La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sulla percezione dei suoni vocalici in Toscana. Primi risultati Silvia Calamai & Irene Ricci SNS – Pisa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sulla percezione dei suoni vocalici in Toscana. Primi risultati Silvia Calamai & Irene Ricci SNS – Pisa."— Transcript della presentazione:

1 Sulla percezione dei suoni vocalici in Toscana. Primi risultati Silvia Calamai & Irene Ricci SNS – Pisa

2 Fonetica e fonologia delle varietà toscane ditaliano Studi tradizionali: Giannelli (2000 [1976]); Canepari (1983; 1999) Studi acustici: aspetti segmentali: 1 – Vocalismo tonico e atono (Sorianello; Calamai) 2 – Consonantismo (Marotta; Sorianello; Nocchi) aspetti soprasegmentali: Intonazione (Avesani; Cresti e Firenzuoli; Marotta e Sorianello; Gili Fivela; Marotta e Sardelli; Marotta, Calamai e Sardelli) Durata (DellAglio)

3 Il quadro acustico risulta ormai definito per molte aree della regione (salvo territori meno indagati, come p.e. le province di Massa Carrara, di Arezzo, di Grosseto) Agli albori: studi di sociofonetica studi di carattere percettivo

4 Indagini percettive sulle vocali… F. Ferrero, E. Magno Caldognetto 1976 percezione di suoni vocalici sintetici F. Albano Leoni, F. Cutugno, P. Maturi, R. Savy percezione categorizzazione riconoscimento di vocali italiane sintetiche e naturali (DIVA)

5 Il nostro obiettivo… Combinare insieme le metodologie della cosiddetta dialettologia percettiva [Convegno di Bardonecchia, 2000] con le metodologie della fonetica acustica (sintesi vocale) Spostare il punto di osservazione dalla parte del ricevente

6 I pionieri… GraffLabovHarris Graff, D., W. Labov, W.A. Harris 1986 Testing Listeners Reactions to Phonological Markers of Ethnic Identity: a New Method for Sociolinguistic Research Correlazione tra particolari suoni e loro valutazione sociale gli AA. modificano un singolo suono nellenunciato lasciando inalterata la naturalezza della produzione linguistica.

7 Accento diverso tra black English e white English (i.e. diversa realizzazione di /aw/ e /ow/) si cerca di verificare: 1) il grado di consapevolezza del fenomeno presso i parlanti 2) se il fenomeno funziona da denominatore etnico allinterno della comunità linguistica Preston Niedzielski Altre indagini: ricerche di D. Preston, N. Niedzielski sullarea di Detroit

8 Il fenomeno sotto osservazione … Percezione del vocalismo occidentale (abbassamento di / / e di / /) fenomeno bandiera – in espansione sia da un punto di vista geografico (a sud di Livorno fino a Piombino; a est, nelle campagne pisane…), sia da un punto di vista diastratico (giovani generazioni)

9 Aspetti acustici coinvolti: abbassamento di F1 (per alcune vocali), maggiore durata (per alcune vocali), maggiore modulazione di f0 nelle vocali prominenti del parlato non di laboratorio, maggiore instabilità formantica nel parlato non di laboratorio.

10 Cosa può fornire di nuovo una indagine in Toscana che faccia tesoro delle conoscenze acquisite sul versante acustico e che utilizzi una metodologia mutuata anche dalla dialettologia percettiva? Indagine esplorativa in tre città toscane

11 Il questionario… A chi? Studenti di istituti tecnici, classi V, per un totale di 55 soggetti Dove? Scuole di Pisa, Firenze e Livorno (nel laboratorio linguistico – stimoli ascoltati in cuffia) Durata? Unora circa

12 Struttura del questionario 1. informazioni sul soggetto (età, luogo di nascita, sesso) 2. dialettologia ingenua (informazioni sul proprio dialetto e sulle differenze generazionali) 3. mappe percettive risposte chiuse 4. confini categoriali tra vocali adiacenti (risposte chiuse) risposte chiuse 5. matched-guise indagine sulla percezione della durata e dei movimenti di F1 per le vocali / /, / / e /a/ in parole isolate (risposte chiuse) risposte chiuse 6. matched-guise indagine sulla percezione della durata per le vocali bandiera / / e / / in frasi di parlato semispontaneo (risposte chiuse) 7. frasi etniche indagine sugli elementi non linguistici (socio- culturali) associati a frasi di parlato semispontaneo di Pisa, Firenze, Livorno. In altre parole: valutazioni soggettive a variabili fonologiche [indagine sugli atteggiamenti]

13 Focus su… risposte chiuse confini categoriali tra vocali adiacenti (risposte chiuse) risposte chiuse matched-guise indagine sulla percezione della durata e dei cambiamenti timbrici per le vocali / /, / / e /a/ in parole isolate (risposte chiuse) risposte chiuse matched-guise indagine sulla percezione della durata per le vocali bandiera / / e / / in frasi di parlato semispontaneo (risposte chiuse)

14 6 coppie minime a partire da parole prodotte da locutore fiorentino (corpus AVIP) 6 coppie minime a partire da parole prodotte da locutore pisano (corpus AVIP) 6 coppie minime a partire da non-parole dalla struttura tVta (corpus AIDA) ordine casuale allinterno di ciascuna batteria I confini vocalici…

