La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REGIONE BALCANICA I CONFINI La Serbia confina a nord con lUngheria, a est con Bulgaria e Romania, a sud con Macedonia e Albania, a ovest con Croazia,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REGIONE BALCANICA I CONFINI La Serbia confina a nord con lUngheria, a est con Bulgaria e Romania, a sud con Macedonia e Albania, a ovest con Croazia,"— Transcript della presentazione:

1

2 REGIONE BALCANICA

3

4 I CONFINI La Serbia confina a nord con lUngheria, a est con Bulgaria e Romania, a sud con Macedonia e Albania, a ovest con Croazia, Bosnia-Erzegovina e Montenegro.

5 IL TERRITORIO Il territorio è diviso geograficamente in due aree: nella parte centro- meridionale si trova un altopiano delimitato dalle Alpi Dinariche a est e dai Balcani Occidentali a ovest; poi si estende una regione pianeggiante della Vojvodina la quale è attraversata dal Danubio, ci sono altri fiumi quali Sava e Tibisco.

6 ALPI DINARICHE PIANURA DELLA VOJVODINA

7 IL CLIMA E continentale con inverni freddi e un po nevosi; estati calde e afose.

8 LA STORIA Nel VIII si formò il Regno di Serbia, il quale fu invaso nel XIV dallImpero Ottomano, la Serbia riconquistò lindipendenza e confluì nel Regno di Iuguslavia, poi nella Federazione Iugoslava. Dopo il 1992 la Serbia è rimasta unta al Montenegro fino allindipendenza di questultimo proclamata nel Nel 2008 si è dichiarato indipendente tutto il Kosovo.

9 BATTAGLIA DEI TURCHI CONTRO LESERCITO SERBO

10 LA POPOLAZIONE E LE CITTA La popolazione è costituita prevalentemente da serbi, che parlano serbo-croato. La religione principale è quella ortodossa. Nella regione della Vojvodina è presente una minoranza ungherese. La capitale è Belgrado, sorge sulle rive del Danubio; la seconda città è Novi Sad, importante centro industriale. Lordinamento politico è la repubblica.

11 BELGRADO POPOLAZIONE IN ABITI TIPICI PIAZZA CENTRALE DI NOVI SAD

12 LE ATTIVITA ECONOMICHE Leconomia serba è in crisi a causa dei conflitti degli ultimi ventanni. Lagricoltura è praticata nella zone fertili della Vojvodina, produce cereali, barbabietole, canapa e lino. Diffuso lallevamento e la produzione di legname; importante lestrazione di risorse energetiche: petrolio, carbone e gas naturale. Lindustria sviluppata nei settori metallurgico, tessile, meccanico e chimico. I servizi sono piuttosto arretrati, soprattutto nel settore commerciale, che solo negli ultimi anni sta tornando ad aprirsi allestero.

13 CAMPI DI GIRASOLE RACCOLTA DEL GRANO COLTURE TIPICHE: SERBE

14

15 Il territorio macedone è quasi interamente montuoso, lunica zona pianeggiante è rappresentata dalla valle del fiume Vardar. In questa valle si trova la capitale Skopie. Il è di tipo continentale. Il è di tipo continentale. Oggi la Macedonia è una repubblica presidenziale. La popolazione è costituita da macedoni, che parlano macedone e praticano la religione ortodossa, e albanesi, di fede musulmana. La convivenza dei macedoni e degli albanesi non è pacifica. Il conflitto in Iugoslavia ha portato la Macedonia a essere uno degli Stati più poveri dEuropa. Pesano lelevato tasso di disoccupazione e larretratezza dellagricoltura, dellindustria e il settore dei servizi.

16 SKOPJE VEDUTA DI MARE E MONTAGNA

17

18 I CONFINI La Bosnia-Erzegovina confina : a nord a ovest con la Croazia a est con la Serbia, a sud con la Croazia e il Montenegro

19 IL TERRITORIO Il territorio bosniaco è occupato in gran parte da montagne e colline, al confine con la Croazia si estendono le Alpi Dinariche, il resto del territorio è un ampio altopiano, ma a nord cè una fascia pianeggiante percorsa dal fiume Sava. Altre zone pianeggianti si trovano lungo il fiume Drina.

