La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il concetto di errore in una prospettiva acquisizionale Gabriele Pallotti Università di Modena e Reggio Emilia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il concetto di errore in una prospettiva acquisizionale Gabriele Pallotti Università di Modena e Reggio Emilia."— Transcript della presentazione:

1 Il concetto di errore in una prospettiva acquisizionale Gabriele Pallotti Università di Modena e Reggio Emilia

2 Errore = differenza da norme della lingua target Errore (sistematico) vs sbaglio (momentaneo)? Errore come indicatore di ipotesi e strategie: italiano secondo me nessuno vuole fare errori

3 Se la natura e la quantità degli errori commessi da uno studente non forniscono una misura diretta della sua conoscenza della lingua, rappresentano probabilmente la più importante fonte di informazione sulla natura della sua conoscenza (Corder, 1983, p.288) Gli errori ci permettono di capire le ipotesi interlinguistiche degli apprendenti

4 Valutare cosa cè o cosa manca? Di Rashid regalo, no Fatma regalo? Tu fare questo e io così Guarda io ke mangiare tutta

5 Descrivere la competenza comunicativa: il Quadro Comune Europeo A1 Comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi indispensabili per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e gli altri ed è in grado di fare domande e rispondere su informazioni personali. […] A2 Comprende frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza. Comunica in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. […] B2 Comprende le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti che astratti, comprese le discussioni tecniche nel suo campo di specializzazione. E in grado di interagire con una certa scioltezza e spontaneità che rendono possibile uninterazione naturale con i parlanti nativi senza sforzo per linterlocutore. […]

6 Valutare la competenza lin- guistica: un approccio basato sullinterlingua Valutata con prove comunicative, orientate al significato (conoscenza procedurale, automatica, in situazione) Orientato alle strutture dellinterlingua Misurazione rapportata al concetto di sviluppo, evoluzione del sistema

7 Lapproccio tradizionale Volgi dal singolare al plurale una forchettadue forchettix un librodue libri un ragazzodue ragazzi un sergentedue sergenti una sediadue sedix un amicodue amicox un computerdue computrix un problemadue problemex

8 Lapproccio tradizionale Lapprendente sbaglia 5 plurali su 8 E allora? -E molto lontano dalla lingua darrivo? -E migliorato/peggiorato/cambiato rispetto a due mesi fa? -E sfortunato, curioso, pigro? -Cosa sta facendo?

9 Percorsi a U Correttezza Tempo Preso Presato Preso

10 Gli errori non sono tutti uguali: tipi di errori Fonologico: es. muntagna, pellone Lessicale: es. leggiono, anda, prenduto Grammaticale: es. ieri io dormo, io arrivato, io ho andato

11 Io speranzo… noi dobbiamo matrimoniare (Keane, irlandese, in Italia da sei mesi)

12 Gli errori non sono tutti uguali: il passato prossimo fraserisultato Io arriva ierierrore Io arrivatoerrore Io ho arrivatoerrore Noi siamo arrivato errore Noi abbiamo arrivati errore Noi siamo arrivaticorretto

13 Gli errori non sono tutti uguali: il passato prossimo fraserisultatoanalisi Io arriva ierierrore Forma basica: manca ogni forma di flessione Io arrivatoerrore Prima forma di flessione: -to per esprimere passato Io ho arrivatoerrore Costruzione del sintagma verbale aux+V; errore grammaticale(/lessicale): scelta errata ausiliare Noi siamo arrivato errore Costruzione del sintagma verbale aux+V; scelta corretta dellausiliare, flesso; errore grammaticale: mancato accordo sogg. - participio Noi abbiamo arrivati errore Accordo Sogg-participio; errore grammaticale(/lessicale): scelta errata dellausiliare Noi siamo arrivaticorretto Accordo Sogg-participio con scelta corretta dellausiliare

14 Errori in diverse fasi Varietà basica – non ha senso parlare di errori, osservare il codice semplice che viene a formarsi Varietà intermedia – errori come spia per le strategie di ricostruzione IL: regolarità, ipotesi Varietà avanzata – individuare aree problematiche, dove permangono errori: dare feebdack e focus on form

15 Errori, improprietà, infelicità Valutare: correttezza, appropriatezza, comprensibilità Codice ristretto, pensiero alfabetizzato

16 c'è un signore che vuole tagliare [un pesce] e lui si arrabbiò. perciò lo vanno a mettere nellacqua. E poi: # poi stanno andando al mare che: lo vogliono mettere in acqua lhanno messo in acqua e c'è un altro pesce che lo sta mangiando. (alunno II elem)

17 Correzione Segnalare il problema: (Di comprensione) In Cina io studia italiano (= 'Studio', 'ho studiato', 'studierò', 'voglio studiare'?) (Di forma) Ieri io mangia gli spaghetti (= 'Ieri io ho mangiato gli spaghetti'). Segnalare il tipo di problema: Io ieri non guarda televisione. Tempo/passato Risolvere il problema: abbiamo incontrato Ieri noi incontra la maestra Pina.

18 Implicazioni didattiche Una valutazione basata sui processi di sviluppo dellinterlingua è utile per: descrivere più accuratamente lo sviluppo linguistico; svolgere interventi più mirati di attenzione alla forma (ad es. spiegazioni, esercitazioni, correzioni); costruire un sillabo psicologicamente plausibile.


Scaricare ppt "Il concetto di errore in una prospettiva acquisizionale Gabriele Pallotti Università di Modena e Reggio Emilia."

Presentazioni simili


Annunci Google