coefficienti c i non tutti nulli.

41 Dipendenza lineare tra vettori Se ciascuno degli n vettori (u 1 ; u 2 ; …; u n ) non si può esprimere come combinazione lineare degli altri, vale a dire che la combinazione lineare degli n vettori è nulla (uguale al vettore nullo) solo per valori dei coefficienti c i tutti nulli, allora gli n vettori si dicono linearmente indipendenti linearmente indipendenti

42 Dipendenza lineare tra vettori In pratica: 1.- Due vettori paralleli sono l. dipendenti 2.- Due vettori non paralleli sono l. indipendenti. 3.- Tre vettori compalnari sono l. dipendenti 4.- Tre vettori non complanari sono l. indipendenti

43 Sistemi di base Un insieme di n vettori linearmente indipendenti costituisce un sistema di base per lo spazio R n, Ciò significa che ogni vettore dello spazio può essere espresso come combinazione lineare degli n vettori l. indipendenti.

44 Sistemi di base Un vettore qualsiasi u (non nullo) è sistema di base per lo spazio R 1 (retta euclidea): ogni vettore v della retta si ottiene da u moltiplicandolo per un numero opportuno: v = cu.

45 Sistemi di base Due vettori u e v non paralleli ( e ovviamente complanari) costituiscono un sistema di base per lo spazio R 2 (piano euclideo): ogni vettore w del piano si ottiene come combinazione lineare di u e v: w = c 1 u + c 2 v w = c 1 u + c 2 v Lesempio più noto è quello della coppia di versori i e j. i e j. i e j. Ogni vettore w del piano si può scrivere come: w = xi + yj, cioè come combinazione lineare di i e j.

46 Sistemi di base Tre vettori u, v, z non complanari costituiscono un sistema di base per lo spazio R 3 (spazio tridimensionale euclideo): ogni vettore w dello spazio si ottiene come combinazione lineare di u, v z: Tre vettori u, v, z non complanari costituiscono un sistema di base per lo spazio R 3 (spazio tridimensionale euclideo): ogni vettore w dello spazio si ottiene come combinazione lineare di u, v e z: w = c 1 u + c 2 v + c 3 z w = c 1 u + c 2 v + c 3 z Lesempio più noto è quello della terna di versori i, j e k. i, j e k. i, j e k.Ogni vettore w dello spazio trid. si può scrivere come: w = xi + yj,+ zk, cioè come combinazione lineare di i, j e k.

47 vettori I vettori (in rappresentazione algebrica) costituiti da n-ple ordinate di numeri reali vettori euclidei (: vettori dello spazio vettoriale lineare euclideo) si dicono anche vettori euclidei (o più completamente: vettori dello spazio vettoriale lineare euclideo) Euclide di Alessandria ( 325 – 265 a.C.) tutti i numeri reali costituisce uno spazio euclideo monodimensionale (a una dimensione) o retta euclidea (R 1 ) - lnsieme di tutti i numeri reali costituisce uno spazio euclideo monodimensionale (a una dimensione) o retta euclidea (R 1 ) tutte le coppie ordinate di numeri reali costituisce uno spazio euclideo bidimensionale (a due dimensioni) o piano euclideo (R 2 ) - lnsieme di tutte le coppie ordinate di numeri reali costituisce uno spazio euclideo bidimensionale (a due dimensioni) o piano euclideo (R 2 ) tutte le terne ordinate di numeri reali costituisce uno spazio euclideo tridimensionale (a tre dimensioni) -lnsieme di tutte le terne ordinate di numeri reali costituisce uno spazio euclideo tridimensionale (a tre dimensioni) -Ecc. per n>3

48 vettori I vettori (in rappresentazione algebrica) costituiti da n-ple ordinate di numeri complessi vettori euclidei: si dicono anche vettori euclidei: - tutti i numeri complessi costituisce uno spazio hermitiano monodimensionale (a una dimensione) o retta hermitiana (C 1 ) -lnsieme di tutti i numeri complessi costituisce uno spazio hermitiano monodimensionale (a una dimensione) o retta hermitiana (C 1 ) tutte le coppie ordinate di -lnsieme di tutte le coppie ordinate di numeri complessi (z 1 ; z 2 ) costituisce uno spazio hermitiano bidimensionale o spazio hermitiano bidimensionale o piano hermitiano (C 2 ) piano hermitiano (C 2 ) tutte le terne ordinate di -lnsieme di tutte le terne ordinate di numeri complessi (x; y) costituisce uno spazio hermitiano tridimensionale (C 3 ) Ecc. per qualsiasi dimensione n Charles Hermite ( )

49 Vi sono poi spazi vettoriali costituiti da enti astratti che non sono necessariamente n-ple di numeri, ma per i quali si definiscono somma, differenza, prodotto scalare, modulo e distanza: Vi sono poi spazi vettoriali costituiti da enti astratti che non sono necessariamente n-ple di numeri, ma per i quali si definiscono somma, differenza, prodotto scalare, modulo e distanza: spazi pre-hilbertiani Si generalizza poi il concetto di spazio vettoriale introducendo vettori a infinite dimensioni, con determinate proprietà che implicando i concetti di limite di una successione, ecc.: Spazi hilbertiani, spazi di Banach, ecc. Banach, ecc. David Hilbert (1862 – 1943) Stefan Banach (1892 – 1945)


Scaricare ppt "Calcolo vettoriale E.F. Orsega – Università Ca Foscari di Venezia."

Presentazioni simili


Annunci Google