20

21 IL CLIMA Il clima dellentroterra è continentale, mentre nella fascia costiera è mediterraneo.

22 LA STORIA La Serbia fu sottoposta alla dominazione turca, prima di entrare nellImpero Austro Ungarico nel Dopo la dissoluzione dellImpero Asburgico, venne a far parte del Regno di Iugoslavia e poi della Federazione Iugoslava. Nel 1992 si proclamò indipendente, e iniziò un conflitto tra regione della stessa Bosnia-Erzegovina, si concluse con lintervento delle Forze Unite.

23 ATTENTATO A FRANCESCO FERDINANDO CAUSE DELLA GUERRA CIVILE

24 LA POPOLAZIONE E LE CITTA La Bosnia è una repubblica federale divisa in due stati autonomi e popolati da due etnie differenti: la Federazione Croato-Musulmana 51% del territorio, la popolazione è bosniaca e di religione musulmana, e la minoranza croata. La Repubblica Serba 49% del territorio, dove vive la minoranza serba. La capitale è Sarajevo la quale ha sofferto i disastri della guerra civile. Unaltra importante città è Banja Luca.

25 MADONNA DI MEDJUGORJE ANTICO PONTE DI MOsTAR BELGRADO

26 LE ATTIVITA ECONOMICHE Leconomia bosniaca è ancora in crisi a causa della guerra. Lagricoltura è poco praticata e produce cerali e frutta; è sfruttato il patrimonio forestale. Lindustria è limitata ai settori metallurgico, meccanico e siderurgico. I servizi sono in ripresa, soprattutto nel campo del turismo.

27

28 I CONFINI Il piccolo stato del Montenegro confina : a nord-ovest con la Bosnia-Erzegovina e la Croazia, a nord-est con la Serbia, a sud-est e a sud con lAlbania e si affaccia a sud-ovest sul Mar Adriatico.

29 immagini confini

30 IL TERRITORIO Il territorio del Montenegro è quasi totalmente montuoso e fanno parte due sistemi le Alpi Dinariche e le Alpi Albanesi; lungo la costa ci sono le Bocche di Cattaro, profonde insenature tipo i fiordi norvegesi, che però sono formate da quattro bacini collegati.

31 BOCCHE DEL CATTARO VEDUTA MARE

32 IL CLIMA Il clima è prevalentemente continentale, diventa alpino a altitudini elevate. Lungo la costa è invece mediterraneo.

33 LA STORIA Il Montenegro è stato per tanto tempo un principato indipendente, poi andò sotto il Regno di Iugoslavia e successivamente nella Federazione Iugoslava. In seguito diventò una federazione con la Serbia e nel 2006 riuscì ad essere indipendente.

34 LA POPOLAZIONE E LE CITTA Il Montenegro è una repubblica. La popolazione è composta da diverse etnie: montenegrini, serbi, di religione ortodossa e da bosniaci, albanesi, di religione musulmana. La lingua più parlata è il serbo-croato. La capitale è Potgorica, in una posizione tra le montagne e il mare.

35 moschea Su UNA MONTAGNA POTGORICA

36 LE ATTIVITA ECONOMICHE lento sviluppo, Leconomia è in lento sviluppo, grazie ai contatti con lU.E. Lagricoltura Lagricoltura è poco praticata e si producono cerali, tabacco e nel tratto costiero anche alberi da frutto, olivi e viti. Lindustria Lindustria è presente nei settori siderurgico, metallurgico e in quello della lavorazione del tabacco. I servizi I servizi sono quelli in maggiore sviluppo, in particolare per quanto riguarda il turismo. Gabriele Rossi 2^A


Scaricare ppt "REGIONE BALCANICA I CONFINI La Serbia confina a nord con lUngheria, a est con Bulgaria e Romania, a sud con Macedonia e Albania, a ovest con Croazia,"

Presentazioni simili


Annunci Google