15 Alcuni esempi… Astro pArco Orlo pÉsca Estro pOrco Urlo pÈsca tÈta tÒta tAta tÉta tAta tÓta 4 passaggi intermedi

16 Realizzazione dei continua / 1 Parco Porco/a/ / / F 1 = 796 HzF 1 = 482 Hz F 2 = 1332 HzF 2 = 935 Hz è necessario… diminuire la F 1 diminuire la F 2 di quanto? F 1 = 314 Hz F 2 = 397 Hz poiché i passaggi sono 5, ogni stimolo si distanzia dallaltro di 63 Hz per F 1 79 Hz per F 2 Gli altri parametri acustici mantenuti costanti

17 Realizzazione dei continua / 2 F1F2 1. Originale Hz Hz Hz Hz Hz 1. Originale Hz Hz Hz Hz Hz Parco Porco

18 Parametri per la sintesi Software di analisi: Analysis Synthesis Lab (Kay Elemetrics) Analisi in LPC, frame lenght: 20 ms; ordine del filtro: 16; pre-emphasis: Synthesis Setup Excitation: Residual Output type: LPC-filtered Synthesis

19 Ipotesi di lavoro Per alcune coppie di vocali, il confine può essere influenzato dal fattore luogo (Firenze, Pisa, Livorno)? Es. Per il confine a –, i parlanti della Toscana occidentale – rispetto ai parlanti fiorentini – etichetteranno più stimoli come piuttosto che come a?

20 a (astro estro) FirenzePisa F1 598 F F1 664 F2 1568

21 a (parco porco) Firenze Pisa F1 607 F F1 670 F2 1174

22 a (tòta tata) Firenze Pisa Livorno F1 729 F F1 763 F F1 797 F2 1619

23 Da valutare: Il comportamento relativo ai confini di vocali non marcate in senso dialettale Da non ignorare: I limiti di un paradigma a risposte forzate (cfr. Cutugno 1991, Cutugno & Savy 1996) Da ripetere: Il test in differenti condizioni sperimentali

24 Matched-guise – Hyp di lavoro Una differenza relativa a F1 e/o una differenza relativa alla durata nella vocale tonica… è sufficiente per segnalare una distinzione tra le varietà di Pisa, Livorno e Firenze? è sufficiente per funzionare come indice etnico?

25 PL Valutazioni su F1, F2, durata - PL Stimolo1: esplOdere Originale (Fi) V più breve (-50%) V più lunga (+20%) V più lunga (+50%) V con F V con F V con F Stimolo2: perfEtto Originale (Fi) V più breve (-50%) V più lunga (+20%) V più lunga (+50%) V con F V con F V con F1 +200

26 Stimolo3: cAlco Originale (Fi) V più breve (-50%) V più lunga (+20%) V più lunga (+50%) V con F1 –50, F2 –100 V con F1 –100, F2 –200 Per ciascuna batteria, presentata secondo sequenze casuali Attribuzione della località di provenienza: Pisa Livorno Firenze

27 (+ / - F1) Firenze Pisa Livorno + F1 stimolo meno fiorentino

28 PS Valutazioni sulla durata - PS Materiali sonori (prodotti da parlanti pisani): Sì, verso la destra, sì… (F1: 553, F2: 1630, ms: 173, ST: 3,52) Sì, la faccio a destra… (F1: 587, F2: 1645, ms: 142, ST: 1,4) Tipo, non lo so, se ho fame, una pasticceria… (F1: 583, F2: 1112, ms: 223, ST: 2,95)

29 Di ciascuna frase, in sequenze casuali: Originale Vocale tonica allungata del 50% Vocale tonica dimezzata del 50% Attribuzione della località di provenienza: Pisa Livorno Firenze

30 Sì, verso la destra, sì… Livorno Pisa Firenze La maggiore lunghezza vocalica indice di livornesità

31 Sì, la faccio a destra… Firenze Livorno Pisa La maggiore lunghezza vocalica indice di livornesità

32 Tipo, non lo so, se ho fame, una pasticceria… Firenze Livorno Pisa Minore riconoscibilità di / /

33 Qualche osservazione… La maggiore durata della vocale tonica nella parola prominente è quasi sempre indice di livornesità; la minore durata della vocale tonica nella parola prominente non è indice di fiorentinità a Pisa, lo è talvolta a Livorno, lo è sempre a Firenze; / / e / / mostrano comportamenti simili per quanto riguarda le reazioni relative alla maggiore durata a Pisa; sono meno chiari i risultati per / / (nella versione più lunga) a Firenze e a Livorno. Nel parlato semi-spontaneo, / / è vocale più bandiera di / /

34 Apertura, lunghezza, modulazione Pisa: frase-stimolo originale con / / più modulata e più lunga (ma meno aperta) più pisana della frase-stimolo originale con / / più aperta (ma meno modulata e più breve) Firenze: frase-stimolo originale con / / più modulata e più lunga (ma meno aperta) più livornese della frase-stimolo originale con / / più aperta (ma meno modulata e più breve) Livorno: frase-stimolo originale con / / più aperta (ma meno modulata e più breve) più fiorentina

35 La modulazione di f0 e la durata vocalica … potrebbero essere indici più potenti degli abbassamenti vocalici??? Estendere lanalisi agli altri foni vocalici Costruire batterie modificando f0 e durata


Scaricare ppt "Sulla percezione dei suoni vocalici in Toscana. Primi risultati Silvia Calamai & Irene Ricci SNS – Pisa."

Presentazioni simili


Annunci Google